Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Guerra e Pace


shadow_line
 Share

Recommended Posts

3 ore fa, ISO-8707 scrive:

 

LOL

 

Anni fa PLA ha co-finanziato l'acquisto 1000/2000 traghetti RO-RO commerciali e giusto qualche mese fa hanno dimostrato che possono calare (e recuperare) carri anfibi da essi, in mare aperto...

 

LST = Landing Ship, Tank = Large Slow Target

 

Non immaginiamoci nessun attacco a sorpresa, ma uno sbarco solo qualche settimana dopo, per assicurarsi la superiorità aereonavale tutt'attorno all'isola.

Il rafforzamento a tappe forzate dell'aviazione e della marina cinesi vanno proprio in quella direzione: poter (almeno pensare) di affrontare USA ed alleati ad armi pari nel Pacifico o per lo meno alle loro condizioni.

 

PS: non esiste solo la forza bruta... proviamo ad immaginare una lunga serie di eventi che porti alla decisione della leadership di Taiwan di volersi ricongiungere con la Cina continentale. Trovo che in estremo oriente siano più bravi degli occidentali (specie anglosassoni ed ex colonie) con i giochi di pazienza e di lenta erosione.

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare qualsiasi cosa. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, tonyx scrive:

Si potrebbe aggiungere Vietnam ma al pari del intervento cinese in Corea e del Afghanistan non è mai mancata in senso assoluto la capacità militare vera e propria ma bensì i fallimenti sono/erano di natura politica e di leadership militare.

 

Riguardo a Pearl Harbor, beh oltre alle circostanze fortunate, ha suscitato si tanto scalpore nella cultura popolare americana ma strategicamente parlando ha avuto effetti piuttosto modesti sul intaccare realmente la capacità bellica del US navy.

Se avessero perso tutte le portaerei sarebbero stati uccelli per diabetici per tutto il 1942 e inizio 1943 ma nessuna portaerei è stata danneggiata, perché non c'erano proprio nel porto.

E poi in Giappone i vertici militari e politici  sapevano benissimo che non avrebbe potuto vincere una guerra su larga scala e durata anni contro gli Usa, perché vi era troppa sproporzione economico industriale ma speravano che dopo una serie di vittorie ed espansioni rapide potessero consolidare un vasto impero e ottenere un armistizio.

Ah, comunque buona parte delle forze armate giapponesi erano occupate in Cina eh...

Così come gli americani sono tanto fissati con il loro sbarco in Normandia, operazione si di grande importanza strategica ma comunque numeri alla mano non sarebbe probabilmente nemmeno rientrata nella top 20 delle più grandi e sanguinose battaglie che invece si combatterono sul fronte orientale.

Fronte orientale su cui mediamente fu impegnato l' 80% delle risorse del asse durante tutta la guerra.

Se in Normandia vi fossero state anche solo 1/3 delle forze che i sovietici affrontarono a Kurks, il D-day sarebbe stato ricordato come un enorme fallimento più che come un (per loro) giorno di gloria.

Ni. 

Nel 1941 le portaerei erano navi ausiliarie, le capital ship erano le corazzate. Solo dopo assurgeranno a questo ruolo. 

 

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, stev66 scrive:

Ni. 

Nel 1941 le portaerei erano navi ausiliarie, le capital ship erano le corazzate. Solo dopo assurgeranno a questo ruolo. 

 

Si, si credeva fossero le corazzate le navi più importanti in quel epoca.

Ma gli eventi da quel momento in avanti portarono le portaerei a diventarlo.

Non a caso l'attacco a Pearl Harbor è stato portato a termine dal aviazione imbarcata.

Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, tonyx scrive:

 

L'atomica non è una cosa che condividi come condividere caramelle.

Nessuno ha parlato di condivisione o gentile concessione.

Parliamo di una delle nazioni tecnologicamente più avanzate al mondo che sarebbe in grado di farsi da sé qualsiasi cosa.

Chi fa da sé, fa per tre.. dai curdi, al Afghanistan si dovrebbe ormai averlo capito

Fiat Punto I 55 sx '97

Fiat Punto II restyling 1.2 60cv '04

Toyota Prius V2 '06

Link to comment
Share on other sites

a quanto pare negli anni 80 le stavano sviluppando e mancava solo l'assemblaggio ed il test finale ma lo zio Sam non voleva e gli ha detto di chiudere baracca.

inoltre gli mancherebbe anche un vettore di consegna adatto.

però si, non hanno difficoltà nel produrla in casa diciamo.

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, tonyx scrive:

a quanto pare negli anni 80 le stavano sviluppando e mancava solo l'assemblaggio ed il test finale ma lo zio Sam non voleva e gli ha detto di chiudere baracca.

inoltre gli mancherebbe anche un vettore di consegna adatto.

però si, non hanno difficoltà nel produrla in casa diciamo.

Le nazioni potenzialmente atomiche ( know how più materiale) sono fondamentalmente due : Germania e Giappone. Un gradino sotto Australia, Canada ed Italia. ( che negli anni '60 inizio'70 ci andò vicino)

Da valutare la posizione dell' Iran. 

Non dimentichiamo che l' arma nucleare è un arma strategica, ed è necessaria solo a quelle nazioni che volenti o nolenti devono avere una strategia globale o semplicemente locale ( Israele o Corea del Nord) 

 

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, tonyx scrive:

a quanto pare negli anni 80 le stavano sviluppando e mancava solo l'assemblaggio ed il test finale ma lo zio Sam non voleva e gli ha detto di chiudere baracca.

inoltre gli mancherebbe anche un vettore di consegna adatto.

però si, non hanno difficoltà nel produrla in casa diciamo.

Ecco che la cosa diventa più simile a sperare di far scannare il tuo potenziale nemico (Cina) che proteggere realmente un tuo amico (Taiwan).

L'occidente non ha alcun tipo di valore.. è questo che ci seppellirà

Fiat Punto I 55 sx '97

Fiat Punto II restyling 1.2 60cv '04

Toyota Prius V2 '06

Link to comment
Share on other sites

hmmmmm.... allora... da quando si é aperto il 3ad qui, là fuori é capitato di tutto...

 

anche cose non prevedibili al momento di iniziare, considerati poi i fatti degli ultimi giorni meglio andarci cauti per non buttare benzina sul fuoco... ev tra un po' vorrei mettere qualche notizia di ambito internazionale apparsa in qst giorni & poi vedremo il da farsi e il da scriversi... 🤔 😄

Link to comment
Share on other sites

e quindi... considerazioni di una sera di inizio autunno... 🍁

 

la stagione autunno-inverno sta portando sulla catwalk 😄 notizie nuove e spesso mai incontrate negli anni precedenti, perché bando alle nostalgie, si sta proprio andando verso un mondo che probabilmente poco era stato immaginato e previsto negli anni precedenti

 

ma la base di tutta l'azione resta sempre a tre punte: potere, energia, propaganda

 

partiamo dall'energia, esempi di notizie: 1) manca energia in india e cina... riprendono la produzione di carbone... ma ecco un dato interessante: in india la richiesta di energia in qst momento in cui si parla di ripresa dopo l'emergenza, é del 17% piú alta rispetto a subito prima della pandemia... in circa 2 anni +17% per l'india figuriamoci la cina, sarà almeno +20% o +25% 

 

da qlc parte poi scrivono che per l'inverno l'europa ha solo il 75% del gas che veniva stoccato in qst periodo dell'anno in tempi passati

 

ebbene quell'energia non c'é, non si trova o qualcuno non la vuole fornire, o é disposto a fornirla solo a prezzi mooolto alti, praticamente un'arma perfetta... meglio della bomba atomica e come uso di gran lunga piú facile

 

ma come ci dicevano a scuola "l'italia é un paese che trasforma, prende materie prime ed energia e le trasforma in prodotti finiti"

 

ma se continua cosí piú che "prodotti finiti" saranno "finiti i prodotti" 😬 😄 a breve, conviene ancora fare il paese "trasformatore" con tutta quell'attività produttiva parcellizzata, tutto quel lavorio di marmotte che incartano la cioccolata ma che alla fine rischia di costare piú di quel che fattura...

 

e se fattura é ormai poco sul mercato interno e invece quasi tutto sui mercati di nazioni che stanno sempre piú accarezzando l'idea di diventare "imperi" di esercitare un ruolo "pesante" vorrei quasi dire da veri "rompicog#@+≥ni" nei confronti dell'europa e dell'italia? 🤔 😄

 

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, shadow_line scrive:

e quindi... considerazioni di una sera di inizio autunno... 🍁

 

altro che autunno caldo, questo sarà un autunno freddo

poi ok, non per me, io riscaldo la casa solo ed esclusivamente con legna da ardere.

 

comunque l' atteggiamento di molti nei confronti del energia negli ultimi tempi è propriamente da "woke" (The act of being very pretentious about how much you care about a social issue)

prima no dighe se no uccidono i pesciolini

poi no centrali a carbone perché sono brutte e cattive

no centrali ad olio pesante perché pure sono brutte e cattive

ora no centrali nucleari perché a volte sono brutte e di solito pure cattive

 

cosa rimane? 

eolico, si ma intermittente e con poche zone in cui è veramente efficiente

fotovoltaico? value for money onestamente scarso, specialmente in zone che non ricevono quelle 3000-3500 ore di sole annue (praticamente resta fuori tutta l' europa ad eccezione di parte della spagna meridionale)

solare termico? circa idem sopra

termoelettriche a metano? uhm auguri visto che il metano oggi è quasi come il petrolio nel 1973...

geotermico? pochissime località utili

 

"transizione green" che non vuol dire una sega detto così ma è imposta dal alto e osannata da chi non capisce ugualmente una sega

ora qualsiasi cosa con motore endotermico dovrebbe essere sostituita dal elettrico, ammesso che vi sia abbastanza litio al mondo (no, non ce ne sarebbe abbastanza) la domanda di elettricità schizzerebbe verso l' alto ma se bistratti/chiudi le principali fonti di elettricità, chi la produce poi? il criceto nella ruota?

 

21 minuti fa, shadow_line scrive:

ma come ci dicevano a scuola "l'italia é un paese che trasforma, prende materie prime ed energia e le trasforma in prodotti finiti"

 

si può aggiungere però che le principali industrie manufatturiere italiane non sono ad intensità di energia molto alta (il consumo pro capite di petrolio in italia è 3 volte inferiore agli usa e 5 volte inferiore al arabia saudita)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.