Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Se ti riferisci all'ultima panda non mi pare fatta peggio della UP, assolutamente.

 

Comunque come la stai mettendo tu sembra che parli di merda vs cioccolata, mentre in realtà non è così anche perchè vorrei capire due cose.

 

Che intendi per auto precedenti VAG scusa?

 

Mi sembra che tu venga da una Giulietta per cui parli di roba ancora antecedente?

 

Una stelvio o qualunque altra auto uscita da poco ha allineamenti di carrozzeria migliori di qualsiasi auto di 10/15 anni fa, quindi se paragoni con auto vecchie è un discorso che non può stare in piedi, se invece ti riferisci ad auto in commercio se ne può discutere, ma ad oggi la forbice tra chi assembla meglio (giapponesi) e gli altri è ormai ridotta.

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

In media io ho cambiato auto ogni due anni negli ultimi 10 anni, mentre mia madre e mio padre hanno cambiato molto meno

comunque nel 2007 ho avuto una grande punto mentre mia mamma una polo, la gp mi piaceva molto come linea però ti assicuro scricchiolava molto di piu, la polo dentro sembrava solidissima.

Poi sono passato ad una golf circa  due anni   dopo, per poi dopo un anno e mezzo passare ad una giulietta.

Anche in questo caso in termini di assemblamenti platische interne e lamiere esterne,  meglio la golf, mentre come motore e tenuta preferivo giulietta.

Nel 2013 di nuovo golf, interni ed esterni impeccabili, un anno dopo Audi a3 anche qui non trovavi un disallineamento che fosse uno. 2016 A5 vedi a3. Maggio 2017 Stelvio, grande auto, ma come detto non esente da alcune pecche costruttive.

Questa è la mia esperienza degli ultimi 10 anni, comunque ho guidato anche molte altre auto, considera che da un anno sono io che decido le auto aziendali.

Non voglio assolutamente dire che qualcosa è cioccolato e l’altra merda.. dico solo che per mia esperienza in questo preciso ambito le differenze le ho sicuramente notate... cosi come noto il piacere di guida della stelvio che per essere un suv per me è superiore a quello della A5 che avevo

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

gli interni vengono prodotti da poche aziende multinazionali, tipo la Faurecia di proprietà di Peugeot che produce gli interni anche per Giulia.

 

Una multinazionale come Faurecia potrebbe produrti interni migliori di BMW o Bentley, basta pagare. Se in una marca,ad esempio la Renault, gli interni cascano a pezzi e scricchiolano, dipende dal fatto che i progettisti per risparmiare hanno tagliato il budget di spesa sulla progettazione e realizzazione degli interni.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

È un mix di diverse cose, tra cui anche il design.

 

I tedeschi sono molto abili a fare design che mascherano eventuali imperfezioni e disallineamenti (esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento)

 

Bisogna però accettare i loro design, che per auto non tedesche vengono spesso etichettati come anonimi

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
24 minuti fa, Tempra Veloce dice:

gli interni vengono prodotti da poche aziende multinazionali, tipo la Faurecia di proprietà di Peugeot che produce gli interni anche per Giulia.

 

Una multinazionale come Faurecia potrebbe produrti interni migliori di BMW o Bentley, basta pagare. Se in una marca,ad esempio la Renault, gli interni cascano a pezzi e scricchiolano, dipende dal fatto che i progettisti per risparmiare hanno tagliato il budget di spesa sulla progettazione e realizzazione degli interni.

Ecco questo non lo sapevo

7 minuti fa, TonyH dice:

È un mix di diverse cose, tra cui anche il design.

 

I tedeschi sono molto abili a fare design che mascherano eventuali imperfezioni e disallineamenti (esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento)

 

Bisogna però accettare i loro design, che per auto non tedesche vengono spesso etichettati come anonimi

Anche questo molto interessante, certo come dici tu, non è solo per discorso design, ma sicuramente può essere uno dei fattori

Modificato da Davialfa

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
52 minuti fa, TonyH dice:

...esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento...

 

Risultati immagini per baule classe a

 

 

Preferisco un faro non allineato, grazie.  :si:

 

 

 

Modificato da Jack.Torrance
  • Like! 3
  • Ahah! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, TonyH dice:

È un mix di diverse cose, tra cui anche il design.

 

I tedeschi sono molto abili a fare design che mascherano eventuali imperfezioni e disallineamenti (esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento)

 

Bisogna però accettare i loro design, che per auto non tedesche vengono spesso etichettati come anonimi

Bmw osa di più rispetto ad Audi quanto a linee, non a caso è etichettata come la peggiore tra le germaniche come cura costruttiva.

2 ore fa, Davialfa dice:

nel 2007 ho avuto una grande punto mentre mia mamma una polo, la gp mi piaceva molto come linea però ti assicuro scricchiolava molto di piu, la polo dentro sembrava solidissima.

 

 

 

Io anche possiedo una GP, e rispetto ad una Fabia di analogo chilometraggio ed età su cui salgo spesso non vedo differenze.

 

Mentre la reputo nettamente superiore alla C3, sulla quale ogni buca è un concerto.

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

basta mettere la bolla giusta  

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

1°: la bolla è tenuta "più storta" rispetto al reale disallineamento (che comunque non deve esserci).

 

2°: se gli fa schifo la Jeep di FCA, può ritornare al 2009.

 

3°: CJD ha SEMPRE fatto cagare in quanto a qualità.

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da RiRino
      Messaggio Aggiornato al 21/06/2018
       
      Fonte: press. FCA presentazione Jeep Renegade
       
       
      1.0 Multiair III - 3 Cilindri
       









       
       
       
      1.3 Multiair III - 4 Cilindri
       













       
       
       
       
       
      Messaggio Originale 06/05/2018
       
      In FCA debutteranno i GSE(GlobalSmallEngine) 3 e 4 cilindri modulari in alluminio, 3 cilindri 1.0 aspirato e probabilmente turbo che coprirà la fascia di potenza 70-100cv all'incirca e 4 cilindri 1.3-1.4 aspirato e turbo con potenze tra i 100 e 150cv circa. In base alle applicazioni avranno 2 o 4 valvole per cilindro, variatori di fase o multiair, iniezione diretta o indiretta.
       
      Poi ci sarà il GME (GlobalMediumEngine) a 4 cilindri 2.0 in alluminio che a spanne starà sui 180cv in sù, ci potrebbero essere anche ipotetiche versioni aspirate per gli USA anche con potenza minore.
       
      Sia i GSE che i GME avranno +o- le stesse caratteristiche e tecnologie:
       

       
       
      Entrambi sono motori completamente nuovi, tempo fà qualcuno ipotizzava che il GME fosse derivato alla lontana dal basamento Tigershark/Gema, può essere che lo abbiano utilizzato come base di partenza per progettare il nuovo motore, ma di fatto sono motori diversi.
       
       
       
       


    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×