Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

4 minuti fa, jameson scrive:

...

Telelavoro è una leggenda metropolitana... Chi può lavorare senza attrezzature e/o il bene fisico da gestire? Non i commercianti, non gli artigiani, non gli operai... Giusto impiegati amministrativi, informatici e qualche progettista che lavora da solo. Magari potessi evitarmi almeno qualche volta al mese i 110 km quotidiani che mi toccano.

E-learning... bo'... trovo che l'interazione col docente sia essenziale in studi non di serie B. Infatti ignoro i webinar ma partecipo attivamente ai seminari fisici.

In quanto informatico, ti posso dire che non siamo pochi. :-) Per cui un buon sviluppo del Telelavoro toglierebbe un bel numero di auto dalle strade.

L'interazione docente/studente è IMHO proficuo quando si arriva tra la fine della triennale e la magistrale, nei primi due anni molti corsi (che hanno il maggior numero di iscritti) possono IMHO essere somministrati anche solo di E-Learning (es: meccanica, cinematica, studio di funzione, corsi base di programmazione, ecc)

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 minuti fa, nucarote scrive:

In quanto informatico, ti posso dire che non siamo pochi. :-) Per cui un buon sviluppo del Telelavoro toglierebbe un bel numero di auto dalle strade.

L'interazione docente/studente è secondo me proficuo quando si arriva tra la fine della triennale e la magistrale, nei primi due anni molti corsi (che hanno il maggior numero di iscritti) possono secondo me essere somministrati anche solo di E-Learning (es: meccanica, cinematica, studio di funzione, corsi base di programmazione, ecc)

 

mio padre lavorava in banca in una sede in cui c'erano tipo 200-300 persone la cui maggioranza lavorava sempre e solo al pc, anche le riunioni erano al 90% conference call con la webcam.

il telelavoro non è assolutamente una leggenda metropolitana, avrebbe un impatto notevole sulla mobilità.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
8 minuti fa, itr83 scrive:

 

mio padre lavorava in banca in una sede in cui c'erano tipo 200-300 persone la cui maggioranza lavorava sempre e solo al pc, anche le riunioni erano al 90% conference call con la webcam.

il telelavoro non è assolutamente una leggenda metropolitana, avrebbe un impatto notevole sulla mobilità.

Infatti ho incluso gli impiegati amministrativi tra i papabili... Ma mica tutti lavorano in banca.

Poi se qualcuno riuscisse a starsene a casa e a togliersi dalle strade a me farebbe solo piacere... ma alla fine sono quelle categorie là che potrebbero farlo.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

 

3 ore fa, Beckervdo scrive:

European Council agrees on 35% cut in new car CO2 by 2030

Con la stretta sui diesel (che non disdegno, se non per la demonificazione a tappeto), penso sia un traguardo ancora più difficile da raggiungere, se non "ingannando" con escamotage su elettriche e plug-in.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 ore fa, Sandro scrive:

Quindi, elettrico.

Quindi, trasferire le emissioni dall'auto alle centrali: checché se ne dica, il rinnovabile non può coprire tali richieste energetiche.

Resto fiducioso nel progetto ITER - sempre ch'io campi abbastanza per vederlo funzionante. 

L'alternativa? Un bel tuffo nel passato.

Risultati immagini per bicicletta 3 ruote per adulti

Ci porti i figli a scuola e ci fai la spesa; ti mantieni in forma e abbatti il colesterolo.

L'ideale sulle nostre aree collinose e montagnose :pensa:

Ma Nella aree collinose e montagnose oramai si può stare sui 20km/l con una macchina media.

Il grosso problema sono gli 8-10 che finisci a fare in città....in coda o a cercare posto.

E lì piedi/bici possono dire ampiamente la loro (anche in termini di tempo).

 

senza arrivare ai semafori che diventano verdi quando si avvicina il bus come succede a New York 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
21 ore fa, Sandro scrive:

Quindi, elettrico.

Quindi, trasferire le emissioni dall'auto alle centrali: checché se ne dica, il rinnovabile non può coprire tali richieste energetiche.

Resto fiducioso nel progetto ITER - sempre ch'io campi abbastanza per vederlo funzionante. 

L'alternativa? Un bel tuffo nel passato.

Risultati immagini per bicicletta 3 ruote per adulti

 

Ci porti i figli a scuola e ci fai la spesa; ti mantieni in forma e abbatti il colesterolo.

L'ideale sulle nostre aree collinose e montagnose :pensa:

Condivido appieno il tuo pensiero...

Ma soprattutto dove la prendiamo l'elettricità? noi in italia? non ci basta nemmeno adesso che l'elettrico non è arrivato...

 

Per sensibilizzare l'uso delle bici in città ma magari.... per bici multifare magari con un bel motorino elettrico che aiuta....

 

Io per esempio per andare a lavoro devo attraversare torino alle 7:45 le strade sono BLOCCATE... i mezzi pubblici ci mettono 1 ora.. quindi uso una bici e ci metto la  metà del tempo... (non sto scherzando..) anche se non sempre uso la ciclabile perchè (almeno qui a torino) non sono fatte manco dall'ing Cane....

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

C'è chi per il 2030 ha ben altri progetti (se passa), niente piu auto a benzina e diesel, solo elettricità e gas naturale.

 

Piccolo problema sui bus a CNG: il 50% dell'alimentazione deve essere diesel, a meno che non si inventino bus e camion a benzina convertiti...

 

https://www.reuters.com/article/us-israel-electric-vehicles/israel-aims-for-zero-new-gasoline-diesel-powered-vehicles-by-2030-idUSKCN1MJ1PS

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 10/10/2018 at 14:27, jameson scrive:

Quello che non ho ancora sentito dire chiaramente da nessuno è se per gli EV e ibridi plug-in si tiene conto delle emissioni di CO2 per la produzione dell'energia elettrica.

Mi cito da solo e mi rispondo in parte da solo.

Abbiamo detto che 15,82 kWh / 100 km è il consumo medio dei veicoli elettrici secondo SpritMonitor.

1 kWh produce 0,4332 kg di CO2 (procedura di calcolo della regione Lombardia).

Quindi i g/km emessi da un veicolo elettrico sono: 15,82 x 433,2 / 100 = 68,5 g/km.

Il limite attuale è di 95 g/km.

Il nuovo limite sarà di 95 x 0,65 = 61,75 g/km.

Pertanto, il veicolo elettrico medio non è in grado di soddisfare i limiti di emissioni di CO2 previsti per il 2030.

Non vedo grandi possibilità di diminuzione di consumi perché i motori elettrici hanno già un'efficienza estremamente elevata e le centrali elettriche hanno tecnologie ultra assestate.

Ovviamente immagino che il carbonio prodotto per l'alimentazione dei veicoli elettrici verrà "ignorato" dai commissari che considereranno l'impronta di CO2 dei BEV pari a zero.

 

  • Like! 1
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Wilhem275
      Visto che con gli strascichi del dieselgate sembra che il segreto di Pulcinella sia venuto allo scoperto e cioé che gli attuali test in laboratorio di omologazione delle emissioni lasciano margine per ampie discrepanze con la situazione su strada, è aumentato l'interesse per nuovi test che misurino in maniera più realistica le emissioni dei motori.
       
      In sede EU su questo tema si è già discusso e anche deliberato, e si va verso una nuova tipologia di test denominata RDE - Real Driving Emissions. Niente di nuovo per addetti e interessati, ma facciamo un po' di riepilogo per gli appassionati.
       
      Cito da varie fonti:
      - Consiglio EU
      - caremissionstestingfacts.eu , sponsorizzato da ACEA
      - theicct.org , ICCT è un ente no profit che spinge per la riduzione delle emissioni nei trasporti
       
      La notizia data dal Consiglio fornisce date precise per il rollout del nuovo test:
      http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2016/02/12-vehicle-emissions-in-real-driving-conditions-2nd-package/
       
       
      La legislazione andrà completata con un terzo e quarto pacchetto, che definiscano in dettaglio limiti e procedure. Il terzo è in agenda per ottobre 2016.
       
      Il test includerà una gamma di condizioni di guida:
      alte e basse altitudini temperature di stagioni diverse maggiore carico a bordo guida in salita e discesa guida urbana, extraurbana ed autostradale  
      L'apparecchiatura per il test è denominata PEMS - Portable Emissions Monitoring System e dovrà essere dotata di diversi sensori per registrare anche la condizione ambientale al momento del test, data la natura eterogenea di un test su strada.
       

       
      (lupus in fabula, un'A4 Euro 5 )
       
       
       
      Proprio questa varietà di condizioni, che influenza non solo il motore ma anche la taratura del PEMS, è il motivo del margine elevato.
       
      L'ICCT è però critico sulla larghezza di questi margini, che con la scusa di far rientrare tutti vanno ad essere più laschi rispetto a quanto i produttori più virtuosi stiano ottenendo già oggi.
      http://www.theicct.org/sites/default/files/publications/ICCTbrief_EU-RDE_201512.pdf
       
      A mio avviso è un compromesso purtroppo necessario, per evitare shock eccessivi sul sistema. La cosa importante, come rileva anche ICCT, è che si stabilisca un punto di partenza e poi si proceda con restrizioni progressive di anno in anno.
       
       
      Da quello che ho capito la novità sta "solo" nella procedura di test, che comunque affiancherà e non sostituirà quella in laboratorio (NEDC e suo successore WLTP ), e almeno per il momento i limiti resteranno quelli Euro 6 definiti nel 2007.
      Anche comprensibile che non si stringa subito, perché sarà già uno sforzo riuscire a rientrare nella realtà col RDE...
      Euro 7 è previsto molto più in là, 2025 per nuove omologazioni e 2026 per nuove immatricolazioni.
       
       
       
      Altri topic attinenti:
      - Insostenibilità ambientale dei motori diesel nelle automobili, per discutere di tutte le discrepanze emerse tra emissioni in laboratorio e su strada, pur restando nei limiti legali di omologazione;
      - il Dieselgate VAG, che invece che sfruttare i buchi della procedura l'ha direttamente saltata a piè pari...
×