Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Anomalie dei DPF durante la rigenerazione - Test di Transport&Environment


Recommended Posts

Puublicati i risultati di una ricerca del consorzio Transport & Environment su due modelli diesel Euro 6 D-temp (nello specifico una Qashqai 1.5 e un'Astra 1.6). Fondamentalmente è uno studio sulle particelle emesse dai filtri anti-particolato

 

qui ci sono nche i pdf dettagliatissimi:

https://www.transportenvironment.org/publications/new-diesels-new-problems

 

L'ho letto trasversalmente ma dice che in pratica le rigenerazioni dei filtri hanno emissioni fuori controllo: avvengono molto spesso, anche più del dichiarato nei test di omologazione, e in qualunque circostanza, anche nel traffico urbano.

  • I Like! 1
  • Thanks! 2
Link to post
Share on other sites
  • Replies 24
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

1 ora fa, v13 scrive:

L'ho letto trasversalmente ma dice che in pratica le rigenerazioni dei filtri hanno emissioni fuori controllo: avvengono molto spesso, anche più del dichiarato nei test di omologazione, e in qualunque circostanza, anche nel traffico urbano.

Dice le seguenti cose:

  • I limiti di massa emessa sono abbondantemente rispettati (però allarmisticamente dice che c'è un "grande aumento" di produzione... grazie al cazzo, se normalmente produce zero anche uno è un grande aumento).
  • Se c'è una rigenerazione durante il test, si eccede il numero di particelle emesse, dal 30% in più a circa il doppio (ma le normative regolano solo la massa emessa in caso di rigenerazione).

Quindi dice che se un test contiene una rigenerazione, il numero di particelle emesse durante quel test può arrivare a circa il doppio del consentito. Non dice che un test dura 30 km e le rigenerazioni avvengono ogni 400, quindi nella media dell'uso l'emissione di particelle è ben al di sotto dei limiti anche per numero.

Articolo allarmistico alla pari di quelli dei comitati anti-5G.

 

  • I Like! 2
  • Thanks! 1
Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, jameson scrive:

Dice le seguenti cose:

  • I limiti di massa emessa sono abbondantemente rispettati (però allarmisticamente dice che c'è un "grande aumento" di produzione... grazie al cazzo, se normalmente produce zero anche uno è un grande aumento).
  • Se c'è una rigenerazione durante il test, si eccede il numero di particelle emesse, dal 30% in più a circa il doppio (ma le normative regolano solo la massa emessa in caso di rigenerazione).

Quindi dice che se un test contiene una rigenerazione, il numero di particelle emesse durante quel test può arrivare a circa il doppio del consentito. Non dice che un test dura 30 km e le rigenerazioni avvengono ogni 400, quindi nella media dell'uso l'emissione di particelle è ben al di sotto dei limiti anche per numero.

Articolo allarmistico alla pari di quelli dei comitati anti-5G.

 

Esatto.

E non dice che senza filtro le.emissioni sui 400 km sarebbero enormemente superiori.

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites
9 hours ago, jameson said:

Dice le seguenti cose:

  • I limiti di massa emessa sono abbondantemente rispettati (però allarmisticamente dice che c'è un "grande aumento" di produzione... grazie al cazzo, se normalmente produce zero anche uno è un grande aumento).

 

no, dice sono rispettati i limiti legali, ma che durante le rigenerazioni ci si avvicina molto a detti limiti.

 

9 hours ago, jameson said:
  • Se c'è una rigenerazione durante il test, si eccede il numero di particelle emesse, dal 30% in più a circa il doppio (ma le normative regolano solo la massa emessa in caso di rigenerazione).

Quindi dice che se un test contiene una rigenerazione, il numero di particelle emesse durante quel test può arrivare a circa il doppio del consentito. Non dice che un test dura 30 km e le rigenerazioni avvengono ogni 400, quindi nella media dell'uso l'emissione di particelle è ben al di sotto dei limiti anche per numero.

Articolo allarmistico alla pari di quelli dei comitati anti-5G.

 

 

 

il test vuole dimostrare che durante le rigenerazioni l'inquinamento aumenta in manera significativa (a seconda dell'inquinante fra il 30% e il 300%), che le rigenerazioni sono durate fra i 10 e i 15 km ogni circa 400-420 (quindi un 2-3% dell'uso), che le rigenerazioni avvengono in qualunque condizione di marcia (quindi anche a bassa velocità) e che ci sono inquinanti che non sono regolati (particelle sotto i 23nm, ammoniaca).

 

Link to post
Share on other sites

dunque la novità sarebbe che nelle omologazioni le emissioni sono basse perché il DPF è bello vuoto e pulito ma giustamente quando è ora di rigenerare le emissioni salgono alle stelle?

 

bella novità...

Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, v13 scrive:

 

no, dice sono rispettati i limiti legali, ma che durante le rigenerazioni ci si avvicina molto a detti limiti.

 

il test vuole dimostrare che durante le rigenerazioni l'inquinamento aumenta in manera significativa (a seconda dell'inquinante fra il 30% e il 300%), che le rigenerazioni sono durate fra i 10 e i 15 km ogni circa 400-420 (quindi un 2-3% dell'uso), che le rigenerazioni avvengono in qualunque condizione di marcia (quindi anche a bassa velocità) e che ci sono inquinanti che non sono regolati (particelle sotto i 23nm, ammoniaca).

 

 

Era un po' quello che s'intuiva o si è più volte detto, ma grazie a questi test ne abbiamo un po' la misura.

 

Certo, l'alternativa senza filtro sarebbe ben peggiore però.

 

Non so come si possa migliorare il sistema, probabilmente ottimizzando gli impianti di depurazione, in maniera che diano luogo a più rigenerazioni spontanee (quindi continuative, con una miglior combustione) in maniera da rendere sporadiche le rigenerazioni dinamiche, di cui sopra.

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
53 minuti fa, v13 scrive:

no, dice sono rispettati i limiti legali, ma che durante le rigenerazioni ci si avvicina molto a detti limiti.

 

 

 

il test vuole dimostrare che durante le rigenerazioni l'inquinamento aumenta in manera significativa (a seconda dell'inquinante fra il 30% e il 300%), che le rigenerazioni sono durate fra i 10 e i 15 km ogni circa 400-420 (quindi un 2-3% dell'uso), che le rigenerazioni avvengono in qualunque condizione di marcia (quindi anche a bassa velocità) e che ci sono inquinanti che non sono regolati (particelle sotto i 23nm, ammoniaca).

Solo che poi cerca forzature per giungere alla conclusione che i diesel sono letali. Per farlo afferma che, durante un test in cui avviene una rigenerazione, il numero (non la massa, che rispetta le normative) di particelle emesse supera le normative, non di 1000 volte come dice il titolo, ma al massimo di poco più del doppio. Affermazione capziosa, perché facendo la media sull'uso normale rigenererebbe una volta ogni 15 cicli, e quindi in media sarebbe molto al di sotto del limite anche tenendo conto delle rigenerazioni.

26 minuti fa, tonyx scrive:

dunque la novità sarebbe che nelle omologazioni le emissioni sono basse perché il DPF è bello vuoto e pulito ma giustamente quando è ora di rigenerare le emissioni salgono alle stelle?

 

bella novità...

È quello che cerca forzatamente di far credere, prima cercando di dire che il numero di particelle è pericoloso (perché se divido 1 grammo di veleno in 1 milione di parti secondo loro è un milione di volte più pericoloso dello stesso grammo assunto insieme), poi dicendo che durante la media di un particolare ciclo di omologazione, quello in cui avviene una rigenerazione, emette il doppio del numero di particelle consentito, ignorando che nell'uso normale non esistono i cicli di omologazione ma la media d'uso, che rientra ampiamente anche nel loro parametro del numero di particelle. In realtà secondo me è giusto il ciclo di omologazione, che tiene conto delle rigenerazioni tramite un fattore di correzione.

4 minuti fa, J-Gian scrive:

Non so come si possa migliorare il sistema, probabilmente ottimizzando gli impianti di depurazione, in maniera che diano luogo a più rigenerazioni spontanee (quindi continuative, con una miglior combustione) in maniera da rendere sporadiche le rigenerazioni dinamiche, di cui sopra.

La fuliggine è sempre esistita da quando l'uomo ha inventato il fuoco... Piuttosto, perché invece di guardare il tubo di scappamento che ormai tira fuori aria più pulita di quella aspirata, non guardano la polvere dei freni, degli pneumatici, dell'asfalto? O meglio ancora le emissioni degli impianti di riscaldamento urbani?

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, mikisnow scrive:

 

Lo dicevo come battuta e magari mi sbaglio, ma non vorrei che le particelle fossero più letali con più sono piccole. Magari se più grosse, con un colpo di tosse se ne va via una grossa parte ?

Non è così, quella della nanoparticelle emesse in quantità maggiori con il FAP è una fake news messa in giro ad arte.

Appena ho tempo pubblico qualche ricerca con test di misurazione fatta da enti e università che dimostra che non è vero.

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
9 hours ago, jameson said:

Solo che poi cerca forzature per giungere alla conclusione che i diesel sono letali. Per farlo afferma che, durante un test in cui avviene una rigenerazione, il numero (non la massa, che rispetta le normative) di particelle emesse supera le normative,

 

A parte che se anche fosse così la cosa non sarebbe meno grave, ma in ogni caso non dice questo, leggi bene.


Lo studio dice che durante la rigenerazione le particelle >23nm aumentano fino al 100% circa. Non c'entra nulla la massa.


Quanto alla massa, dice anche che hanno provato a misurare la presenza di particelle più piccole che non sono regolate dal legislatore, il che non vuol dire che non siano contaminanti.

 

9 hours ago, jameson said:

non di 1000 volte come dice il titolo, ma al massimo di poco più del doppio. Affermazione capziosa, perché facendo la media sull'uso normale rigenererebbe una volta ogni 15 cicli, e quindi in media sarebbe molto al di sotto del limite anche tenendo conto delle rigenerazioni.

È quello che cerca forzatamente di far credere, prima cercando di dire che il numero di particelle è pericoloso (perché se divido 1 grammo di veleno in 1 milione di parti secondo loro è un milione di volte più pericoloso dello stesso grammo assunto insieme),

 

certo che lo è, appunto perché può essere filtrato o meno. Ma, di nuovo, non è quello che dice né il titolo né la ricerca.

 

9 hours ago, jameson said:

 

poi dicendo che durante la media di un particolare ciclo di omologazione, quello in cui avviene una rigenerazione, emette il doppio del numero di particelle consentito, ignorando che nell'uso normale non esistono i cicli di omologazione ma la media d'uso, che rientra ampiamente anche nel loro parametro del numero di particelle. In realtà secondo me è giusto il ciclo di omologazione, che tiene conto delle rigenerazioni tramite un fattore di correzione.

 

di nuovo, non hai letto bene.


Se si fa la media rientra nei limiti legali, giusto. Solo che quel che vuol mostrare lo studio - e che dice esplicitamente - è che:

 

- la normativa dice che le rigenerazioni non vanno calcolate nell'omologazione, solo che ogni 400 km 10 sono in rigenerazione, non esattamente una situazione irrilevante né sporadica;

 

- è rilevante che le rigenerazioni avvengano in qualunque circostanza, quindi anche in città. Che significa che potenzialmente un'auto potrebbe emettere dal 30 al 100% in più di particolato in un percorso urbano.

 

9 hours ago, jameson said:

La fuliggine è sempre esistita da quando l'uomo ha inventato il fuoco... Piuttosto, perché invece di guardare il tubo di scappamento che ormai tira fuori aria più pulita di quella aspirata, non guardano la polvere dei freni, degli pneumatici, dell'asfalto? O meglio ancora le emissioni degli impianti di riscaldamento urbani?

 

Sempre detto che il peso dei mezzi di trasporto andrebbe tassato pesantemente proprio perché generano polveri (e rumore). Non c'è il minimo dubbio, ma cosa c'entra qui? C'è una ricerca di un ente che si dedica al trasporto e che studia le rigenerazioni dei filtri. O apri un altra discussione oppure parliamo di quello invece di tirare il pallone sugli spalti...

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By RiRino
      Troppo particolato dalle auto a iniezione diretta di benzina news auto

    • By Davialfa
      Ciao,
      sempre piu’ leggo qui su autopareri che i motori diesel che rispettano le normative euro 6 vengono sconsigliati altamente per coloro che fanno maggiormente percorsi cittadini... non tanto per un discorso di costi di gestione ordinaria, quanto per vere e proprie problematiche tecniche che portano molto spesso a noie e rotture dei motori stessi ( come ad esempio la difficolta’ a finire il ciclo di rigenerazione).

      Quanto di vero c’è.. sono davvero cosi sconsigliati?
    • By mare&monti
      È vero che i motori diesel Euro 6D-Temp, quindi con urea (additivo Adblue), vanno meglio rispetto ai precedenti senza urea?
      Io sapevo che il discorso urea era solo per inquinare meno. Invece, l'altro ieri, un meccanico mi ha detto che non ha solo questa funzione di riduzione inquinanti, bensì anche quella di far andare meglio il motore. Cioè, se non ho capito male, con l'urea sono finiti i problemi di intasamento del FAP (e relative problematiche dovute alle frequenti o inopportune rigenerazioni) rilevati specie da quegli utenti che utilizzavano l'auto in città e che non avevano spesso possibilità di allungare in autostrada o scorrimenti veloci per alcuni chilometri. Sembra che con il discorso urea, il "problema rigenerazione", praticamente, non sussiste più.
      Confermate?
      Grazie

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.