Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Riporto da formulapassion

 

Cita

Non siamo nella posizione di poter fare promesse e non siamo più i favoriti come eravamo invece stati dipinti dopo i test di Barcellona – ha dichiarato il quattro volte iridato secondo quanto riportato dall’emittente tedesca RTL – abbiamo lavorato sodo a Maranello per dare una risposta al distacco accusato prima in qualifica e poi, soprattutto, in gara a Melbourne, ma scopriremo soltanto in pista se le conclusioni a cui siamo giunti si riveleranno delle risposte efficaci ai problemi che abbiamo incontrato. Per ora è tutta teoria, soltanto quando scenderemo sul tracciato capiremo se abbiamo svolto un buon lavoro oppure no”. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, GrigioIngrid scrive:

Riporto da formulapassion

 

 

Beh non ci trovo nulla di male.

E' la realtà dei fatti, nella F1 di oggi si fanno tutte simulazioni teoriche quindi Vettel, giustamente, non si sbilancia altrimenti si illude qualcuno. 

  • I Like! 2
  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Infatti, mi pare un'intervista normalissima ed equilibrata, dove leggete lo sconforto o la derisione della macchina?

Edited by GL91

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, GL91 scrive:

Infatti, mi pare un'intervista normalissima ed equilibrata, dove leggete lo sconforto o la derisione della macchina?

 

Trattasi di "Tafazzismo preventivo".....

  • I Like! 1
  • Haha! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, AndreaB scrive:

 

Trattasi di "Tafazzismo preventivo".....

Suo o nostro nel topic? 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, GL91 scrive:

Suo o nostro nel topic? 🤣

 

...nostro nostro...

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una dichiarazione vale meno di un metro di pista. Capisco lo sconforto, lo provo anch'io, ma mettersi a fare l'esegesi delle interviste di Vettel (che già sono addomesticate di loro) la trovo soltanto una agile pratica di autolesionismo.

Allo stato attuale, dopo dei test buoni e una prima gara pessima, di elementi univoci ne abbiamo ben pochi. Unica cosa saggia da fare: pazientare, e aspettare domenica. La gara è la sola prova d'appello esistente per capire se il team Ferrari ha soltanto toppato in modo grave la gara d'esordio, oppure se le guerre intestine dello scorso autunno, e l'inesperienza di Binotto, hanno compromesso la macchina di quest'anno in modo irrevocabile.

  • I Like! 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

In molti sport le parole contano poco ma personalmente ritengo che in F1 contino ancora meno.

Alla fine non è questione di motivazioni-tattica come in altri sport, la macchina o c'è o non c'è, l'assetto o c'è o non c'è. 

Vettel lo sa benissimo, mi pare però che tutti siano concordi nel fatto che abbiano analizzati molto bene i problemi e sperano di averli, in parte, risolti.

Io credo che sappiano benissimo quale (o quali) siano stati i problemi, poi da qui a risolverli ce ne passa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

bah... confronto PL1 2018 e 2019 le Ferrari si migliorano di 7 decimi con Leclerc meglio di Vettel così come nel 2018 Kimi migliore di vettel. Mercedes più o meno sugli stessi tempi del 2018. Verstappen meglio di se stesso, ma non di ricciardo 2018 (miglior redbull -unica- in pista).

 

Qualcosa è stato fatto, vediamo nei longrun...

 

Ah, fine!

PL1_barhain_2019.jpg.8fc2ad18cc21756cc613a640e6c4be9c.jpg

Edited by nubironaSW
  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Dovrebbe avere la nomenclatura di A250 e, la nuova variante ibrida della Mercedes-Benz Classe A.
      L'unità termica è il 4 cilindri 1332 che già equipaggia la A200 ed eroga 163 CV e 250 Nm di coppia, che viene accoppiato al cambio automatico che farà anche da "power-split" tra le due unità. 
      Il motore elettrico eroga 102 CV e ben 300 Nm di coppia, che consentirà di eguagliare le prestazioni della A 250 a benzina (224 CV ed accelerazione da 0 a 100 km/h in 6.2 secondi, NdR).
      Il pack batterie dovrebbe esser l'unità da 15 kWh, che le dovrebbe garantire un'autonomia - secondo ciclo WLTP - di ben 60 km in modalità elettrica. 
      Ovviamente per fare spazio alla batteria, qualcosa si perderà in termini di bagaglio e di serbatoio del carburante (passerà da 45 a 35 litri).
      Mentre sarà prevista - in futuro - la A200e, mossa dal medesimo motore elettrico, ma l'unità termica è il 1325 da 136 CV

       
    • By RiRino
      Sicuro? Mi pare di ricordare che sui motori condivisi (1.5 dci e 1.3 benzina) su questa serie i doppia frizione siano condivisi(Getrag), sulle altre motorizzazioni il doppia frizione è autoctono. Sulla vecchia serie era MB su tutte le motorizzazioni.
    • By Pawel72
      Quanti di noi si sono chiesti.., ma il grande Drake oltre alle sue magnifiche Ferrari , quali automobili apprezzava e guidava nella vita privata ? 
      La E-Type  è rimasta in vendita per 14 anni, e ne sono stati assemblati oltre 70 mila esemplari.
      Ma quando si parla di macchine così eleganti i numeri non contano. Le parole però sì, come quelle di Enzo Ferrari, che nel 1961 vedendo una E-Type Roadster disse che era “l’auto più bella mai costruita”.
      Enzo Ferrari aveva una Renault 5 Turbo e ora va all’ asta per un prezzo base di 80.000 euro.
      Si tratta di un’ unità prodotta nel 1982, anno in cui “il commendatore” l’ha acquistata. E’ dotata di un quattro cilindri da 1,4 litri di cilindrata e turbocompressore. Associato ad un cambio manuale a cinque marce, eroga 160 CV e accelera da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. La velocità massima è 218 km/h.
      Una caratteristica speciale di questo modello è che Enzo Ferrari ha ordinato l’installazione di una radio Pioneer Ferrari originale. Inoltre, ha ordinato con la vernice rosso granata e tappezzeria dello stesso colore, e tappeti blu.
      Era 1960 all’epoca Ferrari aveva l’abitudine di viaggiare sei mesi su una Fiat, poi sei mesi con una Lancia e sei mesi su un’Alfa Romeo. Guidava anche una Peugeot 404, di proprietà di un suo cognato che viveva in Francia. Inoltre, aveva una Ferrari regolarmente acquistata e per la quale il direttore commerciale Gardini gli aveva praticato uno sconto, peraltro contenuto.
      Il grande Drake ha sempre apprezzato le Peugeot per il loro comfort, il design e la qualità costruttiva, al punto che aveva diverse 404 e 504 per uso personale e addirittura una versione Sw per l’assistenza in pista. Era anche un modo per stuzzicare i vertici della Fiat – erano gli anni successivi alla famosa trasformazione dell’accordo di collaborazione tecnica del 1965 in partecipazione societaria paritetica – che ovviamente non apprezzavano per nulla la cosa…
      Ma Ferrari era caparbio, si sa, e continuava ad andare con una Peugeot 404 all’Autodromo di Modena per assistere ai test di collaudo delle sue macchine… La Fiat, però, fingeva con eleganza di non accorgersi delle divertite provocazioni del Grande Vecchio. E in tanti anni di passeggiate in Peugeot a Ferrari non venne mai contestato nulla…
       






×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.