Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
Beckervdo

ZF: automatico 8 rapporti di quarta generazione con modulo ibrido

Recommended Posts

 

Cita

 

Una trasmissione automatica, lo ZF8HP, ritenuta da molti utenti ed appassionati assolutamente spettacolare: dalla piccola vettura di segmento C, passando per i grandi SUV ed ultimamente alle sportive blasonate. Non mancano le sue applicazioni nel motorsport, così come l’utilizzo crescente nella mobilità alternativa.

ZF lancerà la sua trasmissione di quarta generazione che sarà studiata appositamente per veicoli ibridi ed elettrici. Il Gruppo ZF presenterà le sue soluzioni di mobilità di nuova generazione al prossimo Salone Internazionale dell’Auto – IAA, di Francoforte (12 – 22 Settembre 2019).

ZF inizierà a produrre la nuova trasmissione automatica a 8 marce di nuova generazione a Saarbrücken, in Germania, nel 2022. Il lancio sul mercato in Cina e negli Stati Uniti avverrà poco tempo dopo.

Una nuova costruzione modulare ed integrata

Il sistema di costruzione modulare consente azionamenti Mild-Hybrid, Full-Hybrid e Plug-in-Hybrid per raggiungere potenze elettriche tra 24 e 160 kW. L’elettronica di potenza non è più progettata come unità separata, ma è completamente integrata nell’alloggiamento della trasmissione senza aumentare le dimensioni esterne della stessa. Con una nuova centralina idraulica notevolmente più piccola, ZF ha creato lo spazio di installazione richiesto per i componenti elettrici ed elettronici.

ZF 8HP GTD 4th Generation 2022 ZF 8HP GTD 4th Generation 2022

PHEV

ZF stima che il 70% dei veicoli, entro il 2030, sarà ibrido. Ecco che lo ZF8HP di quarta generazione arriverà ad equipaggiare le future vetture, è costituito da un motore elettrico che ha una potenza massima di 160 kW e una potenza continua di 80 kW. La coppia massima, che può essere raggiunta senza azionare il motore a combustione interna, è 450 Nm, consentendo così il passaggio rapido, anche in modalità elettrica. Ciò non richiede un aumento significativo delle dimensioni della carcassa del cambio, poiché ZF fa affidamento su una nuova generazione di motori elettrici sviluppati internamente e utilizza barre di rame saldate anziché fili di rame arrotolati. Questa tecnologia, nota come “tecnica a forcina“, consente di aumentare significativamente il livello di densità in rame, il che ha un impatto decisivo sulla densità di potenza.

Mild-Hybrid e 48 V

Oltre agli ibridi plug-in con alte tensioni (circa 300 volt), anche gli ibridi leggeri avranno un ruolo importante nel prossimo decennio. Questi hanno un livello di tensione di 48 volt e consentono notevoli risparmi di CO 2 generando energia attraverso il recupero della frenata rigenerativa che può essere successivamente utilizzata come plus di potenza per il motore. Le unità a 48 V possono essere installate in diverse posizioni nella trasmissione. L’installazione sull’albero motore all’uscita del motore (“Posizione 1”) e sull’albero di ingresso cambio (“Posizione 2”) è particolarmente efficiente. La nuova generazione di ZF è adatta per entrambi i tipi di installazione. Il motore elettrico può raggiungere una potenza massima di 25 kW e quindi supportare in modo ottimale il motore a combustione interna praticamente in tutti i parametri operativi.

Elettronica di potenza

I motori elettrici devono essere controllati tramite elettronica di potenza, che converte la corrente continua dalla batteria nella corrente alternata necessaria e controlla la potenza e la velocità del motore elettrico. Nelle nuovi trasmissioni di ZF l’elettronica di potenza è inserita all’interno della trasmissione, senza necessità di box esterni. Questo rappresenta un plus per i costruttori, che potranno ibridizzare un modello già in commercio, senza stravolgerne l’architettura.

Per far ciò si è dovuto riprogettare il sistema di dissipazione del calore: nello specifico i semiconduttori di potenza, in particolare gli IGBT per il modello ad alta tensione, producono una quantità relativamente elevata di calore di scarto. Questo viene dissipato collegando l’elettronica di potenza al circuito del refrigerante dell’impianto di climatizzazione del veicolo. Tuttavia, lo sviluppo più importante è stata la notevole diminuzione delle dimensioni della centralina idraulica (meccatronica), che innesca spostamenti meccanici nella trasmissione.

L’attuale meccatronica dello ZF8HP ha un volume di fluido pari a 3.1 litri, mentre nella quarta generazione scenderà ad appena 1.8 litri. Ciò è reso possibile principalmente dall’uso di valvole a spostamento diretto. A differenza degli attuatori di pressione elettrici precedentemente utilizzati, questi attuatori elettromagnetici non richiedono più pistoni e boccole aggiuntivi.

Un’unica power-split tra motore elettrico e termico

In precedenza, sono state utilizzate due pompe dell’olio: una pompa a cella a palette molto efficiente azionata direttamente dal motore a combustione interna ed una seconda pompa elettrica e / o memoria a impulsi per il funzionamento elettrico. In futuro, verrà utilizzata una singola pompa split-power.

Quando il motore a combustione interna viene spento, viene azionato da un piccolo motore elettrico direttamente collegato ad esso. I meccanismi del nuovo sistema di trasmissione contribuiscono anche a un funzionamento ibrido efficiente.

Sebbene il corpo della trasmissione rimanga lo stesso, con quattro gruppi di ingranaggi planetari e cinque elementi del cambio, l’efficienza è stata ulteriormente aumentata regolando con precisione la potenza di attrito.

 

 

Via BMWNews

  • I Like! 8
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

non posso che essere d'accordo, l'8HP (ignoro la versione) che monta la mia M140 è uno spettacolo. Così come quello che monta la 530d di mio fratello, che presumo essere la prima serie di questo cambio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

... 

Mi pare di aver letto che FCA ha fatto un'ordine gigante molto vicino a quello di BMW 

Edited by pixhell

Non ti curar di loro, ma sgomma e sorpassa....

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, gilerak scrive:

Ma anche la versione attuale prevede l'elettrificazione...

 

Si, per esempio in versione di 530e o 745e

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche anima pia mi chiarisce il discorso del raffreddamento dell'elettronica? Non ho capito come funziona

☏ SM-A530F ☏

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 8/7/2019 at 10:07, Beckervdo scrive:

Non sbagli, ma questa evoluzione è più compatta ed ha motori più potenti all'interno.

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, milalor scrive:

Qualche anima pia mi chiarisce il discorso del raffreddamento dell'elettronica? Non ho capito come funziona

☏ SM-A530F ☏
 

Ha un raffreddamento a liquido, anziché ad aria o con corpi alettati. Un po' come sta accadendo su alcuni desktop ad elevate prestazioni che hanno l'elettronica raffreddata a liquido.

5 ore fa, KimKardashian scrive:

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

Prima sui nuovi modelli Ibridi, poi piano piano entrerà anche sui modelli "convenzionali".

La prima in BMW a montarla dovrebbe esser la 520d G30 LCI e le 545e

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, KimKardashian scrive:

Ma questa attuale o la nuova finirà su Giulia/Maserati/Jeep? 

 

Certo! Ma solo dopo il 2022...

Edited by severinsch

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Dato che Mercedes-Benz presenterà a breve la nuova ammiraglia, Lexus interviene aggiornando la sua. La Lexus LS riceve un facelift di mezza vita che dona un nuovo sguardo all'anteriore della LS, grazie all'adozione dei fari a matrice LED e ridisegnando il paraurti anteriore con il RADAR in bella mostra alla sua base. Al posteriore, invece, troviamo un nuovo Layout dei fari.
      Le immagini diffuse riguardano la Lexus LS 500 F-Sport e la Lexus LS 500h. 
      All'interno troviamo dei nuovi display con risoluzione migliorata, il sistema di info-telematica è sempre Touch, completo di Android Auto ed Apple CarPlay, ma ora ha dei tasti di accesso rapido alle principali funzioni.
      Le sospensioni adattive sono state ottimizzate per offrire una guida fluida e setosa, ulteriormente migliorata dalle revisioni apportate alle barre stabilizzatrici e ai supporti del motore.
      Il motore "tradizionale" è stato rivisto, facendo erogare la curva di coppia a regimi più bassi, mentre la declinazione ibrida ora ha un "mix" di utilizzo dove fa prevalere maggiormente la parte elettrica.
      Entrambi utilizzano i sistemi di controllo del rumore attivo e di miglioramento del suono del motore aggiornati per un abitacolo più silenzioso.
      Le vendite del lifting LS inizieranno in Giappone verso la fine del 2020, con i mercati internazionali che seguiranno il prossimo anno.
       
      Via Lexus
       






































    • By KimKardashian
      Honda presenta la nuova Jazz in Europa, dopo l'anticipazione della Jazz/Fit al Salone di Tokyo 2019. 
      Le differenze con il modello del "sol Levante" sono limitate a particolari estetici e dal fatto che in Europa sarà disponibile esclusivamente ibrida a marchio " e:Technology".
      Inoltre, sempre solo per il mercato Europeo, sarà disponibile una nuova variante "Crosstar".
      Tra i suoi punti di forza sicuramente lo spazio interno, dove Honda dichiarata, che sarà da primato per la categoria delle segmento B. 
      I montanti anteriori, ridotti in sezione del 50%, faranno aumentare la visibilità anteriore, mentre il parabrezza più ampio lascia entrare più luce in abitacolo.
      Resta invariato il posizionamento del serbatoio carburante (tra i sedili anteriori e posteriori) che consente così lo sfruttamento del divano posteriore con tanto di possibilità di alzare le sedute. 
      Per l'info-telematica, la nuova Honda Jazz ha una interfaccia che supporta Apple CarPlay ed Android Auto. 
       
       
       
       















       


       
      -----------------
      Topic Spy: https://www.autopareri.com/forums/topic/65927-honda-jazz-iv-spy
      -----------------
       
       
    • By Maxwell61
      Thread generale per notizie relative alle reti di ricariche auto EV e PHEV in Italia, in AC e DC fast.
       
      Notizie fresche per ricarica autostradale veloce, sperando che non siano come quelle vecchie mai realizzate. 
      Il nostro paese è probabilmente quello più in ritardo in EU nella costituzione di una rete di ricarica ed anche plagato da costi alti per il kWh in ricarica pubblica.
       
       
       
       
      -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
       
      Ogni aggiornamento disponibilità e costi è quindi importante, fatto salvo che la base di ricarica per la gestione di una EV è la ricarica domestica, attualmente tra 0,16 e 0,20 Euro/kWh.
       
      https://insideevs.it/news/400022/ricarica-auto-elettriche-casa-colonnine/
       
       
       
      Il progetto di ASPI, Autostrade per l'Italia, copre ovviamente solo le autostrade dell'ente, ma altri enti di tratte diversi stanno esaminando la cosa. 
       
      https://insideevs.it/news/403592/colonnine-ricarica-auto-elettriche-autostrada-aspi/
       

       
      In esclusiva il piano ASPI con le aree di servizio coinvolte. Obiettivo: coprire la grande viabilità con ricariche fino a 350 kW
      L’impegno di ASPI per installare una rete di ricarica per le auto elettriche in autostrada, annunciato dell’a.d. Roberto Tomasi, ha destato grande attenzione tra i proprietari dei veicoli a batteria. Perfino nei difficilissimi giorni del Coronavirus. Quello delle colonnine sulla grande viabilità, del resto, è un nodo fondamentale per lo sviluppo della eMobility in Italia e chi è abituato a usare una full electric come mezzo principale lo sa bene.  
      Ecco quindi tutti i dettagli che abbiamo potuto ricostruire sul piano per la “rivoluzione green” di Autostrade per l’Italia, incluso l’elenco delle aree di servizio coinvolte dalla strategia, intercettato in esclusiva da InsideEVs.it. 
      Gestione diretta 
      A quanto si apprende, ASPI ha sviluppato la sua strategia nell’ottica di una gestione diretta dell’infrastruttura di ricarica, con una logica “multiclient” pensata per servire indistintamente tutti gli automobilisti che possono ricaricare in corrente continua.
      La prima fase del progetto, come anticipato, prevede l’installazione di stazioni di ricarica ultra-veloci da 4-6 postazioni in 67 aree di servizio (più in basso trovate elenco e posizioni), che rappresentano il 31% delle stazioni di rifornimento presenti sulla rete ASPI. Al termine di questa fase di “start-up” sarebbero presenti in media punti di ricarica ogni 90 km. 
      La posa delle colonnine – al netto delle incertezze legate alla questione concessioni - partirà già da quest’anno e abbiamo trovato conferma che la prima sperimentazione sta coinvolgendo tre aree di servizio a Roma, Milano e Bologna.
        Qui, in partnership con un operatore del settore, verranno installati punti di ricarica da 350 kW. Il valore della sperimentazione dovrebbe aggirarsi sul milione e mezzo di euro, a fronte di un investimento complessivo per la fase uno stimato in 35 milioni di euro.
        La tecnologia 
      Dal punto di vista tecnologico, le colonnine installate saranno tutte ad altissima potenza, fino a 350 kW. Verosimilmente Aspi punta a contenere quanto più possibile il tempo delle ricariche con l’intento di assimilarlo per quanto possibile a quello medio di sosta delle auto tradizionali. Un ragionamento valido anche in prospettiva, quando le full electric in circolazione saranno molte di più e occorrerà una velocità di ricarica importante per poterle servire agevolmente. 
      Da quanto abbiamo potuto ricostruire, Autostrade sarebbe al lavoro anche per ottimizzare i circuiti di distribuzione elettrica nelle aree di servizio, con il duplice obiettivo di risparmiare energia e abbassare i costi di esercizio.  
      Il nodo delle ricariche
       Ricarica auto elettriche, il Governo promette incentivi e semplificazioni    Auto elettriche, appello al Governo: ricarica diventi servizio pubblico Le gare “aperte” nella fase 2 
      La seconda fase del piano dovrebbe scattare quando sarà raggiunto un determinato tasso di utilizzo delle colonnine installate. Da quel momento Aspi aprirà al mercato per coprire il rimanente 69% delle aree di servizio e raggiungere in questo modo una copertura totale della sua rete. Verranno quindi lanciate delle gare rivolte agli operatori del settore che vorranno attivarsi sul fronte retail.  
      Anche una flotta green 
      L’impulso per la sostenibilità del piano di Autostrade passa anche dalle illuminazioni a led in tutte le gallerieentro il 2022 e l’investimento di 25 milioni di euro per installare altri 144 impianti fotovoltaici, in grado di portare la produzione totale di energia verde oltre i 45 GWh. Infine, sarà avviato anche un piano di progressivo rinnovo dei mezzi di servizio della società (circa 200 vetture per ogni Direzione di Tronco) solo con motorizzazioni ibride o elettriche.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.