Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
AleMcGir

F1 2019 - Gran Premio d'Australia

Recommended Posts

Palinsesto Sky (Dirette)

Venerdì 15 marzo
PL1: 02:00 – 03:30
PL2: 06:00 – 07.30

Sabato 16 marzo
PL3: 04:00 – 05:00
Qualifiche: 07:00 – 08:00

Domenica 17 marzo
Gara - ore 6:10

Palinsesto TV8 (differite)

Sabato 16 marzo
Qualifiche - ore 14:00

Domenica 17 marzo
Gara - ore 14:00

 

Albert-Park-Map.jpg

 

Cita

Ora è ufficiale: si assegna un punto mondiale a chi sigla il giro più veloce in gara

Lo Strategy Group e la F1 Commission hanno votato all'unanimità via e-mail il provvedimento approvato dal Consiglio Mondiale della FIA: il pilota che siglerà il giro veloce guadagnerà un punto iridato se sarà nei primi dieci. Il punto vale sia per il titolo piloti, sia per quello Costruttori.

 

Ora è ufficiale: il pilota che siglerà il giro più veloce dal GP d'Australia e sarà classificato nei primi dieci della classifica d'arrivo avrà diritto a un punto iridato aggiuntivo. La decisione è stata presa all'unanimità con una votazione via e-mail dallo Strategy Group e dalla F1 Commission che hanno ratificato la nuova distrizione dei punti che era stata approvata dal Consiglio Mondiale della FIA che si era riunito venerdì a Ginevra, a margine del Salone Internazionale dell'Auto.

 

Il punto contribuirà sia al Campionato Piloti che a quello Costruttori: ciò significa che nella stagione saranno disponibili 21 punti in più. L'anno scorso il pilota che aveva ottenuto più giri veloci in gara era stato Valtteri Bottas, capace di essere il più veloce in sette appuntamenti sui ventuno in calendario.

Questo cambiamento regolamentare aggiungerà un ulteriore elemento strategico nel modo di affrontare la fase finale della gara, riproponendo un ritorno al passato visto che il punto aggiuntivo era stato assegnato agli albori del mondiale dal 1950 al 1959.

https://it.motorsport.com/f1/news/ora-e-ufficiale-si-assegna-un-punto-mondiale-a-chi-sigla-il-giro-piu-veloce-in-gara/4351097/

 

Cita

Leclerc: "Sarà il mio debutto con la Ferrari, questo rende il GP d'Australia unico"

Il monegasco è impaziente di fare il suo esordio in gara con il Cavallino, dopo essere stato tra i protagonisti durante i test invernali. Ecco le sue parole prima della partenza per Melbourne.

 

Ormai si sarà abituato a vestire la tuta rossa della Ferrari, ma un conto è farlo nei test. Farlo in un weekend di gara è sicuramente tutta un'altra cosa. C'è da scommettere quindi che il weekend del GP d'Australia resterà indelebile nella memoria di Charles Leclerc, a prescindere da quale sarà l'esito.

 

Ed è una cosa che in effetti sembra già essere molto chiara anche nella testa del monegasco, che lo scorso anno fece il suo debutto assoluto in F1 proprio a Melbourne.

"Ovviamente si tratta di una gara molto speciale per me, sarà il mio debutto con la Ferrari e questo rende questo GP d’Australia unico. Ho già dei bei ricordi legati a Melbourne perché è ad Albert Park che ho esordito in Formula 1 lo scorso anno" ha detto Charles prima della partenza per l'Australia.

 
 

Durante i test invernali, la Ferrari è stata indicata da molti come la monoposto da battere e quindi a Maranello sono tutti impazienti di andare a scoprire se effettivamente è così.

"Sono soddisfatto del lavoro svolto durante i test e non vedo l’ora di scendere in pista perché è nel weekend di gara che bisogna raccogliere i frutti del lavoro fatto durante l’inverno con un bel risultato".

Infine, riguardo alle caratteristiche della pista di Albert Park, ha detto: "Il tracciato è particolare, perché è un cittadino che però ha quasi le caratteristiche di una pista permanente, con ampi spazi di fuga e velocità piuttosto elevate".

https://it.motorsport.com/f1/news/leclerc-sara-il-mio-debutto-con-la-ferrari-questo-rende-il-gp-daustralia-unico/4351002/

 

Cita

Binotto al Corriere della Sera: "Credo che la squadra da battere sia ancora la Mercedes"

 

Daniele Sparisci e Giorgio Terruzzi hanno parlato con il team principal Ferrari prima della trasferta a Melburne: "La Mercedes è favorita ma il nostro obiettivo è quello di spostare la palla dall’altra parte del campo: non siamo qui per vincere una stagione, siamo qua per aprire un ciclo”

 

Mattia Binotto si è "confessato" al Corriere della Sera prima di partire per Melbourne: il team principal si è raccontato a Daniele Sparisci e Giorgio Terruzzi chiarendo alcuni punti molto interessanti dell'avventura a capo della Scuderia Ferrari. Ecco un estratto piuttosto ampio dell'intervista...

 

Domenica si corre a Melbourne. Perché è ottimista?
“Perché abbiamo una squadra che stagione dopo stagione ha dimostrato di crescere. Perché ogni anno impara, anche dagli errori. E questo processo ci sta portando ad avere una monoposto sempre migliore”.

E perché, invece, è preoccupato?

“Credo che la squadra da battere sia ancora la Mercedes. Siamo un gruppo giovane, conosciamo i nostri obiettivi ma dovremo dimostrare di essere uniti nel momento delle difficoltà. Non so se è proprio una preoccupazione, ma la tenuta va verificata”.

Mercedes dunque: siamo alle solite?
“Sì. Ha un gruppo consolidato, sa come costruire una macchina veloce, ha disponibilità economiche, competenze. E se dovesse incontrare difficoltà iniziali le supererà”.

E’ possibile parlare di un punto di forza della SF90?
“Ha una stabilità aerodinamica importante, è prevedibile e costante a medie e alte velocità, con il vento laterale, in curva e nei rettilinei. È un elemento che abbiamo ricercato perché era una delle difficoltà della vettura della scorsa stagione”.

Vettel e Leclerc richiedono metodi di lavoro diversi?
“No, il nostro impegno è dar loro un prodotto identico. E’ diverso l’approccio: Charles per noi è un investimento. Passa molto tempo con gli ingegneri per progredire al meglio. E’ anche una questione di linguaggio, deve acquisire il vocabolario necessario per comunicare perché puoi anche essere sensibile, ma poi devi saper spiegare la macchina. Impara in fretta, è un tipo smart”. 


Spesso si sente dire “Binotto è un tecnico non è un “politico”. E’ vero?
“Binotto è un tecnico scarso (Ride ndr). Battute a parte, non sono particolarmente bravo nella progettazione ma un ingegnere con una buona comprensione del fenomeno fisico piuttosto che meccanico. Credo che in questi anni la mia forza sia stata nella gestione di un gruppo. Che il tema sia tecnico o politico conta poco, l’importante è come organizzi una squadra, come la motivi. Più che altro mi sento una persona che può aiutare gli altri a far bene il proprio mestiere”.

Enzo Ferrari direbbe “un agitatore di uomini”.
“No, la mia è una figura più paterna. Mi sento quasi un tutor”.

Fino a che punto al termine del 2018 è stato vicino a lasciare la Ferrari? E per andare dove?
“Ritenevo di non essere più nelle condizioni di esercitare bene il mio mestiere, e l’ho reso noto. E che questa non fosse solo una difficoltà mia ma riguardasse tutto il gruppo anche perché se un direttore tecnico non lavora al meglio, tutto si riflette su quelli che coordina. Sì, è vero: altre scuderie mi hanno cercato perché la mia esperienza ha valore in F1”.

Niente nomi?
“Ma no, sono tifoso della Ferrari da quando ero bambino. Non ho mai pensato a un’altra squadra se non alla Ferrari”.

Quali erano i problemi con Maurizio Arrivabene?  

“Lavorando qui da 25 anni ho avuto la fortuna di vivere anche momenti gloriosi: gli anni di Todt e Brawn, di Schumacher. E poi con Stefano Domenicali. Io ho sempre imparato da tutti. Ho imparato anche da Maurizio e di questo lo ringrazio. Il rapporto personale è sempre stato buono. Mai un litigio. Le difficoltà riguardavano la visione, la gestione del gruppo o di un week end di gara. Avevamo punti di vista differenti”.

Quale l’insegnamento le ha lasciato Sergio Marchionne?

“Non porci limiti. Darsi l’obiettivo di raggiungere l’impossibile".

E’ rimasto sorpreso quando Marchionne l’ha promossa direttore tecnico?
“Sì, è stato un passaggio completamente inaspettato. Mi aveva già promosso capo dei motori nel 2014 ma credo che con la seconda nomina volesse rompere gli schemi, non solo qui alla Ferrari ma nella F1. Ha scelto un direttore tecnico che non ha mai progettato una vettura. E’ stata una scommessa che ha che fare con questa organizzazione orizzontale, con la quale continuiamo a lavorare”. 


Se potesse scegliere un pilota del passato, chi ingaggerebbe?
“Schumacher. Prim’ancora di metterlo in macchina lo metterei in squadra. Perché è un leader”.

Quell’avventura lì è irripetibile?

“No, e lo sta dimostrando la Mercedes. Il nostro obiettivo è quello di spostare la palla dall’altra parte del campo: non siamo qui per vincere una stagione, siamo qua per aprire un ciclo”.

Sente la responsabilità di aver accolto nell’Academy il figlio Mick?
“E’ solo un grande piacere, ci riempie di gioia averlo. Ma non mettiamogli fretta ed evitiamo i paragoni”.

https://it.motorsport.com/f1/news/binotto-al-corriere-della-sera-credo-che-la-squadra-da-battere-sia-ancora-la-mercedes/4350705/

 

 

  • I Like! 5
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nonostante le incomprensioni e, soprattutto, le visioni differenti di questo sport che ci portano a discussioni infinite senza soluzione auguro a tutti una super stagione; aldilà dei vincitori e dei vinti anche se la speranza per la maggior parte di noi è tinta di rosso 😉

  • I Like! 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Per una serie di ragioni aspetto l’inizio di questa stagione con un’eccitazione che non provavo da anni. 

Anche quella di F2, con 3 puledrini FDA da tenere d’occhio. 

Edited by Unperdedor
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Confermo anch'io lo smanio per l'attesa dell'inizio della stagione....buona stagione a tutti

Voglio vedere Charlessssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss cosa combinaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa manca poco :D

  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

anch io sono uno di quelli che si lamenta ogni stagione ma poi non vedo l'ora che inizi!

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, Unperdedor scrive:

Per una serie di ragioni aspetto l’inizio di questa stagione con un’eccitazione che non provavo da anni. 

Anche quella di F2, con 3 puledrini FDA da tenere d’occhio. 

io più che la F2 (poi sono 2 i piloti FDA, Fuoco non sis a se andrà su trident..) aspetto la nuova F3, dove il livello dei pilotini è davvero alto (FDA su prema vsRenault academy su ART) lì secondo me ci sarà una bella sfida  

Share this post


Link to post
Share on other sites

io invece sono curioso di vedere dove le baby ferrari si piazzeranno, la battaglia a centrogruppo. E l'alcolico biondo... :-D

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Aymaro scrive:

io più che la F2 (poi sono 2 i piloti FDA, Fuoco non sis a se andrà su trident..) aspetto la nuova F3, dove il livello dei pilotini è davvero alto (FDA su prema vsRenault academy su ART) lì secondo me ci sarà una bella sfida  

 

Scusa non ci sono Ilott, Alesi e Mick?

Share this post


Link to post
Share on other sites
 
Scusa non ci sono Ilott, Alesi e Mick?
Avevo completamente dimenticato Alesi anche perché non lo reputo un gran pilota ...

☏ ONEPLUS A5010 ☏

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, AleMcGir scrive:

Domenica 17 marzo
Gara - ore 14:00

 

Peccato: preferivo alle 21.....

  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By lukka1982
      La SF90 Stradale è la Ferrari "di serie" più potente mai realizzata. Il suo posizionamento è sopra la 812 Superfast. Prende l'eredità de "LaFerrari", ma è prodotta in serie. SF90 è l'acronimo per Scuderia Ferrari e 90 per gli anni dalla sua fondazione. 
      I numeri sono assolutamente impressionanti: abbiamo un motore termico V8 da 3.9 litri TwinTurbo che nulla ha a che vedere con quelli realizzati fino ad ora per 488GTB ed F8 Tributo. 
      Abbiamo una nuova termodinamica sviluppata ex-novo, pistoni ed albero a gomiti differenti, più un diverso sistema di sovralimentazione.
      A questo si aggiunge un motore elettrico associato all'albero motore che fa da ISG e da booster, oltre che a compensatore per ridurre il turbolag.
      Sull'asse anteriore troviamo due motori elettrici che rendono, a tutti gli effetti, la vettura a trazione integrale quando occorre.
      La potenza combinata è di 735 kW / 1000 CV che sono divisi tra i 573 kW / 780 CV  ed 800 Nm di coppia del V8 TwinTurbo e gli altri 162 kW / 220 CV dai motori elettrici che erogano altri 800 Nm.
      La trasmissione è affidata ad un doppia frizione ad 8 rapporti che mediante la presa sulle 4 ruote, garantisce uno 0-100 km/h in 2.5 secondi ed uno 0-200 km/h in 6.7 secondi.  La velocità massima ? 340 km/h. 
      Sul circuito di Fiorano la SF90 ha girato in 79 secondi...(1:19) mentre LaFerrari completava il tempo in 1:19,70. 
      Ma la cosa stupefacente è l'adozione della modalità solo elettrica: questo bestione da 1000 CV si muove anche in perfetto silenzio per 25 km e con una velocità massima di 135 km/h. 
       
      Esteticamente la forma segue la funzione, ecco perché abbiamo molte aperture "strategiche" create ad hoc per massimizzare il carico aerodinamico. Il punto centrale del muso si trova 15 mm più in alto delle zone laterali, così da indirizzare al meglio i flussi d'aria: in questo modo si possono generare ben 390 kg di carico aerodinamico a 250 km/h. 
       
      All'interno è tutto costruito attorno al pilota, con un cruscotto digitale curvo da 16" che racchiude le maggior informazioni tra cui la modalità di guida scelta dal selettore sul volante: eDrive, Hybrid, Power e Qualifiy.
      Nella modalità eDrive la SF90 si muove in religioso silenzio. Nella modalità Hybrid si utilizza la potenza combinata di comparto elettrico e termico  secondo logica elettronica In modalità Power si utilizza il V8 TwinTurbo anche per ricaricare le batterie In modalità Qualify si scatenano tutti i 1000 CV.  
      Quanto pesa?
      1570 kg (secondo Ferrari) il che la rende circa 13 kg più leggera de LaFerrari, ma è il 20% più rigida di quest'ultima ed il 40% più rigida dei modelli che utilizzano la medesima piattaforma: il tutto senza aggiungere ulteriori masse.
       







       
      VIDEO
       
       
      Modalità di guida
      E-DRIVE
       



       
       
      HYBRID 
       




       
       
      PERFORMANCE
       


       
       
      QUALIFY
       
       


       
       
      Cartella stampa Ferrari
      ———————————————————————————————
      SPY TOPIC ⤵️
       
      https://www.autopareri.com/forums/topic/66064-ferrari-sf90-stradale-prj-f173-spy
       
      ————————————————————————————————
    • By AleMcGir
      Settimo appuntamento del mondiale di F1, dopo le 6 doppiette vittorie Mercedes nelle prime sei gare del Mondiale di F1, Red Bull e/o Ferrari, riusciranno a (ri)salire almeno sul secondo gradino del podio?
       

       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.