Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Confermo l'inutilitá di quel test porte, un'auto dopo 20'anni di apri-chiudi subiscono stress ben peggiore.

 

Qualche anno fa mentre entravo in deposito con il mio ex furgone (Nissan Vanette-Cargo del 1996, quindi non un budino Renault) lasciando la porta laterale aperta, ho impattato la stessa contro il profilo in alluminio del portone scardinandola dai binari del furgone .... Era rimasta penzoloni a terra :lol: ...... Lo rimesso in sede senza toccare NULLA e non ha subito il minimo disallineamento e danno, chiudendo e aprendo come prima.

 

Comunque tutto dipende dalla progettazione e mentalitá.

Porte vano carico Nissan V.Cargo aprivano e chiudevano con un dito e rimanevano ben allineate ..... Quelle del Daily (acquistato giugno 2016) le devi sbattere con forza, rimangono disallineate e si sentono i cavetti delle maniglie sbattere contro la carrozzeria.

Se solo avessero previsto una presa d'aria le porte si sarebbero chiuse con molto meno sforzo non mandando in pressione il vano alla chiusura. Quelle lato cabina si chiudono ancje soffiandoci contro.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
15 ore fa, Guybrush dice:


Non venite a dire che non esistono differenze tra marchi e marchi, questa roba è ulcera.
 

 

 

nei video suggeriti da youtube collegati a questo, ce ne sono parecchi uguali anche su Mercedes (anche AMG)



 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

un mio amico che ha la C wagon attuale non mi parla per niente bene del discorso materiali/cura costruttiva.

e sinceramente tutta la parte centrale piano black che ha lui fa molto cheap, altro che premium.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

La mia precedente Tiguan faceva cagare! In tutti i sensi, plancia che scricchiolava, la parte morbida era limitata al fascione attorno allo schermo Alpine, tutto rigido, i pulsanti del clima automatico si incastravano all interno della plancietta, la rotella per chiudere i retrovisori l ho rotta due volte! L unica cosa positiva era il consumo molto basso considerando che era DSG 4x4 ma la lista dei difetti è alta! Ah dimenticavo il cassetto canterino! Forse era una vettura sfigata o forse erano le ultime qualitativamente inferiori assemblate in modo arrangiato

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Questa è la plancia di una Polo terzultima serie, osservare le 3 crepe della plastica sotto al vetro:

 

2018-03-20 08.58.03.jpg

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

1,4 TDI?

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

OK, quindi mi aiutate a dire che ormai la forbice tra migliori e peggiori, se così si possono chiamare, è davvero ridotta. 

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
25 minuti fa, fuzz77 dice:

OK, quindi mi aiutate a dire che ormai la forbice tra migliori e peggiori, se così si possono chiamare, è davvero ridotta. 

Dipende da cosa vai a guardare e nello stesso marchio, pur contemporaneo nel tempo, cambia da modello a modello: alcuni - anche per questioni di design - risultano migliori. 

 

A volte il discorso cambia anche in base all'allestimento... Almeno per ciò che concerne la percezione, o la qualità dei tessuti/pellami.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
11 ore fa, J-Gian dice:

Questa è la plancia di una Polo terzultima serie, osservare le 3 crepe della plastica sotto al vetro:

 

2018-03-20 08.58.03.jpg

guarda ce l'ha mia madre, e non mi sento di considerarla un'auto fatta male dentro, contando che è una segmento B di circa 15 anni.

le concorrenti coeve come se la cavano?

non lo so, Punto, Corsa, Clio, Fiesta.... :D

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Nel mio palazzo c'è, come seg.B ultradecennali, la Polo 1.4 tdi di mio cugino, la Fiesta mk4 di mia moglie e la Punto "classic" di mio padre.

La Punto è quella che, visivamente, è invecchiata peggio, tra plastiche che si opacizzano, cerchi con ruggine e rumorini vari interni, ed anche come affidabilità è quella che ha avuto più problemi.

La Fiesta non è invecchiata come materiali, ma ha una fragilità incredibile dei montaggi, basta sfiorare qualcosa con il paraurti che si smonta, il cofano si è sempre richiuso a fatica, le guarnizioni sono andate ed è aumentato il rumore, però non scricchiola ed è affidabile.

La Polo. tra le tre, è quella che ha sofferto meno del passaggio del tempo, ha delle soluzioni sulle guarnizioni che, all'epoca nel segmento, solo la Ibiza oltre a lei aveva, le plastiche si sono conservate e, rumore da "trattorino" a parte, non scricchiola e non ha avuto problemi di affidabilità.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da AngeloUPuglis
      Il nuovo motore, che sostituirà l'attuale 1.4 TGI da 110cv, montato rispettivamente su Volswagen Golf/Caddy, Seat Leon, Skoda Octavia ed Audi A3, si accinge a debuttare sul mercato, nel 2018.
       
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×