Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
Merak

Dettagli automobilistici curiosi

Recommended Posts

NISSAN SERENA

 

11f68a704b6904e1a280cc9cdea9463e.jpg

 

Noi avevamo la variante furgonata, il Vanette Cargo

 

287693.jpg

 

Gran mulo da lavoro. 

Era dotato di un 2.3 litri diesel aspirato, trazione posteriore con assale rigido.

Non ha mai visto il meccanico, ne un puntino di ruggine .... davvero indistruttibile.

Aveva però una particolarità non da poco ..... motore centrale! Era posizionato sotto i sedili, e sotto al cofano trovava posto la ruota di scorta ?

Questa particolare configurazione gli conferiva ottima stabilità, ma quando toccava accedere al vano motore anche solo per controllare l'olio ... erano volatili per diabetici ?. I sedili erano ribaltabili posteriormente con pratici sganci rapidi, a patto di avere il posteriore libero ..... non il nostro caso visto che era allestito.

 

Solo i giapponesi potevano fare un veicolo con il muso ..... per la ruota di scorta ?

 

6307ca26ab.jpg

 

nissan-serena-1994-sold-thanks-adpost-96

 

  • I Like! 3
  • Haha! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, slego scrive:

in retrospettiva tutto il plasticume che stava per arrivare - e che trionfò per tutti gli anni '80 e '90 - fa venire i brividi.

eppure all'epoca la plastica grezza pareva davvero il massimo della modernità!

 

Secondo me a cavallo tra gli 80 e i 90 si raggiunsero gli effetti peggiori, perché cominciarono ad uscire modelli dalla linea che prevedeva i paraurti integrati nella carrozzeria (o almeno a filo con) e si cominciarono a togliere i raccordi paracolpi di plastica sulle fiancate, fino allora molto in voga.

Il problema è  che alcune case si ostinavano a proporre questi paraurti integrati di plastica grezza che a questo punto erano un vero e proprio pugno in un occhio, un qualcosa che sapeva di "incompiuto".

 

Un esempio per tutti

cbd9d1bb1c02b168a72687889df6fb40.jpg.63b2913a59d984572b3ce4214e714b74.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ne vidi una a Marina di Grosseto nel 1993 bianca, con gli appoggiatesta schiumati e senza specchio destro... lì si è toccato il fondo perché proprio si vedeva che era una Tipo S con la coda... da vergogna metterla in vendita conciata così...


 

"Beato chi non s'aspetta nulla, perché non sarà mai deluso"

 

Alexander Pope

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
4 hours ago, angeloben said:

 

Sì, ammetto che il livello di impallinamento è divenuto patologico   ::::   ...ma essendo una dipendenza non ce la faccio a smettere e proseguo nell'argomento...

Dicevamo... le fasce paracolpi zigrinate o rigate. 

Sembrano una banalità (e lo sono, ovvio), eppure non è che siano poi così diffuse nelle automobili normali (escludendo quindi fuoristrada o veicoli commerciali).

 

A memoria penso che ancora una volta sia stata una francese ad averle introdotte, e non una qualunque.

Nel 1972 la Renault 5 utilizzò per la prima volta i paraurti in plastica ed avevano le loro rigaturerenault-5-rojo-amarillo.jpg.0372c18a8cae9ec066cb37ae62c2075f.jpg

 

 

 

E finisce qui. Promesso. :pinoc:

 

 

giuro che ho pensato: "metto la R5", poi mi son detto: "metto solo la Panda, così abbiamo una scusa per continuare questo argumento assurdo, ma divertente". In tempi di isolamento, meglio allungare la minestra... ???

Edited by v13
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Bosco scrive:

NISSAN SERENA

Gran mulo da lavoro. 

Era dotato di un 2.3 litri diesel aspirato, trazione posteriore con assale rigido.

Non ha mai visto il meccanico, ne un puntino di ruggine .... davvero indistruttibile.

Aveva però una particolarità non da poco ..... motore centrale! Era posizionato sotto i sedili, e sotto al cofano trovava posto la ruota di scorta ?

Questa particolare configurazione gli conferiva ottima stabilità, ma quando toccava accedere al vano motore anche solo per controllare l'olio ... erano volatili per diabetici ?. I sedili erano ribaltabili posteriormente con pratici sganci rapidi, a patto di avere il posteriore libero ..... non il nostro caso visto che era allestito.

 

Ricordo male, o poi Kia fece un mezzo commerciale, basato sulla stessa meccanica?

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, angeloben scrive:

 

Sì, ammetto che il livello di impallinamento è divenuto patologico   ::::   ...ma essendo una dipendenza non ce la faccio a smettere e proseguo nell'argomento...

Dicevamo... le fasce paracolpi zigrinate o rigate. 

Sembrano una banalità (e lo sono, ovvio), eppure non è che siano poi così diffuse nelle automobili normali (escludendo quindi fuoristrada o veicoli commerciali).

 

A memoria penso che ancora una volta sia stata una francese ad averle introdotte, e non una qualunque.

Nel 1972 la Renault 5 utilizzò per la prima volta i paraurti in plastica ed avevano le loro rigaturerenault-5-rojo-amarillo.jpg.0372c18a8cae9ec066cb37ae62c2075f.jpg

 

Riportate anche nelle fasce paracolpi laterali introdotte in seguito (nel 1976 con la versione GTL)

renault-5-1976.jpg.3c677e8fccae3b1e295a069d697e9c1b.jpg

 

Due anni più tardi, delle protezioni laterali chiaramente ispirate a quelle di R5 furono applicate anche sulla versione GTL della R4.

Per colorare il post, qui vi riporto però la versione in azzurro della versione speciale Jogging del 1981.

r4_jogging_c.jpg.3945cb875b19c0029dd1e887f3c1db7f.jpg

 

E prima della Panda, le fasce paracolpi zigrinate (solo lateralmente) arrivarono nel 1979 persino sulla nobile Mercedes-Benz serie S (sia W126 berlina che C126 coupé),

prima Mercedes ad utilizzare paraurti in materiale sintetico.

2137120822_mb_280se.PNG.b6053edf584dd82b57bed3252b98a9e4.PNG

Questa finitura rigata fu poi modificata rendendola liscia con il leggerissimo aggiornamento del settembre 1985.

 

E finisce qui. Promesso. :pinoc:

 

Possiamo aggiungere anche Alfa 164?
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, J-Gian scrive:

 

Ricordo male, o poi Kia fece un mezzo commerciale, basato sulla stessa meccanica?

Kia su base Hyundai H1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
7 ore fa, slego scrive:

tornando agli anni '80, un particolare che mi piaceva tanto degli interni della Lancia Prisma era il raccordo senza soluzione di continuità tra la mensola alla base del cruscotto e le maniglie delle portiere. per me era un tocco di design davvero bello, che risolveva in modo molto elegante il salto tra plancia e portiera, creando quell'effetto di continuità che in genere sulle auto dell'epoca non c'era:

 

5f4e7df115e7247c75b96cf2d1acb2ac.jpg.d87bda3f2c3720611b6b07880873eeef.jpg

 

 

Non conoscevo questo particolare caso (sono negato con le auto di una certa età) ma apprezzo molto i modelli che uniscono esteticamente la plancia ai pannelli porta

Ford C-Max

ford_cmax_7_posti_2010_09_13.thumb.jpg.0d109a6e98873ea0ee73f46339f966e8.jpg

Opel Astra 2010

ee7c52893e7d7f3d97efadfaf18305e4.thumb.jpg.a9878097a2ad20a12e70ebc74444b24d.jpg

Mentre aborro totalmente i casi in cui non ci sia la minima continuità.

Uno su tutti la Ford Focus 2019

maxresdefault.jpg.b2bf6eea63b7642639cda8cbf0c7c51c.jpg

Edited by Tommy99
  • I Like! 2

My ANACONDA don't :b9

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, 3volumi3 scrive:

 

Secondo me a cavallo tra gli 80 e i 90 si raggiunsero gli effetti peggiori, perché cominciarono ad uscire modelli dalla linea che prevedeva i paraurti integrati nella carrozzeria (o almeno a filo con) e si cominciarono a togliere i raccordi paracolpi di plastica sulle fiancate, fino allora molto in voga.

Il problema è  che alcune case si ostinavano a proporre questi paraurti integrati di plastica grezza che a questo punto erano un vero e proprio pugno in un occhio, un qualcosa che sapeva di "incompiuto".

 

Un esempio per tutti

 

questa è uno degli esempi peggiori la bravo e la brava in versione s,soprattutto nei colori tipo il bianco,e mettiamoci anche la multipla,i parauti grezzi erano veramente una barbonata su delle linee cosi moderne.

fiat-bravo-fiat-bravo-1-4-12v-s-sport-sc


Toyota Yaris hybrid

Fiat panda 4x4 twinair 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
54 minuti fa, alfagtv scrive:

questa è uno degli esempi peggiori la bravo e la brava in versione s,soprattutto nei colori tipo il bianco,e mettiamoci anche la multipla,i parauti grezzi erano veramente una barbonata su delle linee cosi moderne.

 

 

 

Anche se la Multipla secondo me stava molto meglio con i paraurti grezzi che con quelli in tinta

fiat_multipla_95.jpg

fiat_multipla_681.jpg

 

Quante cose ci sarebbero da dire sulla Multipla ?

Edited by j
  • I Like! 7
  • Adoro! 1
  • Thanks! 1

BYE BYE!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By PaoloGTC
      Sono d'accordo, anche se devo dire che tutto sommato pure l'Idea in vendita non mi dispiaceva, davanti.
      Casa Lancia, siamo nel periodo pre-Beta. Quattroruote pubblicava le foto di questa berlina, indicata come una 1500, forse appunto uno studio Beta poi accantonato, o soltanto un muletto con carrozzeria fatta a caso.


      Sempre Lancia ma tempi più recenti, un'alternativa per la fanaleria posteriore della Dedra SW. (fonte Quattroruote)

      Ecco la plancia scartata per la Lybra che mi era stata chiesta l'altra sera.

      Questa invece non l'ho mai capita. Non so se fosse un fotoritocco o meno. Una plancia Thesis molto diversa. Il display acceso col modello della macchina.. VP sta per vettura prova? E' reale questa cosa, o è stato un PS su una plancia coperta con un telo?

      Ora invece finiamo a parlare del Kappone, o meglio, di quella ipotesi per la sua sostituta che viene citata in un altro topic, dove Robinson fa riferimento a certe maquette scartate con decisione da parte di una commissione che poi si buttò sulla Dialogos senza mezze misure. (fonte Quattroruote)
      Meno male... cioè voglio dire, non che la Thesis sia stata un dono divino... ma questa... se possibile era ancora più banale della K, a mio parere.



      Riguardo la Thesis mi sento di fare un piccolo pensiero personale. Sicuramente molto del suo flop è dovuto a quel frontale, perchè per il resto trovo che l'auto potesse andare più che bene (il posteriore mi piaceva molto e gli interni beh... Lancia sa come fare, e si vede). In questi anni prima Y, poi Musa e ora Delta, ci hanno aiutato a digerire il nuovo mascherone Lancia anteriore, e io credo che se Thesis arrivasse oggi, venderebbe qualcosa in più. Parere mio.
      Continuiamo con la K2, anche station.


      Lancia Lybra prima versione, col frontale monofaro. Una scocca, e in prova alla Mandria. Ricordo che l'articolo (Quattroruote) riportava le impressioni di uno dei collaudatori di questa 839, che si rammaricava perchè al momento il progetto era stato sospeso e le auto rimesse via, dopo che secondo lui, stava venendo fuori un'auto veramente ben concepita, forse la migliore fra quelle che aveva provato fino a quel momento.


    • By Rohypnol
      dopio aver visto nel topic della nuova Croma questa "meraviglia":

      mi è venuta una curiosità incontenibile verso i prototipi, le maquette Fiat, Alfa o Lancia che poi per vari motivi non sono mai stati realizzati (come probabilmente lo sarà la 147 stile 8c). Se avete delle foto... si possono vedere? Ve ne sarei gratissssssssssimo!
    • By nucarote
      Credo che questo sia il posto giusto per discutere di questo.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.