Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Damynavy

Coronavirus, come ha cambiato le abitudini dell'Autoparerista

J-Gian


 

Discussione da compagnia

⬇️⬇️⬇️

NO POLEMICHE

 qui dentro... grazie!  ;-)

 

 

Message added by J-Gian

Recommended Posts

resto a casa, e già lo facevo visto che sono in fase di progetto quindi ho bisogno di starmene per conto mio

 

sarà da capire se l'innalzamento generalizzato delle temperature porti eventualmente ad un aumento naturale della presenza di virus e batteri di vario genere nell'ambiente, e ad una loro maggior diffusione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto mi riguarda, in ambito lavorativo l'attivita' didattica e' ferma mentre quella di ricerca procede come al solito. Nella vita privata le cose sono cambiate molto perche' gia' da almeno dieci giorni ho messo in atto le cautele che si consigliano in presenza di una epidemia (le mani comunque le lavo spesso come abitudine..). Quindi evito accuratamente i luoghi affollati ad eccezione del supermercato per la spesa.

 

Senza voler fare polemica, qualcuno ha detto che le misure che sono state messe in atto recentemente andavano messe in atto prima. Il problema, secondo me, siamo noi italiani. Noi tendiamo a interpretare le norme invece di rispettarle. Leggevo ieri sera un articoletto su un sito web in cui c'era scritto che nella mia citta' la movida non si fa condizionare dal virus, con relativa foto di uno dei luoghi di ritrovo regolarmente affollato. Su questa base non c'e' norma o direttiva che possa essere efficace. Non ci sono le forze dell'ordine per tenere a bada ogni italiano che crede di saperne piu' di tutti gli altri o che pensa che tanto a lui/lei la situazione non lo/la riguarda.

Ammetto che anche io all'inizio ho avuto l'impressione che si stesse esagerando con le misure restrittive ma poi mi sono reso conto che se ognuno di noi non fa la sua parte (osservando le regole che ci vengono date) pagheremo un prezzo salato per alcuni aspetti. Questo e' il momento di fare le persone serie pensando non solo a se stessi ma all'intera comunita' (gli altri, magari piu' deboli).

  • I Like! 4
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Motron scrive:

Il lavoro (componenti meccanici per l'industria) è tutt'altro che fermo.. per ora almeno..

 

secondo me gli stabilimenti manifattura, con le dovute precauzioni, possono essere lasciati aperti. Tra i DPI e l'automazione alla fine gli stabilimenti non sono "affollati".

Idem agricoltura.

Son più critici gli uffici, dove va implementato il telelavoro per mantenere le distanze.

  • I Like! 2

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Smart working a singhiozzo anche per me da oggi. Ci stiamo dividendo tra me, mia moglie e la babysitter per stare con la bimba.

già da due settimane comunque avevo smesso di andare al lavoro in treno, riprendendo l'auto e portandomi anche il pranzo da casa per non frequentare bar e simili.

Per il resto abbiamo interrotto le prove di uno spettacolo teatrale che avremmo dovuto mettere in scena a maggio ma che molto probabilmente slitterà dopo l'estate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, vince-991 scrive:

....

 

Senza voler fare polemica, qualcuno ha detto che le misure che sono state messe in atto recentemente andavano messe in atto prima. Il problema, secondo me, siamo noi italiani. Noi tendiamo a interpretare le norme invece di rispettarle. Leggevo ieri sera un articoletto su un sito web in cui c'era scritto che nella mia citta' la movida non si fa condizionare dal virus, con relativa foto di uno dei luoghi di ritrovo regolarmente affollato. Su questa base non c'e' norma o direttiva che possa essere efficace. Non ci sono le forze dell'ordine per tenere a bada ogni italiano che crede di saperne piu' di tutti gli altri o che pensa che tanto a lui/lei la situazione non lo/la riguarda.

Ammetto che anche io all'inizio ho avuto l'impressione che si stesse esagerando con le misure restrittive ma poi mi sono reso conto che se ognuno di noi non fa la sua parte (osservando le regole che ci vengono date) pagheremo un prezzo salato per alcuni aspetti. Questo e' il momento di fare le persone serie pensando non solo a se stessi ma all'intera comunita' (gli altri, magari piu' deboli).

 

beh se chiudi i locali la gente non può andarci che lo voglia o no.

poi contro l'idiozia ci vuole il pugno duro, ora non dico di fare come Kim Jong-un che se violi la quarantena ti fucila (è successo veramente) ma i nostri 200 euro di ammenda mi sembrano ridicoli.

  • Absurd! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io abito in provincia di Padova. Il vero disagio personalmente ce l'ho a causa dell'asilo chiuso, ma fortunatamente mia moglie è ancora in maternità e riusciamo a gestire i pargoli. Penso a chi deve continuare a pagare la retta dell'asilo e trovare una baby-sitter, ovviamente ampiamente supportato dallo stato, perché, purtroppo, è necessario guardare anche il lato economico della faccenda.

Io lavoro in proprio e per adesso mi sembra tutto abbastanza nella norma, ma penso che il conto verrà presentato più avanti.

Detto questo sono comunque dell'opinione che si stia facendo ancora troppo poco e "chiudere" qualche regione o provincia non serve a niente. Penso sia necessario bloccare tutto il Paese e possibilmente anche oltre confine se vogliamo dare una parvenza di Europa e non correre dietro ai contagi una volta che si sono verificati, quando ormai è troppo tardi. Ma la prevenzione ormai non sappiamo nemmeno cos'è. Mi ricordo però i professori delle lezioni di microbiologia e di igiene e sanità pubblica che dicevano che torneremo a morire di malattie infettive. All'epoca mi sembrava una boutade, oggi ragiono con un'ottica diversa.

 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mondo, il genere umano, la politica, i sistemi sanitari dei singoli Paesi... nessuno di "queste entità" è preparato a una cosa del genere.

Penso che questa volta sia ancora "andata bene" (ma non è ancora finita, e anzi forse è solo appena iniziata) ma se il prossimo virus dovesse essere "meno blando" di questo, ci sterminerà tutti.

Perdonate il pessimismo cosmico, ma mi sembra (parere personale) una realtà che nessuno vuol vedere (anche perché non ci possiamo fare nulla: come la modifichi la natura umana?) nonostante sia sotto gli occhi di tutti.

  • I Like! 1
  • Sad! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

io lavoro in una grossa fabbrica dove siamo un migliaio tra interni ed esterni con gente che viene un po da tutta la regione ,apparte la misurazione della temperatura ai tornelli e la chiusura della mensa è cambiato poco,più che altro i camionisti che arrivano da tutte le parti d'europa dovrebbero usare almeno le mascherine ma ne ho visti pochi,il problema è il grosso calo di lavoro che sto notando di giorno in giorno e secondo me farebbero bene a chiudere la baracca per almeno un paio di settimane.

A casa c'è mia figlia e sembra strano a dirsi ma  per fortuna in questo periodo mia moglie non sta lavorando perchè assolutamente non ce la sentiamo di avvicinarci ai nonni,lo facciamo solo per telefono.

Sono anche un podista a livello agonistico,ovviamente le gare sono state cancellate,mi alleno in solitaria e qui di posti per fortuna ce ne sono dove incontri poche anime.


Toyota Yaris hybrid

Fiat panda 4x4 twinair 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io in ufficio ci devo andare anche perché la produzione non si gestisce da casa...

 

la mia compagna sta messa peggio lei è medico e nonostante lavori a Roma l’ospedale è già al collasso con turni da 48h....

 

si parla molto di incivili ma io vorrei fare un plauso a tutti quelli che in questi momenti difficili si stanno mettendo sotto per contenere e arginare il problema, questi sono gli italiani di cui andare fieri

  • I Like! 8
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By TonyH
      No, quando presi la patente non era più ordinabile.
       
      Parliamo invece di questa, che fui vicinissimo a comprare.
       

       
      Rigorosamente pre-restyling.
      Possibilmente nera (al limite rossa).
       
      Che verrà dotata delle misure adatte a seminare panico nei colli monferrini.
    • By J-Gian
      A seguito delle restrizioni alla circolazione delle persone, introdotte a partire dal 09/03/2020 per il contenimento del virus Codvi-19, anche il numero di veicoli in circolazione è sensibilmente sceso.
       
      Secondo la "logica dell'amministratore locale tipo", la riduzione del traffico veicolare, assieme alla chiusura di molte attività, avrebbe dovuto ripercuotersi positivamente sulla qualità dell'aria delle città.

       
       
      Il miglioramento della qualità dell'aria effettivamente sembrava esserci stato, almeno nel milanese, precedentemente al 15/03/20:  
       
      Lo scenario però presto è cambiato nelle giornate del 17 e 18 marzo 2020: 
       
       
      Cos'è successo?
      Iniziale "merito" delle particolari condizioni meteorologiche? Successivo contributo dei riscaldamenti domestici, a veicoli fermi?
      Sono le ipotesi che faremmo un po' tutti, ma ARPA Lombardia giustamente frena, suggerendo la necessità di approfondimenti:
       
       
       
      Si sbilancia un po' di più ARPA Veneto, evidenziando come il meteo sia il principale attore nel ristagno o nella dispersione degli inquinanti. E che il gran numero delle persone chiuse in casa durante il periodo di restrizioni 08/03-13/03/20, potrebbe aver inciso attraverso l'utilizzo dei riscaldamenti domestici. A far eco alle ipotesi, si è riscontrato che proprio in quei giorni, la qualità dell'aria in Veneto è stata decisamente pessima.
      Un estratto:
       
    • By AleMcGir
      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/gp-australia-2020-orari-circuito-e-televisione-melbourne-albert-park-sky-tv8-485317.html
       
      -----
       
       

      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/ferrari-niente-mission-winnow-a-melbourne-f1-2020-leclerc-vettel-phillip-morris-485505.html
       
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.