Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
J-Gian

Message added by J-Gian

Recommended Posts

29 minuti fa, AleMcGir scrive:

timthumb_php.jpg.5f1c30f039be711bbbd4dd9661bb400f.jpg

 

17 minuti fa, pixhell scrive:

Bannatelo! 😆

 

Non siate insensibili.

Da quando hanno bandito la gnocca da tumblr, uno deve ingegnarsi... :si:

 

  • Haha! 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già che i francesi mi stanno dove non batte il sole per i miei trascorsi personali :si:..........voi che continuate a calcare la mano.......:-P

 

Scherzi a parte.......e se prima della fusione (se mai ci sarà) scorporassero dal gruppo per lo meno Maserati come fatto in precedenza con Ferrari? Sarebbe fattibile secondo voi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minutes ago, VuOtto said:

Già che i francesi mi stanno dove non batte il sole per i miei trascorsi personali :si:..........voi che continuate a calcare la mano.......:-P

 

Scherzi a parte.......e se prima della fusione (se mai ci sarà) scorporassero dal gruppo per lo meno Maserati come fatto in precedenza con Ferrari? Sarebbe fattibile secondo voi?

Si parla di comau...  anche io sarei per scorporare AR e Maserati se non ci fossero elementi di garanzia sufficienti, tipo la presenza di Nissan 

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 ore fa, nubironaSW scrive:

 

Alfa_romeo_xtrail_2_max_provocation.png.84196944b912e3d25fd3d8196625bb0e.png

nubironaSW, mi deve un telefonino.

È "apparsa" e il cellulare è esploso...

  • I Like! 1
  • Haha! 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 30/5/2019 at 01:54, jameson scrive:

Forse io ho vissuto in un altro mondo finora, ma per me il podio in termini di fuoristrada è:

3. Toyota

2. Land Rover

1. Jeep

tant'è vero che negli anni '70 e '80 il fuoristrada veniva indicato semplicemente come "la Jeep", di qualunque marchio fosse, o (ancora oggi) come "il gippone".

(Senza contare la Gippippa.)

 

spacer.png

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

@jameson

Beh la Land Rover è nata da una Jeep. 

 

La Patrol nacque come versione su licenza della Willys Jeep. 

 

La Land Cruiser nacque come Toyota Jeep BJ su licenza

 

SsangYong nacque acquistando una casa automobilistica coreana che produceva su licenza la Willys Jeep. 

 

Mitsubishi acquisto la licenza per la Willys CJ 3B

 

Suzuki copió la Willys infatti la calandra è parzialmente stata ereditata dai modelli attuali. 

 

Kia nacque dalla Asia Motors che produceva la Jeep CJ. 

 

 

 

 

On 30/5/2019 at 08:12, Bosco scrive:

 

Veramente ancora oggi per ignoranza diffusa il fuoristrada capita di sentirlo chiamare "la jeep".

Appunto non so in che mondo vivi, ma non confondere la bontá con la notorietá. Certo la mia esperienza diretta non fa la regola, ma un'orientamento me lo ha dato.

Patrol é una leggenda nel suo ambinte, impossibile ignorarlo se hai una minima infarinatura del settore.

 

Il Wrangler doveva scontrarsi con leggende come Patrol,Toy lg/lj, ClasseG e Defender ...... quindi vedila pure in questo ordine i primi 3 paritari

 

 

 

Nate tutte da licenze Willys Jeep 😂

Edited by KimKardashian
  • I Like! 5
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche perché a parte una GAZ ( ed una Mitsubishi ) , piccoli fuoristrada 4x4 negli anni 1940 non li faceva nessuno  :)

 

Fun Fact : nel progettare le sospensioni anteriori della Balilla /1100, Giacosa lasciò lo spazio per il semialbero di trazione, ma ovviamente la cosa non interessò minimamente al reparto motorizzazione del R.E. Il buon Dante si rifarà con la Campagnola, che adotterà la sospensione anteriore ( rivista ) della 1400, che aveva lo stesso escamotage .

 

  • I Like! 3
  • Wow! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Bentley celebra il suo centenario con la Bentley EXP 100 GT Concept, la prima vettura della "B Alata" completamente elettrica. La piattaforma è la PPE del gruppo Volkswagen su cui nascono già la Porsche Taycan e la Audi e-Tron.
      Misura 5,8 metri di lunghezza e quasi 2,4 metri di larghezza . D'altra parte, le porte del guidatore e del passeggero sono larghe due metri e aperte verso l'esterno e verso l'alto per facilitare l'accesso e l'uscita dall'abitacolo. Il corpo vettura è dipinto in colore Compass creato appositamente per l'occasione e ispirato ai colori autunnali. Né dovremmo perdere di vista i disegni di entrambi i gruppi ottici e la forma generale della parte posteriore.
      La massiccia griglia in rete (composta da 6.000 lampadine a LED), separate da un sottile pezzo di rame, conferisce alla fascia anteriore un'espressione inconfondibile. I fari smussati arrotondati abbattono la tradizionale configurazione Bentley a due roundel per qualcosa di più snello. Ma attraverso tutto ciò, rimane una caratteristica identificativa: il Flying B montato sul cofano.
       
      E che dire degli interni? Nel interno della Bentley EXP 100 GT è dove la mano degli artigiani della società mostra tutta la sua maestria. I materiali di primo livello sono stati lavorati con cura per raggiungere un ambiente in cui si respira lusso e comfort. Legno e pelle sono molto presenti in tutto l'abitacolo. L'assistente personale di Bentley occupa uno spazio privilegiato nella console centrale, dove può essere visualizzato grazie alla luce proiettata su un vetro.
      I sedili intelligenti biometrici adattivi in tre modi, possono essere configurati a seconda se il conducente sta guidando o se utilizza la tecnologia della guida autonoma. L' intelligenza artificiale è in grado di scegliere tra cinque diverse modalità per i passeggeri di godere di una buona esperienza di viaggio: Enhance, Cocoon, Capture, Re-Live  e Personalizzato.
      Per quanto riguarda la sezione meccanica della Bentley EXP 100 GT, dobbiamo nuovamente sottolineare che si tratta di  un'auto elettrica. È alimentata da quattro motori elettrici che sviluppano una coppia massima di 1.500 Nm e consentono al veicolo di accelerare da 0 a 100 km / h in meno di 2,5 secondi e raggiungere una velocità massima di 300 km / h. Il peso del veicolo è fissato a 1.900 chilogrammi anche con carrozzeria in alluminio e fibra di carbonio. La linea del tetto spiovente e inclinata (ispirata in parte dall'iconico R-Type Continental) si estende senza soluzione di continuità nella lunetta posteriore, gli inserti in rame e argento coprono i bordi della finestra, il parabrezza e le parti delle ruote "Active Aero" a raggi spessi e Il tetto argentato compensa la sorprendente nuova finitura "Compass" di Bentley.
       
      Il sistema di trazione consente un controllo mediante la vettorizzazione della coppia, poiché trasmette il 50% di potenza in più così da affrontare una curva in modo più efficace. Sebbene Bentley non abbia approfondito i dettagli, afferma che la batteria agli ioni di litio consente di realizzare un'autonomia di 700 chilometri. Bentley sottolinea inoltre che la batteria può essere ricaricata fino all'80% della sua capacità in soli 15 minuti (CCS).
       




       
    • By Pawel72
      Quanti di noi si sono chiesti.., ma il grande Drake oltre alle sue magnifiche Ferrari , quali automobili apprezzava e guidava nella vita privata ? 
      La E-Type  è rimasta in vendita per 14 anni, e ne sono stati assemblati oltre 70 mila esemplari.
      Ma quando si parla di macchine così eleganti i numeri non contano. Le parole però sì, come quelle di Enzo Ferrari, che nel 1961 vedendo una E-Type Roadster disse che era “l’auto più bella mai costruita”.
      Enzo Ferrari aveva una Renault 5 Turbo e ora va all’ asta per un prezzo base di 80.000 euro.
      Si tratta di un’ unità prodotta nel 1982, anno in cui “il commendatore” l’ha acquistata. E’ dotata di un quattro cilindri da 1,4 litri di cilindrata e turbocompressore. Associato ad un cambio manuale a cinque marce, eroga 160 CV e accelera da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. La velocità massima è 218 km/h.
      Una caratteristica speciale di questo modello è che Enzo Ferrari ha ordinato l’installazione di una radio Pioneer Ferrari originale. Inoltre, ha ordinato con la vernice rosso granata e tappezzeria dello stesso colore, e tappeti blu.
      Era 1960 all’epoca Ferrari aveva l’abitudine di viaggiare sei mesi su una Fiat, poi sei mesi con una Lancia e sei mesi su un’Alfa Romeo. Guidava anche una Peugeot 404, di proprietà di un suo cognato che viveva in Francia. Inoltre, aveva una Ferrari regolarmente acquistata e per la quale il direttore commerciale Gardini gli aveva praticato uno sconto, peraltro contenuto.
      Il grande Drake ha sempre apprezzato le Peugeot per il loro comfort, il design e la qualità costruttiva, al punto che aveva diverse 404 e 504 per uso personale e addirittura una versione Sw per l’assistenza in pista. Era anche un modo per stuzzicare i vertici della Fiat – erano gli anni successivi alla famosa trasformazione dell’accordo di collaborazione tecnica del 1965 in partecipazione societaria paritetica – che ovviamente non apprezzavano per nulla la cosa…
      Ma Ferrari era caparbio, si sa, e continuava ad andare con una Peugeot 404 all’Autodromo di Modena per assistere ai test di collaudo delle sue macchine… La Fiat, però, fingeva con eleganza di non accorgersi delle divertite provocazioni del Grande Vecchio. E in tanti anni di passeggiate in Peugeot a Ferrari non venne mai contestato nulla…
       






    • By superkappa125
      PRESS RELEASE
       
       
      C'é vita nel CS BMW!
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.