Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Elon Musk, il troll del capitalismo e della finanza


Recommended Posts

ma da quando l'HuffPost pubblica articoli interesanti??? :mrgreen:

 

In generale a me le persone coraggiose e fuori dagli schemi prefissati piacciono, è talmente difficile riuscirci che li ammiro, ma Musk incarna davvero il vecchio mito del cowboy e della frontiera. Che la sua famiglia sia diventata ricca grazie all'apartheid è davvero significativo.

Capisco che faccia presa su tanti e che sia sicuramente bravo nel cosiddetto investor storytelling (e infatti è azzeccatissimo il paragone con Jobs). Solo che il mondo non ha certo bisogno dell'ennesimo superuomo individualista che in nome di presunte invenzioni rivoluzionarie se ne strasbatte della loro sostenibilità.

  • I Like! 4
  • Haha! 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 174
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Questa mattina mi è capitato di leggere un articolo su Elon Musk che credo racchiuda alla perfezione il mio pensiero su di lui ed il motivo per cui non riesco a non provare un po’ di antipatia verso T

hai fatto i compiti a casa? letto come si fa a fare il vuoto? ti sei informato su quanto siano realmente a a punto i progetti per sta menata di hyperloop? hai fatto qualche considereazione

Ma infatti, pensa all'utente cumune. Già fargli sopportare 2 g in continuo è un "discomfort" a dir poco.     Ho parlato di fattibilità dell'hyperloop in sé? non mi pare. I prototipi,

Posted Images

Io provo sentimenti davvero contrastanti nei confronti di Musk. Il personaggio lo trovo assolutamente insopportabile. Le idee non sono assolutamente così innovative come vulgata vuole.

D'altro canto, gli do atto di crederci veramente e di essere un gran trascinatore. Alla fine qualche risultato l'ha portato a casa (non economico magari, ma trovo che in alcuni casi sia secondario). Del resto, mi piacerebbe un giorno far entrare in casa una Tesla, e soprattutto mi auguro tantissimo che i miei figli possano un giorno andare nello spazio grazie a SpaceX o quantomeno alla crescita di interesse che ha portato.

Secondo me è un po' l'incarnazione del "fake it 'til you make it", e questo non è necessariamente un male.

Per noi appassionati di tecnica e tecnologia in generale credo che susciti comunque molta molta invidia, appunto perché con delle idee che di "disruptive" hanno ben poco è riuscito a diventare l'uomo più ricco del mondo e, soprattutto, ad essere idolatrato come un visionario.

(Tralascio la questione diamanti perché non ne ero a conoscenza ma quella è veramente una merda)

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites

Diciamo che tra qualche anno potrebbe fare il Joker da "vecchio". :-D 

Ad ogni modo condivido per sommi capi l'articolo postato, gli USA devono in qualche modo ravvivare o quanto meno rimpiazzare il mito della frontiera con altro come il mito del nerd che con una buona idea diventa ricco sfondato. E personaggi come Jobs e Musk sono funzionali a questo tipo di narrazione, per cui non sarei del tutto stupito se c'è un intero sistema paese che va dietro a buona parte delle loro iniziative.  

Link to post
Share on other sites

Bell'articolo.

 

Certo, sembra che ci stia spiegando la storia dell'uovo di Colombo; la conoscete, sì?

 

Tutti, a posteriori, riescono a capire il trucco, a spiegarlo, a darne interpretazioni e a valutare il personaggio.

Tutti, DOPO, sanno dire che l'avrebbe potuto fare chiunque.

Ma lui non si è limitato a pensare che "si sarebbe potuto fare"; no, lui lo HA fatto.

Ed è diventato l'uomo più ricco del mondo.

 

Furbo? Intelligente?

Fortunato? Ipocrita?

 

A me personalmente, darne una definizione o un aggettivo... interessa molto poco. Ma di sicuro non lo disprezzo.

 

Nel concreto, invece, mi chiedo:

 

ha dato lavoro a centinaia di famiglie NEL MONDO costruendo fabbriche vere, e non fumo negli occhi?

Bene.

- se gli do i miei soldi per acquistare un suo prodotto, ricevo il prodotto?

Bene.

- e il prodotto, funziona senza autodistruggersi dopo un giorno?

Bene.

- se gli do i miei soldi come investimento, getto i miei risparmi al vento, o ci guadagno? Ci guadagno?

Bene.

 

A me non interessa altro.

 

________________

 

PS: la questione sollevata da qualcuno, sulle miniere di famiglia (che non mi prendo il disturbo di verificare perché di voi mi fido)... la trovo totalmente irrilevante e scorretta (oltre che OT).

 

Cosa c'entrano le eventuali "colpe dei padri" con il personaggio in questione?

 

O parli di una persona, o parli della storia di una stirpe. Sono due cose diverse e separate.

 

Qui mi pare che si parlasse del troll Elon Musk. Limitiamoci a questo. ;-) 

Edited by savio.79
  • I Like! 2
  • Thanks! 1
Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, savio.79 scrive:

Bell'articolo.

 

Certo, sembra che ci stia spiegando la storia dell'uovo di Colombo; la conoscete, sì?

 

Tutti, a posteriori, riescono a capire il trucco, a spiegarlo, a darne interpretazioni e a valutare il personaggio.

Tutti, DOPO, sanno dire che l'avrebbe potuto fare chiunque.

Ma lui non si è limitato a pensare che "si sarebbe potuto fare"; no, lui lo HA fatto.

Ed è diventato l'uomo più ricco del mondo.

 

Furbo? Intelligente?

Fortunato? Ipocrita?

 

A me personalmente, darne una definizione o un aggettivo... interessa molto poco. Ma di sicuro non lo disprezzo.

 

Nel concreto, invece, mi chiedo:

 

ha dato lavoro a centinaia di famiglie NEL MONDO costruendo fabbriche vere, e non fumo negli occhi?

Bene.

- se gli do i miei soldi per acquistare un suo prodotto, ricevo il prodotto?

Bene.

- e il prodotto, funziona senza autodistruggersi dopo un giorno?

Bene.

- se gli do i miei soldi come investimento, getto i miei risparmi al vento, o ci guadagno? Ci guadagno?

Bene.

 

A me non interessa altro.

concordo

l'articolo è di una banalità imbarazzante, col senno di poi sono tutti bravi, come mai esiste solo un Elon Musk se è cosi facile?

Non sono un suo fan, pensavo che tesla fallisse già 10 anni fa e che fosse una bolla, ma a questo punto mi devo ricredere: mettetela come vi pare, aiuti statali, hype ecc ma tesla auto ha conquistato un suo mercato e inizia forse a fare utili (vuoi anche per i crediti).

Provate a fare un industria capital intensive e a farvi finanziare non facendo utili, poi ditemi se è cosi facile....qualche merito lo dovra' pur avere

  • I Like! 3
Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, savio.79 scrive:

Bell'articolo.

 

Certo, sembra che ci stia spiegando la storia dell'uovo di Colombo; la conoscete, sì?

 

Tutti, a posteriori, riescono a capire il trucco, a spiegarlo, a darne interpretazioni e a valutare il personaggio.

Tutti, DOPO, sanno dire che l'avrebbe potuto fare chiunque.

Ma lui non si è limitato a pensare che "si sarebbe potuto fare"; no, lui lo HA fatto.

Ed è diventato l'uomo più ricco del mondo.

 

Furbo? Intelligente?

Fortunato? Ipocrita?

 

A me personalmente, darne una definizione o un aggettivo... interessa molto poco. Ma di sicuro non lo disprezzo.

 

Nel concreto, invece, mi chiedo:

 

ha dato lavoro a centinaia di famiglie NEL MONDO costruendo fabbriche vere, e non fumo negli occhi?

Bene.

- se gli do i miei soldi per acquistare un suo prodotto, ricevo il prodotto?

Bene.

- e il prodotto, funziona senza autodistruggersi dopo un giorno?

Bene.

- se gli do i miei soldi come investimento, getto i miei risparmi al vento, o ci guadagno? Ci guadagno?

Bene.

 

A me non interessa altro.

 

________________

 

PS: la questione sollevata da qualcuno, sulle miniere di famiglia (che non mi prendo il disturbo di verificare perché di voi mi fido)... la trovo totalmente irrilevante e scorretta (oltre che OT).

 

Cosa c'entrano le eventuali "colpe dei padri" con il personaggio in questione?

 

O parli di una persona, o parli della storia di una stirpe. Sono due cose diverse e separate.

 

Qui mi pare che si parlasse del troll Elon Musk. Limitiamoci a questo. ;-) 

In parte condivido, in parte mi chiedo se abbia creato ricchezza/lavoro o concentrato soltanto ricchezza/lavoro distruggendone nella globalità.

Nel senso, tanto di cappello per esempio ad Amazon che dà tanto lavoro e ha creato tanta ricchezza, ma la somma di coloro che hanno perso il lavoro a causa di amazon non porta il saldo in negativo?

Idem Tesla, quante fabbriche chiuderanno per la concorrenza portata da Tesla? 

Amazon e Tesla produrranno i nuovi beni con leggi del lavoro di eguale qualità rispetto a quelle in uso nelle fabbriche che hanno fatto chiudere?

Per me no..

Edited by Motron
  • I Like! 6

Fiat Punto I 55 sx '97

Fiat Punto II restyling 1.2 60cv '04

Toyota Prius V2 '06

Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Motron scrive:

In parte condivido, in parte mi chiedo se abbia creato ricchezza/lavoro o concentrato soltanto ricchezza/lavoro distruggendone nella globalità.

Nel senso, tanto di cappello per esempio ad Amazon che dà tanto lavoro e ha creato tanta ricchezza, ma la somma di coloro che hanno perso il lavoro a causa di amazon non porta il saldo in negativo?

Idem Tesla, quante fabbriche chiuderanno per la concorrenza portata da Tesla? 

Amazon e Tesla produrranno i nuovi beni con leggi del lavoro di eguale qualità rispetto a quelle in uso nelle fabbriche che hanno fatto chiudere?

Per me no..

Scusami ma il ragionamento non so se sia corretto, io ritengo di no.

Come dire che per colpa della fabbrica di Maina hanno chiuso tante pasticcerie in cui si facevano panettoni.

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites

il fatto di dire "pago, ricevo il prodotto, a me basta cosí" ok, ma é una visione troppo con i paraocchi, troppo egoistica di fronte a situazioni geopolitiche estremamente complesse su cui ognuno farebbe bene a informarsi meglio

 

secondo per ognuno di questi personaggi, e non mi riferisco solo a quello dell'articolo, non basta dire "lui l'ha fatto" non é cosí semplice, questa gente sono solo i "frontman" delle decisioni prese in realtà dai vertici di un intero sistema paese

 

noi vediamo il "frontman" ma attenzione, in america chi veramente decide per tutto il sistema  auto é storicamente la famiglia Ford, che peró guarda caso non si fa MAI vedere...

  • I Like! 2
  • Thanks! 1
Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, savio.79 scrive:

Scusami ma il ragionamento non so se sia corretto, io ritengo di no.

Come dire che per colpa della fabbrica di Maina hanno chiuso tante pasticcerie in cui si facevano panettoni.

Il concetto è più simile a dire che se un domani arriva la Nestlé o un nuovo chicchessia con una ricetta di panettone sintetico fatto in Cina alla metà del costo della Maina.. e la Maina chiude.. ci abbiamo guadagnato?

Averci guadagnato nell'eventualità un magazzino pieno di interinali, sarebbe una ricompensa sufficiente? 

È chiaro che sono io il primo a dirlo che mi sembra la lotta degli operai contro le macchine dell 1800, però in tutta onestà non so cosa pensare.

 

L'equivoco di base è che in nome del profitto permettiamo di commerciare con paesi che non hanno leggi ambientali e sul rispetto della vita pari alle nostre... e in questa piega pochi ci guadagnano ma tanti si impoveriscono.

Il paradosso dei paradossi è il settore dell'acciaio per esempio.

Se le regole fossero uguali per tutti, ben venga il migliore.

Edited by Motron
  • I Like! 6

Fiat Punto I 55 sx '97

Fiat Punto II restyling 1.2 60cv '04

Toyota Prius V2 '06

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.