Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
  • 0
Niepi

Riparare o no? E come? [Perché i ricambi d'auto su internet costano meno]

Question

Ciao, ho una Yaris 1.3 del 2008. Qualche giorno fa ho iniziato improvvisamente a sentire in partenza (prima e retro) e allo spegnimento del motore un rumore di qualcosa metallico localizzato tra il cofano motore e il cambio. Il meccanico Toyota sentendolo ha detto che molto probabilmente è qualcosa nell'impianto di scarico che si è staccato e fa rumore visto che succede quando i giri sono bassi e le vibrazioni maggiori. Il rumore non cambia schiacciando la frizione nè accelerando in folle.

 

Per capire la natura del problema l'ha un po' guidata e mi ha detto che nonostante vada bene relativamente all'età (11 anni 100k km) ci sarebbe da fare qualche lavoro.

 

Mi ha preventivato:

260 euro: tagliando olio, filtro, filtro aria, liquido freni,e candele che andrebbero cambiate a 100k (penso abbia ancora le originali)

74 euro: la frizione mi ha detto che per i km che ha percorso ha ancora abbastanza materiale da non farla slittare ma che ci sarebbe da spurgare l'impianto idraulico.

513 euro: sostituzione cinghia servizi e pompa acqua che mi ha detto andrebbero cambiati a 100k

??? euro: a seconda di quale parte tra catalizzatore, silenziatore, terminale dello scarico è l'imputato del rumore.

 

Nei prossimi mesi potrei ritrovarmi ad aver bisogno dell'auto intensamente oppure quasi per nulla a seconda di che lavoro farò e dove mi troverò ad abitare, il problema di questa spesa è il rapporto in relazione al valore dell'auto che è meno di 3000 euro.

Per il resto l'auto non ha problemi meccanici, la cinghia fa un minimo rumore per un minuto quando fa molto freddo, sintomi della pompa alla frutta non saprei cosa guardare, lo scarico immagino che se fosse il catalizzatore forse sarei fuori con le emissioni.

Il meccanico mi ha detto che dato che sono lavori non urgenti (a parte lo scarico, se è lui che causa il rumore) perché fisicamente i pezzi non sono rotti ma a 100k km sarebbero da fare.

Cosa posso controllare per venirificare se candele, pompa acqua e cinghia sono alla fine?

I lavori maggiori (cinghia e pompa acqua) sono fondamentali? cioè se non hanno mai dato problemi c'è il rischio di una rottura improvvisa con conseguenti problemi annessi?

Infine, considerando età, km e valore residuo dell'auto la rivendita futura non penso benefici dall'avere tutti i lavori certificati per cui stavo pensando se magari ci fosse qualcosa che potrei fare io.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Recommended Posts

  • 0

Io, tendenzialmente, acquisto i ricambi e i materiali solo degli interventi che riesco ad eseguire da solo.

Al limite acquisto l'olio motore per il tagliando, guardando alle specifiche ed alle mie preferenze, lasciando il resto al meccanico.

E come ricambi preferisco rivolgermi ad un ricambista della zona, salvo che la differenza di prezzo dello stesso in internet sia rilevante.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
2 ore fa, Tempra Veloce scrive:

secondo te i meccanici ci guadagnano e basta con la manodopera ? hai idea delle spese che ci sono nel tenere in piedi un'officina ?

Se non ci guadagna con la manodopera significa che deve alzare il costo della manodopera, non ricaricare sui ricambi. Tanto alla fine il costo è lo stesso, ma almeno è più chiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

si ma tanto fanno tutti così... con alcuni se i ricambi glie li porti ti aumentano le ore di manodopera.... se il meccanico vuole quella cifra o ti aumenta le ore di lavoro o il costo orario o il ricarico sui ricambi.... non ci vedo nulla di strano tranne il fatto di fare il giro dei meccanici e fare N preventivi.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
2 ore fa, jameson scrive:

Se non ci guadagna con la manodopera significa che deve alzare il costo della manodopera, non ricaricare sui ricambi. Tanto alla fine il costo è lo stesso, ma almeno è più chiaro.

 

Penso anch'io che in futuro le cose cambieranno, e che il costo dei ricambi si allineerà a quello del commercio online, almeno per certe tipologie di ricambi. Probabilmente verrà introdotta qualche forma di auto-tutela da parte del riparatore, come farti pagare il tempo perso per recuperare i ricambi non conformi, occupazione ponte, ecc. Cosa che viene in parte assorbita dal ricambista. 

 

Alla fine, non mi aspetto scenda di tanto il conto complessivo, visto che portare avanti l'attività di autoriparazione, ormai comporta costi per attrezzature e rinnovo competenze, che non sono per nulla bassi. 

 

Attualmente la cosa resta molto difficile da applicare. Primo perché dovrebbero farlo tutti: se non c'è uniformità nelle proposte, è automatico che uno - magari professionalmente bravo e competente - si becchi del ladro da un cliente rispetto ad altre proposte. 

 

Poi c'è un'altro aspetto che secondo me fa desistere: scaricare "le colpe" del conto alto sui ricambi, non è come scaricarle sulla manodopera. Non tutti accettano di pagare la professionalità.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Il mio discorso era sul quanto ci ricaricano i ricambisti al banco, visto che quelli che vendono online a metà prezzo sicuramente non ci rimettono. E nella maggioranza dei casi sono ricambisti normalissimi, ma che quando vendono online si devono adeguare ai prezzi vigenti.

Non ne faccio un discorso di manodopera o ricerca ricambi di un lavoro dal meccanico. Li poi si paga il tempo richiesto dal meccanico per il lavoro (voce omnicomprensiva di salario del meccanico e costi di struttura) e ogni meccanico metterà il tempo che ci ha messo. Ne faccio solo un discorso di ricarico sui materiali al banco.

P.S. Che comunque nelle auto vecchie trovare i ricambi era abbastanza un delirio (soprattutto le fiat e le asiatiche) nonostante il telaio, non era raro che anche su EPER o TecDoc non ci fosse il codice giusto.
Ma nelle macchine nuove è tutto molto piu standardizzato e semplificato, e francamente non ci si mette piu di 30 secondi per uno che lo fa di mestiere, specie su parti di rotazione, tipo spazzole, freni, filtri, ecc...

7 ore fa, slego scrive:

 

tutto vero, ma manca comunque in tutti questi conti la voce servizio. che è quello che paghi quando ti rivolgi a un'officina, che non ti vende solo i pezzi e le ore di lavoro. 

settimana scorsa ho fatto il tagliando presso l'officina del concessionario: se fossi andato dal mio meccanico avrei risparmiato almeno una 50ina di euro, se fossi andato da uno che si pagare a nero ne avrei risparmiati più di cento, se avessi fatto da me avrei risparmiato forse 200 euro. ma non sono costi comparabili, perché al di là dei pezzi e del lavoro ci sono in ballo livelli di servizio molto diversi. poi sta a me decidere cosa sono disposto a pagare e cosa no. 

che è lo stesso motivo per cui una bottiglia di vino che paghi 5 euro dal produttore la trovi a 10 euro in negozio e a 15 al ristorante. non è che il negoziante e il ristoratore ci mangino sopra. semplicemente e giustamente ricaricano sul prezzo il costo del loro servizio. 

  

e soprattutto, su interventi meccanici, rimane sempre la questione non indifferente della garanzia. perché se io mi compro online un kit distribuzione, lo faccio montare al mio meccanico e dopo un mese mi salta la cinghia, stai certo che non ne risponderà né il meccanico né chi mi ha venduto i pezzi. e io mi trovo con un danno da 2mila euro a fronte di un risparmio di cento euro. 

 

poi, che l'ecommerce stia cambiando parecchio le carte in tavola, come accaduto e accade in altri settori, è evidente. e dove si arriverà ancora è presto per dirlo, anche se mi sento comunque di dire che non saranno solo rose e fiori. 


Il servizio è la manodopera. Il tempo che il meccanico ha dedicato alla tua auto. Incluso del "noleggio" dell'officina e attrezzature, ricerca e ordine ricambio, ecc.... Dall'ufficiale paghi molto, e dal generico paghi meno per tutta una serie di motivi. Francamente non vedo altre voci di costo da aggiungere (ne le ho mai viste aggiungere). Al limite lo smalitmento ricambi.

Edited by Nico87
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
15 minuti fa, Nico87 scrive:

Il servizio è la manodopera. Il tempo che il meccanico ha dedicato alla tua auto. Incluso del "noleggio" dell'officina e attrezzature, ricerca e ordine ricambio, ecc.... Dall'ufficiale paghi molto, e dal generico paghi meno per tutta una serie di motivi. Francamente non vedo altre voci di costo da aggiungere (ne le ho mai viste aggiungere). Al limite lo smalitmento ricambi.

 

la manodopera è il tempo che il meccanico - quello con la tuta - impiega ad effettuare l'intervento e null'altro.

il servizio invece va ben oltre quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
1 minuto fa, slego scrive:

la manodopera è il tempo che il meccanico - quello con la tuta - impiega ad effettuare l'intervento e null'altro.

il servizio invece va ben oltre quello.

E se non lo volessi quel non meglio specificato "servizio" che non ho capito cosa sia, cosa dovrei fare a parte andare da un altro?

46 minuti fa, J-Gian scrive:

Attualmente la cosa resta molto difficile da applicare. Primo perché dovrebbero farlo tutti: se non c'è uniformità nelle proposte, è automatico che uno - magari professionalmente bravo e competente - si becchi del ladro da un cliente rispetto ad altre proposte.

Quello bravo impiega meno tempo a fare la riparazione, quindi se chiede lo stesso prezzo di un altro in realtà guadagna di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Secondo me va distinta la catena di officine e il singolo meccanico. in una catena i dipendenti non penso vengano pagato all'ora o a lavoro effettuato ma hanno uno stiupendio mensile a fronte di tot turni di lavoro, sono dipendenti per cui il datore richiede che un certo lavoro venga svolto in un massimo di tempo per permettere di avere un margine di guadagno. Il singolo meccanico invece è un imprenditore/libero professionista a cui il cliente commissiona un lavoro e di solito questo tipo di rapporto viene pagato a prestazioni eseguite, sarebbe a carico del meccanico fare il conto di quanto deve chiedere in base alle ore che ci impiega per poter coprire le spese e avere un guadagno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Answer this question...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.