Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

dal mio punto di vista con questo possibile accordo il potere contrattuale di Nissan viene molto ridimensionato.

Anche votando no all'accordo ci sono poche probabilità che il loro voto sia determinante.

Dopodichè loro avranno il 7.5 % del nuovo gruppo, mentre la quota fca -Renault in Nissan resterà sempre del 43%.

per me è piu facile rastrellare un 7% di azioni dal mercato che liquidare un socio al 43%, quindi vedrei la fusione come anche una risposta di renault ai recenti atteggiamenti ostili da parte di Nissan

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse è meglio ribadire che questa non è una fusione, ma un acquisizione di Renault da parte di FCA ( come sempre successo in tutte le trattative precedenti di Fiat ) travestita da fusione per non "épater les bourgeois"

( cit.) .

 

Nissan voleva sfilarsi anche prima , ora a maggior ragione .

 

 


Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ci sono più possibilità che EXOR diventa primo azionario non solo di FCA-R, ma anche di tutta l’Alliance! Certo che qui sarebbe il colpacio!

  • I Like! 2
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, stev66 scrive:

forse è meglio ribadire che questa non è una fusione, ma un acquisizione di Renault da parte di FCA ( come sempre successo in tutte le trattative precedenti di Fiat ) travestita da fusione per non "épater les bourgeois"

( cit.) .

 

Nissan voleva sfilarsi anche prima , ora a maggior ragione .

 

 

Vero, però caro gli costa ai giapani sfilarsi. Nissan necessiterebbe di un'alternativa, che sarebbe nipponico-vestita ovviamente (nessuno parla di Honda per es.). Nel caso in cui, a caro costo, riescano a sfilarsi - e io non ci metterei le mani sul fuoco - in questo caso Mary Barra dovrebbe dormire ancora più preoccupata di prima perché, in termini di azionariato (dato che l'offerta FCA "sterilizza" il governo francese), GM è nella stessa barca di Renault, ossia è una public company....Quindi, per me, ci sono tre possibilità (sempre che l'affare FCA-Renault vada in porto...):

1) JE riporta a più miti consigli i giapani e tutti vissero felici e contenti, con Elka. che si appunta i "gradi" d'imperatore della baracca;

2) JE fa il "matto" e fa una scalata ostile a Nissan;

3) Nissan si "svena" per riprendersi il suo 43% e Mary Barra fa fagotto.

  • I Like! 2

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, stev66 scrive:

forse è meglio ribadire che questa non è una fusione, ma un acquisizione di Renault da parte di FCA ( come sempre successo in tutte le trattative precedenti di Fiat ) travestita da fusione per non "épater les bourgeois"

( cit.) .

 

Nissan voleva sfilarsi anche prima , ora a maggior ragione .

 

 

 

imo il governo francese non lo permetterà mai, guarda la storia di Fincantieri...

 

e non dimentichiamo che non c'è più Marchionne a trattare, se tratta John Elkann finisce che è Renault a comprare FCA :-)

  • I Like! 4
  • TESLA Hug [Trolling Mode] 2
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

P.S.: se pensate che una scalata di Nissan sia da "pazzi", sappiate che, stando alla biografia di Marchionne scritta da Tommaso Ebhardt di Bloomberg, lo stesso ha scritto che il Maglionato gli aveva confidato di disporre di 60 mld di dollari di linee di credito pronte per la scalata a GM. E questo circa tre anni fa....La cosa non è andata in porto perché JE fu dissuaso dal farlo da Warren Buffet in persona (azionista rilevante GM), il quale riteneva che fosse giusto che Mary Barra, appena arrivata a comandare la baracca, si giocasse le sue carte....

11 minuti fa, itr83 scrive:

 

imo il governo francese non lo permetterà mai, guarda la storia di Fincantieri...

 

e non dimentichiamo che non c'è più Marchionne a trattare, se tratta John Elkann finisce che è Renault a comprare FCA :-)

Premessa: JE è tutt'altro che un cretino, strano a dirsi....Inoltre, chi in FCA ha la qualifica/incarico a trattare operazioni di M&A è il padrone della cassa di FCA, ossia Richard Palmer, ossia quello che è storicamente il più capace dirigente di FCA dopo la Buonanima...

Edited by pennellotref
  • I Like! 4
  • Thanks! 1

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma in F1 sparirebbe Alfa o Renault?   Motori francesi rimarchiati?

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, itr83 scrive:

 

imo il governo francese non lo permetterà mai, guarda la storia di Fincantieri...

 

e non dimentichiamo che non c'è più Marchionne a trattare, se tratta John Elkann finisce che è Renault a comprare FCA :-)

 

forse sfugge che se il secondo Mike che si occupa di auto ( il primo è ovviamente Brewer :) )  ha fatto uscire la cosa,  vuole dire che il "go" informale lo ha già avuto . Sennò il tutto moriva prima di nascere, come le chiacchere con GM e PSA .

Edited by stev66
  • I Like! 1

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente sono favorevole, MA: l'accordo deve essere paritetico ma con una certa prevalenza italiana perché i francesi non capiscono piú di automobili degli italiani, semmai di meno dopo aver fatto fuori nel dopoguerra i loro marchi marchi piú caratterizzanti come delahaye delage bugatti voisin ed essersi concentrati solo sull'aeronautica che ha poi portato a dassault e airbus

 

deve esserci dentro anche nissan che ha quella capacità tutta giapponese di lavorare a testa bassa in progetti di ricerca tecnologica e nela definizione della qualità costruttiva che serve al gruppo che si creerebbe

 

i marchi alto di gamma del nuovo gruppo devono restare afa e maserati, niente robe tipo ds, initial paris e simli, il lusso del gruppo e relative risorse economiche devono andare tutte su alfa e maserati

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, itr83 scrive:

 

imo il governo francese non lo permetterà mai, guarda la storia di Fincantieri...

 

e non dimentichiamo che non c'è più Marchionne a trattare, se tratta John Elkann finisce che è Renault a comprare FCA :-)

 

I jap che gli fanno la guerra.

Mercedes in orbita cinese.

Evidentemente non aveva molte alternative.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Similar Content

    • By Pandino
      Press release:
       
       
      RENAULT 

       
       
      Ecco la rinnovata Clio, modificata nel frontale e nella fanaleria. Decisamente meglio, imho.
       
       
    • By v13
      500 1.0 microibrida, esemplare noleggio, 6000 km all'attivo
      versione: credo una Lounge o similare con clima auto, tetto panoramico, cruise, strumentazione analogica, cerchi lega 15 (quelli a raggi, bruttarelli).
      Per il resto la 500 la conoscete tutti, una buona segmento A, con qualità percepita alta e qualità reale più che discreta, anche se c'era un clamoroso errore di montaggio del sottoplancia a sinistra del volante. Quindi mi concentro solo sulla parte inedita, il gruppo motore-cambio.
       
      PRO
       
      - consumi
      su 200 e passa km (di cui poca città, un po' di autostrada a 110km/h e un po' di tangenziale, 70% statale a tratti scorrevole, a tratti lenta) il computer di bordo segnala 4,3 l/100km. Guida attenta, ma normale, con non infrequenti puntate oltre i 3000 giri. Fatto il pieno il cdb mi è sembrato piuttosto accurato, decimo più, decimo meno.
       
      - cambio
      eccezionale! Secco ma gradevole, con corsa ragionevolmente corta. davvero eccellente per una segmento A, ma anche per una B o C.
      E meno male che è gradevole da usare, perché, come vedremo, ce n'è davvero bisogno
      Rapporti corti: qui c'era stato qualche dubbio sulla rapportatura, ma confermo che i 3600 giri a 130 km/h. In prima e seconda anche con una guida dolce si finisce sempre per cambiare sui 3000 giri.
       
      Motore:
      in sé e per sé non sembra male. Non vibra assolutamente mai e, pur senza avere la verve nel prendere giri del 3L VW o del Ford, arriva in fretta ai 5000 giri, poi si siede un po'. Su questo fa un po' meglio degli ultimi 1.2 Fire.
      Il problema è che gli manca coppia e si sente. Sotto i 2000 giri fa fatica e in realtà per tenere il ritmo del traffico bisogna tenerlo sempre fra i 2500 e i 3500. Se poi si vuole un minimo di brillantezza si devono usare le marce basse e tirarle fino e oltre i 4500 giri. Come detto, sia il cambio, sia il motore assecondano senza problemi. A occhio, però, i consumi risentono abbastanza dello stile di guida.
       
      La 6ª marcia è utile e confortevole, ma va usata sempre oltre i 2000-2500 giri ed esclusivamente in pianura. Al minimo falsopiano o salita, di default bisogna scalare in 5ª per non perdere velocità. Per guadagnare velocità, invece, va scalato in 4ª. Sono frequenti i passaggi 4ª-6ª, e in uscita da caselli o rotonde su statale anche i passaggi da 3ª a 5000 giri a 6ª.
       
      Il motore è piuttosto silenzioso. Non fa rumore da tricilindrico da fermo, ma non ha neanche quel rumore quasi da 6 cilindri (si fa per dire ) ad alti regimi, come i concorrenti PSA, Ford o VW. Ho notato una rombosità cupa ai 2000 e soprattutto ai 2500 giri frutto di qualche risonanza.
      L'unico vero problema è che ho notato incertezze ai bassi regimi, sia a caldo che a freddo, e solo con poco carico di acceleratore. Schiacciando oltre la metà nessun problema.
       
      Il Ford 1.1 85CV guidato su Fiesta mi era sembrato più potente, rotondo e gradevole. Il 1.2 82CV su C3 molto più vibrante, ma con più coppia in basso (ma con un cambio da denuncia). Il VW 70CV guidato su Polo precedente mi sembrò molto simile in tutto.
       
      Comportamento del microibrido:
      Fondamentalmente non si nota nulla.
      Nella strumentazione analogica (molto carina, ma davvero poco leggibile) l'indicazione della temperatura del refrigerante è sostituita dall'indicazione di carica della batteria. E qui si vede che la batteria si scarica e ricarica continuamente, segno che viene usata a tutte le velocità. C'è una spia quando la batteria si sta caricando.
      Interessante la ricarica da freno motore, che è così intensa che permette di rallentare spesso senza toccare i freni. All'inizio del rilascio è quasi inavvertibile ma se il rilascio prosegue, allora si fa molto deciso il recupero. Sotto i 1500 giri il freno motore comincia a perdere intensità e il computer suggerisce di scalare.
      Il cosiddetto "veleggio" sotto i 30 km/h è in realtà una specie di start & stop evoluto e devo dire che funziona davvero molto bene. Appena ci si fa l'abitudine si usa sempre.
       
      In definitiva, il comportamento è quello di un 3 cilindri aspirato moderno. Moscio è moscio, al limite del sottomotorizzato, ma se vi ritrovate in uno di questi profili:
      1) vi piace guidare
      2) hai imparato con gli aspirati del secolo scorso
      3) hai imparato bestemmiando con una Panda 750 fire, con la sua miscela magra a freddo e il suo cambio scorbutico,
       
      ...beh, allora ci farete subito la mano.
      Chi invece venisse da un turbo o da un'elettrica o ibrida rimarrà probabilmente traumatizzato.
    • By Pandino
      FB
       
      Inizia a muovere i primi passi la quarta generazione del Ducato (e compagnia bella), attesa nel 2020.
       
      @Aymaro ne sai qualcosa?


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.