Jump to content

Transizione ecologica ed il futuro della mobilità


Message added by J-Gian,

 

Recommended Posts

24 minuti fa, gilerak scrive:

ma se devo andare al supermercato a fare la spesa settimanale per la famiglia non è che ci posso andare in bici o piedi (troppe buste, troppo peso)

 

...forse non con un bici standard, ma con un e-bike cargo funziona anche una spesa cosi molto bene....

image.thumb.png.56d43b6b3b50310a4f2b9de5efa855b1.png

 

 

  • I Like! 2
  • Adoro! 1
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Faccio un esempio personale e semplice.

 

Due settimane fa invece di prendere il bus per l'aeroporto che costa 7,5 € a persona ho preso la 500e del carsharing, all'andata ho perso un po' di tempo per prendere l'auto e caricare moglie valige ma ho pagato 14 € con 2 persone a bordo, al ritorno ho speso 11 €, totale 25 € contro 30 € del bus che non passa sotto casa.

 

In questo caso il carsharing vince sul TPL, sia come prezzo, sia come praticità.

 

 

Edited by xtom
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

On 4/7/2022 at 09:55, TurboGimmo scrive:

 

Per il poco che conta, dico la mia.

Varese e Como scontano circa 100mila auto ogni giorno che passano la frontiera verso la Svizzera (la media e' 1 persona, 1 macchina).

TPL internazionale (tra lombardia e ticino) non pervenuto, e comitati di cittadini che dovrebbero richiederlo, non pervenuti (evidentemente va bene così).

 

 

Con buona pace degli svizzeri che devo subirsi ogni giorno questo serpentone, al mattino verso nord e la sera verso sud.

 

image.png.7cb29754ad25ca7016fb37e76c89d63e.png

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, mikisnow scrive:

Però non sarebbe nemmeno giusto ritrovarsi gente di ceto A che può fare quello che fa oggi, mentre il ceto C che si ritrova a non andare più in ferie. A me per esempio frega nulla della scala sociale e vedere il ceto A che si piglia la Ferrari, perché comunque nel mio mi ritengo pure fortunato a mantenere una vita dignitosa. Il problema è quando si apre troppo la forbice, non è una questione d'invidia. Ora le scelte le puoi fare su dove investire in beni e servizi emozionali, bisognerà assolutamente agire qualora tutto lo stipendio se ne andasse solamente in tasse ed energia. E già ora abbiamo superato il limite. 

Se dobbiamo pagare per salvare il pianeta dovrà essere fatto pure quella in maniera equa e secondo me si può fare senza aumentare così tanto i costi, perché sappiamo già cosa influisce di più rispetto allo spostamento privato. E se per assurdo fosse colpa al 100% dei mezzi privati, ci sarebbe comunque il modo di risolvere la questione ambiente mantenendo certi standard di vita. Quello a cui stiamo assistendo non è un risolvere il problema, ma solamente uno spostamento di ricchezza facendo leva con temi sensibili. Non è complottismo, hanno sbagliato a farci studiare in maniera sufficiente che c'ha permesso di non essere degli "stupidi". E qui è pure palese ed alla luce del sole. 

Ho evidenziato un punto fondamentale nel problema citato.

Il disinteresse verso "altri" non va bene.
Sono più di vent'anni che l'indice di Gini, che misura la disparità sociale, si sta allargando globalmente.

 

Coefficiente di Gini - Wikipedia

  • I Like! 2

Fai parte della comunità LGBT+ o vorresti supportarci?

Iscriviti alla nostra pagina su Instagram: @motorpride_it

🏳‍🌈

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, TonyH scrive:

Perchè i mezzi sono brutti, vanno tolti tutti dalla città (con urbanistica tattica) però al contempo vogliamo i servizi di delivery e viva il commercio di quartiere al posto dei supermercati.

 

Il verduriere sotto casa, pensiamo di rifornirlo coi droni, con le catapulte?

Il macellaio con una bicicletta?

 

Anche se dovessero togliere o limitare fortemente le auto nelle metropoli, mi aspetto che questa tipologia di servizi rimangano (magari meglio organizzati e meno inquinanti), così la nettezza urbana ed i mezzi di soccorso :) 

 

 

 

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, aboutdas scrive:

Ho evidenziato un punto fondamentale nel problema citato.

Il disinteresse verso "altri" non va bene.
Sono più di vent'anni che l'indice di Gini, che misura la disparità sociale, si sta allargando globalmente.

 

Coefficiente di Gini - Wikipedia

Non ho spiegato bene. Intendo che non m'interessa se i ceti alti si possono permettere un certo tenore di vita, è una cosa normale e giusta. Quello che m'interessa è che un Commesso oppure "semplice operaio" riesca ad avere una vita dignitosa anche negli spostamenti privati (vacanze/gite/lavoro per esempio). Che poi la forbice si sia allargata è vero, ma non era quello il nocciolo della questione che evidenziavo 😉

  • I Like! 2
  • Thanks! 2
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Tesla (e Cino/Coreani) hanno un Gap tecnologico su EV che gli altri  Costruttori non riusciranno a colmare, ma anzi aumenterà:

Min 7:55

 

 

Per mia fortuna ho MAXWELL che mi tiene aggiornato anche sui difetti di Tesla. Grazie MAX !

Edited by 1happydream
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

6 hours ago, gilerak said:

In che senso? Se vieti la consegna a domicilio devo farmi la spesa in prima persona e se prendo due buste dal panettiere ok ma se devo andare al supermercato a fare la spesa settimanale per la famiglia non è che ci posso andare in bici o piedi (troppe buste, troppo peso) ergo se abito nella zona interdetta non potrei nemmeno andarci in auto, quindi? Prendo un taxi a 30 euro? Un carsharing alla stessa cifra? 

 

hai ragione, mi sono espresso male. La consegna a domicilio individuale, anarchica e a tutte le ore deve scomparire perché non è ecologica, né sostenibile. L'urbanismo di lungo termine sta studiando sistemi per avere servizi in un raggio di 15-20 minuti da casa con qualità e prezzi ragionevoli. La spesa settimanale si farà con altri mezzi e forse anche con meno volume (packaging inutile).

Link to comment
Share on other sites

  • __P locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.