Jump to content

Recommended Posts

11 minuti fa, Alain scrive:

io dico solo: 

 

Risultati immagini per ferrari indy

 

 

non puoi più farlo, ora l'indy è mono-telaio (dallara) e si può essere solo motorista (ma dal 2022 credo)

l'unica "minaccia " potrebbe essere questa:

7e239175873329.5c5af05e09ac1.jpg

scusate se mi autocito ma se vogliono gli cedo il disegno a poco :mrgreen:

Edited by Aymaro
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, GrigioIngrid scrive:

Io, invece, me lo guardo....da quando ero bambino seguo tutti i GP, anche dall’estero, non mollo di sicuro per 5” di penalità.

Ne ho viste, come tutti qua dentro, di cotte e di crude.

Intanto son curioso di vedere cosa diranno domani pomeriggio dopo la riunione commissari-Ferrari

si ma mi sono rotto il caiser di perdere per nmila motivi ogni volta. Cioè io mi ci incaxxo.

Mi preparo tutta la settimana all'evento (f1,motogp,sbk ecc), non vedo l'ora di domenica...e poi ogni volta ste mazzate

  • I Like! 1

PETIZIONE 125 in Superstrada e Autostrada

La Desmosedici è una moto difficile, quando dai gas vibra e si muove, ma è una sua prerogativa perchè se non ti fai spaventare vedi che tutto funziona. [Casey Stoner]

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...

Pirro su Canada 2019: “Fu come un gol in fuorigioco”

L'ex pilota italiano - oggi steward in F1 - è tornato a parlare della sanzione che costo la vittoria a Vettel, spiegando il suo punto di vista sull'intera vicenda

Cinque vittorie alla 24 ore di Le Mans, due titoli italiani Turismo conquistati, una carriera leggendaria. Emanuele Pirro è stato uno dei più grandi e vincenti piloti italiani di sempre eppure, soprattutto per gli appassionati più giovani, non è altro che lo steward che ha contribuito a togliere a Sebastian Vettel la vittoria nel GP del Canada 2019. In quell’occasione il tedesco – all’epoca ancora in Ferrari – condusse la gara dall’inizio alla fine, ma fu sanzionato di cinque secondi per aver stretto a muro Lewis Hamilton, rientrando dopo una lieve escursione fuori pista. Quella penalità gli costo il successo e scatenò una pioggia di polemiche, diventate ferocissime e gravi sui social network, con offese dirette alla persona di Pirro. Lo stesso Vettel fu molto critico verso la decisione, contestata in maniera plateale ‘spostando’ i cartelli che indicavano la prima e la seconda posizione nel parco chiuso.

Intervistato nel podcast ufficiale della F1 Beyond The Grid, Pirro è tornato a parlare di quella discussa vicenda, spiegando anche quanto sia stato ferito nel tempo dalle accuse che gli furono rivolte. “Fu molto spiacevole – ha raccontato l’ex pilota romano – in un modo che ha cambiato la mia vita e anche la mia percezione delle cose. Adesso il mio rapporto con i social media è diverso. I social media danno uno strumento in più a tanta gente per esprimere la propria frustrazione. Purtroppo però fanno questo senza la conoscenza necessaria per analizzare certe cose. Più che gli insulti però, è stata spiacevole perché era una situazione chiara. Solo che le persone non l’hanno capito e alla fine tutto il mondo del motorsport e della F1 ha perso qualcosa. La maggior parte della gente ha avuto una percezione negativa [dell’episodio]. Noi abbiamo fatto giustizia su un singolo episodio di gara e tutto questo ha danneggiato tutta la F1 perché è stato percepito in un modo sbagliato”.

Tutto questo mi ha ferito perché amo questo sport davvero tanto – ha aggiunto Pirro – e mi dicevo ‘ma perché non capiscono che vince chi è giusto che vinca, non chi tu vuoi che vinca’. Credo che tutti volessero che vincesse Sebastian. Era in un momento difficile, sarebbe stato un episodio eccezionale. Sarebbe stata una storia meravigliosa. Ma se tu fai gol e sei in fuorigioco, allora deve essere fuorigioco. Qualcuno deve prendere questa decisione, per render lo sport corretto” ha sottolineato l’italiano, attingendo ad una metafora calcistica. Sul comportamento tenuto da Vettel quel giorno però, Pirro non ha dato giudizi negativi: “Abbiamo pensato di sederci a un tavolo e parlarne, ma non l’abbiamo mai fatto. Lui fu gentile con me la gara dopo, ci incrociammo nel paddock e mi diede una pacca sulla spalla. Penso che Sebastian sia davvero un bravo ragazzo, ma nella tensione del momento si è sentito derubato. Che è una cosa comprensibile. Mi era capitata una cosa simile quando correvo nel GT, negli anni ’90. Arrivai a pensare di ritirarmi, perché mi sentivo vittima di una grande ingiustizia. Adesso se rivedo quell’episodio penso di essere un idiota, perché era stata colpa mia. Vettel è un bravo ragazzo, è una persona intelligente. Magari una volta faremo questa chiacchierata con Seb”.

 

https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/pirro-su-canada-2019-fu-come-un-gol-in-fuorigioco-vettel-hamilton-ferrari-mercedes-social-587741.html

 

 

Link to comment
Share on other sites

Io sarò di parte sicuramente da tifoso Ferrari e di Vettel, ma quella decisione è stata per me sbagliatissima. O ha visto qualcosa che a noi non è stato fatto vedere, o gli hanno fatto vedere i filmati sbagliati se è ancora convinto di aver fatto la scelta giusta.

 

  • I Like! 6
Link to comment
Share on other sites

ha omesso di spiegare perchè quando Hamilton fece la stessa cosa a Monaco qualche anno prima non lo penalizzò...

 

o Pirro ha sbagliato in Canada o ha sbagliato a Monaco.

tertium non datur. (per proseguire con le citazioni dal latino :lol: )

 

 

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

Senza vergogna ! 🤣 Perché non parla di casi analoghi (ed alcuni ben più gravi...) avvenuti a più o meno stretto giro di posta che hanno visto decisioni diametralmente opposte ? I teleutenti della F1 s'incazzano per lo stesso motivo per cui s'incazzano da mille mila anni i tifosi di calcio: assenza della benché minima uniformità di giudizio. 

 

 

 

P.S.: comunque i tifosi di corse di vecchia data sanno fin troppo bene che Pirro ce l'ha a morte con la Ferrari per il semplice motivo che il genio ebbe la bella idea di ammetterlo candidamente anni fa nel corso di un'intervista....L'unica funzione che meriterebbe di avere questa intervista, se fosse su carta stampata, sarebbe quella di carta da culo e sarebbe anche un uso fin troppo nobile della medesima. 

Edited by pennellotref
  • I Like! 4

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.