Jump to content

Scoperto in EU enorme giacimento di Litio


Recommended Posts

Cita

In Germania è stato individuato un ricco giacimento di litio al di sotto del fiume Reno: si tratta di un volume di materia prima capace di soddisfare l'esigenza di produzione di batterie che possono alimentare 400 milioni di vetture. Secondo le informazioni disponibili il giacimento è uno tra i più grandi del mondo. Il metallo si trova raccolto in forma fusa a diversi chilometri di profondità al di sotto della superficie nella valle dell'Alto Reno.

La possibilità di sfruttare questo giacimento per l'approvvigionamento di materie prime ora particolarmente appetibili per il settore automobilistico permetterebbe all'industria delle auto europea di non dover più importare il litio dagli estrattori oggi dislocati principalmente in Australia, Cile e Cina, riducendo quindi l'impronta di carbonio rispetto alle attuali condizioni di produzione e trasporto.

Secondo quanto riferisce l'agenzia stampa Reuters, la società Vulcan Energy Resources (realtà con sede in Australia ma con partecipazioni tedesche) si è mostrata interessata all'estrazione del litio dal nuovo giacimento e avrebbe già avanzato alcune proposte che prevedono inoltre la costruzione di centrali geotermiche che possano fornire l'energia necessaria per le operazioni di estrazione, impegnandosi in un investimento di circa 1,7 miliardi di euro.

 

https://auto.hwupgrade.it/news/tecnologia/scoperto-in-europa-un-enorme-giacimento-di-litio-batterie-per-400-milioni-di-auto-elettriche-ecco-dove-si-trova_97427.html

 

 

  • Wow! 2
Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Maxwell61 scrive:

è una notizia di qualche tempo fa. Il problema è che estrarlo provoca alti livelli di inquinamento. Da vedere se troveranno un modo di farlo non troppo impattante. In altri paesi sostanzialmente se ne fottono 

 

Ne abbiamo anche in italia, lo aveva scoperto l'eni dalle parti di bracciano, ma al tempo non se ne facevano nulla. Credo abbiano riaperto qualche pozzo per verificare se ne vale la pena adesso 

  • I Like! 1
  • Thanks! 3

CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Link to comment
Share on other sites

Cita

L’accordo fra la Stellantis e la Vulcan Energy Resources parte da una base quinquennale e prevede l’inizio delle spedizioni nel 2026. La fornitura di partenza sarà compresa fa un minimo di ottantamila tonnellate e un massimo di novantanovemila tonnellate di idrossido di litio, da consegnare nell’arco dei cinque anni.


 

Cita
Cita

Purtroppo però la particolare collocazione del giacimento rende le operazioni piuttosto complicate. Ci sono rischi dal punto di vista biologico
La cittadina di Staufen, che si trova proprio in questa regione, vive da anni una situazione di precarietà: molti suoi edifici hanno iniziato a fessurarsi anche gravemente. La colpa sarebbe proprio della vicina centrale geotermica. Sono state le perforazioni a causare il rigonfiamento di strati sotterranei di gesso che hanno poi compromesso la statica delle abitazioni.

 

Edited by xtom
Link to comment
Share on other sites

La cosa sembra anche di partenza imminente, e ci credo, con quello che vale. 

 

E gli enti ambientali per fortuna in Germania sono molto attivi e anche dotati di potere amministrativo, a Tesla stanno dando il filo da torcere per tutto, e fanno bene.

 

https://chargedevs.com/newswire/german-firms-plan-to-exploit-massive-lithium-deposits-beneath-the-rhine/

 

 

Cita

Geologists have estimated that an area in the Upper Rhine Valley, in the Black Forest area of southwestern Germany, holds enough lithium for more than 400 million electric cars, making it one of the world’s biggest deposits.

The trove could reduce the reliance of the German car industry on imported lithium. The European Commission estimates that Europe will need to increase its supply of lithium by a factor of 18 by 2030, and by a factor of 60 by 2050. To date, Europe has been importing the bulk of its lithium from the “lithium triangle” in South America, and from Australia. Both sources have substantial local environmental impacts, in addition to the carbon cost of shipping the lithium around the world.

German-Australian startup Vulcan Energy Resources says it can deliver carbon-neutral lithium, extracted at geothermal power stations. “The lithium deposit we’re talking about here is gigantic, and its properties are ideal for our goal of producing high-quality lithium on a large industrial scale in Germany,” Vulcan Energy Resources co-founder Horst Kreuter told Reuters.

 

The company plans to invest 1.7 billion euros ($2 billion) to build up to five geothermal power stations and facilities to extract the lithium. It says it could be producing 15,000 tons of lithium hydroxide per year at two sites by 2024, and an additional 40,000 tons per year in a second phase beginning in 2025.

 

Kreuter says he is already in talks with cathode and battery manufacturers, as well as auto OEMs. Spokespersons for Mercedes-Benz and BMW expressed interest in sourcing lithium from the Rhine Valley deposits, but all parties acknowledge that it will take time for substantial volumes to be delivered.

 

Utility EnBW also has plans to extract lithium in the Black Forest area, at an existing plant in the town of Bruchsal. The company estimates that the Bruchsal site could produce 900 tons of lithium per year. It expects to produce lithium on a pilot basis by the end of this year, and make a decision about the project’s feasibility by 2024.

 

Advocates say that linking lithium production to geothermal energy is a green solution, but there are detractors. In 2007, geothermal drilling caused underground layers of gypsum to swell, damaging houses in Staufen, a picturesque village in the Black Forest.

 

Link to comment
Share on other sites

26 minuti fa, Cosimo scrive:

 Il problema è che estrarlo provoca alti livelli di inquinamento.

 

E' come la storia del Cobalto e delle terre rare. Quando qualcosa inizia a essere richiesto in elevate quantità, si lavora sui problemi.

Le vecchie tecnologie di estrazione del Litio, oltre ad avere il loro grado di inquinamento ambientale (ma non può passare che le altre attività minerarie producono margherite e il Litio è il diavolo, se no è vuoto meme anti-EV), erano inefficienti, con valori intorno al 50% perso. Se un minerale vale poco, non ci si danna a far ricerche.

 

Ma ora la situazione è diversa e da tempo ci si sta dando da fare e già esistono siti con estrazioni pulite. Il punto è che Litio a seconda dei posti da dove lo estrai può richiedere tecnologie diverse e le problematiche possono essere maggiori o minori. 

In ogni caso non è che non si possa già ora fare estrazione sostenibile.

 

Una panoramica sull'estrazione sostenibile:

 

https://www.greenbiz.com/article/lithium-mining-booming-heres-how-manage-its-impact

 

1) estrazione diretta senza acqua.

 

https://www.globenewswire.com/news-release/2020/09/21/2096767/0/en/Standard-Lithium-Marks-Commencement-of-Operations-at-Arkansas-Plant-With-a-Virtual-Ribbon-Cutting-Ceremony.html

 

 

shane-mclendon-EN1tF2EG-50-unsplash.jpg

 

2) Brina

 

https://www.latimes.com/environment/story/2019-10-14/california-lithium-geothermal-salton-sea

 

3) Scambio Ionico

 

https://uspto.report/patent/app/20200230591

 

Ovvero: date un motivo di grosso business al mercato, e scienza e tecnologia trovano la soluzione.

Edited by Maxwell61
  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

Ottimo! Speriamo che diminuirà la dipendenza con la Cina 🤞 anche in Spagna ci sta un grosso giacimento di litio, in Andalusia se non ricordo male, ma la popolazione locale non ne vuole sapere di installare tutti i macchinari adatti per l'estrazione (e hanno ragione!!!). Ci sta la puntata di Report su Rai play

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, machefredfa scrive:

Ottimo! Speriamo che diminuirà la dipendenza con la Cina 🤞 anche in Spagna ci sta un grosso giacimento di litio, in Andalusia se non ricordo male, ma la popolazione locale non ne vuole sapere di installare tutti i macchinari adatti per l'estrazione (e hanno ragione!!!). Ci sta la puntata di Report su Rai play

La Cina non è per niente il produttore maggiore di Litio. Anche se è il Cile ad avere le maggiori riserve, è l'Australia ad avere una posizione dominante. La Cina fornisce soprattutto il proprio mercato.

 

In EU di batterie cinesi se ne vedono poche, mi sembra ci sia una dominanza assoluta coreana di LG Chem. Anzi, ora non mi viene in mente nemmeno un produttore EU con batterie cinesi.

 

Quello che dobbiamo sperare, è che si muovano più in fretta con le fabbriche di produzione celle, perchè quello che ci handicappa per ora è quello. La Comunità EU  si è mossa e spinge per le fabbriche EU, ma non so con quanta rapidità ed efficacia rispondano gli Stati. 

 

Lo metto anche qui:

 

Website_Reserves_1163.png

Edited by Maxwell61
  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Maxwell61 scrive:

 

E' come la storia del Cobalto e delle terre rare. Quando qualcosa inizia a essere richiesto in elevate quantità, si lavora sui problemi.

Le vecchie tecnologie di estrazione del Litio, oltre ad avere il loro grado di inquinamento ambientale (ma non può passare che le altre attività minerarie producono margherite e il Litio è il diavolo, se no è vuoto meme anti-EV), erano inefficienti, con valori intorno al 50% perso. Se un minerale vale poco, non ci si danna a far ricerche.

 

Ma ora la situazione è diversa e da tempo ci si sta dando da fare e già esistono siti con estrazioni pulite. Il punto è che Litio a seconda dei posti da dove lo estrai può richiedere tecnologie diverse e le problematiche possono essere maggiori o minori. 

In ogni caso non è che non si possa già ora fare estrazione sostenibile.

 

Una panoramica sull'estrazione sostenibile:

 

https://www.greenbiz.com/article/lithium-mining-booming-heres-how-manage-its-impact

 

1) estrazione diretta senza acqua.

 

https://www.globenewswire.com/news-release/2020/09/21/2096767/0/en/Standard-Lithium-Marks-Commencement-of-Operations-at-Arkansas-Plant-With-a-Virtual-Ribbon-Cutting-Ceremony.html

 

 

shane-mclendon-EN1tF2EG-50-unsplash.jpg

 

2) Brina

 

https://www.latimes.com/environment/story/2019-10-14/california-lithium-geothermal-salton-sea

 

3) Scambio Ionico

 

https://uspto.report/patent/app/20200230591

 

Ovvero: date un motivo di grosso business al mercato, e scienza e tecnologia trovano la soluzione.

 

il casino è che sono aree urbanizzate, per quanto si faccia attenzione, l'impatto non è trascurabile. 

  • I Like! 3
  • Thanks! 1

CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.