Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Recommended Posts

Vettura con due mesi di vita, 6500 km all'attivo, 

km percorsi durante il test 650 km.

Modello Outlander Phev 2020

dati dichiarati 

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 2360
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 99 (135)/4000
Coppia max Nm/giri 211/4500
   
Motore elettrico anteriore  
Potenza massima kW (CV)/giri 60 (82)/n.d.
Coppia max Nm/giri 137/n.d.
   
Motore elettrico posteriore  
Potenza massima kW (CV)/giri 70 (95)/n.d.
Coppia max Nm/giri 195/n.d.
   
Potenza massima complessiva kW (CV) 165 (224)
   
Emissione di CO2 grammi/km 41
No rapporti del cambio cambio assente
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/180/171
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1880
Capacità bagagliaio litri 463/1602
Pneumatici (di serie) 225/45 R18

 

ESTERNO - 8

grossa imponente, leggermente  pesante se vista di lato, molto meglio il frontale bello e caratteristico. La coda alta ed imponente, ma piacevole.

 

POSTO GUIDA - 8.0

Vettura molto comoda, posto guida spazioso, ci mancherebbe viste le dimensioni, peccato per i tasti, delle varie funzioni un po troppo disordinati, ed alcuni senza illuminazione, Comodi e funzionali i sedili in pelle, con regolazioni elettriche.

 

FINITURA – 8.5

Passi avanti rispetto alla serie precedente, rimangono alcune plastiche bruttarelle in zone meno visibili e dei tasti che sembrano arrivare da auto di segmenti ben inferiori. peccato. Materiali buoni su sedili, in pelle e pannelli portiera, assenza di rumori e vibrazioni.

 

ABITABILITA’ – 8.0

Grossa e lunga, era la versione a 5 posti, di spazio se ne trova molto, ma non è da record.  si viaggia bene in 4 ma pure in 5 senza soffrire troppo.

 

DOTAZIONE DI SERIE – 8.5

Dotazioni di sicurezza ADAS, di buon livello , trattandosi di una top di gamma ha su di tutto, ottimo impianto audio, e sistema multimediale. Buoni i fanali per potenza e distribuzione del fascio luminoso. telecamere complete che aiutano molto.

 

 

INFOTAINMENT – 8.0

di buon livello, migliorato rispetto alle serie precedenti. abbastanza facile da usare, ma serve prenderci un poco la mano.  bella la parte dedicata, al sistema ibrido con molte informazioni di ogni tipo.

Strumentazione classica e ben fatta.

 

MOTORE – 7.5

Nuovo motore, 2.4 cc da 99kw, onesto e buono per il tipo di vettura, 211 nm di coppia a 4500 giri non sono molti, ma poi entrano in campo quelli elettrici e tutto cambia.

Alla fine è come avere 220 cv circa, ed effettivamente  anche in autostrada, riprendendo affondando tutto giu, la spinta è molto buona ed appagante.

In salita la massa si sente, e complice il cambio con effetto scooterone, non regala sensazioni piacevolissime e diventa rumoroso, ma vabbe, questo capita quasi a tutte le ibride,

avrei preferito un bel 1.5 turbo da 150 cv.... da accoppiare ai motori elettrici..

 

CONSUMI 7.5

costo della ricarica, su colonnina enel x 0,45 a kw un pieno 6 euro circa, e lo fai in poco tempo, , esempio nel tempo di una spesa veloce di 40 minuti ho ricaricato quasi 4 kw... ci aggiungi un caffe ed hai ricaricato metà delle batterie con 3 euro, piu il caffe. ricarica a casa, a 0,30 x kw, in 7-8 ore fai il pieno con meno di 5 euro..e poi hai almeno 40 km reali elettrici, oppure  da usare come una ibrida..

 

usata per tragitto casa lavoro, e sei sotto i 20 km puoi praticamente viaggiare solo elettrico o spendere davvero poco di carburante.

Nell'uso di tutto i giorni tra benzina e elettrico sei sui 13 km litro...stando attenti, medi reali, volendo anche di più. la massa non aiuta sicuro...se esageri salgono e non poco,

senza batterie cariche facile stare a 10 litro...

se hai a casa i pannelli fotovoltaici tutto cambia.

Le Ibride Plug in sono, secondo me molto interessanti


COMPORTAMENTO DINAMICO – 7.5

Migliorato rispetto alle serie precedenti, sia per guidabilità generale, che per percorrenza di curva, mi è è piaciuto  anche forzando tra le curve. Ovvio è una vettura pesante con baricentro alto. tenuto conto di questo ripeto, non mi è dispiaciuto ed è migliorato sicuramente in questa nuova versione.

 

 

Impianto Frenante 8

 

Mi sono trovato bene, ben dimensionato e ben fruttabile, puoi dosare la forza del freno motore che ricarica le batterie, usando le pallette, grosse al volante. simpatico, comodo ed immediato. anche scendendo forte in discesa non ho percepito nessun problema di surriscaldamento.

 

CONFORT – 8,5

Davvero comoda e ben insonorizzata, paga sol quando, il motore termico frulla al massimo dei gira causa il cambio automatico, ma nel resto dell'utilizzo va bene ed è molto confortevole.

 

Principali pregi

Bello poter decidere se usare solo i motori elettrici, o altre cose, tipo forzare la ricarica delle batterie usando il motore termico per avere, magari dopo le batterie cariche.

La spinta complessiva di tutti i motori è apprezzabile, e nell'uso autostradale molto veloce, FINO A QUANDO LE BATTERIE REGGONO.

Difetti.

Bagagliaio grosso, ma non sfruttabile bene per alcune limitazioni e conformazione. Tasti non illuminati al volante davvero assurdo., alcuni  tasti di utilizzo quotidiano un poco nascosti.

peccato che il motore termico non è turbo...

 

IN CONCLUSIONE:

solo pochi anni fa, si pensava a questo tipo di vetture come il futuro, ora sono la realtà.

La tecnologia Plug in la trovo interessante ed intelligente.

Bel suvvone, comodo e ben rifinito, ovvio il peso non lo aiuta. 

la mia video Prova.

 

DSC_7727_edited (Copia).jpg

DSC_7759_edited (Copia).jpg

  • I Like! 2
  • Thanks! 1

.

Link to comment
Share on other sites

Onestamente non riesco a capire il vantaggio di auto come questa plug in hybrid, se non per bollo/accesso alle ztl. Motore benzina sottodimensionato, consumi comunque alti. E vorrei vederla effettivamente a pieno carico, vista la mole.

Vedendo queste prove condivido sempre di più che elettriche/ibride hanno senso per macchine piccole e da città ,queste le vedo come forzature senza senso. Non parlo solo di questa Mitsu.

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, alfa75qv88 scrive:

Onestamente non riesco a capire il vantaggio di auto come questa plug in hybrid, se non per bollo/accesso alle ztl. Motore benzina sottodimensionato, consumi comunque alti. E vorrei vederla effettivamente a pieno carico, vista la mole.

Vedendo queste prove condivido sempre di più che elettriche/ibride hanno senso per macchine piccole e da città ,queste le vedo come forzature senza senso. Non parlo solo di questa Mitsu.

guarda in settimana farò resoconto di un utilizzo giornaliero , e vi dirò i veri consumi, usandola per come va usata, ossia caricandola ogni sera al massimo, e vediamo come si comporta.

Il test fino ad oggi eseguito dal quale , ho messo giu la recensione è avvenuto viaggiando quasi sempre al massimo, in 4 persone con un carico medio di bagagli, solo una parte della prova usata con solo me a bordo. Il 60 % della prova avvenuta in autostrada, e montagna sali scendi.

Tieni presente che qualsiasi suv di 19 quintali, con qualsiasi motore sia dotato non avrà mai consumi tanto migliori anzi..la stazza, la tipologia di trazione e di cambio , non giocano a suo favore a prescindere dall'ibrido.

Vedremo e vi farò sapere.

Ovvio su una piccola e piu leggera magari tutto si ribalta, il problema rimane sempre il costo.

 

.

Link to comment
Share on other sites

Ottimo, molto interessante. Vero che questi tipi di auto comunque pesano tanto e i consumi sono quelli, solo che non vedo la risoluzione dei problemi ambientali mettendo kili di batterie aggiuntive a un prezzo che ovviamente è già alto di suo.

Per il resto la macchina, pur non amando il genere, mi piace, forse tra quelle che mi piacciono di più della concorrenza, anche se con interni forse fin troppo semplici.

  • I Like! 2
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

da ieri ne ho in uso altra . solo differente per colore.

Ora mi concentro sulla sua tecnologia ibrida Plugin, e tipo di trazione.

Ieri percorsi 24 km per portarla a casa, sono partito con batterie completamente scariche.

nel traffico di  Milano, piu blando del solito, usandola quindi come una vera ibrida ricaricando in frenata ed in rilascio, alla fine 7,1 litri per 100 km di media, senza batterie cariche quindi 14 litro, e tenendo presente di che giocattolo, per dimensioni si tratta....non male.

Fatto pieno delle batterie a casa, in 7 ore... oggi usata per andare in ufficio 27 km percorsi tutti in elettrico ed ho ancora 18 km di autonomia.

il cdb mi ha dato 22.6 kw per 100 km di consumo. direi di partire da qua come ragionamento.

 

saluti.

 

  • I Like! 2

.

Link to comment
Share on other sites

ecco la foto del viaggio di oggi.

se la rifornisco alle colonnine enel x 0,45 euro per ogni kw, senza abbonamenti o costi fissi,  a casa circa 0,30 senza particolari promozioni.

suv simili 4wd, automatici da 4,70 quanto spendono per fare 100 km?... 

è una forzatura, per via dell'autonomia, ma poi usi altro motore...

 

saluti

 

ooo.JPG

.

Link to comment
Share on other sites

 

 

On 2/3/2020 at 14:49, ROCKY1977 scrive:

ero a tiro di comprarla, ma poi ho virato su altro perché non ci arrivavo come budget.

provata, va molto bene.

concordo con la recensione.

 

 

il prezzo non è diciamo, semplice ahahaha, ci son ora versione meno care 

 

ciao 

On 2/3/2020 at 14:46, alfa75qv88 scrive:

Ottimo, molto interessante. Vero che questi tipi di auto comunque pesano tanto e i consumi sono quelli, solo che non vedo la risoluzione dei problemi ambientali mettendo kili di batterie aggiuntive a un prezzo che ovviamente è già alto di suo.

Per il resto la macchina, pur non amando il genere, mi piace, forse tra quelle che mi piacciono di più della concorrenza, anche se con interni forse fin troppo semplici.

si tipici giappo... o almeno tipici Mitsu..

ecco un video di come usarla , utilizzo di tutti i giorni.

 

 

  • Thanks! 1

.

Link to comment
Share on other sites

giornata piena, utilizzo medio, traffico medio, statali 50%, autostrada e tangenziale 30%, città 20%

 

sui 100 km di utilizzo, 1 ricarica completa da 3,9 euro, e 6,35 euro di benzina verde. totale 10,25 euro per 100 km con piede abbastanza pesante.

 

poi a fine giornata circa 200 km.

1 ricarica completa fatta a casa da 3,90 euro, e +19 euro di benzina verde. totale 22,90 euro per 200 km con piede abbastanza pesante, fatto test di accellerazione full gas più volte e tratte a velocità molto sostenute. Stando più calmi un paio di euro di benza si risparmiavano senza problemi, e con abbonamenti di ricarica da casa anche qualcosa dalla ricarica .

calcolando le prestazione buone lo spazio, il peso e le 4wd, direi non male.

 

qua il video di ieri.

 

 

 

100.jpg

DSC_8449.JPG

  • Thanks! 1

.

Link to comment
Share on other sites

On 5/3/2020 at 16:21, marcolino1969 scrive:

100.jpg DSC_8449.JPG

 

Prova interessante ;) 

 

Ma il "consumo mod. carburante", non è la media consumo a batteria completamente scarica?

 

Cioè, quel dato viene in parte "drogato" dall'azione della parte elettrica, che ogni tanto interveniva allo scopo di ridurre i consumi?

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      SUV 100 % Elettrico di Mitsubishi che presenta l'Airtrek che sarà prodotto in Cina assieme alla sua JV con GAC.
      In effetti, il nome AIRTREK non è la prima volta che compare nella linea di prodotti Mitsubishi: il primo nome locale per l'auto giapponese Outlander di prima generazione fu AIRTREK. Resta quindi da vedere se il ritorno del nome AIRTREK significhi che questa nuova auto elettrica è legata a Outlander.
      Mitsubishi ha sottolineato che AIRTREK sarà costruito utilizzando il concetto di "SUV Crusing Electric", che include tre centri di gravità, "Electric", "Expanding" ed "Expressive".
      "Electric" rappresenta veicoli elettrici e "Expanding" rappresenta veicoli a guida estesa."Expressive" rappresenta l'unicità dei veicoli Mitsubishi.
      Dal punto di vista estetico, oltre ai fari separati e ad altri importanti elementi del Dynamic Shield in passato, la carrozzeria ha anche delle forti linee di rigonfiamento, lo scudo Dynamic Shield è leggermente squadrato, e le luci posteriori sono realizzate con tecnologia LED a forma di L rovesciata su entrambi i lati. 
      John Signoriello, responsabile del marketing e delle vendite globali di MMC, ha sottolineato che "Mitsubishi ha creato AIRTREK, un veicolo ricreativo esclusivamente elettrico, principalmente per consentire ai consumatori di essere più immersi in avventure illimitate". Ha anche sottolineato che "AIRTREK sarà esclusiva appartenente al mercato cinese. ", e sarà la quarta linea di prodotti in Cina dopo i marchi Outlander, ASX ed Eclipse Cross.
      La nuova vettura sarà ufficialmente rilasciata sul mercato cinese alla fine del 2021.
      A breve nuove foto e cartella stampa
       













       
      Press Release:
       
      Mitsubishi Global
       
    • By Cole_90
      Debutta la quarta generazione di Outlander, dopo anni di attesa, ritrovando quel suo coraggio stilistico che da sempre l’ha contraddistinta.
      Basato sul Nissan Rogue, cresce di 5 centimetri rispetto al precedente e guadagna due posti in più  di fortuna.
      Esternamente troviamo un’evoluzione del Dynamic Shield all’anteriore, finalmente reso realmente dinamico secondo me, ed un approccio più classico ma non spiacevole al posteriore.
      Rivoluzione anche dentro, con degli interni semplici, lineari e ben strutturati che fanno dimenticare i precedenti e mal pensati di ammassi di plastica a cui ci ha fatto abituare Mitsu.
      Momentaneamente viene presentata in variante USDM con un 2.5 da 181 hp di origine Nissan e trazione anche 4WD.
      Nessuna news circa la disponibilità in Europa.
       
      10/2021: Debutta anche Outlander PHEV, dotato del 2.4 a benzina + trazione integrale e ben due motori elettrici (anteriore e posteriore), con pacco batterie da 20 kWh che garantisce 87 km di autonomia in modalità elettrica, momento in cui è possibile condurre Outlander tramite l'utilizzo di un unico pedale per accelerare e decelerare.
      La trazione integrale è la S-AWC, ossia Super All-Wheel Control, che a seconda delle modalità scelte garantisce migliori performances sui percorsi più impervi. Dediacata alla PHEV è la modalità Power che aiuta a sfruttare al meglio il risparmio di energia (è uno step sopra la modalità Eco). Anche qui, nessuna news circa la commercializzazione in Europa.
       
       
      Outlander PHEV (JDM)
       
       






       
      Press Release PHEV: 
       
      Mitsubishi 
       
       
      Outlander (USDM)
       










































       
       
       
       
      Press Release:
       
      Mitsubishi
       
      Topic Spy: ➡️ Mitsubishi Outlander IV 2021 (Spy)
       
       
       
       
    • By J-Gian
      Un tempo, il metodo di calcolo dei consumi nel ciclo NEDC per un auto ibrida plug-in, era frutto di una formula matematica che teneva conto del presunto utilizzo medio, quindi una buona parte in modalità elettrica ed una piccola parte in modo ibrido. 
       
      La formula era questa: C = (De·C1 + Dav·C2)/(De + Dav)
       
      Dove:
      C = consumo di carburante in l/100 km  
      De = autonomia rilevata in modalità elettrica
      C1 = consumo carburante rilevato con la batteria carica (perché in certe condizioni del ciclo prova potrebbe accendersi il termico)
      C2 = consumo carburante rilevato con la batteria scarica (modalità ibrida)
      Dav = 25 km, presunto utilizzo medio in modalità ibrida, su percorrenze di 100 km
       
       
      Ad esempio, una Prius ibrida plug-in del 2009, il calcolo era questo 2,1 = (25 x 0,5 + 25 x 3,7) / (25+25)
      2,1 l/100 km, corrispondono a 49 g/km di CO2: questo bastava per stare sotto i 50 g/km ed ottenere certe agevolazione in alcuni paesi. Ecco che a quel punto non aveva nemmeno senso eccedere nella taglia della batteria, sarebbero stati solamente costi e peso che poteva incidere su C2.
       
      La fonte di quanto sopra è questa: km77.com - Va de consumos, perdón, emisiones
       
       
       
       
      Con il ciclo WLTP non ho ancora trovato informazioni dettagliate riguardo al nuovo metodo di calcolo. 
      Il ciclo WLTP per una ibrida plug-in comunque prevede questo (fonte: How are plug-in hybrids and electric cars measured? )
       
      inizio ciclo di omologazione WLTP a batteria completamente carica; si tratta delle medesime prove sui rulli che fanno le auto a motore termico (anche le elettriche) con il nuovo iter;
        ripetere il ciclo fino alla scarica completa della batteria di trazione, misurando costantemente le emissioni di CO2 (quindi, complementarmente, i consumi di carburante); 
        notare che durante i test, il motore termico potrebbe accendersi autonomamente per svariate esigenze (es. velocità elevata); l'apporto del termico diverrà via via predominante man mano che ci si avvicinerà alla scarica totale; il tutto viene misurato e contribuisce al calcolo finale delle emissioni di CO2;
        a batteria di trazione totalmente scarica, si effettua un ulteriore ciclo WLTP in modalità totalmente ibrida (termico e frenate rigenerative);
        a questo punto il test si dichiara concluso; si calcolano matematicamente le emissioni di CO2 facendo una media sul rapporto tra autonomia elettrica e totale. 
        La difficoltà nel restituire un dato realistico con questa tipologia di auto, sta nel valutare quale sia poi l'effettivo uso medio dell'utente, ovvero quanto la utilizzerà effettivamente come elettrica, quanto come ibrida. 
       
       
       
      Sicuramente quindi, i nuovi cicli di omologazione hanno messo un po' a soqquadro i piani delle case che puntavano sulle ibride plug-in come artifizio per farla franca. Tuttavia, una volta trovati i nuovi parametri per far rientrare il conteggio entro la soglia desiderata, le case hanno rapidamente adeguato accumulatori e/o sono ricorse a termici più efficienti, per raggiungere nuovamente un risultato che potrebbe non essere lo specchio reale dei consumi ed emissioni.
       
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.