Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Beckervdo

Emissioni: la UE conferma -35% di emissioni CO2 entro il 2030

Recommended Posts

4 minuti fa, jameson scrive:

...

Telelavoro è una leggenda metropolitana... Chi può lavorare senza attrezzature e/o il bene fisico da gestire? Non i commercianti, non gli artigiani, non gli operai... Giusto impiegati amministrativi, informatici e qualche progettista che lavora da solo. Magari potessi evitarmi almeno qualche volta al mese i 110 km quotidiani che mi toccano.

E-learning... bo'... trovo che l'interazione col docente sia essenziale in studi non di serie B. Infatti ignoro i webinar ma partecipo attivamente ai seminari fisici.

In quanto informatico, ti posso dire che non siamo pochi. :-) Per cui un buon sviluppo del Telelavoro toglierebbe un bel numero di auto dalle strade.

L'interazione docente/studente è IMHO proficuo quando si arriva tra la fine della triennale e la magistrale, nei primi due anni molti corsi (che hanno il maggior numero di iscritti) possono IMHO essere somministrati anche solo di E-Learning (es: meccanica, cinematica, studio di funzione, corsi base di programmazione, ecc)

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, nucarote scrive:

In quanto informatico, ti posso dire che non siamo pochi. :-) Per cui un buon sviluppo del Telelavoro toglierebbe un bel numero di auto dalle strade.

L'interazione docente/studente è secondo me proficuo quando si arriva tra la fine della triennale e la magistrale, nei primi due anni molti corsi (che hanno il maggior numero di iscritti) possono secondo me essere somministrati anche solo di E-Learning (es: meccanica, cinematica, studio di funzione, corsi base di programmazione, ecc)

 

mio padre lavorava in banca in una sede in cui c'erano tipo 200-300 persone la cui maggioranza lavorava sempre e solo al pc, anche le riunioni erano al 90% conference call con la webcam.

il telelavoro non è assolutamente una leggenda metropolitana, avrebbe un impatto notevole sulla mobilità.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, itr83 scrive:

 

mio padre lavorava in banca in una sede in cui c'erano tipo 200-300 persone la cui maggioranza lavorava sempre e solo al pc, anche le riunioni erano al 90% conference call con la webcam.

il telelavoro non è assolutamente una leggenda metropolitana, avrebbe un impatto notevole sulla mobilità.

Infatti ho incluso gli impiegati amministrativi tra i papabili... Ma mica tutti lavorano in banca.

Poi se qualcuno riuscisse a starsene a casa e a togliersi dalle strade a me farebbe solo piacere... ma alla fine sono quelle categorie là che potrebbero farlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

3 ore fa, Beckervdo scrive:

European Council agrees on 35% cut in new car CO2 by 2030

Con la stretta sui diesel (che non disdegno, se non per la demonificazione a tappeto), penso sia un traguardo ancora più difficile da raggiungere, se non "ingannando" con escamotage su elettriche e plug-in.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Sandro scrive:

Quindi, elettrico.

Quindi, trasferire le emissioni dall'auto alle centrali: checché se ne dica, il rinnovabile non può coprire tali richieste energetiche.

Resto fiducioso nel progetto ITER - sempre ch'io campi abbastanza per vederlo funzionante. 

L'alternativa? Un bel tuffo nel passato.

Risultati immagini per bicicletta 3 ruote per adulti

Ci porti i figli a scuola e ci fai la spesa; ti mantieni in forma e abbatti il colesterolo.

L'ideale sulle nostre aree collinose e montagnose :pensa:

Ma Nella aree collinose e montagnose oramai si può stare sui 20km/l con una macchina media.

Il grosso problema sono gli 8-10 che finisci a fare in città....in coda o a cercare posto.

E lì piedi/bici possono dire ampiamente la loro (anche in termini di tempo).

 

senza arrivare ai semafori che diventano verdi quando si avvicina il bus come succede a New York 

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Sandro scrive:

Quindi, elettrico.

Quindi, trasferire le emissioni dall'auto alle centrali: checché se ne dica, il rinnovabile non può coprire tali richieste energetiche.

Resto fiducioso nel progetto ITER - sempre ch'io campi abbastanza per vederlo funzionante. 

L'alternativa? Un bel tuffo nel passato.

Risultati immagini per bicicletta 3 ruote per adulti

 

Ci porti i figli a scuola e ci fai la spesa; ti mantieni in forma e abbatti il colesterolo.

L'ideale sulle nostre aree collinose e montagnose :pensa:

Condivido appieno il tuo pensiero...

Ma soprattutto dove la prendiamo l'elettricità? noi in italia? non ci basta nemmeno adesso che l'elettrico non è arrivato...

 

Per sensibilizzare l'uso delle bici in città ma magari.... per bici multifare magari con un bel motorino elettrico che aiuta....

 

Io per esempio per andare a lavoro devo attraversare torino alle 7:45 le strade sono BLOCCATE... i mezzi pubblici ci mettono 1 ora.. quindi uso una bici e ci metto la  metà del tempo... (non sto scherzando..) anche se non sempre uso la ciclabile perchè (almeno qui a torino) non sono fatte manco dall'ing Cane....

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è chi per il 2030 ha ben altri progetti (se passa), niente piu auto a benzina e diesel, solo elettricità e gas naturale.

 

Piccolo problema sui bus a CNG: il 50% dell'alimentazione deve essere diesel, a meno che non si inventino bus e camion a benzina convertiti...

 

https://www.reuters.com/article/us-israel-electric-vehicles/israel-aims-for-zero-new-gasoline-diesel-powered-vehicles-by-2030-idUSKCN1MJ1PS

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 10/10/2018 at 14:27, jameson scrive:

Quello che non ho ancora sentito dire chiaramente da nessuno è se per gli EV e ibridi plug-in si tiene conto delle emissioni di CO2 per la produzione dell'energia elettrica.

Mi cito da solo e mi rispondo in parte da solo.

Abbiamo detto che 15,82 kWh / 100 km è il consumo medio dei veicoli elettrici secondo SpritMonitor.

1 kWh produce 0,4332 kg di CO2 (procedura di calcolo della regione Lombardia).

Quindi i g/km emessi da un veicolo elettrico sono: 15,82 x 433,2 / 100 = 68,5 g/km.

Il limite attuale è di 95 g/km.

Il nuovo limite sarà di 95 x 0,65 = 61,75 g/km.

Pertanto, il veicolo elettrico medio non è in grado di soddisfare i limiti di emissioni di CO2 previsti per il 2030.

Non vedo grandi possibilità di diminuzione di consumi perché i motori elettrici hanno già un'efficienza estremamente elevata e le centrali elettriche hanno tecnologie ultra assestate.

Ovviamente immagino che il carbonio prodotto per l'alimentazione dei veicoli elettrici verrà "ignorato" dai commissari che considereranno l'impronta di CO2 dei BEV pari a zero.

 

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.