Jump to content

Transizione ecologica ed il futuro della mobilità


Message added by J-Gian,

 

Recommended Posts

3 ore fa, gilerak scrive:

Boh, a me pare che la maggior parte delle elettriche, utilitarie a parte, sia SUV o crossover.

Questo è vero, ma l'efficentamento aerodinamico, unito alla sezione frontale diventano un fattore decisivo.

Faccio un esempio semplice (Giulia-Stelvio, applicabile su qualsiasi marchio segmento C-D-E tra berlina 5/4p e SUV):

Giulia 2.2d 160cv -> 220 km/h  - 4.9l/100km

Stelvio 2.2d 160cv -> 198 km/h - 5.5l/100km (e 5k€ di costo in più)

C'è un'importante componente di aerodinamica già adesso sui consumi.

Portandoli in elettrico.. se in modalità elettrica in città la maggiore richiesta di energia in accelerazione del SUV è controbilanciata da un maggiore recupero di energia in frenata, in autostrada contano gli altri 2 fattori.

I dati del ciclo WLTP occhio che sono un insieme delle 2 fasi, ma il delta in autostrada è molto più pesante.

Se iniziassero a dichiarare il consumo autostradale assieme al WLTP ci accorgeremmo non poco di questa differenza

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Facciamo un favore a questo mondo... Meno SUV, più 4C e Lotus...

sony_xperia_u.png

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, defiant scrive:

Questo è vero, ma l'efficentamento aerodinamico, unito alla sezione frontale diventano un fattore decisivo.

Faccio un esempio semplice (Giulia-Stelvio, applicabile su qualsiasi marchio segmento C-D-E tra berlina 5/4p e SUV):

Giulia 2.2d 160cv -> 220 km/h  - 4.9l/100km

Stelvio 2.2d 160cv -> 198 km/h - 5.5l/100km (e 5k€ di costo in più)

C'è un'importante componente di aerodinamica già adesso sui consumi.

Portandoli in elettrico.. se in modalità elettrica in città la maggiore richiesta di energia in accelerazione del SUV è controbilanciata da un maggiore recupero di energia in frenata, in autostrada contano gli altri 2 fattori.

I dati del ciclo WLTP occhio che sono un insieme delle 2 fasi, ma il delta in autostrada è molto più pesante.

Se iniziassero a dichiarare il consumo autostradale assieme al WLTP ci accorgeremmo non poco di questa differenza

Sono d'accordo. Speriamo che ritornino auto più basse ma per il momento non mi pare.

C'entra qualcosa il fatto di dover trovare spazio per le batterie sul pavimento?

Link to comment
Share on other sites

EU lawmakers back effective ban on new combustion engine cars

Lawmakers supported a proposal for a 100 percent cut in CO2 emissions by 2035, which would make it impossible to sell new fossil fuel-powered vehicles in the bloc.

 

BRUSSELS -- Lawmakers on the European Parliament's environment committee backed an EU plan to effectively ban new gasoline and diesel car sales from 2035, while voting against proposals for tougher targets to cut car CO2 emissions within this decade.

The committee supported the proposal for a 100 percent cut in CO2 emissions by 2035, which would make it impossible to sell new fossil fuel-powered vehicles in the 27-country bloc.

The European Commission proposed the targets as part of a bigger package of climate change policies last July, on the basis that new cars stay on the roads for 10 to 15 years -- meaning that 2035 is the latest date that sales of polluting cars could halt, without jeopardizing the bloc's plan to have net zero emissions in all sectors by 2050.

The committee did not back a proposal from some lawmakers to increase the ambition of the Commission's proposal for a 55 percent cut in CO2 emissions from cars by 2030 versus 2021 levels. Nor did they back proposals from other lawmakers to water down the 2035 goal.

"With CO2 standards, we create clarity for the car industry and stimulate innovation and investments for car manufacturers," said Jan Huitema, the lead lawmaker on the policy, adding that it should make driving electric vehicles cheaper.

The whole European Parliament will vote on the car CO2 proposals in the coming months, after which lawmakers and EU countries must negotiate the final rules.

By speeding the shift to zero-emission electric vehicles, the EU aims to tackle the quarter of EU emissions that come from transport, which in recent years have been rising.

Automakers including Volkswagen, Ford, Peugeot, Volvo and Jaguar have already announced plans to stop selling combustion engine cars in Europe by 2035, but some industry groups have warned against banning a specific technology, and said more ambitious targets can only be met if policymakers support a massive rollout of charging infrastructure.

The EU is negotiating proposals to require countries to install public charging points at regular intervals along major roads.

 

(ANE)

 

 

 

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

19 ore fa, gilerak scrive:

Boh, a me pare che la maggior parte delle elettriche, utilitarie a parte, sia SUV o crossover.

Infatti, mi sembra che la passione per dimensioni inflazionate e pompate non faccia distinzione tra Ice e Ev, purtroppo. 

A questo si aggiunge che è più facile per le EV essere competitive sui segmenti alti e costosi per cui per le case è più prudente iniziare da li. 

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, gilerak scrive:

Sono d'accordo. Speriamo che ritornino auto più basse ma per il momento non mi pare.

C'entra qualcosa il fatto di dover trovare spazio per le batterie sul pavimento?

No, perchè l'altezza batterie è standard sui pianali. Si può aggiungere, ma è un costo di progettazione.

Avremo auto con passi più lunghi, quello sì è utile per aggiungere batterie.

 

Facciamo un favore a questo mondo... Meno SUV, più 4C e Lotus...

sony_xperia_u.png

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, gilerak scrive:

Sono d'accordo. Speriamo che ritornino auto più basse ma per il momento non mi pare.

C'entra qualcosa il fatto di dover trovare spazio per le batterie sul pavimento?

In Cina son tornate di moda le berline stile coupé/fastback elettriche, ne è pieno ormai

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, 4200blu scrive:

 

The European Commission proposed the targets as part of a bigger package of climate change policies last July, on the basis that new cars stay on the roads for 10 to 15 years -- meaning that 2035 is the latest date that sales of polluting cars could halt, without jeopardizing the bloc's plan to have net zero emissions in all sectors by 2050.

 

 

Esatto, il 2035 non è una data qualsiasi, ma legata al progetto "Net-zero" 2050, di cui si parla poco.

 

Net-zero rispetto a "Carbon neutrality", legato alla questione di vendere certificati per compensare le emissioni, equivale alla differenza tra greenrevolution e greenwashing, quindi importante da chiarire.

 

Una spiegazione semplice su Net-zero:

https://www.reteclima.it/net-zero/

 

Ma questi propositi, legati al riscaldamento globale, non rendono giustizia alla svolta tecnologica della "Rivoluzione Elettrica", che non riguarda solo i trasporti ma anche l'abolizione dell'uso del gas per riscaldamento e cucinare, da cui la proibizione al 2040 di vendere caldaie a gas:

 

https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2021/12/15/ue-stop-a-caldaie-a-gas-dal-2040_354006b0-dfd5-4ff3-b89b-145ef95c96d1.html

 

Ovvero energia elettrica come vettore unificato in grado di convogliare provenienze da rinnovabili di ogni specie e dipendenti fortemente da risorse geograficamente localizzate e particolari.

 

Pensare solo alla CO2 quando le conseguenze sono la drastica riduzione di particolati, NOx, sprechi di cicli termodinamici inefficienti, implicazioni geopolitiche e ideologiche, visto che i produttori di fossili sono nazioni dittatoriali, arretrate e criminali, è non capire come tutto ciò trasformerà completamente il mondo.

 

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

Temo che Zio Vladi e compagnia cantante stiano mettendo in discussione tante belle strategie. 

Poi vedremo. 

Ps sono disposto a scommettere dollari contro ciambelle che le auto termiche, per lo meno in Italia, circoleranno ben oltre il 2050, al di là di tutti i proclami*

 

 

* il fatto che una nota casa automobilistica sassone abbia avuto un flop tremendo per la sua flagship elettrica è del tutto incidentale. 😁

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
17 minuti fa, Maxwell61 scrive:

 

Esatto, il 2035 non è una data qualsiasi, ma legata al progetto "Net-zero" 2050, di cui si parla poco.

 

Net-zero rispetto a "Carbon neutrality", legato alla questione di vendere certificati per compensare le emissioni, equivale alla differenza tra greenrevolution e greenwashing, quindi importante da chiarire.

 

Una spiegazione semplice su Net-zero:

https://www.reteclima.it/net-zero/

 

Ma questi propositi, legati al riscaldamento globale, non rendono giustizia alla svolta tecnologica della "Rivoluzione Elettrica", che non riguarda solo i trasporti ma anche l'abolizione dell'uso del gas per riscaldamento e cucinare, da cui la proibizione al 2040 di vendere caldaie a gas:

 

https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2021/12/15/ue-stop-a-caldaie-a-gas-dal-2040_354006b0-dfd5-4ff3-b89b-145ef95c96d1.html

 

Ovvero energia elettrica come vettore unificato in grado di convogliare provenienze da rinnovabili di ogni specie e dipendenti fortemente da risorse geograficamente localizzate e particolari.

 

Pensare solo alla CO2 quando le conseguenze sono la drastica riduzione di particolati, NOx, sprechi di cicli termodinamici inefficienti, implicazioni geopolitiche e ideologiche, visto che i produttori di fossili sono nazioni dittatoriali, arretrate e criminali, è non capire come tutto ciò trasformerà completamente il mondo.

 

Ho paura che tutte queste "belle intenzioni" siano oramai praticamente superate dagli ultimi eventi. Finchè un parte di mondo non si riporterà a casa un bel po di produzioni tecnologiche (qualcuno ha detto microchip) saremo sempre legati a regimi dittatoriali, arretrati e criminali, senza cui non potremmo produrre nemmeno roba supertecnologica come la Ypsilon 1.2 Fire.

 

8 minuti fa, stev66 scrive:

Temo che Zio Vladi e compagnia cantante stiano mettendo in discussione tante belle strategie. 

Poi vedremo. 

Ps sono disposto a scommettere dollari contro ciambelle che le auto termiche, per lo meno in Italia, circoleranno ben oltre il 2050, al di là di tutti i proclami*

 

 

* il fatto che una nota casa automobilistica sassone abbia avuto un flop tremendo per la sua flagship elettrica è del tutto incidentale. 😁

Quoto.

Edited by nucarote
Link to comment
Share on other sites

  • __P changed the title to Transizione ecologica ed il futuro della mobilità
  • J-Gian pinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.