Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Damynavy

Coronavirus, come ha cambiato le abitudini dell'Autoparerista

J-Gian


 

Discussione da compagnia

⬇️⬇️⬇️

NO POLEMICHE

 qui dentro... grazie!  ;-)

 

 

Message added by J-Gian

Recommended Posts

https://www.ilpost.it/flashes/eco-di-bergamo-necrologi-coronavirus/

 

Stanno circolando su Twitter vari video che mostrano le pagine dei necrologi sul quotidiano L’Eco di Bergamo uscito venerdì 13 marzo: sono 10, a causa dell’alto numero di morti per via dell’epidemia da coronavirus. Sull’edizione di oggi sono diventate 11. Sullo stesso giornale, appena un mese fa i necrologi occupavano una sola pagina

  • Sad! 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le ultime brutte di stasera:

 

- le nazioni non forniscono più mascherine e DPI e l’Italia non ne produce: ce ne servono 90.000.000 al mese, probabilmente il commissario speciale dovrà convertire alcune industrie

 

- la sanità lombarda è al collasso, mancano respiratori e la protezione civile non riesce a fornire nuovi posti. Si stanno cercando respiratori all’estero.

 

- è atteso il picco nel fine settimana, secondo me realisticamente dovremo seguire i tempi cinesi, preparatevi a 1 mese e mezzo di quarantena.

 

- la Spagna da lunedì adotterà la quarantena come noi.

 

- non se ne parla ma la Tunisia ha istituito il coprifuoco, non solo c’è il Covid ma anche H1N1 (anche in Sicilia). Sembra un film.

 

Le ultime belle:

 

- avviata la sperimentazione su larga scala del farmaco per l’artrite

 

- nelle zone rosse venete e lombarde i nuovi casi sono zero. ZERO.

 

ergo resistiamo e ne verremo fuori a testa alta, lasciamo che gli altri sacrifichino la loro popolazione, noi non lo faremo.

  • I Like! 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
5 ore fa, Savage scrive:

È una scelta...Far morire l'economia o salvarla non bloccandola ma sacrificando al contenpo decine di migliaia di piu deboli?se l'economia restasse forte facendo cosi...mentre altre nazioni affondano..."il dopo" darebbe loro potere e predominanza internazionale..Certe linee di sangue è inutile, non le cambierai mai...hanno "il gene del bastardo dentro".3000 volte piu fiero ed orgoglioso della mia povera Italia..

 

L'inghilterra e l'america sono paesi crudeli... se produci guadagni e mangi se non ce la fai fai l'homeless... addirittura per quanto sono ricchi sono entrambi sono i paesi al mondo con il più alto costo dell'assistenza sanitaria  per persona e sono quelli che restituiscono di meno ai loro cittadini.... mancano completamente i contrappesi, solo si vantano di definirsi democratici da lunga data.... facciano loro, io non ho bisogno di andarci...

Edited by Tempra Veloce

 

"Beato chi non s'aspetta nulla, perché non sarà mai deluso"

 

Alexander Pope

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, TonyH scrive:

Se uccidi i tuoi cittadini, l'economia ne risente lo stesso.

Un morto non lavora e non consuma.

principalmente moriranno pensionati

 

e i vuoti si fa presto a riempirli con gli immigrati europei

 

3 ore fa, GL91 scrive:

credo dipenda dal fatto che noi siamo MOLTO più indebitati della Germania

il debito pubblico tedesco è a tasso negativo ricordo

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

basterebbe solo rimetterci a comperare roba prodotta in Italia... che cazzo ci vuole a produrre una mascherina ? ci sono n-mila aziende tessili fallite e chiuse perché i grandi della moda per guadagnare il più possibile hanno portato in romania o in cina la produzione... perché dobbiamo dipendere per delle mascherine o per dei barattoli d'alcohol dalla cina o dalla russia o dalla romania ??? quando il sistema sanitario ha risparmiato 10 centesimi per mascherina ma poi non ha più le aziende che pagano l'irap per sostenerlo pensa di aver fatto un buon affare ?


 

"Beato chi non s'aspetta nulla, perché non sarà mai deluso"

 

Alexander Pope

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

La protezione civile tramite Borrelli non so dove prendono i dati sulla produzione di mascherine a livello nazionale. 

Su SkyTG24 ogni giorno fanno un servizio su produttori di mascherine nazionale o su industrie riconvertite. 

Non sono tantissime certo (per questa emergenza) ma nemmeno zero. Un quarto di milione al giorno le sforniamo

Edited by Bosco

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Bosco scrive:

Un quarto di milione al giorno le sforniamo

nella sola sanità lombarda ne usano 300 mila, al giorno

 

15 minuti fa, Tempra Veloce scrive:

basterebbe solo rimetterci a comperare roba prodotta in Italia... che cazzo ci vuole a produrre una mascherina ? ci sono n-mila aziende tessili fallite e chiuse perché i grandi della moda per guadagnare il più possibile hanno portato in romania o in cina la produzione... perché dobbiamo dipendere per delle mascherine o per dei barattoli d'alcohol dalla cina o dalla russia o dalla romania ??? quando il sistema sanitario ha risparmiato 10 centesimi per mascherina ma poi non ha più le aziende che pagano l'irap per sostenerlo pensa di aver fatto un buon affare ?

welcome to capitalismo liberista

 

non solo quello, ci sono un sacco di cose assolutamente fattibili da produrre in italia ma vengono prodotte dove costa molto meno farlo per aumentare i profitti.

 

comunque in alcuni casi  è anche l' ostruzionismo locale, per esempio difficoltà nel ampliare le fabbriche perché l' amministrazione locale non concede aree edificabili e la popolazione non vuole... vedasi quello succede da me dove da anni gli imprenditori vorrebbero espandere la zona produttiva ma comune e popolazione (non io) fanno storie

  • I Like! 1
  • Sad! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
30 minuti fa, tonyx scrive:

 

e i vuoti si fa presto a riempirli con gli immigrati europei

 

No, quelli europei non li volevano, hanno fatto la Brexit per quello.

 

Dovranno ricorrere al Commonwealth...quindi India, Pakistan, Ghana, Ruanda, Camerun etc. 

  • I Like! 4

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, TonyH scrive:

 

No, quelli europei non li volevano, hanno fatto la Brexit per quello.

 

Dovranno ricorrere al Commonwealth...quindi India, Pakistan, Ghana, Ruanda, Camerun etc. 

 

comunque vedrai come ha detto mortadella che rimanere in Europa per loro dà maggiori benefici che danni, quindi tra una 20ina di anni ci sarà chi ripromuoverà un referendum per ritornare in Europa... ovvero ci salgono e ci scendono nemmeno fosse un autobus..


 

"Beato chi non s'aspetta nulla, perché non sarà mai deluso"

 

Alexander Pope

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By TonyH
      No, quando presi la patente non era più ordinabile.
       
      Parliamo invece di questa, che fui vicinissimo a comprare.
       

       
      Rigorosamente pre-restyling.
      Possibilmente nera (al limite rossa).
       
      Che verrà dotata delle misure adatte a seminare panico nei colli monferrini.
    • By J-Gian
      A seguito delle restrizioni alla circolazione delle persone, introdotte a partire dal 09/03/2020 per il contenimento del virus Codvi-19, anche il numero di veicoli in circolazione è sensibilmente sceso.
       
      Secondo la "logica dell'amministratore locale tipo", la riduzione del traffico veicolare, assieme alla chiusura di molte attività, avrebbe dovuto ripercuotersi positivamente sulla qualità dell'aria delle città.

       
       
      Il miglioramento della qualità dell'aria effettivamente sembrava esserci stato, almeno nel milanese, precedentemente al 15/03/20:  
       
      Lo scenario però presto è cambiato nelle giornate del 17 e 18 marzo 2020: 
       
       
      Cos'è successo?
      Iniziale "merito" delle particolari condizioni meteorologiche? Successivo contributo dei riscaldamenti domestici, a veicoli fermi?
      Sono le ipotesi che faremmo un po' tutti, ma ARPA Lombardia giustamente frena, suggerendo la necessità di approfondimenti:
       
       
       
      Si sbilancia un po' di più ARPA Veneto, evidenziando come il meteo sia il principale attore nel ristagno o nella dispersione degli inquinanti. E che il gran numero delle persone chiuse in casa durante il periodo di restrizioni 08/03-13/03/20, potrebbe aver inciso attraverso l'utilizzo dei riscaldamenti domestici. A far eco alle ipotesi, si è riscontrato che proprio in quei giorni, la qualità dell'aria in Veneto è stata decisamente pessima.
      Un estratto:
       
    • By AleMcGir
      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/gp-australia-2020-orari-circuito-e-televisione-melbourne-albert-park-sky-tv8-485317.html
       
      -----
       
       

      https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/ferrari-niente-mission-winnow-a-melbourne-f1-2020-leclerc-vettel-phillip-morris-485505.html
       
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.