Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Posted (edited)
Cita

Stuttgart. The 718 family welcomes new members: with the new 718 Spyder1) and the 718 Cayman GT42), Porsche introduces two particularly emotional and powerful top models to claim top spot in the model series. Their pure character will appeal to sports car enthusiasts who delight in unadulterated driving pleasure and appreciate a high level of agility and an almost intimate proximity to the centre of power. The perfectly balanced mid-engine concept offers all this. For the first time ever, the 718 Spyder and the 718 Cayman GT4 share a technical base. This includes the newly developed four-litre six-cylinder naturally aspirated engine, together with a six-speed manual transmission. The boxer engine generates 309 kW (420 PS) in both models. Whilst the GT4 represents the entry-level GT road model from Porsche, the Spyder lends itself to all kinds of curves. Both rely on highly efficient aerodynamics, a full GT chassis and powerful brakes. 

High-revving and highly emotional naturally aspirated engine
At the heart of both models is the new four-litre six-cylinder boxer engine. The naturally aspirated engine is based on the same engine family as the turbo engines in the current 911 Carrera model series. The new high-revving engine generates 309 kW (420 PS) – 35 PS more than in the GT4 predecessor models. The third generation of the Spyder even has 45 PS more. It delivers a maximum torque of 420 newton metres at between 5,000 and 6,800 rpm. The manual transmission sports cars can both break the 300 km/h barrier: the 718 Spyder has a top speed of 301 km/h, whilst the 718 Cayman GT4 can reach 304 km/h. Both models accelerate to 100 km/h in 4.4 seconds from a standing start. The correlated fuel consumption of the mid-engine sports cars is 10.9 l/100 km according to the New European Driving Cycle (NEDC). The fascinating character of this naturally aspirated engine combines a modern gasoline particulate filter emission control system with the linear power delivery and the immediate response of a GT engine. It has a maximum engine speed of 8,000 revolutions. The unparalleled boxer sound remains untouched. New additions include technical highlights such as adaptive cylinder control. In part-load operation, it temporarily interrupts the injection process in one of the two cylinder banks, thus reducing fuel consumption. 

Piezo injectors are used for direct fuel injection for the first time ever in a high-revving engine. They split each injection process into up to five individual injections. This supports a complete – and therefore emissions-friendly – combustion process. A variable intake system with two resonance valves ensures optimum gas exchange in the cylinders. 

Aerodynamic efficiency: more downforce, the same drag
Among the striking features of the 718 Cayman GT4 is the comprehensively improved aerodynamics concept. It produces up to 50 percent more downforce, without adversely affecting drag – proof of outstanding efficiency. The aerodynamics of both models benefit enormously from the newly designed single-chamber arch rear silencer: it creates space in the rear section for a functional diffuser, which accounts for a good 30 percent of the downforce at the rear axle in the 718 Cayman GT4. The fixed rear wing is also marked by greater efficiency: it produces around 20 percent more downforce compared with its predecessor. This corresponds to an additional downforce of twelve kilograms at 200 km/h. The front section, which is optimised in the GT style, maintains the aerodynamic balance with a large front spoiler lip and so-called air curtains. The latter calm the air flow along the front wheels.

Porsche 718 Spyder: an open-top road sport car with lightweight convertible top
The new 718 Spyder is a pure machine for driving pleasure with a lightweight convertible top that can cope with top speeds. It continues the history of such famous Roadsters as the Porsche 550 Spyder and the 718 RS 60 Spyder. Open or closed, it thrills with a captivating silhouette. The roof is suitable for everyday use and can be stowed away under the boot lid in just a few steps. Unlike the GT4, the 718 Spyder has a rear spoiler that comes up automatically at 120 km/h. Thanks to the functional diffuser, it is the first model in the Boxster family to generate aerodynamic downforce at the rear axle.

High-performance GT chassis: optimised for best dynamics
For the first time ever, the 718 Spyder benefits from the high-performance GT chassis of the 718 Cayman GT4. With its superior cornering dynamics, it provides an emotional driving experience. Its further refined lightweight spring-strut front and rear axles make use of racing technologies. The direct connection to the chassis is partially by means of ball joints. The Porsche Active Suspension Management damping system with 30 mm lower suspension lowers the centre of gravity and improves lateral dynamics potential. It is specifically designed for use on the racetrack and makes the handling characteristics of the 718 Cayman GT4 sharper. The 718 Spyder also benefits from this design. The Porsche Stability Management (PSM) operates with even greater sensitivity and precision here but can optionally also be deactivated in two steps. Porsche Torque Vectoring (PTV) with mechanical rear differential lock further enhances the longitudinal and lateral dynamics, cornering performance and driving pleasure. The GT4 also comes with the option of a Clubsport package. This includes a rear steel roll bar, a hand-held fire extinguisher and a six-point seatbelt on the driver’s side.

Gripping: powerful brakes, ultra-high-performance tyres
The high-performance brake system in the 718 Spyder and 718 Cayman GT4 provides consistent braking that is suitable for track driving thanks to large aluminium monobloc fixed-calliper brakes. The Porsche Ceramic Composite Brake (PCCB) is also available as an option. One new feature is that the 718 Spyder now runs on ultra-high-performance (UHP) tyres specially adapted by Porsche. They are part of the overall package that makes the 718 Cayman GT4 fly on the Nürburgring “Nordschleife”: its lap time on the 20.6-kilometre classic racetrack is more than ten seconds faster than its predecessor.

The new Porsche 718 Spyder and the 718 Cayman GT4 are available to order now. In Germany, prices start at EUR 93,350 for the Spyder and EUR 96,206 for the Cayman GT4 – each including VAT and with country-specific equipment.

 

via Porsche

 

 

D2EF930E-6050-4401-8852-727C09FD48EC.jpeg

B607347A-7A3B-430C-93DD-0B8913BD034D.jpeg

E71383B1-DFD0-4DCA-8136-881152F4A2AE.jpeg

36D1AB31-DADD-472D-B2A0-5ECE5147E871.jpeg

B7928BDD-D9AF-46CC-AF92-52570B377799.jpeg

C3CE2791-1ED6-465E-8DB6-43EE63BE4A60.jpeg

1B9E280C-1457-4A1D-B3DB-EAE7FA298F05.jpeg

F74C0375-F6AE-48CC-AC9B-884175D655FC.jpeg

F1E68B6D-AEDE-4EED-95DA-A2777FC50D39.jpeg

 

 

 

————————————————————————————————

SPY TOPIC ⤵️

https://www.autopareri.com/forums/topic/64506-porsche-718-boxster-cayman-gt4-2019-spy

————————————————————————————————

Edited by lukka1982
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

6 cilindri aspirato... c’è ancora una speranza allora al mondo

Pensavo che col nuovo modello fossero tutti 4 cilindri turbo


☏ iPhone ☏

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Io la prenderei Touring Pack! Ma avrei preferito il motore della GT3 direttamente! 😎

Edited by VuOtto
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macchina stupenda, però mi sarei aspettato qualcosina di più da Porsche, vero però che fare un'auto del genere che superasse tutte le normative non è facile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avranno faticato parecchio, vedi pesi a secco di 1420kg (😳), un mattonazzo di macchina per essere una due posti aspirata con cambio manuale (e senza PCM 🥶). Solo il filtro pesara’ Come un macigno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

6 cilindri aspirato e cambio manuale... sono commosso... grazie 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Io sono dell'idea....e magari la butto lì...

 

In teoria, sappiamo che la 992 GT3 resterà aspirata e opzionabile con cambio manuale (dai video che girano al Nurburgring è chiaro dalle cambiate che c'è la cara vecchia frizione a pedale in qualche mulo).

 

In Porsche hanno visto che le serie speciali funzionano, e che i clienti pagano volentieri per averle, anche oltremodo a mio avviso.

 

Ma allora....perché non fare una versione davvero speciale della Cayman e della Boxster? Magari chiamarla GTR o simile, e ficcarci sotto davvero un motore aspirato degno di nota da 500cv? Al contempo eliminare entrambi i B4, concentrando tutte le risorse in un unico da 2 litri tondi biturbo, magari con una versione full EV per accontentare le emissioni? Metterebbero tutti d'accordo, possibili clienti soprattutto e vendite immagino. 

 

Ho sempre desiderato una cayman, ma con il B4 non mi viene proprio in mente di prenderla, al contempo.....spendere 110mila euro per una macchina che (coni dovuti distinguo) offre in uso quotidiano prestazioni analoghe a vetture che costano la metà, mi sembra eccessivo.

 

Dunque, Porsche, fai una Cayman vera, biturbo, 400/450cv a 70k euro liscia e poi una versione aspirata a tiratura limitata, non servirebbe altro. La 911 avrà sempre la sua clientela, ma così facendo per lo meno, faresti passare in showroom tutti quelli che guidano RS3, M2/M140/240, A45.

 

A mio avviso. 

 

Tornando alla GT4, bellissima, comunque, non c'è che dire, sia coupé che scoperta e bellissimo il grigio proposto sulla spyder.......

 

Edited by VuOtto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By vpn
      Ebbene, questa è stata una delle giornate che, insieme al giorno in cui io e la mia ragazza ci siamo fidanzati, non credo che dimenticherò facilmente!
      Infatti... Stamane, 28 agosto, sono uscito di casa poichè sono andato a farmi la cartà d'identità, e mentre stavo facendo la strada per andare all'ufficio del Comune... Ebbene...
      Ho visto delle auto storiche, che non avevo mai visto prima nella realtà!
      Si, avevo visto delle immagini su Internet e nei film, ma a vederle dal vivo suscitano un fascino davvero fantastico... Un fascino che un'auto moderna non riesce a darti.
      La prima di queste è stata in una strada dietro casa mia, dove c'è un'officina e carrozzeria. Di solito, quando passo di là, capita di vedere a riparazione delle vecchie Fiat Tipo, 127, Ritmo prima serie, qualche Uno oppure delle Renault 4, ma questa volta...
      Parcheggiata vicino al marciapiede dell'officina c'era un'Alfa Romeo Giulia!
      Esattamente! Era una Giulia 1300 Super del 1970, bianca, con cerchi originali, neanche un filo di ruggine, praticamente era completamente restaurata! Sembrava nuova, ed aveva ancora il cellophane negli interni!
      Guardando quell'auto non ho potuto far altro che rimanere a bocca aperta. Il proprietario dell'auto, un signore anziano sulla settantina, era vicino all'auto che parlava con il meccanico dell'officina, delle peculiarità della sua "bambina", dello straordinario rombo del mitico 1.3 bicarburatore da 89cv, della trazione posteriore, i pilastri fondamentali di un'Alfa Romeo che si rispetti.
      E devo essere sincero, mentre guardavo quella Giulia, per un attimo, era come se ho fatto un salto indietro nel tempo di ben 39 anni: per un attimo mi sembrava essere tornato nel 1970, quando quest'auto straordinaria usciva dai cancelli della fabbrica di Arese, ed ho immaginato il momento in cui essa veniva assemblata, quando era messa sul banco di prova per testare il ruggito del motore bicarburatore, quando i sapienti maestri milanesi attaccavano lo stemma "Alfa Romeo -- Milano" sul trilobo dell'auto.
      Ed ho cominciato a pensare ai mitici film polizieschi italiani degli anni '70, quando la Polizia faceva inseguimenti mozzafiato a bordo delle loro Giulia, per inseguire i banditi che di solito correvano o con delle Citroen o con delle Fiat 125 o delle 128.
      Poi sono tornato in me, nel 2009, ed ho guardato quell'Alfa con un'aria di rispetto per una grande signora del passato, che con la sua estetica semplice ma cattiva, il rombo del suo motore e la sua velocità, atterriva tutte le rivali. Quando l'Alfa Romeo insegnava al mondo come si doveva realizzare un'auto dal Cuore Sportivo, l'opera d'arte di una casa automobilistica che è stata stuprata nella sua storia e nella sua maestria tecnica da parte di una dirigenza fallimentare, che per fortuna ora non c'è più.
      Purtroppo, ho dovuto proseguire per la mia strada, ma continuando il cammino per l'ufficio del comune, ho incrociato un'altra auto storica: la mitica Alfetta GT.
      Era di colore Rosso Alfa, come da tradizione, ed era precisamente una GTV V6, il mitico Busso...
      Aveva un rombo che definire "sinfonia" è riduttivo, ed uno scatto che difficilmente si può ritrovare su una vettura di oggi.
      Anch'essa era restaurata, ma parzialmente, dato che i cerchi erano un pò arrugginiti.
      Non ho potuto resistere a guardarla per tutto il tempo, prima che con velocità prendesse la curva per sparire nel nulla così com'era comparsa.
      -Accidenti!- ho pensato fra me e me. -Sembra quasi che queste auto passino apposta al mio passaggio!-
      E continuo per la mia strada.
      Arrivo all'ufficio del comune, arrivano anche i miei, sono pronto per realizzare la carta d'identità. Oramai, il prossimo 10 Ottobre c'è un grande passo da fare per me, dato che divento maggiorenne, divento un uomo.
      Finita l'attesa, il caldo dell'ufficio (inesistente il concetto di aria condizionata), esco per fare il ritorno a casa.
      Strada facendo, faccio i miei ultimi due incontri ravvicinati con auto storiche.
      Prima, vedo una Porsche 911 degli anni 70, con motore boxer raffreddato ad aria, e poi, mentre sono vicino casa, con la coda dell'occhio, noto qualcosa di particolare.
      Vedo una grossa berlina due volumi, di colore carta da zucchero. E' una due volumi piuttosto inconsueta, sembrava fosse degli anni 70. Non era in perfette condizioni, dato che la vernice della carrozzeria era opaca, e gli interni non stavano messi molto bene.
      I cerchi erano privi di coppette, e l'auto in generale, se poteva parlare, ne avrebbe avute tante da raccontare della sua vita (a giudicare dalle sue condizioni) piuttosto travagliata.
      Anche il rombo del motore di questa misteriosa auto sembrava mostrare segni di stanchezza e quasi di sforzo, proprio come se l'auto fosse "umana", come se fosse un vecchio signore avanti con gli anni, proprio come il suo proprietario.
      La guardo con più attenzione, e noto che quell'auto, nonostante le mediocri condizioni in cui era ridotta, non era la classica berlina a due volumi cinque porte che si vedeva tutti i giorni, negli anni '70.
      Ma bensì, quell'auto era niente di meno che... Una Lancia Beta Berlina. Proprio la prima Lancia che fu prodotta sotto l'egida della Fiat!
      Un tempo era la punta di diamante della casa di Chivasso, e vantava contenuti estremamente avanzati tecnologicamente rispetto alle sue rivali. Era insomma, il lusso fatto a quattro ruote. Il vero lusso italiano, che conservava ancora un fascino che oggi oramai si è perso, a causa della nostra perdita di fantasia, immaginazione, e anche a causa della progressiva standardizzazione ed americanizzazione della nostra società.
      Unico difetto? Non fu un'auto compresa nel nostro paese, poichè allora la carrozzeria due volumi non era molto considerata. Eppure, la versione berlina, così come la straordinaria Monte Carlo, e la HPE, aveva molto da dire.
      Ebbene, vedere le condizioni in cui quella Lancia storica era ridotta, stringerebbe il cuore a tutti gli appassionati, perchè al giorno d'oggi, queste auto non sono semplicemente dei pezzi di ferro con ruote, sospensioni e motore. Ma sono oggetti che hanno anima, come se fossero degli esseri viventi. Esse avevano personalità, carattere, una vita propria, che le automobili di adesso oramai hanno perso, diventando progressivamente degli elettrodomestici il cui unico vanto è solo la dimensione dei portalattine, dell'ASR, dell'ESP, dell'ABS e dell'EBD.
      E purtroppo mi rendo conto che in questi tempi moderni, la nostra società si è evoluta troppo in fretta, cambiando proprio come queste auto meravigliose, ed insieme ad esse, hanno perso qualsiasi forma di personalità, di unicità, di carattere e anima, che il nostro modo di fare e di pensare ha custodito fino alla fine degli anni '80.
      Per concludere? Questa giornata non credo che la dimenticherò facilmente. Il fascino che ti dà un'Alfa Romeo Giulia, una Beta berlina, una 911 raffreddata ad aria o una Alfetta GT, non riesce a dartelo nessuna auto dei giorni nostri. Infatti, dopo aver visto quella Giulia, sento una sensazione particolare in me. La sensazione di aver visto ed ammirato con rispetto, una bellissima Signora del Passato.


      ------------------------------------------------------------------------






      La Giulia che ho visto era una 1300 Super probabilmente del '70.
      Era bianca, praticamente identica a questa. Aveva persino il cellophane che proteggeva ancora i sedili ed i pannelli porta! L'anziano proprietario probabilmente è un grande Alfista appassionato della sua auto, dato che la chiamava "la sua bambina". E ci credo, ad avere un'auto così, come non si può trattarla come una figlia?
      Senz'altro questa è l'auto che più di tutte mi ha lasciato estasiato alla sua vista.

      La 911 invece era ferma, parcheggiata. Di colore beige, doveva essere dei primi anni 70. Una vera Porsche, con motore boxer raffreddato ad aria, montato a sbalzo al posteriore. Che dire, era una Porsche esclusiva, quando la casa di Zuffenhausen era realmente esclusiva.
      Altro che Cayenne, Panamera o 911 raffreddate ad acqua...

      Ahhhh, la GTV! Anch'essa una macchina fantastica. Rispetto alla Giulia di prima, questa non era in condizioni splendide, ma comunque era tenuta discretamente. A parte quello della Giulia, il rombo del Busso è una cosa indescrivibile! E' sinfonia pura!
      E la Fiat provò a sostituirlo con motori australiani, mah...

      Non l'ho riconosciuta immediatamente, anche perchè non l'avevo mai vista nella realtà, a parte la Fulvia e la Gamma. Ma sembrava quasi che l'anziano proprietario che la guidava non si rendesse conto dell'auto storica che aveva nelle sue mani. La straordinaria Beta Berlina. Era praticamente identica a questa, con fari quadrati, e dello stesso colore (esemplare importato dall'estero?), targa originale, quella quadrata in plastica nera degli anni '70. Molto probabilmente, a giudicare dalle condizioni terribili in cui era ridotta, l'anziano signore l'ha sempre usata come auto da battaglia, magari affrontando anche sterrati e mulattiere con essa.
      Che dire, a volte si ha un lingotto d'oro, ma certe volte non ci si rende conto di averlo...
      ------------------------------------------------------------------------
      A voi le considerazioni sull'esperienza che io ho fatto stamane...


    • By Beckervdo
      Oliver Blume ha rivelato alcuni dettagli e qualità del modello in un'intervista in attesa di dichiarazioni molto interessanti:
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.