Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Damynavy

Coronavirus, come ha cambiato le abitudini dell'Autoparerista

J-Gian


 

Discussione da compagnia

⬇️⬇️⬇️

NO POLEMICHE

 qui dentro... grazie!  ;-)

 

 

Message added by J-Gian

Recommended Posts

1 minuto fa, jameson scrive:

Per questo sostengo la necessità di orari estesi anziché ridotti. Meno code, meno folla. L'unico modo di prendere il virus è far incontrare persone (o al limite tramite superfici infettate da poco). Meno folla, meno possibilità di incontro.

Si ho capito il tuo problema lavorando fino a tardi, anche se non ti ho risposto. 

Ma ti assicuro, almeno nella mia zona e in vari Supermercati, che la coda è la. Stessa di prima. Anzi, tenendo le persone fuori in certi casi (nei Supermercati più grandi) , fa sì che ci sia una coda costante e composta alle casse. Cioè, già ora alle 18:00 c'è pochissima gente, se tengo aperto fino alle 23:00, avrò sempre la stessa coda negli stessi orari. Dalle 11 alle 13, e dalle 15 alle 17 per dire ecco. Per nom avere coda ed assembramenti, devi regolamentare gli ingressi riducendo le persone all'interno. 

Perciò dicevo, piuttosto di dare la caccia alla signora col cane andrei piu spesso in questi luoghi come all'esterno dei Supermercati. 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, nucarote scrive:

Lo stanno facendo dalle mie parti, su un paese da 30K abitanti, ma pare che non funzioni molto.

forse dovevano specificare massimo una volta al giorno?

perché se nel tuo giorno vai 4 volte...

e poi quale sarebbe il tempo per fare il giro completo?

3 giorni? una settimana? due settimane?

 

se è pochi giorni ovviamente è troppo poco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, tonyx scrive:

la maggior parte degli affollatori di supermercati non lavora e si annoia a stare in casa.

 

comunque il discorso è abbastanza semplice, aumenti i contatti interpersonali al di fuori di dove vivi, perché non andiamo tutti a fare la spesa in val Seriana?

Se sono già al lavoro, a 50 km da casa, e ho già contatti interpersonali qui, che differenza c'è tra l'aumentarli qui e a casa?

Casomai è dove vivo che non ho contatti interpersonali.

Sto parlando di andare a fare spesa in un posto dove già mi trovo, passo parecchie ore al giorno e passo vicino ad altre persone, non in val Seriana. Quello non c'entra niente con il mio discorso.

4 minuti fa, mikisnow scrive:

Si ho capito il tuo problema lavorando fino a tardi, anche se non ti ho risposto. 

Ma ti assicuro, almeno nella mia zona e in vari Supermercati, che la coda è la. Stessa di prima. Anzi, tenendo le persone fuori in certi casi (nei Supermercati più grandi) , fa sì che ci sia una coda costante e composta alle casse. Cioè, già ora alle 18:00 c'è pochissima gente, se tengo aperto fino alle 23:00, avrò sempre la stessa coda negli stessi orari. Dalle 11 alle 13, e dalle 15 alle 17 per dire ecco. Per nom avere coda ed assembramenti, devi regolamentare gli ingressi riducendo le persone all'interno. 

Perciò dicevo, piuttosto di dare la caccia alla signora col cane andrei piu spesso in questi luoghi come all'esterno dei Supermercati. 

Qui no, c'è coda tutto il giorno in tutti i supermercati. Ieri mattina mia moglie ci ha messo mezz'ora per entrare andando prima dell'apertura. La situazione è cambiata drasticamente con la riduzione degli orari.

La coda comunque aumenta se riduci le persone all'interno. Mi riferisco alla coda di fuori.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, TonyH scrive:

 

O si deve alzare polverone per nascondere le enormi lacune nelle prime fasi dell'epidemia. Specie in Lombardia.

Con piani pandemici già fallaci nelle simulazioni

 

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_marzo_29/pandemia-quel-pianoda-10-anni-cassettoe-misure-inapplicate-3c88c84e-7149-11ea-a7a6-80954b735fc3.shtml

 

Con l'assessore alla sanità che non voleva sentire di "cazzate" come le zone rosse

 

https://www.internazionale.it/reportage/annalisa-camilli/2020/03/25/bergamo-lombardia-coronavirus

 

Però cerchiamo gli asintomatici senza fargli tamponi.

Magari speriamo nell'alone viola

maxresdefault.jpg

Eh si. 

Oltre al prima, al momentoin Lombardia c'è anche da considerare il fatto che ha una Sanità Ospedalocentrica (interrogativi già esposti tempo fa, anche nel 2019). Diversa la situazione in Liguria o Emilia Romagna per citarne un paio. 

 

Comunque "l'arcano" di quegli Ospedali diventati covi ha dell'incredibile. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, tonyx scrive:

forse dovevano specificare massimo una volta al giorno?

perché se nel tuo giorno vai 4 volte...

e poi quale sarebbe il tempo per fare il giro completo?

3 giorni? una settimana? due settimane?

 

se è pochi giorni ovviamente è troppo poco

Penso che abbia anche a che fare col fatto che la spesa è una commissione più lunga rispetto al riscuotimento della pensione.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, nucarote scrive:

Penso che abbia anche a che fare col fatto che la spesa è una commissione più lunga rispetto al riscuotimento della pensione.

 

Prima del coronavirus però non c'era nemmeno 1/10 delle file di questi tempi.

Coincidenze? Io non credo...

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se riduci il numero delle persone dentro, queste aspetteranno fuori.

 

20 persone in fila alla cassa, anche nei supermercati rionali, non era uno scenario irrealistico in certi momenti.

 

Ora dentro sono 4, le altre 16 fuori.

  • I Like! 4

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
1 ora fa, TonyH scrive:

Se riduci il numero delle persone dentro, queste aspetteranno fuori.

 

20 persone in fila alla cassa, anche nei supermercati rionali, non era uno scenario irrealistico in certi momenti.

 

Ora dentro sono 4, le altre 16 fuori.

@jameson

Ma certo. Solo che è stato deciso di limitare il numero di chi sta dentro in base alla metratura. Per evitare gente numerosa  che abbia contatti ravvicinati davanti agli scaffali o banchi frigo, ed in un luogo chiuso. E davanti alle casse, smaltendo di più con una persona in più alla cassa per esempio. 

Fuori si dovrebbe stare in fila e distanziati. 

1 ora fa, tonyx scrive:

Prima del coronavirus però non c'era nemmeno 1/10 delle file di questi tempi.

Coincidenze? Io non credo...

Ed in mezzo c'è anche questo. La paura iniziale dopo ogni chiusura comunicata, ed ora molte persone che vengono più volte la settimana ed anche al giorno. 

 

Dopo il periodo di scorta iniziale, ora noto che si è stabilizzato. Più o meno le persone  mangiano lo stesso quantitativo al giorno. Chi meno perché si muove meno, e chi più per noia magari. 

Edited by mikisnow
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i supermercati basterebbe introdurre l’identificazione con codice fiscale: puoi fare spesa col tuo codice una volta ogni sette giorni e per un importo non inferiore si 50€ (così non mandi a cazzo i membri del tuo nucleo familiare a comprare roba inutile a rate)

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, jameson scrive:

 

L'esercito ha meno poteri delle forze dell'ordine. In realtà non può fare niente che non possa fare un civile non FdO.

 

 

In uno dei degli ultimi decreti l'esercito ha ricevuto autorizzazione a svolgere funzione di ordine pubblico, coordinati dal viminale.

Il problema e che non abbiamo mica chissà quanti militari a disposizione da poter schierare .... tra missioni all'estero e tagli all'organico degli ultimi anni ...

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By TonyH
      No, quando presi la patente non era più ordinabile.
       
      Parliamo invece di questa, che fui vicinissimo a comprare.
       

       
      Rigorosamente pre-restyling.
      Possibilmente nera (al limite rossa).
       
      Che verrà dotata delle misure adatte a seminare panico nei colli monferrini.
    • By J-Gian
      A seguito delle restrizioni alla circolazione delle persone, introdotte a partire dal 09/03/2020 per il contenimento del virus Codvi-19, anche il numero di veicoli in circolazione è sensibilmente sceso.
       
      Secondo la "logica dell'amministratore locale tipo", la riduzione del traffico veicolare, assieme alla chiusura di molte attività, avrebbe dovuto ripercuotersi positivamente sulla qualità dell'aria delle città.

       
       
      Il miglioramento della qualità dell'aria effettivamente sembrava esserci stato, almeno nel milanese, precedentemente al 15/03/20:  
       
      Lo scenario però presto è cambiato nelle giornate del 17 e 18 marzo 2020: 
       
       
      Cos'è successo?
      Iniziale "merito" delle particolari condizioni meteorologiche? Successivo contributo dei riscaldamenti domestici, a veicoli fermi?
      Sono le ipotesi che faremmo un po' tutti, ma ARPA Lombardia giustamente frena, suggerendo la necessità di approfondimenti:
       
       
       
      Si sbilancia un po' di più ARPA Veneto, evidenziando come il meteo sia il principale attore nel ristagno o nella dispersione degli inquinanti. E che il gran numero delle persone chiuse in casa durante il periodo di restrizioni 08/03-13/03/20, potrebbe aver inciso attraverso l'utilizzo dei riscaldamenti domestici. A far eco alle ipotesi, si è riscontrato che proprio in quei giorni, la qualità dell'aria in Veneto è stata decisamente pessima.
      Un estratto:
       
    • By AleMcGir
      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/gp-australia-2020-orari-circuito-e-televisione-melbourne-albert-park-sky-tv8-485317.html
       
      -----
       
       

      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/ferrari-niente-mission-winnow-a-melbourne-f1-2020-leclerc-vettel-phillip-morris-485505.html
       
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.