Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

17 ore fa, justjames dice:

1°: la bolla è tenuta "più storta" rispetto al reale disallineamento (che comunque non deve esserci).

 

2°: se gli fa schifo la Jeep di FCA, può ritornare al 2009.

 

3°: CJD ha SEMPRE fatto cagare in quanto a qualità.

Ma sbaglio o quello stemma è su una parte curvissima della carrozzeria? :pen:

22 ore fa, TonyH dice:

È un mix di diverse cose, tra cui anche il design.

 

I tedeschi sono molto abili a fare design che mascherano eventuali imperfezioni e disallineamenti (esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento)

 

Bisogna però accettare i loro design, che per auto non tedesche vengono spesso etichettati come anonimi

Se posso dire la mia credo che questo sia uno dei fattori principali, cui aggiungerei la progettazione generale dei componenti in termini di forma, agganci e posizionamento.

 

A questo aggiungerei due elementi non trascurabili:

1. formazione del personale

2. aggiornamento e design della linea produttiva

 

Perché un conto è avere un operaio bravo che monta il pezzo in una posizione comoda, un altro è avere una linea vecchia, poco ergonomica ed un conseguente turnover pazzesco.

IMO l'aggiornamento di Pomigliano spiega bene anche le differenze tra la vecchia e la nuova Panda:

nuova-fiat-panda-pomigliano_06.jpg

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Il grosso lo fa la progettazione e il modus operandi in uso nello stabilimento.

Per dire le porte posteriori del ducato vengono calibrate con un rozzo martello piegando le sedi della carrozzeria dove vanno ad avvitarsi le cerniere.

Si é un veicolo commerciale, ma comunque non lo danno via gratis, e da fastidio che dopo tanti anni tocca ancora prendere a martellate un furgone nuovo.

Non solo, non di rado martellando si sbuccia la vernice che viene ritoccata con un pennellino:-(

 

  • Like! 2
  • Tristezza! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 24/3/2018 at 21:22, Davialfa dice:

Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)?

Sostanzialmente dipende dalle risorse che investi (che sono limitate), da dove le vuoi investire (priorità) e da come e per quanto le puoi investire (grandezza gamma, carry-over nel tempo, ecc.)

 

Se hai una gamma ampia e sovrapponibile, ovviamente viene più facile, perché puoi fare cose costose e ben realizzate, "spalmabili" su più modelli, quindi ugualmente redditizie.

 

Se fai un prodotto "premium", quindi già di suo da grandi margini, è probabile che si riesca ad investire di più anche sulla qualità percepita e concreta. Poi bisogna vedere a chi è destinato tale prodotto, perché un cliente Ferrari non ha sempre le stesse priorità di un cliente Porsche, giusto per fare un esempio.

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Detto fuori dai denti: preferisco avere un motore che va sempre piuttosto che uno che va a miscela o che fa volare via le catene perché si é preferito investire in fulledde o plastiche da palpare..ogni riferimento é puramente casuale:mrgreen:

  • Like! 7
  • Ahah! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 ore fa, Guybrush dice:

Non venite a dire che non esistono differenze tra marchi e marchi, questa roba è ulcera.

Adesso ti faccio scoppiare lo stomaco.

 

2 Active Tourer di pochi mesi:

 

5ab97f02b2d58_2017-06-2215_17_00.thumb.jpg.ae5fa0dff0edcf1b4ad99aa60a0bcb3f.jpg

5ab97f052ddb3_2017-06-2215_17_39.thumb.jpg.5177521ff8923cb2c77415c8b2ac941f.jpg

5ab97f07acd42_2017-06-2215_18_10.thumb.jpg.c203838e05cce3a03039e0a741fadce2.jpg

5ab97f0a4a266_2017-06-2215_21_50.thumb.jpg.b3ca0171b865bdffb5ca607f02f797a5.jpg

 

 

Sulla E90 di un altro amico ci sono inserti in tessuto usciti di fabbrica sfilacciati, e la parte interna delle maniglie porta ha delle bave tali che ti tagli se le stringi troppo.

 

Ricordiamo anche la Serie 1 di @Cosimo con guarnizioni troppo corte e fascette nel cofano uguali a quelle della mia Punto Sprint di epoca Cantarella :mrgreen:

 

Diciamo che BMW non la prenderei come target di qualità :D

 

 

Mentre le 3 VAG avute in casa hanno avuto anche loro dei fastidi di assemblaggio, ma sono evidentemente pensate per nasconderlo bene, per cui la cosa non risaltava alla prima occhiata.

Una costante per tutto il trio (A6, A5, Passat) è stato il vetrino del cruscotto che vibrava, ma ci sono stati anche pavimenti ballerini, inserti maniglie che venivano via e vibrazioni varie.

 

Che poi a me di tutto questo importerebbe ben poco, però dà sempre fastidio il sentirla menare con godronature e qualità superiore quando poi è tutta fuffa.

  • Like! 3
  • Ahah! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Scusami, ma questa è umidità:

 

2017-06-22 15.18.10.jpg

 

e questo è sporco:

 

2017-06-22 15.21.50.jpg

 

Cosa centra con la qualità costruttiva?
Se prendo una Rolls Royce, la uso ogni giorno e dopo 4 mesi non vede una minima cura (lavaggio), ovvio che sarà un porcile anch'essa

20 ore fa, Bosco dice:

Il grosso lo fa la progettazione e il modus operandi in uso nello stabilimento.

Per dire le porte posteriori del ducato vengono calibrate con un rozzo martello piegando le sedi della carrozzeria dove vanno ad avvitarsi le cerniere.

Si é un veicolo commerciale, ma comunque non lo danno via gratis, e da fastidio che dopo tanti anni tocca ancora prendere a martellate un furgone nuovo.

Non solo, non di rado martellando si sbuccia la vernice che viene ritoccata con un pennellino:-(

 

Mi hai fatto venire in mente questo video

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Interessante anche questo video (che fa a pugni con quello Dacia :D )

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, mmaaxx dice:

Scusami, ma questa è umidità:

 

e questo è sporco:

 

La prima era polvere unta, in un punto rimasto protetto da quando è uscita di fabbrica, e il secondo era il lubrificante dei meccanismi del tetto che cola regolarmente fuori.

 

 

Quanto al tizio della Golf, saltare sulle porte non ha niente a che vedere con gli assemblaggi, e soprattutto non mi offre alcuna comparativa (oltre che informazioni utili, ma vabbé).

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Confermo l'inutilitá di quel test porte, un'auto dopo 20'anni di apri-chiudi subiscono stress ben peggiore.

 

Qualche anno fa mentre entravo in deposito con il mio ex furgone (Nissan Vanette-Cargo del 1996, quindi non un budino Renault) lasciando la porta laterale aperta, ho impattato la stessa contro il profilo in alluminio del portone scardinandola dai binari del furgone .... Era rimasta penzoloni a terra :lol: ...... Lo rimesso in sede senza toccare NULLA e non ha subito il minimo disallineamento e danno, chiudendo e aprendo come prima.

 

Comunque tutto dipende dalla progettazione e mentalitá.

Porte vano carico Nissan V.Cargo aprivano e chiudevano con un dito e rimanevano ben allineate ..... Quelle del Daily (acquistato giugno 2016) le devi sbattere con forza, rimangono disallineate e si sentono i cavetti delle maniglie sbattere contro la carrozzeria.

Se solo avessero previsto una presa d'aria le porte si sarebbero chiuse con molto meno sforzo non mandando in pressione il vano alla chiusura. Quelle lato cabina si chiudono ancje soffiandoci contro.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
15 ore fa, Guybrush dice:


Non venite a dire che non esistono differenze tra marchi e marchi, questa roba è ulcera.
 

 

 

nei video suggeriti da youtube collegati a questo, ce ne sono parecchi uguali anche su Mercedes (anche AMG)



 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      Finalmente Renault manda a ramengo il downsizing, capendo che il 1.6 TwinTurbo è un discreto flop, e crea due nuovi motori per sostituirlo, anche in virtù dei nuovi cicli di omologazione.
      Si tratta del nuovo 1.7 dCi R9N e del 2.0 dCi M9R.
       
      http://rnews.cz/nove-motory-1-7dci-2-0dci-nove-kombinace-motoru-a-prevodovek/
       
      Espace V
      - Nuovo motore M9R 2.0dCi (M9R650) RNews.cz rivela per la prima volta nel mondo che verrà associato esclusivamente con la trasmissione Renault DW6 (Getrag 6DCT450), il cambio EDC sei marce, mutuato dal dCi 160 e che debutterà sulla nuova Megane IV RS. Sarà provvisto di sistema AdBlue. CVT non sarà disponibile per questo modello a 2.0dCi (come nel caso di Koleos). 
      - 2.0dCi arriva in due versioni da 160 CV e 200 CV.
       
      Talisman
      - lifting prossimo anno (2019)
      - un nuovo motore 1.7dCi 9 N (R9N401), è una diretta evoluzione dell'R9M con sistema di trattamento AdBlue. Accoppiato al PLC Renault DW6 (EDC6) ed al cambio manuale sei marce PK4 .La qualità del cambio manuale migliorerà significativamente rispetto all'attuale 1.6dCi con il manuale ND4. Sarà declinato con potenza 120 CV, 150 CV. 
      - il nuovo 1.8TCe (M5P), abbinato esclusivamente al cambio doppia frizione a sette velocità EDC7 (Renault DW5). Arriverà dopo il lifting. Prestazioni 225 CV, ovvero, come in Espace.
      - 2.0dCi (M9R), accoppiato esclusivamente al doppia frizione DW6 a sei velocità (EDC6). Arriverà dopo il lifting. 
      - 2.0 dCi arriva in due versioni da 160 CV e 200 CV. 
      - 1.3TCe 160k con EDC7 Renault DW5 (Getrag 7DCT300).
       
      Megane 
      Il nuovo motore 1.3TCe H5H, già noto da Scenic, guadagna il manuale a sei rapporti TL4, il sette rapporti doppia frizione Renault DW5 EDC7 (Getrag 7DCT300). Questo motore sarà anche equipaggiato con tecnologia ibrida per la Megane. Potenza 115 CV, 140 CV e 160 CV. 
      - 1.5 dCi K9K sarà accoppiato al doppia frizione 7 marce EDC7 (come Scenic). Il motore K9K mantiene una doppia frizione a sei rapporti con frizione a secco, l'EDC7 ha sempre frizioni a bagno d'olio. 
      - nuovo motore 1.7dCi R9N 150 CV accoppiato con l'automatico Renault doppia frizione a 6 rapporti DW6 (Getrag 6DCT450) 
      - Megane RS Trophy 1.8TCe M5P con 300 CV sarà proposta anche con cambio manuale.
       
      Kadjar
      - 1.3TCe H5H nuovo motore, disponibili solo con una doppia frizione EDC7 automatico a sette marce. Potenza 140 CV e 160 CV. 
      - 1.5dCi accoppiato al doppia frizione 7 marce EDC7 (come Scenic) 
      - il nuovo motore 1.7dCi R9N 150 CV, in combinazione con cambio manuale o EDC (1.6dCi corrente solo CVT - X-Tronic). Sarà offerto con trazione anteriore o integrale
       
      Scenic
      Il nuovo motore 1.7dCi R9N (R9N401) sarà accoppiato al doppi frizione 6 rapporti PLC Renault DW6 (EDC6) ed al cambio manuale a 6 PK4, già utilizzato su Laguna con il 2.0 dCi. Potenza 120 CV e 150 CV. Il 1.7dCi sostituirà non solo 1.6dCi ma anche 1.5dCi. 
      - Il 1.3TCe H5H, è già stato presentato.
       
      Capture
      Anche qui nuovo motore 1.3TCe H5H, disponibile con cambio manuale a 6 rapporti TL4 e doppia frizione EDC6 con frizioni a secco.
       
      Trafic
      Il nuovo 2.0dCi M9R (M9R710), obbligatorio con Adblue, non sarà accoppiato con il cambio automatico, ma con solo il manuale a 6 velocità. 
       
      Diesel
      - Euro6 diesel WLTP nell'ambito del ciclo di misura non può più fare a meno di un catalizzatore SCR (Selective Catalytic Reduction), e quindi l'iniezione di urea (AdBlue)
      - Secondo le informazioni disponibili, oltre all'iniezione AdBlue, il filtro LNT esistente viene lasciato indietro. Il sistema di riduzione catalitica selettiva non è efficace su un motore freddo. 
      - 1.5dCi rimane il diesel di base, il Clio V
      - l'efficienza del 1,5dCi sarà migliorata nella maggior parte dei modelli sostituendo l'EDC con il relativo 7 marce doppia frizione che già equipaggia Scenic. 
       
      Altre informazioni
      Tutte le unità a benzina ad iniezione diretta eviteranno comunque l'uso di un filtro antiparticolato (GPF) nel 2018 
      Il 1.6 aspirato benzina H4M non sarà più installati sulle Renault, ma resteranno sulla gamma Duster.
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.