Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

17 ore fa, justjames dice:

1°: la bolla è tenuta "più storta" rispetto al reale disallineamento (che comunque non deve esserci).

 

2°: se gli fa schifo la Jeep di FCA, può ritornare al 2009.

 

3°: CJD ha SEMPRE fatto cagare in quanto a qualità.

Ma sbaglio o quello stemma è su una parte curvissima della carrozzeria? :pen:

22 ore fa, TonyH dice:

È un mix di diverse cose, tra cui anche il design.

 

I tedeschi sono molto abili a fare design che mascherano eventuali imperfezioni e disallineamenti (esempio terra terra, cercare di non fare fari posteriori spezzati sul portellone perché sono una spina nel culo, amplificano ogni minimo disallineamento)

 

Bisogna però accettare i loro design, che per auto non tedesche vengono spesso etichettati come anonimi

Se posso dire la mia credo che questo sia uno dei fattori principali, cui aggiungerei la progettazione generale dei componenti in termini di forma, agganci e posizionamento.

 

A questo aggiungerei due elementi non trascurabili:

1. formazione del personale

2. aggiornamento e design della linea produttiva

 

Perché un conto è avere un operaio bravo che monta il pezzo in una posizione comoda, un altro è avere una linea vecchia, poco ergonomica ed un conseguente turnover pazzesco.

IMO l'aggiornamento di Pomigliano spiega bene anche le differenze tra la vecchia e la nuova Panda:

nuova-fiat-panda-pomigliano_06.jpg

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Il grosso lo fa la progettazione e il modus operandi in uso nello stabilimento.

Per dire le porte posteriori del ducato vengono calibrate con un rozzo martello piegando le sedi della carrozzeria dove vanno ad avvitarsi le cerniere.

Si é un veicolo commerciale, ma comunque non lo danno via gratis, e da fastidio che dopo tanti anni tocca ancora prendere a martellate un furgone nuovo.

Non solo, non di rado martellando si sbuccia la vernice che viene ritoccata con un pennellino:-(

 

  • Like! 2
  • Tristezza! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)


Non venite a dire che non esistono differenze tra marchi e marchi, questa roba è ulcera.
 

Modificato da Guybrush
  • Wow! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 24/3/2018 at 21:22, Davialfa dice:

Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)?

Sostanzialmente dipende dalle risorse che investi (che sono limitate), da dove le vuoi investire (priorità) e da come e per quanto le puoi investire (grandezza gamma, carry-over nel tempo, ecc.)

 

Se hai una gamma ampia e sovrapponibile, ovviamente viene più facile, perché puoi fare cose costose e ben realizzate, "spalmabili" su più modelli, quindi ugualmente redditizie.

 

Se fai un prodotto "premium", quindi già di suo da grandi margini, è probabile che si riesca ad investire di più anche sulla qualità percepita e concreta. Poi bisogna vedere a chi è destinato tale prodotto, perché un cliente Ferrari non ha sempre le stesse priorità di un cliente Porsche, giusto per fare un esempio.

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Detto fuori dai denti: preferisco avere un motore che va sempre piuttosto che uno che va a miscela o che fa volare via le catene perché si é preferito investire in fulledde o plastiche da palpare..ogni riferimento é puramente casuale:mrgreen:

  • Like! 6
  • Ahah! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
1 ora fa, hot500abarth dice:

Detto fuori dai denti: preferisco avere un motore che va sempre piuttosto che uno che va a miscela o che fa volare via le catene perché si é preferito investire in fulledde o plastiche da palpare..ogni riferimento é puramente casuale:mrgreen:

 

Oppure si può avere tutto il pacchetto

 

d7sbRjf.png

(Ma anche una Mazda 6 ben messa fa la sua porchissima figura in tal senso)
 

Modificato da Guybrush
  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 ore fa, Guybrush dice:

Non venite a dire che non esistono differenze tra marchi e marchi, questa roba è ulcera.

Adesso ti faccio scoppiare lo stomaco.

 

2 Active Tourer di pochi mesi:

 

5ab97f02b2d58_2017-06-2215_17_00.thumb.jpg.ae5fa0dff0edcf1b4ad99aa60a0bcb3f.jpg

5ab97f052ddb3_2017-06-2215_17_39.thumb.jpg.5177521ff8923cb2c77415c8b2ac941f.jpg

5ab97f07acd42_2017-06-2215_18_10.thumb.jpg.c203838e05cce3a03039e0a741fadce2.jpg

5ab97f0a4a266_2017-06-2215_21_50.thumb.jpg.b3ca0171b865bdffb5ca607f02f797a5.jpg

 

 

Sulla E90 di un altro amico ci sono inserti in tessuto usciti di fabbrica sfilacciati, e la parte interna delle maniglie porta ha delle bave tali che ti tagli se le stringi troppo.

 

Ricordiamo anche la Serie 1 di @Cosimo con guarnizioni troppo corte e fascette nel cofano uguali a quelle della mia Punto Sprint di epoca Cantarella :mrgreen:

 

Diciamo che BMW non la prenderei come target di qualità :D

 

 

Mentre le 3 VAG avute in casa hanno avuto anche loro dei fastidi di assemblaggio, ma sono evidentemente pensate per nasconderlo bene, per cui la cosa non risaltava alla prima occhiata.

Una costante per tutto il trio (A6, A5, Passat) è stato il vetrino del cruscotto che vibrava, ma ci sono stati anche pavimenti ballerini, inserti maniglie che venivano via e vibrazioni varie.

 

Che poi a me di tutto questo importerebbe ben poco, però dà sempre fastidio il sentirla menare con godronature e qualità superiore quando poi è tutta fuffa.

  • Like! 4
  • Ahah! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Scusami, ma questa è umidità:

 

2017-06-22 15.18.10.jpg

 

e questo è sporco:

 

2017-06-22 15.21.50.jpg

 

Cosa centra con la qualità costruttiva?
Se prendo una Rolls Royce, la uso ogni giorno e dopo 4 mesi non vede una minima cura (lavaggio), ovvio che sarà un porcile anch'essa

20 ore fa, Bosco dice:

Il grosso lo fa la progettazione e il modus operandi in uso nello stabilimento.

Per dire le porte posteriori del ducato vengono calibrate con un rozzo martello piegando le sedi della carrozzeria dove vanno ad avvitarsi le cerniere.

Si é un veicolo commerciale, ma comunque non lo danno via gratis, e da fastidio che dopo tanti anni tocca ancora prendere a martellate un furgone nuovo.

Non solo, non di rado martellando si sbuccia la vernice che viene ritoccata con un pennellino:-(

 

Mi hai fatto venire in mente questo video

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Interessante anche questo video (che fa a pugni con quello Dacia :D )

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, mmaaxx dice:

Scusami, ma questa è umidità:

 

e questo è sporco:

 

La prima era polvere unta, in un punto rimasto protetto da quando è uscita di fabbrica, e il secondo era il lubrificante dei meccanismi del tetto che cola regolarmente fuori.

 

 

Quanto al tizio della Golf, saltare sulle porte non ha niente a che vedere con gli assemblaggi, e soprattutto non mi offre alcuna comparativa (oltre che informazioni utili, ma vabbé).

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
    • Da Beckervdo
      Prendete quello che scrivo con le pinze, dato che l'ho trovato solo in un sito olandese.
       
      Audi avrebbe brevettato questa nuova architettura modulare che chiama DUOS.
      Praticamente - raffigurato - un quattro cilindri che presenta due coppie di cilindri dall'alesaggio differente. Presumibile per alti e bassi carichi. Per passare da un funzionamento all'altro si utilizza un secondo albero motore che tramite una camma attiva e disattiva il moto di metà motore.


       
      Via Autoblog.nl
×