Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

2018-c4.jpg

2018-c4-2.jpg

2018-c4-3.jpg

2018-c4-4.jpg

 

Press release:

 

Cita

Da aprile Citroën ufficializza il cambio di denominazione da “Picasso” a “SpaceTourer” per la sua gamma di monovolume. Una firma unica che identifica un’offerta globale composta da tre monovolume (C4 SpaceTourer, Grand C4 SpaceTourer e SpaceTourer), prodotti moderni e complementari, in grado di ospitare da 5 a 9 persone e che offrono un design valorizzante, un confort eccezionale e tecnologie di ultima generazione.

Citroën C4 SpaceTourer e Grand C4 SpaceTourer introducono nuovi motori Euro 6.2 e il cambio automatico di ultimissima generazione EAT8, garanzie di confort di guida ottimizzato, grandi prestazioni e costi contenuti.  Per l’Italia queste novità saranno disponibili dopo l’Estate.

 

 

UNA NUOVA FIRMA: C4 SPACETOURER E GRAND C4 SPACETOURER

Dal mese di aprile, il Marchio ufficializza la nuova denominazione commerciale SpaceTourer al posto di Picasso. Questa nuova firma unica, svelata al Salone di Ginevra, identifica un’offerta di 3 monovolume (compreso SpaceTourer) che completano l’offerta di berline e SUV, sinonimo di spazio a bordo, luminosità ed evasione senza limiti. Prodotti moderni, conviviali e familiari che permettono a conducente e passeggeri di viaggiare con un confort senza paragoni, a bordo di un veicolo dal design valorizzante, con tecnologie e motorizzazioni di ultima generazione.

C4 SpaceTourer e Grand C4 SpaceTourer beneficiano del savoir-faire di Citroën in termini di stile, spazio, modularità, praticità e benessere a bordo. Qualità che hanno già conquistato più di 500.000 Clienti e che ne fanno il leader del segmento in diversi mercati. Costruiti sulla piattaforma EMP2, propongono tecnologie utili destinate a garantire una sicurezza eccezionale e a facilitare gli spostamenti quotidiani, con un comportamento dinamico e un’efficienza ottimale

 

NUOVO CAMBIO EAT8: IL MIGLIOR COMPROMESSO TRA PERFORMANCE E PIACERE DI GUIDA

Con questi due monovolume, grazie alle nuove motorizzazioni 6.2 e al cambio di ultimissima generazione EAT8, il Marchio dimostra tutto il suo savoir-faire in termini di performance, efficienza e piacere di guida. Inizialmente associato al motore Diesel BlueHDi 160 S&S, il cambio automatico EAT8 sarà proposto anche con altre motorizzazioni nel corso dell’anno.

Concepita e sviluppata in collaborazione con lo specialista giapponese Aisin, la trasmissione automatica Efficient Automatic Transmission a 8 marce (con comandi al volante) è fluida e intuitiva. Garantisce ancora più efficienza e piacere di guida nella vita di tutti i giorni, in particolare con:

- Consumi di carburante ridotti fino al 7 % rispetto all’EAT6, grazie a 2 marce supplementari, rendimento ottimizzato con l’estensione dello Stop & Start a 20 km/h, massa ridotta e maggiore compattezza (fino a 2 kg rispetto all’EAT6).

- Un confort d’utilizzo e un passaggio di marce puntuale e preciso, resi possibili dall’ottimizzazione degli scambi di coppia tra il motore e il cambio e da 2 marce supplementari che riducono il salto di regime ad ogni cambio di rapporto.

 

CITROËN

 

Cambio di denominazione (peccato, secondo me) e nuovo cambio automatico a 8 rapporti.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Mi pare di aver letto che pagavano milioni di euro alla famiglia Picasso per utilizzo del nome. Comunque mi sembra stupido, potevano rinominare la SpaceTourer quella grande derivata dal van in C8 SpaceTourer

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
6 minuti fa, KimKardashian dice:

Mi pare di aver letto che pagavano milioni di euro alla famiglia Picasso per utilizzo del nome.

 

PSA ha sempre saputo come spendere bene i soldi dello Stato...

  • Ahah! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Dei Cinesi vorrai dire, è Renault che ha partecipazioni statali

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
8 minuti fa, mmaaxx dice:

Dei Cinesi vorrai dire, è Renault che ha partecipazioni statali


Le sovvenzioni ci sono sempre state. Ora che sono entrati i Cinesi guarda caso è arrivato il ben dell'intelletto in PSA distribuito su vari livelli. (niente diesel ibrido, niente modelli infruttuosi...)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
22 minuti fa, gpat dice:


Le sovvenzioni ci sono sempre state. Ora che sono entrati i Cinesi guarda caso è arrivato il ben dell'intelletto in PSA distribuito su vari livelli. (niente diesel ibrido, niente modelli infruttuosi...)

Mah insomma, stanno pompando soldi nel fallimento DS, hanno abbandonato soluzioni tecniche distintive come le idropneumatiche, non hanno benzina sopra i 1600, non hanno diesel sopra i 180cv, non hanno sviluppato l'ibrido diesel ed ora lo fa Mercedes...

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Modificato da leon82
  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
21 minuti fa, leon82 dice:

Mah insomma, stanno pompando soldi nel fallimento DS, hanno abbandonato soluzioni tecniche distintive come le idropneumatiche, non hanno benzina sopra i 1600, non hanno diesel sopra i 180cv, non hanno sviluppato l'ibrido diesel ed ora lo fa Mercedes...

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Effettivamente PSA  ha abbandonato le grosse cilindrate da un po ' di tempo , vedi i vari PRV V6  dal 1974 al 1998  , poi serie  DT  dalla joint-venture con la Ford, ricordo giusto alcune applicazioni di questo motore

Peugeot 407 Coupé 3.0 HDi (2009-12);

Citroën C5 Mk2 3.0 HDi (2009-13);

Citroën C6 3.0 HDi (2009-12);

Jaguar XF 3.0D (2009-15);

Jaguar XF Sportbrake 3.0D (2012-15).

Nel caso del Gruppo Ford, il motore PSA DT17 è stato incluso nella famiglia dei motori Lion AJD, assieme alla versione V8, riservata solo al colosso americano.

 

Io non ci vedo tutta questa povertà tecnica , se teniamo presente che oggi Peugeot è all'avanguardia (realmente) non come dicono le pubblicità , vedi i vari 1.2 Puretech,  sto parlando del propulsore che ha vinto il premio di “Motore dell’Anno” 2017, coronando un serie di riconoscimenti che si susseguono sin dal lancio nel 2014.

Introduzione di un filtro antiparticolato (GPF- Gasoline Particulate Filter) per ridurre le emissioni di particolato di oltre il 75% e soddisfare in anticipo le future norme Europee e Cinesi  (Euro 6d) che entreranno in vigore nel 2020.

Inoltre vorrei ricordare che il 1.5 BlueHDi 130 cv  in grado di rispettare già ora la normativa anti inquinamento Euro 6d con 3 anni di anticipo..., come del resto il 1.6 Blutech 225 cv ecc.;)

Da quanto ho capito per il momento sono pochissime le macchine che rispettano la nuova normativa 6d .....

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
1 ora fa, leon82 dice:

 

Mi piacciono le Citroen e le Peugeot ma non posso non vedere la povertà tecnica degli scaffali PSA.

Povertà tecnica imbarazzante del resto.

 

1.2/1.6/1.8 benzina => tutti derivati dal Prince sviluppato con BMW (e ora in mano ai Cinesi di Brilliance)

1.5/2.0 diesel => derivati dal progetto comune con Ford.

 

Non hanno trazioni integrali, per i cambi si affidano (era ora) agli Aisin (Toyota), non hanno una gamma elettrificata (se non l'affare antiquato Mitsubishi con le batterie Duracell e la Bollore da spiaggia).
Sono una scatola che tenta di sopravvivere (meglio di alcuni gruppi italoamericani, a dire il vero) proponendo linee barocche che stanno stancando facilmente.
Senza i cinesi avrebbero chiuso da un paio d'anni.

Modificato da mmaaxx
  • Like! 1
  • Tristezza! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 minuti fa, nucarote dice:

Lo stato francese ha ancora una bella partecipazione in PSA https://it.wikipedia.org/wiki/Gruppo_PSA

Pardon, non lo sapevo.
Quindi lo stato francese ha il 15% di Renault e il 13,68% di PSA.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Sarrus
      ecco le prime immagini ufficiali
      forse ci vorrà tempo per gradirla, ma mi pare molto massiccia, con così tante linee
       
      https://www.carscoops.com/2018/06/2019-audi-a1-first-official-images-new-plush-hatch/
       
       
      ➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖
                                      TOPIC SPY
      🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽🔽
       
      ➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖
×