Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Damynavy

Coronavirus, come ha cambiato le abitudini dell'Autoparerista

J-Gian


 

Discussione da compagnia

⬇️⬇️⬇️

NO POLEMICHE

 qui dentro... grazie!  ;-)

 

 

Message added by J-Gian

Recommended Posts

Posted (edited)
1 minuto fa, J-Gian scrive:

Comunque, ridendo e scherzando non ho ancora capito se il 4 maggio potrò vedere o meno la mia ragazza, altro che cene/pranzi fuori 😩

Sono nella tua stessa identica situazione.

 

Oltre al fatto che stavamo sistemando casa per andare a convivere, due mesi di stop forzato dei lavori :(

Edited by Albe89
  • Sad! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
52 minuti fa, Albe89 scrive:

Sono nella tua stessa identica situazione.

 

Oltre al fatto che stavamo sistemando casa per andare a convivere, due mesi di stop forzato dei lavori :(

Io credo dipenderà dalle zone ci sono regioni ad esempio che potrebbero riaprire anche oggi, altre tipo la Lombardia nonostante tutti i proclami fatti dalla lega trovò difficile una riapertura per il 4...

Edited by SoUlSnAkE

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Secondo giorno con casi totali in calo. Bene, anche se vedendo i dati, credo che il 4 maggio sia un po’ presto per riaprire...

 

La Cina ha aspettato 50 giorno dal pico (calo dei casi attivi totali) per riaprire, e questo pico in Italia e (sembra) arrivato solo ieri.

Edited by iDrive

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, iDrive scrive:

La Cina ha aspettato 50 giorno dal pico (calo dei casi attivi totali) per riaprire, e questo pico in Italia e (sembra) arrivato solo ieri.

1 non credere troppo al CCP

2 wuhan è lo 0.7% della popolazione cinese

3 aspettare altri 50 giorni in questa situazione vuol dire far la fine della grecia e dell' argentina messe assieme

  • I Like! 2
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La situazione lombarda è incredibile ..... stanno diventando il freno verso una ripartenza anche graduale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho sentito che nei tre mesi centrali dell'inverno 2019/20 sembra che siano transitati tra milano e lombardia circa 300 mila cinesi per lavoro o turismo provenienti in gran parte dalle zone lavorative come whuan, piú tutti gli italiani e altri europei che per lavoro facevano avanti-indietro con la cina...

 

penso che un simile traffico italia-cina non esista in nessuna altra parte d'europa per via dell'infinità di piccole medio aziende che trafficano con la cina dove ormai si produce tutto e che a sua volta compra molto, il virus in lombardia si é diffuso in maniera capillare

 

a questo punto non si puó parametrare la riapertura dell'italia su quella della lombardia, si deve dividere tra regioni quasi ok e lombardia 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By TonyH
      No, quando presi la patente non era più ordinabile.
       
      Parliamo invece di questa, che fui vicinissimo a comprare.
       

       
      Rigorosamente pre-restyling.
      Possibilmente nera (al limite rossa).
       
      Che verrà dotata delle misure adatte a seminare panico nei colli monferrini.
    • By J-Gian
      A seguito delle restrizioni alla circolazione delle persone, introdotte a partire dal 09/03/2020 per il contenimento del virus Codvi-19, anche il numero di veicoli in circolazione è sensibilmente sceso.
       
      Secondo la "logica dell'amministratore locale tipo", la riduzione del traffico veicolare, assieme alla chiusura di molte attività, avrebbe dovuto ripercuotersi positivamente sulla qualità dell'aria delle città.

       
       
      Il miglioramento della qualità dell'aria effettivamente sembrava esserci stato, almeno nel milanese, precedentemente al 15/03/20:  
       
      Lo scenario però presto è cambiato nelle giornate del 17 e 18 marzo 2020: 
       
       
      Cos'è successo?
      Iniziale "merito" delle particolari condizioni meteorologiche? Successivo contributo dei riscaldamenti domestici, a veicoli fermi?
      Sono le ipotesi che faremmo un po' tutti, ma ARPA Lombardia giustamente frena, suggerendo la necessità di approfondimenti:
       
       
       
      Si sbilancia un po' di più ARPA Veneto, evidenziando come il meteo sia il principale attore nel ristagno o nella dispersione degli inquinanti. E che il gran numero delle persone chiuse in casa durante il periodo di restrizioni 08/03-13/03/20, potrebbe aver inciso attraverso l'utilizzo dei riscaldamenti domestici. A far eco alle ipotesi, si è riscontrato che proprio in quei giorni, la qualità dell'aria in Veneto è stata decisamente pessima.
      Un estratto:
       
    • By AleMcGir
      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/gp-australia-2020-orari-circuito-e-televisione-melbourne-albert-park-sky-tv8-485317.html
       
      -----
       
       

      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/ferrari-niente-mission-winnow-a-melbourne-f1-2020-leclerc-vettel-phillip-morris-485505.html
       
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.