Jump to content

Recommended Posts

9 ore fa, TonyH scrive:


come sarebbe a dire “tralasciamo il discorso ambiente?”

Ma se non è per motivi ambientali la spinta all’elettrificazione con copiosi incentivi e divieti, per cosa è?
 

Il “migliore” in senso assoluto, non esiste. È una questione personale.

Se a uno piace l’elettrica e per il suo uso va bene, se la compri. Nessun problema.

Se a uno non piace o per lui non va bene, deve essere libero di scegliere (visto che la questione non è l’ambiente).

 

Se nell’era di Spotify mi piace ancora usare i vinili, è una questione mia. Che non implica automaticamente che viva nel 1930 col grammofono. Le persone non sono bianche o nere. Tutte da una parte o tutta dall’altra.

Siamo essere complessi, plurisfaccettati.

 

Ti confesso che le etichette che hai messo, e che troppo spesso si mettono, non sono gradevoli.

Per niente.

Non contribuiscono per niente alla discussione.

 

Se la discussione verte sull’ambiente.

Se invece è un tema di preferenze, allora non si discute niente. Ognuno ha le sue legittime, tutte lecite, tutte degne di essere soddisfatte.

Guarda hai perfettamente ragione.

aggiungo , non c’entra in parte, stanno sparendo molti utenti storici 

da auto pareri ...

Le discussioni stanno diventando da BAR .

da quello con la vw sempre rotta ( in incognito) che prova a denigrare la Giulia quadrifoglio , al finto lancista che pubblica numeri di vendita e non perde occasione per denigrare le italiane , ecc

dove sono i dannatio , gli Heinz e tanti altri...

 

Alfa Romeo GTV

Alfa Romeo 159 Sw

Mini Cooper

Link to comment
Share on other sites

Forse stiamo usando um po’ in modo improprio il concetto di imposizione.

 

Nessuno ci obbliga a comprare un’auto elettrica, nemmeno per motivi ambientali.

 

Ad esempio sono liberissimo di comprare un’auto a metano, inquinare poco e spendere poco di carburante, a livelli paragonabili a quelli di un’auto elettrica.

 

Il problema è che l’offerta di auto a metano non è paragonabile a quella di auto elettriche. In Italia sono attualmente a listino 13 modelli a metano e 39 modelli elettrici, 3 volte tanto, eppure le quote di mercato sono le stesse.


I motivi sappiamo bene quali sono:

- Il metano è abbastanza diffuso solo in Italia e Germania

- Gli investimenti per l’elettrico devono essere spalmati su più modelli possibili

- La trazione elettrica può essere declinata in varie forme di ibridazione, HEV serie, PHEV, EREV, fino ad arrivare al BEV puro che a livello di prezzi è già più economico delle soluzioni PHEV.

 

Intanto la Dacia anticipa i tempi, la Spring sarà ordinabile dall’11 Marzo, si pensa a circa 20 K.

 

La MG torna anche in Italia con un SUV PHEV ed un SUV BEV che parte da 33K

 

Con questi prezzi possono sparire anche gli incentivi, come succede a tutti gli incentivi, una volta superata la massa critica.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Poi occhio con gli esempi, perché ogni mondo e' a parte. Ognuno con regole diverse e con una più facile possibilità di scelta. 

 

L'ultimo rapporto Nielsen Music/MRC Data sulle vendite di dischi negli Stati Uniti, relativo alla settimana che ha preceduto il Natale, ha sancito il sorpasso del vinile sul compact disc: per la precisione sono stati venduti 1.842.000 dischi in vinile contro 1.671.000 compact disc

Fonte DDAY 2/1/2021 

 

I giradischi continuano a farne di nuovi, così come gli Amplificatori classici 2ch (2 canali stereo).  Ma in molti si ascoltano sia il vinile che "musica liquida hi-res". 

 

- Morto il Plasma che era un riferimento per film/documentari/sport, hanno creato gli Oled. Senza contare altre tecnologie come "laser tv" (proiettori) che stanno dicendo la loro per l'ottimo rapporto qualità/dimensione/prezzo. 

 

- E gli orologi, ti compri un Fenix 6 ma usi anche un Meccanico. 

 

Ecco spero che diventerà così anche nel Mondo dell'auto, ma appunto temo di no perché penso che essendo un indotto grande e così intrecciato sia più difficile poter offrire in futuro ICE ed Elettrico insieme (a parte i mezzi già esistenti, parlo di nuove ICE). Ammettendo pure il via libera dal/dai Governi. Non vorrei che si arrivasse al punto che per avere un'ICE ci si debba per forza rivolgere ad Automobili Amos o Alfaholics per esempio. Certo che il guidare ICE si perderà probabilmente, anche per il fatto che le nuove generazioni cresceranno guidando altro e quindi saranno già abituate all'elettrico. Già ora i bambini dell'elementari e non solo sono più "Nerd". 

 

Certo, si dice che ormai interessi a pochi. Ma questo per me è il preludio di un appiattimento generale. 

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, viva l'italia scrive:

Perché io dopo aver provato un paio di elettriche sono convinto che siano superiori a prescindere dal discorso ambiente.

 

..l'impressione mio e esattamente il contrario, dopo provare i3, Zoe, 500e, TeslaS, e-tron e iX3 il mio giudizio e: hai provato una, hai provato tutte, sentimento di guida assolutamente asettico, sintetico senza nessun caratteristica specifica, motori che erogano potenza ma non piu, niente emozione, suono come nella tram e molto seccanto con le frequenze alti dell aelettronica di potenza. Che bello invece una bialbero a doppio carburatore o un V8 aspirato che gira fino a 7500.

 

  • I Like! 5
  • Sad! 1
Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, 4200blu scrive:

 

..l'impressione mio e esattamente il contrario, dopo provare i3, Zoe, 500e, TeslaS, e-tron e iX3 il mio giudizio e: hai provato una, hai provato tutte, sentimento di guida assolutamente asettico, sintetico senza nessun caratteristica specifica, motori che erogano potenza ma non piu, niente emozione, suono come nella tram e molto seccanto con le frequenze alti dell aelettronica di potenza. Che bello invece una bialbero a doppio carburatore o un V8 aspirato che gira fino a 7500.

 


in parte concordo, ma questo vale se parliamo di youngtimer o auto d’epoca (auto con oltre i 30 anni). E quelle di oggi? sono anche tutte uguali e asettiche, quindi vedo grosse differenze.

  • Confused... 1
Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, kire_06 scrive:

E quelle di oggi? sono anche tutte uguali e asettiche, quindi vedo grosse differenze.

500 Abarth, Fiesta ST, i20n, i30n, Giulia  Veloce/Q, Mazda 6L, MX5, Yaris GR4, M3, Ferrari, Porsche.....

3 4 5 6 8..... cilindri, Turbo Aspirato Volumetrico, TA TP vari 4x4, ampio ventagli di prezzi. Va beh confrontare alcune auto del presente con quelle di primi anni 2000, ma dire che sono tutte uguali ed asettiche non è assolutamente vero. E questo vale anche se nella lista mettiamo la Tipo Vs Focus "standard".

  • I Like! 5
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, kire_06 scrive:

E quelle di oggi? sono anche tutte uguali e asettiche, quindi vedo grosse differenze.

...stessa risposta...in parte concordo, ma ci sono anche oggi macchine con carattere e emozioni - 595, Fiesta ST, MX5, TT RS, 240 e 440 cabrio, S5, 911 (anche in versiione base), F-type e altri. 
 

Edited by 4200blu
  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

In realtà, in un certo senso, le auto oggi sono tutte uguali. 

Per quale motivo ci si impegna così tanto per enfatizzare il sound di un'auto tramite le casse?

Perché perdere così tanto tempo ad ingegnerizzare questo quando fino a qualche anno fa Lexus chiedeva la consulenza della Yamaha per la LFA, per farla suonare come una F1? 

 

Non è solo un problema dei vari filtri che riducono il sound; perché non ridurre gli strati di pannelli fonoassorbenti per le versioni più sportive? 

 

Perché ad oggi, le auto sono solo dei mezzi da A a B, proprio come devono/dovranno essere le auto elettriche. Io non sono contro le auto elettriche se queste devono contribuire a salvaguardare l'ambiente (ammetto che il 1.9 TDI dell'Audi 80 mi piace ancora tanto anche con la turbina che fischia in quel modo 🥰) ; sono contro le Case che spacciano per sportive le auto elettriche quando in realtà la sportività di un'auto deriva quasi totalmente dal suo motore, che deve rombare senza alcuna timidezza. 

 

È principalmente questo che alimenta la nostra passione per le auto, più che la dinamica. 

 

 

Edited by ItalianBrands
Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, viva l'italia scrive:

Perché io dopo aver provato un paio di elettriche sono convinto che siano superiori a prescindere dal discorso ambiente. E di parecchio

☏ Pixel 3 ☏
 

Non dubito, il problema è la gestione dell'elettrico in se in Europa, soprattutto per quanto concerne la ricarica.

In Usa secondo me sarebbe già molto più gestibile: in molti li da voi hanno garage o posti auto con la possibilità di mettere agevolmente una presa o una colonnina di ricarica. Inoltre, fatto non secondario, in Usa il carburante non è tassato, il che fa sì che passare da un V6 o un V8 a benzina ad una Tesla economicamente cambi relativamente poco sia per l'automobilista, sia per lo stato.

Da noi il carburante è ultratassato e o i governi europei fanno a meno di questa entrata, e lo vedo difficile, oppure le spostano sull'energia elettrica rendendo proibitiva la ricarica. Oppure tassano altro, ma sempre ci impoveriscono.

Per dirlo in due parole, un conto è passare da una Chevrolet suburban a una qualunque elettrica: alla fine i costi sono simili e inquini meno, ma se passi da una Panda 1.0 a un SUV elettrico o costi si impennano e inquini pure di più

Link to comment
Share on other sites



Forse stiamo usando um po’ in modo improprio il concetto di imposizione.
 
Nessuno ci obbliga a comprare un’auto elettrica, nemmeno per motivi ambientali.
 
Ad esempio sono liberissimo di comprare un’auto a metano, inquinare poco e spendere poco di carburante, a livelli paragonabili a quelli di un’auto elettrica.
 
Il problema è che l’offerta di auto a metano non è paragonabile a quella di auto elettriche. In Italia sono attualmente a listino 13 modelli a metano e 39 modelli elettrici, 3 volte tanto, eppure le quote di mercato sono le stesse.

I motivi sappiamo bene quali sono:
- Il metano è abbastanza diffuso solo in Italia e Germania
- Gli investimenti per l’elettrico devono essere spalmati su più modelli possibili
.....
 
 
 


Ciao, mi permetto di farti notare che parti da un punto errato, o meglio "siamo indotti" in quella direzione.
È vero quello che dici, l'offerta del metano/GPL è minoritaria rispetto all' elettrico ma non e ripeto non per mancanza di mercato ma perché le case costruttici non offrono tale scelta. I motori I.D. già sono difficoltosi da gasare poi le future normative €7 di fatto fanno fuori tutte le Ice quindi le case non investono. Aggiungi che in qualche modo devono rientrare dagli investimenti elettrico&ibride quindi non vogliono vendere ice a gas.
In pratica un collega vuole comprare un auto a metano, forse riesce a spuntare un prezzo ragionevole su una Skoda, completamente fuori mercato golf con sconti quasi assenti oltre ad un prezzo di listino alto. Comunque avrebbe molti mesi di attesa...

Lo ribadisco anche io, non è sbagliato puntare all'elettrico, è sbagliato imporlo senza alternativa anche perché come scriveva più su un forumista l'elettrico è per molti ma non per tutti.

☏ WAS-LX1A ☏

  • I Like! 2

L'ammiraglia: Lancia Delta 1.4 tjet 120cv Oro ecochic 2010: 335.000 km + 13.500 km al traino di Eiffeland 495TF Treno lungo: 11,70 mt!!!

Il muletto: Punto 1.2 8v ELX GPL 2001 339.000 km

Moto Guzzi Norge 1.200 2007: 21.000 km

 
Link to comment
Share on other sites

  • J-Gian changed the title to Il futuro dell'auto (elettrica)
  • __P changed the title to Auto elettrica: tecnologia ed innovazioni per un suo futuro sostenibile
  • J-Gian locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.