Vai al contenuto
Autopareri news
  • Buon 2019 da Autopareri e Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

Messaggi Raccomandati

Purtroppo la stragrande maggioranza delle auto recenti prevede che il quadro sia acceso all'avvio dell'auto (non importa se siano accese le diurne o gli anabbaglianti). 
Prendendo come esempio le citycar e le compatte in versione base o poco accessoriate (ovvero la maggior parte del parco auto circolante in città) non sono previsti i fari automatici basati sul sensore di luminosità. 

PS. Le auto moderne hanno le diurne a LED, avete notato che fastidio vi danno incrociandole non avendo la luce direzionata in basso?
Inoltre dal punto di vista del guidatore i LED delle diurne di notte fa una discreta luce. 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

io abito in zone nebbiose,  per me più grave è il problema di quelli che di mattina con le diurne sono invisibili da dietro, perché non accendono le  luci di posizione .

 

comunque la macchina di mio fratello (MY18) ha le luci  accese anche dietro di default  mi pare, credo sia un obbligo oggi.

Modificato da Matteo B.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
4 hours ago, GL91 said:

Io ultimamente noto anche un sacco di gente con i fari troppo alti, che finisce col puntarmeli dritti negli specchietti, accecandomi. E c'è poi un aumento esponenziale di gente che guida con tutti gli stop fulminati, TUTTI, dal primo all'ultimo, e quindi ti costringe a frenate improvvise perché te li trovi davanti di colpo.

Comunque possiamo stare qui a discuterne per giorni, ma la soluzione è sempre e solo una: multe a tutto spiano e su tutti i fronti, che ci sono veri e propri pericoli pubblici in giro, tra luci fulminate e gente che guida con gli specchietti perennemente chiusi; invece ormai le multe sono solo uno strumento per fare cassa, e vengono fatte solo a chi non paga sulle strisce blu.

 

Magari sbaglio, non ho mai avuto auto con le diurne, ma il quadro non dovrebbe restare spento e accendersi solo con gli anabbaglianti?

Io sono d'accordo con te. Il problema, almeno dalle mie parti, e' che le forze dell'ordine che dovrebbero controllare sono sempre meno presenti sulle strade

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Io ho una Delta del 2011 con luci diurne a led solo anteriori: avrei preferito si accendessero anche le posteriori, a led pure loro.

Il quadro strumenti e le luci abitacolo invece restano spenti con le luci diurne e questo aiuta molto a non dimenticare di accendere gli anabbaglianti di notte.

Semmai ho notato che quasi nessuno sfanala o suona per segnalare le luci spente di notte: pare non freghi nulla a nessuno.

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Premessa doverosa: viaggio abbastanza per l'Italia, in qualsiasi ora della giornata.

E' un dramma questa cosa delle luci diurne nel tardo pomeriggio/sera.
Le trovo comode, molto, per farsi vedere e per vedere sopraggiungere gli altri, di giorno.
Però come scende il sole o le condizioni diventano di scarsa visibilità, in città (e anche fuori città, spesso) non capisco cosa scatta in chi guida: d'accordo che soprattutto quelle a LED hanno una buona visibilità, ma cavolo si tratta di girare una manopola!
E' anche vero che il quadro strumenti di molti modelli recenti è sempre retroilluminato; apprezzo da questo punto di vista alcune scelte sulle medie VAG, che hanno un sensore di luminosità per il quadro strumenti (con le diurne o le luci di posizione accese): quando si fa buio non vedi 'na mazza, solo le lancette, e tocca rimediare accendendo i fari. Sulla Panda invece erano sempre accesi (e anche sulla 500L mi sembra).
 

Sulle frecce meglio che non scrivo nulla: è una "battaglia" persa, nelle rotonde soprattutto!

Concordo con tutti: le automazioni sono comode ma stanno rendendo più pigri guidatori e guidatrici.

Modificato da asda

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
4 ore fa, Matteo B. scrive:

io abito in zone nebbiose,  per me più grave è il problema di quelli che di mattina con le diurne sono invisibili da dietro, perché non accendono le  luci di posizione .

 

comunque la macchina di mio fratello (MY18) ha le luci  accese anche dietro di default  mi pare, credo sia un obbligo oggi.

Da me é il festival di chi solo perché é giorno gira a luci spente (non hanno nemmeno le diurne) nonostante ci sia la nebbia con visibilità se va bene di 50 metri..e poi ti ritrovi chi ti abbronza col retronebbia quando piove :disp2:

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da AngeloUPuglis
      Ciao amici. Se dovessi aver sbagliato sezione chiedo scusa. L'altra mattina mentre percorreva una strada statale mi sono imbattuto in un cerchione di un camion con relativo pneumatico. In seguito alla collisione inevitabile l'auto è volata sul camion che sorpassavo ed è poi finita sul guardrail. 
      Non vi dico il dolore, in seguito al primo urto, ho sentito la schiena come se avessi ricevuto un forte calcio, formicolio e un leggero senso di paralisi, seguito da un forte calore, il tutto mentre l'auto continuava a viaggiare quasi senza controllo. Sono sceso dall'auto dopo aver dato un calcio alla portiera che non si apriva più. Ho chiamato subito ambulanza Carabinieri e Polstrada. I carabinieri hanno prontamente rintracciato il camionista che aveva perso la ruota e la polizia mi ha interrogato per la dinamica. Nonostante usassi il sistema di ritenzione gli airbag non sono esplosi. Pertanto penso che farò a causa alla Volkswagen. Sono ricoverato in ospedale con prognosi riservata. Di sicuro ho almeno la rottura di una vertebra. 
       
      Piccolo sfogo. Alla Euroncap riprovassero le Up e restassero la durata temporale degli airbag... 
       


    • Da J-Gian
      Ieri sera per l'ennesima volta ho visto la fine a pochi istanti da me. Questo per colpa di un testa di minchia, un menomato mentale con evidenti deficienze ed incapacità varie non giustificate, che stava guardando/scrivendo con il telefonino mentre era alla guida.
       
      Ci siamo scambiati di corsia, costringendomi ad un pericolosissimo contromano in curva: il testa di minchia, quando è sbucato dalla curva, era praticamente già tutto sulla mia corsia, con la faccia ben illuminata di bianco-bluaceo mentre sfrecciava. Io sono riuscito a passare sulla corsia opposta, finendo con due ruote nell'erba, giù dal bordo stradale, tirando anche un bel grattone con una parte inferiore del muso.
       
      Per un qualche miracolo, tra i sobbalzi vari, sono ritornato sulla mia corsia con il cuore in gola e mi sono fermato un po' nella prima laterale.
      Non ho visto che fine abbia fatto il tizio, so solo che non si è schiantato. Non vi dico cosa gli ho augurato.
       
       
      Adesso basta, occorre fare qualcosa.
      E penso che contro queste capre occorra usare solo la severità, soprattutto una volta sorpresi a commettere queste gravi irregolarità.
       
      Come dicevo sopra, non è la prima volta che corro rischi del genere per colpa di qualcun altro, un rischio occorso per un motivo stupido e cosciente. Non si tratta di una fatalità o condizioni imprevedibili. E ciò è veramente demenziale, stupido, senza senso.
       
       
      Per l'uso del telefono alla guida bisogna pensare a punizioni/provvedimenti veramente seri per dissuadere dall'uso improprio del telefono:
      - ritiro della patente immediato
      - sequestro dello smartphone e del'auto
      - servizi sociali, come per coloro che hanno avuto problemi con alcool o stupefacenti
       
      Non penso di essere esagerato, perché l'uso improprio dello smartphone mentre si guida, è una cosa di cui si può completamente fare a meno.
      Non è vitale, anzi può essere mortale.
      Ed inoltre, se parliamo di chiamate, ci sono mille e più tecnologie - di cui peraltro sono infarcite anche le nostre auto - che ne consentono un uso molto più sicuro.
       
       
      Spero veramente che più di qualcuno la pensi come me ed abbia voglia di battersi per combattere queste ignorantissimi comportamenti. Anche se mi aspetto molta cocciutaggine da parte di qualcuno, un non voler capire cose ovvie che ultimamente sta un po' dilagando, o che quantomeno risulta più evidente anche grazie ai social.
       
      Io proverò a partire dalle piccole cose, ad esempio raccontando questo episodio (che appositamente ho voluto condividere con voi) ai miei amici conoscenti, invitandoli a riflettere ed a dissuaderli da questi comportamenti.
       
      Se avete idee/proposte per eliminare questa piaga, sono ben accette.
       
      A me anche ieri è andata bene, ma per solamente grazie ad un istante fortunato.
       

       
       
       
       
    • Da J-Gian
      Lo dico subito: ho usato un titolo un po' fuorviante Ma lo stesso, potrebbe diventare una proposta interessante...
       
      Rinfreschiamo la memoria: secondo l'articolo 173 ( 2 e 3-bis) del nuovo CdS, chi viene sorpreso alla guida (anche al semaforo) mentre usa lo smartphone, viene punito con una sanzione amministrativa che va dai 161 ai 647 euro ed una decurtazione di 5 punti dalla patente. Per chi è recidivo nel biennio successivo, è prevista anche la sospensione della patente da 1 a 3 mesi.
       
      Dal 26 giugno 2018, la Procura di Pordenone, con la direttiva n. 4414, stabilisce che in caso d'incidente grave (con feriti o decessi), gli organi di polizia potranno verificare telefoni o dispositivi di comunicazione dei coinvolti, per verificare se siano stati utilizzati durante l'incidente e quindi ne siano concausa. La mancata collaborazione da parte del proprietario, farà scattare la perquisizione personale, con il sequestro del dispositivo stesso.
       
      Lo riporta il quotidiano d'informazione giuridica dirittoegiustizia.it:
      Il provvedimento per ora riguarda il solo Friuli-Venezia Giulia, ma potrebbe esser presto recepito ed esteso ad altre regioni d'Italia.
       

       
       
      Personalmente auspico ad una severità ancora maggiore: multa, sospensione immediata della patente e sequestro del dispositivo.
      Ma questo è un mio pensiero, scaturito del fatto che per colpa dello smartphone durante la guida, si muore. Voi come la pensate?
×

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.