Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Fiat Cinquecento


Mat7502
 Share

Recommended Posts

6 ore fa, LucioFire scrive:

comunque sia cinquecento che seicento guadagnavano molti punti nelle versioni top (esempio le sporting)

io per non fare torti a nessuno le ho sempre trovare brutte entrambe, leggermente guardabile la 500 sporting

 

  • I Like! 1
  • Haha! 2
Link to comment
Share on other sites

Ricordo il clamore mediatico. Io stesso avevo preso la copia di Topolino ed il modellino (Burago?) In allegato.
La provò pure Alboreto su Auto Oggi.
Io ho avuto per qualche mese in prestito una Seicento Young con il pessimo 900 e non è ho un gran ricordo.
In compenso erano auto che ai tempi pagavi cash (8mln di lire) e venivano usate come tender per la città.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, PANDA scrive:

Ora mi domando quale è dunque la reale misura del successo del design industriale, è forse il successo sul mercato, è solo il successo sul mercato? Se così fosse il design di 500 2007 ha perfettamente raggiunto la missione per cui era stato concepito, totalmente forma-funzione (vendere!) e rimane comunque un oggetto attraente al di la di tutto.

Dal punto di vista del marketing (e quindi della proprietà di un'azienda) il successo del design industriale si misura con il numero di vendite. Quindi la 500 2007 è stato un successo.

 

Da un punto di vista di appassionati e storici del design il successo del design industriale si dovrebbe misurare come l'insieme ottimale di estetica piacevole che presenta soluzioni innovative per adeguarsi con intelligenza ai vincoli meccanici che ha dovuto affrontare. Quindi in questo caso, no: la 500 2007 non è stato un successo.

Col senno del poi è comunque meglio che abbia risposto alle esigenze del marketing, perché il fatto che abbia venduto così tanto ha portato ossigeno alla Fiat :)

 

Link to comment
Share on other sites

50 anni fa dalla 500 ci si aspettava spazio e abitabilità con bassi costi perché l' alternativa era la vespa o i mezzi pubblici

oggi la 500 attuale non ha bisogno di spazio e posti comodi dietro perché il suo target non ha bisogno ne è interessato a quelle cose, piuttosto è molto più interessato allo stile e agli accessori.

se uno compra una fiat e ha bisogno di tanto spazio va di 500L o di tipo wagon, non certo di 500 classica

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

ne io ne la mia famiglia abbiamo mai pagato auto a rate tutt' oggi, quindi...
 
Ricordo come fosse ieri quando accompagnai l'allora compagna di mio padre a scegliere la nuova utilitaria.
Alla fine tra Twingo, Arosa, Atos e Seicento la spuntò quest'ultima proprio per il fattore prezzo (cash).
Già quando andammo a prendere Ypsilon nel 2005 (bella ma costata una fucilata), si iniziò a parlare di anticipi e rate.
Link to comment
Share on other sites

forse non la ricordiamo come la vettura delle vetture perchè aveva un nome "blasonato" o pe rlo meno iconico , infatti la 500 2007 è un'altra cosa ma la cinquecento fece il suo sporco lavoro forse il marcketing è stato ottimista nel chiamarla così oppure un pelo paraculo chamandola con lo stesso suono ma usando lettere e non numeri

e come detto sopra se la nonna doveva mettere in auto una nazione questa doveva portare in giro per le città come seconda vettura una parte della nazione ed aveva molta ma molta più concorrenza

Link to comment
Share on other sites

On 28/9/2021 at 09:55, 3volumi3 scrive:

Non è che la 500 attuale non abbia senso, però come tutti i modelli “revival” è l’emblema di un problema che affligge un certo design contemporaneo (e quindi la creatività contemporanea). Mi spiego.
La Fiat 500 del 2007 è innegabilmente un bel oggettino, una vettura carina che ispira simpatia e che ha salvato la Fiat dalla morte per inedia (anche se da un certo punto di vista ne è stata la sua condanna, ma questo è un altro discorso).
Ma (ed è un "ma" gigantesco) è il segno della recente tendenza della creatività a ripiegarsi su se stessa. Anziché fare quello che ci si aspetta da un buon design, ossia proporre nuovi linguaggi visivi e nuove soluzioni di stile, si percorre la scorciatoia dell'effetto nostalgia, si rimane nella confort zone della rivisitazione del classico, della rassicurazione del "già visto e digerito".
Nel migliore industrial design, il design viene sviluppato in base alla soluzione tecnica deliberata. È il progetto tecnico a guidare lo stile. E se i designer sono designer di prim'ordine (quindi con competenze sia ingegneristiche sia di design) vengono fuori prodotti innovativi e armonici che passeranno alla storia. Penso alla Nuova 500 di Giacosa, alla VW Beetle di Porsche, alla Mini di Isigonis, alla Panda di Giugiaro.
Nei revival, invece, si mette in atto il processo inverso: si parte dal design già stabilito e si adatta la meccanica. Niente di più sbagliato a mio parere: vetture le cui proporzioni avevano un senso per la loro disposizione meccanica (come i "tutto dietro" VW e Fiat 500), nelle versioni moderne non hanno più senso.
Poi, ripeto: anche a me esteticamente piacciono queste nuove rivisitazioni, ma trovo questa tendenza deleteria per la creatività. Pensiamo a come considereremo il design automobilistico "popolare" di oggi tra 50/60 anni? Di cosa potremmo fare un revival se già adesso i modelli più popolari sono a loro vola dei revival di vetture di 60 e più anni fa?

 

Tornando alla Cinquecento (non "500"), l'idea di partenza era giusta: sviluppare un design minimale e pratico per vestire una meccanica collaudata. Peccato che il risultato fosse un po' troppo tristanzuolo. Mancava quel "guizzo" che caratterizzava le precedenti citycar Fiat e le quasi coeve proposte che ho postato prima (Twingo e Ka).

 

E per concludere questo pistolotto, una piccola digressione. Questa tendenza a riproporre (attualizzandoli) successi del passato per essere sicuri di non sbagliare ha afflitto anche la creatività artistica mainstream. Lo vediamo ad esempio con le sempre maggiori proposte filmiche: prequel, sequel, reboot revamp. Ormai sembra che sia solo la nostalgia a guidare la creatività.

 

 

 

Concordo completamente con la tua analisi.
Il ricorso sistematico a elementi stilistici del passato è segno inequivocabile di una crisi creativa. Sembra essersi persa la capacità di inventare, di proporre qualcosa di nuovo, e sembra che nessuna realtà sia esente da questa malattia.

Se il richiamo al passato non è nelle linee esterne, lo è nel nome; certo, perchè il nome è una garanzia. E pazienza se chiami un suv con lo stesso nome di una sportiva; il nome farà certamente vendere qualche pezzo in più.

Non sfuggiva a questa norma neppure la Cinquecento del '92 (che fino a un paio d'anni prima della presentazione, secondo alcune fonti si sarebbe dovuta chiamare "Goccia", così avevo letto su Gente Motori), che pur essendo un prodotto sostanzialmente nuovo (anche se non modernissimo, come sottolineato giustamente in queste pagine), cercava di rinforzare la propria immagine con un nome che richiamava il passato.
 

  • I Like! 1

--------------------------

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Abarth03 scrive:

Il ricorso sistematico a elementi stilistici del passato è segno inequivocabile di una crisi creativa. Sembra essersi persa la capacità di inventare, di proporre qualcosa di nuovo, e sembra che nessuna realtà sia esente da questa malattia.

Infatti penso che l'approccio più giusto sia quello di Enrico Fumia, con il suo “ciclo di riconoscibilità”: citare – attualizzandoli – alcuni dettagli caratteristici della storia del marchio, per mantenere con discrezione una linea di continuità con la tradizione della casa. Citazione, quindi, non mera copia come si fa con i modelli "revival".

(che poi, vabbè, Fumia col tempo è diventato un po' troppo integrailista nell'applicazione delle sue teorie, ma di questo ne abbiamo già parlato nell'apposito topic)

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Abarth03 scrive:

 

 

Concordo completamente con la tua analisi.
Il ricorso sistematico a elementi stilistici del passato è segno inequivocabile di una crisi creativa. Sembra essersi persa la capacità di inventare, di proporre qualcosa di nuovo, e sembra che nessuna realtà sia esente da questa malattia.

Se il richiamo al passato non è nelle linee esterne, lo è nel nome; certo, perchè il nome è una garanzia. E pazienza se chiami un suv con lo stesso nome di una sportiva; il nome farà certamente vendere qualche pezzo in più.

Non sfuggiva a questa norma neppure la Cinquecento del '92 (che fino a un paio d'anni prima della presentazione, secondo alcune fonti si sarebbe dovuta chiamare "Goccia", così avevo letto su Gente Motori), che pur essendo un prodotto sostanzialmente nuovo (anche se non modernissimo, come sottolineato giustamente in queste pagine), cercava di rinforzare la propria immagine con un nome che richiamava il passato.
 

Io su Gente Motori del 1987 ho letto che si parlava della nuova Topolino, cioe la cinquecento.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.