Vai al contenuto
Emerson

Incentivi 2019 e tasse sulle auto nuove - UP 13:00: smentita circa le tasse - UP 16:30: Castelli si all'ecotassa, è nel contratto!

Messaggi Raccomandati

qui mi pare che il palesarsi dell'incompetenza tecnica di determinati figuri stia raggiungendo livelli cosmici.

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
12 minuti fa, GL91 scrive:

Posso anche essere d'accordo, il problema è che questo schema di tassazione non colpisce le auto inquinanti, perchè penalizza il metano e favorisce il diesel, inoltre diverse ibride testate col WLTP superano i 90 g di CO2 e quindi non percepiscono incentivi; insomma l'impatto sull'ambiente sarà praticamente nullo. Anche perchè, mettiamo il caso che io usufruisca dell'incentivo e mi compri una elettrica, ma non ho un box, ho solo un posto auto nel cortile del palazzo: dove la ricarico, visto che non posso mettere la colonnina di proprietà, non ci sono quelle pubbliche, e non sono previsti fondi per installarne di nuove?

Sono d'accordo. Nel merito, sono demenziali le soglie proposte.

 

Motivo per cui mi aspetto che vengano riviste.

 

Dopo di che, ecotassa o non ecotassa, iniziamo a valutare (anche) dal punto di vista ambientale le auto che acquistiamo.

 

Perché gira e rigira, anche nei topic appositi sui consigli sull'acquisto, quante volte salta fuori come requisito o richiesta che l'auto inquini poco?

 

Deve essere bella, costare poco, consumare poco (ovvero, non sempre inquinare poco, come il diesel insegna), essere confortevole, divertente da guidare...tutte cose ovviamente legittime e condivisibili.

 

Ma in pochissimi casi si parla anche di quanto debbano essere sostenibili.

 

Ecco, non dico che dobbiamo parlare solo di quello, che sarebbe sbagliato. Ma almeno parliamone.

 

 

Modificato da led zeppelin
  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
23 minuti fa, led zeppelin scrive:

Comunque, credo che dobbiamo iniziare ad abituarci al fatto che se non è quest'anno, sarà quello dopo o quello dopo ancora.

 

Magari alzeranno la soglia di "tassazione" ai 120 g invece che i 110.

 

Ma prima o poi si inizia. L'auto come l'abbiamo conosciuta nel Novecento, oggi è un lusso che ambientalmente non è più sostenibile alla stessa maniera.

 

 

 

Non vedo perchè. Riferendosi all'europa, la popolazione è stabile se non in diminuzione, e di qui il numero di vetture non può che fare altrettanto. Diventando però al contempo piu efficienti, quindi male che vada rimaniamo come ora. Piu probabilmente, la demografia ci darà una mano e l'innovazione altrettanto.

Discorso diverso per i paesi in via di sviluppo, ma li non possiamo essere noi a dettare l'agenda.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Mah... ma in fin dei conti, quante NOx butta fuori un diesel con SCR a urea a listino oggi? 

L'ultima generazione di Mercedes sta a 40-60 mg/km contro 168 che è il limite delle RDE attuali... pure BMW su livelli simili.

Ormai l'opinione pubblica ha deciso... ma dategliela una possibilità di redimersi, dopo decenni di fumate nere...

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 ore fa, Nico87 scrive:

 

Non vedo perchè. Riferendosi all'europa, la popolazione è stabile se non in diminuzione, e di qui il numero di vetture non può che fare altrettanto. Diventando però al contempo piu efficienti, quindi male che vada rimaniamo come ora. Piu probabilmente, la demografia ci darà una mano e l'innovazione altrettanto.

Discorso diverso per i paesi in via di sviluppo, ma li non possiamo essere noi a dettare l'agenda.

E' che intanto la domanda di mobilità resta in aumento, e così la quantità di traffico. La tecnologia riduce le necessità di spostamento e lo farà sempre di più, vero, però c'è molto altro nell'equazione.


Però sul discorso della maggiore efficienza ho delle forti riserve: in senso assoluto un'auto di oggi è imparagonabile ad una sua antenata di 20 anni fa, ma nella pratica il confronto salta perché stiamo sostituendo utilitarie con rialzette sovrappeso, e non metterei la mano sul fuoco sul risultato finale...

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
1 ora fa, Wilhem275 scrive:

E' che intanto la domanda di mobilità resta in aumento, e così la quantità di traffico. La tecnologia riduce le necessità di spostamento e lo farà sempre di più, vero, però c'è molto altro nell'equazione.


Però sul discorso della maggiore efficienza ho delle forti riserve: in senso assoluto un'auto di oggi è imparagonabile ad una sua antenata di 20 anni fa, ma nella pratica il confronto salta perché stiamo sostituendo utilitarie con rialzette sovrappeso, e non metterei la mano sul fuoco sul risultato finale... 


Da quello che mi dicono gente di 60/70 anni, le grandi città erano molto piu inquinate di oggi. E all'epoca c'erano meno auto, meno popolazione e di conseguenza meno abitazioni e meno efficienti.

A mio parere (e non sono un pianificatore territoriale) la demografia, unita al normale ricambio di impianti industriali, nonchè purtroppo la deindustrializzazione e la delocalizzazione di alcune attività che qui sono antieconomiche da tenere pulite, caldaie (e qui sarebbe da impiccare chi disse anni fa che il pellet è ecologioco...) e automezzi, mettiamoci anche forse i cambiamenti climatici, saranno sufficienti a mantenere un livello di inquinamento dignitoso e in calo costante.

Chiaro che in alcuni casi saranno necessarie misure localizzate supplementari, ma francamente non mi starei ad arrovellare a tirar fuori tecnologie complicate e costose con vantaggi globali molto discutibili.

Secondo me, bisogna trovare in tutte le cose l'equilibrio corretto e globalmente sostenibile. Del tipo, noi possiamo passare all'auto elettrica, ma al prezzo di devastare il sudamerica per estrarre il litio, ed ipotecare il futuro dei nostri figli con lo smaltimento delle batterie.
Noi avremo l'aria un filo piu pulita (forse), ma loro come starebbero?

Modificato da Nico87
  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Non sono contro la Ecotassa, ma fatta così va ad aggiungersi a un sacco di tasse pregresse.

 

un'auto media (da 500 euro di costo) già tutti gli anni paga 350 euro di bollo (a spanne). IVA al 22% e Benzina al 4*/5* prezzo più caro del Mondo.

 

così non può andare. 

 

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Non sono riuscito a leggere tutto, ma volevo aggiungere una cosa. Tempo fa ho chiesto ad un amico giornalista che si occupa di divulgazione scientifica, che per uso personale acquista auto a benzina e le fa trasformare a gpl, quale fosse la tipologia di trazione con il minor impatto ambientale, dalla costruzione allo smaltimento (non ci dimentichiamo che oltre a dover estrarre il litio le batterie da qualche parte andranno smaltite, non sulle solite spiagge dei paesi del terzo mondo intendo). La risposta è stata che ... nonostante si sia messo a cercare studi attendibili in materia, non è riuscito a trovare indicazioni univoche e affidabili per una risposta. Mi chiedo quindi da dove derivi a chi governa questa certezza tout court che elettrico è meglio del termico, ed in particolare del tanto vituperato diesel.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

secondo me ci deve essere qualche affare di qualcuno che conta sotto.

Non è possibile questo cambiamento repentino. Ok che governa il M5S (e sappiamo cosa ne pensano questi dell'auto).

Chiaro anche che non stanno pensando a lungo termine. 

Mi ripeto, questa tassa, non farà altro che rimandare il cambio auto.

 

Mi immagino i milanesi che son costretti a cambiare le loro diesel euro 3 e si trovano anche questa tassa.

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
10 ore fa, led zeppelin scrive:

Ma prima o poi si inizia. L'auto come l'abbiamo conosciuta nel Novecento, oggi è un lusso che ambientalmente non è più sostenibile alla stessa maniera.

 

il 12% delle emissioni di CO2 globali vengono dalle automobili

 

ma del traffico navale e aereo, totalmente libero, con combustibili tassati pochissimo, senza nessunissimo sistema di controllo emissioni, in rapida crescita, di quello nessuno ne parla

anzi, il semplice allevamento animale inquina di più di tutti gli autoveicoli esistenti al mondo, ma come sempre le automobili sono il capro espiatorio preferito degli pseudo ambientalisti

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.