Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!
Message added by __P

E8296611-39C1-4171-85C6-16DC633AFC00.jpeg.5e705ab92b813f7166223af18e1a1364.jpeg
 

Aggiornato il primo messaggio con press release, video ed immagini ufficiali ▶️ CLICCA QUI!

Recommended Posts

 

Cita

 

Nuove Giulia e Stelvio Quadrifoglio MY2020: bellezza all’ennesima potenza

Con le nuove Quadrifoglio, Alfa Romeo dimostra ancora una volta il coraggio e la forza di andare sempre oltre, in una tensione al miglioramento costante che dura da 110 anni.

Le versioni top di Giulia e Stelvio aggiungono alle rinomate performance da supercar nuovi contenuti dedicati e molteplici novità in termini di tecnologia, connettività e sicurezza.

Massima espressione del patrimonio tecnico del Marchio, si rinnovano con nuovo infotainment touchscreen, la cui interfaccia è stata ridisegnata per ospitare schermate dedicate alla performance, guida autonoma di livello 2, nuovi dettagli specifici su interni ed esterni.

La presentazione avviene attraverso un nuovo linguaggio: una discussione con alcuni deiprotagonisti che hanno visto nascere ed evolvere il progetto, disponibile al seguente link.

 

Uno spirito dinamico resta tale anche in un momento in cui i fatti impongono una pausa rispetto ai consueti ritmi serrati, ed è per questo che il Marchio Alfa Romeo non rinuncia a presentare i propri modelli più prestazionali pur senza allontanarsi da casa. Un paradosso che in realtà esprime al meglio la vitalità e la passione che animano il Marchio insieme al desiderio di coinvolgere gli Alfisti e tutti gli appassionati delle belle automobili in un capitolo nuovo, che affianca alla pura performance novità di stile e tecnologia: il modo migliore per elevarla a un nuovo livello in perfetta coerenza con i valori storici di Alfa Romeo. Il Marchio, che quest’anno celebra i 110 anni dalla sua fondazione, sin dagli esordi si è infatti contraddistinto per la capacità unica di primeggiare sia in pista, sia sulle passerelle dei concorsi di bellezza. E oggi i 510 cavalli del 2.9 V6 Bi-Turbo di Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio scalpitano per mostrarsi in una veste nuova che arricchisce performance da supercar con inediti contenuti dedicati e molteplici upgrade in termini di tecnologia, connettività e sicurezza.
In attesa di potersi sedere al volante di vetture progettate intorno al posto di guida e per il piacere di guida, il Brand ha deciso di raccontare tutte le novità attraverso una conferenza stampa virtuale. È impensabile restituire a parole tutte le emozioni che solo il volante di una Quadrifoglio può trasmettere, ma è sicuramente interessante calarsi nella realtà operativa del Marchio, che si apre al pubblico come se aprisse le porte di una riunione, uno dei tanti tavoli intorno ai quali è nato e si è sviluppato lo straordinario progetto Quadrifoglio, una piattaforma unica nata letteralmente da un foglio bianco.

 

Un ulteriore passo avanti nell’identità Alfa Romeo

E sempre a motore spento, anche nell’edizione 2020, le rinnovate Giulia e Stelvio Quadrifoglio sono lo showcase dell’eccellenza Alfa Romeo ed esprimono ancor di più performance, DNA vincente e stile inconfondibilmente italiano. Il rinnovamento della gamma si completa con questo concentrato di ricercate soluzioni tecniche e prestazionali, vetture che rappresentano la più raffinata espressione di un design funzionale e tipicamente italiano, in pieno stile Alfa Romeo. Le prestazioni, ai vertici della categoria, sono assicurate dal potente propulsore 2.9 V6 Bi-Turbo, realizzato interamente in alluminio e capace di sprigionare ben 510 CV e 600 Nm di coppia massima a 2.500 giri/min, scaricati a terra grazie al sistema AlfaTM Active Torque Vectoring coadiuvato, su Stelvio Quadrifoglio, dall’innovativo sistema di trazione integrale Q4. Il cambio automatico ad 8 rapporti è calibrato per ottimizzare fluidità, comfort e facilità di guida in tutti gli ambiti di utilizzo, ma è in modalità RACE che esprime tutto il suo potenziale, con cambiate fulminee in soli 150 millisecondi. Numerosi sistemi funzionali al piacere di guida equipaggiano ogni Quadrifoglio per offrire la più autentica e coinvolgente esperienza al volante: le sospensioni attive Alfa TM Active Suspension, il selettore AlfaTM DNA Pro con modalità RACE, l’AlfaTM Active Aero splitter su Giulia, coordinati e adattati in tempo reale dall’unità di controllo AlfaTM Chassis Domain Control, che consente alla vettura e al guidatore di avere sempre le condizioni ideali per sfruttare appieno le eccezionali prestazioni di Giulia e Stelvio Quadrifoglio.
La colonna sonora che accompagna l’esperienza di guida del cliente Quadrifoglio è garantita da un sistema di scarico Dual mode a quattro uscite che nella modalità Race diventa più aggressivo e coinvolgente. Ea partire dal model year 20, il cliente avrà la possibilità di equipaggiare Giulia e Stelvio Quadrifoglio di un nuovo sistema di scarico Akrapovič, sempre dual mode, realizzato in titanio con codini in carbonio e caratterizzato da un timbrica ancora più ricercata.

 

Qualità e stile

Lo stile italiano di Alfa Romeo esprime una semplicità capace di celare il complesso processo creativo della progettazione: ottenere un insieme ergonomico e armonioso delle linee e degli strumenti, dei volumi e degli spazi che circondano il guidatore è un lavoro complesso e raffinato, ma migliorare un ambiente disegnato sulla misura degli occupanti è un’impresa ancora più difficile. All’interno, il nuovo design della consolle centrale è di grande impatto tattile e visivo e offre più spazio per lo storage. Sono nuovi il volante, la leva del cambio rivestita in pelle, le cinture di sicurezza ora disponibili non solo in nero, ma a scelta anche in rosso o verde. A breve disponibile anche la nuova opzione per il rivestimento dei sedili sportivi elettrici ad alto contenimento in pelle traforata. Questa nuova opzione amplia le possibilità di personalizzazione su Giulia e Stelvio Quadrifoglio, che continuano ad essere equipaggiate con i sedili sportivi ad alto contenimento in pelle e Alcantara, da sempre primo equipaggiamento su queste versioni. Rimangono inoltre disponibili i sedili sportivi con guscio in carbonio by Sparco. La tecnologia di bordo prevede un nuovo sistema di infotainment completamente rinnovato con display centrale touchscreen da 8,8”, dotato di servizi connessi e con interfaccia ridisegnata. Tra le novità esclusive di Quadrifoglio le Performance Pages, schermate dedicate che consentono di visualizzare in tempo reale lo stato della vettura - temperature dei principali organi meccanici, distribuzione di coppia, pressione dei turbo e potenza utilizzata in tempo reale, oltre a cronometri digitali per misurare le prestazioni di accelerazione e velocità massima. Per quanto riguarda le novità sugli esterni, Giulia e Stelvio Quadrifoglio adottano nuovi gruppi ottici posteriori a LED con lente brunita e nuova finitura nero lucido per trilobo anteriore e badge posteriori.
Su Stelvio esordiscono i nuovi cerchi da 21”, dedicati alla versione Quadrifoglio.

 

L’emozione della pista e una quotidianità più agevole: ADAS di livello 2

Con il MY2020, su Giulia e Stelvio Quadrifoglio vengono infine introdotti i nuovi sistemi ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) per la guida autonoma di livello 2 sviluppati in collaborazione con Bosch, che lasciano intatto il piacere di sedersi al volante ed intervengono soltanto per garantire sicurezza totale ed aumentare il comfort nel traffico così come nei viaggi più lunghi. È il più alto livello di guida autonoma in un perfetto equilibrio tra piacere di guida e sistemi di assistenza: si tratta del livello 2, che per definizione si raggiunge quando il guidatore può lasciare alla sua vettura il controllo di acceleratore, freno e sterzo in determinate condizioni, attraverso sistemi elettronici che richiedono il continuo monitoraggio del guidatore ma lo supportano per offrirgli un maggiore comfort nei lunghi viaggi. Il guidatore deve in ogni caso esercitare un controllo continuo mantenendo sempre le mani sul volante.
Di seguito le principali tecnologie abilitanti presenti sulle Quadrifoglio MY2020:
Lane Keeping Assist: rileva se il veicolo si sta allontanando dalla corsia senza che l’indicatore di direzione sia stato attivato e avvisa il conducente attraverso visivi e aptici , intervenendo attivamente riportando il veicolo in corsia.
Active Blind Spot Assist: monitora gli angoli ciechi posteriori segnalando eventuali veicoli in avvicinamento e applicando una correzione sullo sterzo per evitare la collisione.
Active Cruise Control: regola automaticamente la velocità del veicolo per mantenere una distanza di sicurezza dai veicoli che lo precedono. In cooperazione con il sistema di riconoscimento dei segnali stradali consente di regolare la velocità impostata in relazione ai limiti imposti, per una guida più confortevole.
Traffic Sign Recognition e Intelligent Speed Control: il sistema utilizza la telecamera di bordo, riconosce i segnali stradali riportandolisul display e avvisa il conducente del limite di velocità corrente.
Il sistema propone di conseguenza al conducente l’adeguamento della velocità a quella rilevata dal sistema: se il conducente accetta, il cruise control verrà automaticamente impostato in base ai nuovi limiti.
Traffic Jam Assist e Highway Assist: Inaggiunta all’Active Cruise Control, questi sistemi supervisionano anche la guida laterale, mantenendo la vettura al centro della corsia in condizioni di traffico intenso (Traffic Jam Assistant) o in autostrada (Highway Assist), regolando inoltre la velocità in base ai limiti correnti di velocità.
Driver Attention Assist: monitora la sonnolenza del conducente e lo avvisa in caso di necessità.

 

I colori tra tradizione e comunicazione

Già durante il media drive internazionale dedicato al lancio delle nuove Giulia e Stelvio MY2020, oltre alle molteplici novità di prodotto presentate, è stata illustrata l’evoluzione della logica dei colori. I designer Alfa Romeo hanno optato per un approccio decisamente emozionale, raggruppando le livree per “classe” e non semplicemente per tecnologie. Le categorie sono quattro: Competizione, che fa riferimento alla tradizione sportiva del Brand; Metal, che enfatizza l’anima dinamica; Solid, dedicata a chi cerca grande concretezza; Oldtimer, che richiama e reintepreta l’heritage Alfa Romeo.
I nuovi colori Oldtimer sono il raffinato Rosso 6C Villa d’Este, l’emozionante Ocra GT Junior, e il nuovo colore esterno Verde Montreal, che esordisce sulle Quadrifoglio MY20. Questo colore è un omaggio a una delle icone del Marchio, quell’Alfa Romeo Montreal che debuttò cinquant’anni fa. Le scelte cromatiche sono da sempre uno dei caratteri distintivi di Alfa Romeo, con studi dettagliati e risultati innovativi: la gamma Oldtimer nasce da un prezioso heritage combinato all’innovazione tecnologica. Nei laboratori Alfa Romeo vengono sperimentati costantemente nuovi effetti, nuovi pigmenti, nuove tecniche di applicazione, che consentono di accentuare l’effetto scultoreo delle linee di Giulia e Stelvio. Inoltre i colori, in quanto legati al patrimonio culturale e storico del Marchio, sono fortemente legati all’Italia. Ed è per questo che si inseriscono perfettamente nel contesto architettonico di alcune eccellenze del nostro territorio, in un dialogo visivo auto-territorio italiano che diventa protagonista anche della recente campagna di comunicazione sviluppata con AD Italia, il mensile Condé Nast che è una voce autorevole nel mondo dell'architettura, del design e dell'arte e dello stile. Il progetto coniuga il mondo del design con il mondo automotive attraverso un racconto fotografico di Giulia e Stelvio in combinazione con cortili e prestigiosi interni di abitazioni accuratamente selezionati insieme al partner AD Italia. L’Italia è un contenitore inesauribile che si mostra attraverso gesti creativi di personaggi straordinari ma al tempo stesso anche attraverso luoghi nascosti e inconsueti e città dall’atmosfera unica. Attraverso questo progetto AD Italia racconta Alfa Romeo come vera e propria opera d’arte e massima espressione della bellezza italiana attraverso un viaggio. Lo stile rappresenta un vero e proprio linguaggio, esattamente come il colore, elemento non solo estetico ma strategico e distintivo delle Alfa Romeo, driver fondamentale nella scelta stessa di alcuni dei luoghi protagonisti di questo progetto. Per questo, e tanto altro, Alfa Romeo rappresenta un’icona italiana senza tempo. Non solo: la campagna affronta anche l’attualissimo argomento sintetizzato dall’hashtag #stayathome, con un tocco di eleganza ed ironia, quanto mai necessaria.

 

Sportività ai massimi livelli con la nuova ed esclusiva Quadrifoglio Accessories Line by Mopar®

Per esaltare il carattere sportivo dei modelli Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio il Brand Mopar®ha realizzato una nuova ed esclusiva Quadrifoglio Accessories Line che affascina i visitatori con un esclusivo sistema di scarico ad alta prestazione realizzato in cooperazione con Akrapovič, un kit di fanali posteriori bruniti e una livrea esclusiva. Inoltre il diffuso impiego del carbonio, un materiale tecnico, leggero e sicuro che migliora aerodinamicità, performance e rapporto peso/potenza, oltre ad accentuare l’elegante aggressività estetica delle due icone Alfa Romeo. Per questo Mopar rende disponibile nella esclusiva Quadrifoglio Accessories Line la griglia anteriore con inserto “V”, le calotte degli specchi e lo spoiler posteriore in carbonio.

 


Link pagina ufficiale Giulia ? ▶️ CLICCA QUI!

Link pagina ufficiale Stelvio ? ▶️ CLICCA QUI!

 

 

 

Car configurator Giulia ? ▶️ CLICCA QUI!
Car configurator Stelvio ? ▶️ CLICCA QUI!

 

C8DBD069-3141-44D9-B37C-F6A6CFE03A71.jpeg.dd0f6ad656b46768778562b20d4e0f8f.jpeg
 

839F0AA8-456E-4375-8F34-1EA6B9D21064.jpeg.2c365eae8457b1ffce153bfce68e1e67.jpeg

 

B0E066DD-2A3E-4A8E-84FA-54253F85207E.thumb.jpeg.5d3b65bd6ac46a5ccfb8b089d95c29d8.jpeg

 

E4F5D3F7-DBC8-4505-9468-9B84E9FA76EC.thumb.jpeg.cb5447096b9494ded203df333abe5724.jpeg

 

A93D5BAB-4FDC-425D-A44E-0BC2933B1E02.thumb.jpeg.22a9346ba8741fa7bd6cc80aed8cb156.jpeg

 

F004B5E0-500C-4B1F-BDBC-9E37BB93F15D.thumb.jpeg.74e4ee48f963973141854b562f78878a.jpeg

 

D35F9291-4142-46DD-B8A5-AB3460AEFE67.thumb.jpeg.c6704ebfe931000351d878e2ccdf899a.jpeg

 

D4662B7E-24E8-47F9-90CF-F9DBF8C490FD.thumb.jpeg.39faef9a357686d853aa86ef8e5a6945.jpeg

 

378CDBA8-69B3-4FB6-BCE8-FCB17E94D0A9.jpeg.bf2b94f0cc0b18b46c8363b5b4826a0e.jpeg
 

6FEC3235-088D-4E52-A5B4-276D65452E99.jpeg.79e5055911f8345148bea1e544476b97.jpeg

 

6FEC3235-088D-4E52-A5B4-276D65452E99.jpeg.79e5055911f8345148bea1e544476b97.jpeg
 

7DDFDB76-DBDF-4FE4-9DA4-221462C71A36.thumb.jpeg.3af233e7155439a6032fba79591226cd.jpeg

 

39E13036-084A-4336-919B-95DB2F660754.thumb.jpeg.06150d14fb7dcbbd8e729b99e7d92572.jpeg

 

BD4E5864-AB91-448A-B3F2-E9C9386F680B.thumb.jpeg.7bde8c5cc42722f8309bc05457abbbc3.jpeg

 

05A1AF93-B718-416F-B0C8-D26EC609F1D3.thumb.jpeg.da0eedd67d409f03efac4f931eb92950.jpeg

 

C456612D-C7C7-481C-A750-A811950B01F1.thumb.jpeg.6be54169e4caed9e20b976d69823cbde.jpeg

 

 

 

Edited by lukka1982
  • I Like! 4
  • Thanks! 3
Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, j scrive:

Come non fare una presentazione ?‍♂️

 

A me piace come idea così informale, ok sarà meno sensazionalista però è bella perchè anche più "tecnica" per certi versi.

 

"Qualche emiro che compra una Ferrari lo troverò sempre. Ma se il ceto medio finisce in miseria, chi mi comprerà le Panda?"

Sergio Marchionne

 

Follow me on Instagram

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, MotorPassion scrive:

 

A me piace come idea così informale, ok sarà meno sensazionalista però è bella perchè anche più "tecnica" per certi versi.

 

 

Io la trovo molto una presentazione aziendale, non una per il pubblico 

BYE BYE!

Link to comment
Share on other sites

A me non dispiace, stanno spiegando molto bene cosa c'è di nuovo su queste Quadrifoglio 2020.

Considerate anche che molto probabilmente avevano studiato una presentazione molto più figa che però non hanno potuto realizzare a causa dell'emergenza Covid.

Fiat Tipo S-Design 1.4 120 cv

Link to comment
Share on other sites

Niente di veramente notevole. Trane lo scarico Akra ed i nuovi cerchi 21’ per Stelvio, ed ovviamente il colore Verde Montreal.

 

Peccato solo che non hanno aperto le valvole dello scarico anche in modalità Dynamic.

 

Il resto è in linea con tutte le novità della Giulia MY20.

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, iDrive scrive:

Peccato solo che non hanno aperto le valvole dello scarico anche in modalità Dynamic.

Concordo, magari lo scarico Akrapovic avrà questa logica, speriamo. Altra cosa che avrei introdotto è il Launch Control: nella vita reale non serve a niente, ma alle riviste piace fare le drag race con le rivali, che lo hanno, a quel punto almeno si partiva alla pari.

 

Comunque il fatto che ci si stia "lamentando" di roba tutto sommato trascurabile è una conferma della qualità del prodotto.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By __P
      Con il restyling il o i MHEV dovrebbero esserci.
    • By VuOtto
      In occasione dei festeggiamenti del primo anno della concessionaria Autosile di Montebelluna (che ringrazio per avermi offerto il test drive) ho potuto provare la loro Stelvio Quadrifoglio.
       
      Bellissima colorazione Rosso Competizione (peccato non sia più disponibile) e farcita di molti optional succulenti, tra i quali: sedili in carbonio e i freni Carboceramici.
       
      La prova della Giulia Q risale a qualche anno fa e tuttavia era una delle prime MY17, mai avevo provato la Stelvio. Ringrazio davvero la Autosile per avermi concesso di guidarla da solo, dato che sono stato il primo cliente che hanno avuto, ordinando la Stelvio Ti per mio padre, e successivamente la Giulia per mia cognata.
      Per chi sa dov'è ubicata la concessionaria, sulla SS Feltrina, sa che è a due passi dal Montello, famoso per essere stato il fronte della Prima Guerra Mondiale, ma famoso anche per i ciclisti, per i bellissimi scorci che regala....... e per i motociclisti per essere una rappresentazione nostrana del Nurburgring. Saliscendi collinare, una miriade di strade, stradine e "prese" (strade che tagliano nord sud tutta la collina, ben 21) nonché una "panoramica ad anello che ne fa il perimetro di circa 30km, o una "dorsale" che lo taglia tutto nel mezzo ovest-est tra la fitta vegetazione che fortunatamente cresce ancora rigogliosa e curata dagli abitanti della zona.
       
      FUORI
      Bellissima in rosso.....il quadrifoglio a lato è un qualcosa che scalda il cuore solo a guardarlo. I freni carboceramici danno una bella sicurezza di poter "staccare" in modo più deciso, e sono oltretutto, pure scenici e di assoluta presenza sulla vista laterale. Dietro troneggiano i quattro scarichi (impianto stock non Akrapovic) e rinfrescati fari con elementi anneriti.
       
      DENTRO
      Bellissimi i sedili (e pure comodi) e pezzo forte, per un romantico come me, il pulsante rosso d'avviamento al volante. Solo sfiorarlo è emozionante.......eh si sto invecchiando anche io. In generale qualità alta, assemblaggi perfetti e nulla fuori posto. Bella davvero, un abiengte piacevole dove stare; magari non tecnologicamente _cibernetico come le ultime BMW/MB/AUDI, ma altrettanto accogliente. Il quadro analogico è un qualcosa che apprezzo ancora molto, non so voi, ma vedere le lancette a zero è più bello di guardare uno schermo nero.
       
      GUIDA
      Metto in moto, manco a dirlo, tutto già in race....pochi mazzi.....così vanno guidate le Alfa sportive a mio avviso, e via.
      Da subito noto lo leggerezza dello sterzo: badate bene, non è un difetto....io provengo dallo sterzo BMW che è più pesante in sport...per cui ci vuole qualche chilometro per farci l'abitudine, ma ciò che noto immediatamente.....il sound. Mamma che sound. Il mese scorso ho provato la nuova M3, e sotto questo aspetto è indecentemente deludente. Qui la musica cambia, siamo in Italia, le macchine vere sappiamo farle suonare come uno Stradivari! Bellissimo.......solo il sound merita l'acquisto...ma c'è molto di più. Dopo i metri metri, già drogato dalla sonorità del motore, inizio ad apprezzare la comunicatività dello sterzo. Immediato. Già quello della Stelvio che uso ogni tanto è diretto....ma qui è un filino ancora più telepatico. Bellissimo, peccato solo che l'avrei preferito un pelo più pesante, ma è un gusto mio personale dettato dall'abitudine di guidare sterzi tedeschi.
      Acqua, olio e trasmissione sono caldi, è ora di divertirci in salita, imbocco l'umida dorsale e inizio ad andare (scelgo sempre le salite inizialmente, poiché puoi tirare le marce senza finire a velocità indecenti, ti ascolti il motore in sicurezza, usi poco i freni, e non trovi quasi mai nessuno, specie in giornate semi uggiose, all'imbrunire, come quelle di ieri. Quelle strade le conosco come le mie tasche....che meraviglia a portata di mano! Lo scarico emette una sinfonia stupendamente accordata, il cambio lo trovo molto più diretto e "sharp" come dicono gli amici inglesi rispetto a quello della M3, ma sono rimasto impressionato dalle scalate. Sembra un doppia frizione, butta dentro le marce subito, senza preamboli od incertezze. Complimenti Alfa, hai sistemato il cambio ZF meglio della BMW Motorsport. Come detto, le scalate sono pura goduria, e alla chiamata, mi ha buttato dentro la prima al tornantino stretto a 30km/h senza la minima incertezza, tanta roba. Tenuta di strada eccellente, ma qui mi permetto, è lo sterzo che ti chiama la tenuta come un navigatore da rally: MAI hanno fischiato gli pneumatici....cosa non così scontata su una strada come quella che ho percorso, e con le temperature basse della sera (13 gradi), lo sterzo da talmente tanto feedback che sai esattamente come entrare, come gestire la corda, e quando spalancare il gas. Sterzo preciso, ma anche sicuro, poiché ti dice continuamente a che punto sono le gomme. Ero con mio fratello, lo sterzo...ricorda molto da vicino quello della 992 Turbo S, mi ha dato la stessa granitica certezza di poterci contare. Che pezzo di meccanica! Complimenti Alfa.
      L'assetto non rolla e non beccheggia, neanche sulle ondulature di cui il montello è famoso....i freni ? Onnipresenti anche a freddo. Impressionanti quanto tardi puoi staccare. C'è chi dice che i carboceramici non servono in un uso quotidiano...forse hanno ragione, ma io le metterò su tutte le auto che me lo consentiranno come optional (a partire dalla M3 che sto aspettando).
      Gli inserimenti sono rapidi, precisi e sicuri, il motore sempre pronto e non chiede altro che essere portato al limitatore per cambiare con un bel "bang" dietro. Gas aperto, poi staccata, via il freno, butti dentro il muso in curva, parzializzi, marcia up, poi giù tutto, e dopo 50mt ancora la stessa cosa ma prima chiedendo anche due tre marce a scalare senza mai che il cambio se ne sia persa una per strada, e con la macchina che MAI mi ha portato a scomporre il telaio. Non me lo aspettavo da un SUV, sticazzi.
      Rientrando alla concessionaria in raffreddamento, la macchina è confortevole nonostante l'assetto e nonostante i sedili a guscio. Altra cosa che ho notato, vuoi per il colore, vuoi pe rlo scarico, vuoi perché è un'Alfa...non lo so, ma molte persone che incontravo mi guardavano sorridendo, c'è chi mi ha fatto il "pollice in su"....piccole cose ma che un petrolhead come me apprezza....c'è ancora speranza a questo mondo insomma!
       
      CONSIDERAZIONI
      Bella meccanica, Alfa! Bella davvero. 
       
      A mente fredda, rielaborando il tutto e smaltita la sbornia da sound imperioso......dico che la M3 è più "pastosa", nel senso che è più "composta" e ti invita ad andare ancora più forte, ma le sensazioni ed il divertimento che regala l'Alfa, la BMW se li sogna. Devo ammettere che il 40% dell'esperienza di guida, una vettura sportiva la da con il Sound, un altro 30% è il divertimento. In questo....la BMW è gravemente insufficiente, a fronte di una guidabilità davvero di livello. L'Alfa però ti emoziona, non è solo millimetrica precisione e spinta, è tanto altro. Guidi un pezzo di storia, e ciò che guidi rende onore al quadrifoglio che porta sul fianchetto. E' una guida "calda" emozionante.....non "informatica" come quella della BMW. Questa è la differenza maggiore che ho notato. Due guide diverse, entrambe agli apici pur con caratteristiche diametralmente opposte. E' ingiusto paragonare una Stelvio ad una M3, ma ricordo bene come si comportava la Giulia Q (manuale) che ho provato tempo fa.
      Pentito di aver ordinato la M3? Non proprio, con lo scarico giusto anche lei forse colmerà il "debito formativo". Geloso, semmai, di chi si porterà a casa la GTA? SI, ASSOLUTAMENTE GELOSO! Non oso immaginare una GTA che razza di esperienza di guida possa regalare.........l'unica cosa certa è che prima o poi....me la compro una Q, magari la FL. La voglio.
       
      A proposito....sono davvero tutte finite le GTA? Rossa, ovviamente!
       

       
       
    • By A.Masera
      Ebbene si, a sorpresa ieri Roberta Zerbi (Head of Alfa Romeo Brand - Europe, Middle East & Africa) durante un'intervista ad AutoExpress ha dichiarato che Alfa Romeo è al lavoro su una nuova entry level crossover che dovrebbe prendere il lascito di MiTo, dopodichè toccare all'E-Suv.
       
       
       
       
       
      https://www.autoexpress.co.uk/alfa-romeo/mito/106219/alfa-romeo-mito-to-be-reinvented-as-crossover-suv
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.