Jump to content

L'autoparerista, l'Alfa e le lucine


Recommended Posts

Just now, jameson said:

Perché VW ha deliberatamente costruito veicoli che riconoscevano le condizioni di test cambiando la modalità di funzionamento e gli altri no?

Tu credi veramente che gli altri non l'hanno fatto apposta?

"But before the most charismatic car maker of them all finally went, they left us with a final reminder of what they can do, when they try" (Jeremy Clarkson, Top Gear)

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Quo.Lore scrive:

 

Sarebbero stati cazzi amari, inutile negarlo.

Però c'è un esempio contrario: il dieselgate. Tutti i marchi - tra cui FCA - sono più infangati l'uno dell'altro. Mi spieghi come mai si associi il dieselgate solo (o quasi) a VW?

E detto onestamente: se VW non avesse una capacità finanziaria enorme, sarebbe fallita.

E come l'ha ottenuta secondo te ? 

Semplice: vendendo 800k maggiolino anche nel 1972, quando la concorrenza era due/tre generazioni avanti. E per uscire dall'empasse assorbire NSU volente o nolente, svuotarne  i cassetti e fare marciare i progetti k50 e k60 ?.

E se ci pensi anche il diesel gate, se inverti le gerarchie dei colpevoli (usa , perché la mossa Kansas City di coinvolgere in Europa altri costruttori spalleggiata dalle agenzie federali, altra cosa possibile solo la' , è fallita clamorosamente) , chi avrebbe potuto sopravvivere?

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

1 minute ago, jameson said:

I fatti sono questi: i veicoli VW, con la mappa di serie, non passano i test di omologazione. Gli altri sì.

Credo che ti sei perso diversi episodi, sono stati trovati software di "ottimizazzione" per passare l'omologazione anche su prodotti FCA, Mercedes e altri ancora...

"But before the most charismatic car maker of them all finally went, they left us with a final reminder of what they can do, when they try" (Jeremy Clarkson, Top Gear)

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, Quo.Lore scrive:

Credo che ti sei perso diversi episodi, sono stati trovati software di "ottimizazzione" per passare l'omologazione anche su prodotti FCA, Mercedes e altri ancora...

Non mi sono perso niente. Per omologare i veicoli si fanno dei test. Volkswagen ha barato per passarli, gli altri no.

7 minuti fa, mmaaxx scrive:

FCA non si è mai dichiarata colpevole, hanno contestato una diversa interpretazione delle normative, tanto che basta un aggiornamento software per risolvere il problema, al contrario dei motori VW.

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, Quo.Lore said:

 

Mi permetto di insistere su questo punto perché in pratica - aldilà degli altri fattori (elettrificazione, disinteresse per le doti dinamiche) - lì sta il nesso.

 

Marchionne (perché è di lui il piano di rilancio del 2014) ha pensato più o meno così:

 

"Alfa Romeo è un dei marchi più conosciuti e amati al mondo, grazie Top Gear e Autopareri".

"Appena faccio modelli che rispiecchiano le caratteristiche del marchio, andranno a ruba."

"Però, soldi per finanziare 8 modelli, non ne ho"

"Allora, lancio due modelli del segmento D, uno dei più importanti al mondo, e faranno il botto"

http://www.ansa.it/motori/notizie/rubriche/industriamercato/2011/01/18/visualizza_new.html_1619861324.html

 

"Con i milliardi incassati, finanzio il modello successivo, che a suo turno servirà a finanziare il modello seguente, e via via così"

 

Dal punto di vista economico, il ragionamento ci sta: i guadagni dei prodotti esistenti servono a finanziare i modelli successivi. Non si può investire all'infinito se non ci sono ritorni.

Purtroppo, manca un parametro importantissimo a questo ragionamento: si parla di un mercato premium e si parla di un marchio, Alfa Romeo, che è stato bistrattato da decenni.

 

Servono almeno due decenni di prodotti eccellenti - come lo sono Giulia e Stelvio - per cambiare durevolmente la percezione di un marchio.

E si può fare, gli esempi non mancano: Audi, Skoda e Seat. Piëch s'era messo in testa di rendere Audi premium, e c'è riuscito. Ma ci sono voluti investimenti colossali: prodotti sopra la media, tecnologie innovative, ingagio nello motorsport, marketing a manetta, tempo, tempo e ancora tempo.

Stessa cosa con Skoda e Seat che, da due cadaveri, VW ha fatto qualcosa di decentissimo. E ci guadagna tanto, ormai anche su Seat. Ma ci sono voluti almeno 25 anni.

 

Purtroppo FCA non ha la capacità finanziaria per rilanciare Alfa Romeo sul lungo termine. Il penosissimo "update" del piano prodotti - quello con 4 modelli, da cui 3 SUV - ne è una dimostrazione lampante. E con Tavares alla guida del baraccone, temo che saranno altri dolori per Alfa.

 

 

Forse due decenni no, proprio grazie al marchio, che ha fatto volumi paragonabili a Jaguar XE/F-Pace alla sua prima coppia di prodotti eccellenti, ma certamente un decennio di prodotti eccellenti e espansione della gamma e della rete di distribuzione ci vuole per ristabilire un marchio blasonato come Alfa Romeo. 

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

11 minutes ago, jameson said:

Non mi sono perso niente. Per omologare i veicoli si fanno dei test. Volkswagen ha barato per passarli, gli altri no.

FCA non si è mai dichiarata colpevole, hanno contestato una diversa interpretazione delle normative, tanto che basta un aggiornamento software per risolvere il problema, al contrario dei motori VW.

 

Non è vero, basta un'aggiornamento software per mettere a norma il 2.0 TDI Euro 5. Anche se è solo e esclusivamente sui rulli...

Poi sì, VW s'è dichiarata colpevole, gli altri no. Se è per questo, anche O.J. Simpson si è dichiarato non colpevole.

Sei libero di credere che gli altri non l'abbiano fatto apposta.

Sei anche libero di credere che Bosch, che ha fornito le centraline elettroniche a VW, FCA e tutti gli altri, abbia preso il rischio di includere un software per barare di sua propria iniziativa.

"But before the most charismatic car maker of them all finally went, they left us with a final reminder of what they can do, when they try" (Jeremy Clarkson, Top Gear)

Link to comment
Share on other sites

On 3/12/2019 at 14:22, Vadocomeundiavolo said:

Certo che se tra 4 anni vogliono uscire con la Giulia mk3 , devono iniziare a pensarci , un modello che uscirà in piena guida autonoma di 3º livello , con una buona percentuale di elettriche e che deve tenere il mercato per altri 7 anni fino al 2032.
Questa è dura , l’attuale Giulia è stata una passeggiata.

Actually already with MCA which is MY22 they could if they want it introduce Level 3 ADAS and at least Stelvio BEV. BEV with 800 V architecture as will be used by Maserati sister.

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Quo.Lore scrive:

Non è vero, basta un'aggiornamento software per mettere a norma il 2.0 TDI Euro 5. Anche se è solo e esclusivamente sui rulli...

Poi sì, VW s'è dichiarata colpevole, gli altri no. Se è per questo, anche O.J. Simpson si è dichiarato non colpevole.

Sei libero di credere che gli altri non l'abbiano fatto apposta.

Sei anche libero di credere che Bosch, che ha fornito le centraline elettroniche a VW, FCA e tutti gli altri, abbia preso il rischio di includere un software per barare di sua propria iniziativa.

Solita sindrome di Stoccolma teutonica. VW ha, per sua ammissione, incluso un software che modifica il funzionamento dell'auto quando è sui test rispetto a quello normale, perché i suoi brillanti tecnici teteski non erano capaci a far funzionare i motori diesel. Gli altri, FCA ma anche BMW, Mercedes, ecc., invece no. FCA ha un funzionamento che è formalmente corretto o meno a seconda dell'interpretazione di certe norme, e su un unico motore. VW su tutti, c'era proprio un disegno ben preciso dietro.

  • I Like! 7
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.