Jump to content

F1 2022 - GP Gran Bretagna - Silverstone 01-03/07/2022


 Share

F1 2022 - GP Gran Bretagna - Silverstone 01-03/07/2022  

30 members have voted

  1. 1. Arriva "UNO"...

    • Qualifiche - Max Verstappen
    • Qualifiche - Sergio Perez
    • Qualifiche - Charles Leclerc
    • Qualifiche - George Russell
    • Qualifiche - Carlos Sainz
    • Gara - Max Verstappen
    • Gara - Sergio Perez
    • Gara - Charles Leclerc
    • Gara - George Russell
    • Gara - Carlos Sainz
    • Gara - Lewis Hamilton
      0

This poll is closed to new votes

  • Please sign in or register to vote in this poll.
  • Poll closed on 07/02/2022 at 02:00 PM

Recommended Posts

Leclerc-Hamilton come Villeneuve-Arnoux: a Copse si può

I dati telemetrici di una tornata da consegnare agli annali della F1 nella quale il pilota della Ferrari e il sette volte campione del mondo della Mercedes si sono superati tre volte

Attraverso i dati della telemetria possiamo gustarci metro dopo metro la splendida lotta tra Leclerc e Hamilton. Il giro inizia con il ferrarista davanti e il sette volte iridato dietro molto vicino alla Ferrari F1-75 #16. Nelle prime curve velocissime Hamilton ha subito più grip grazie alla gomma soft. Nell’allungo fino a Curva-6 (Brooklands) Hamilton ha il DRS e arriva ad avere 19 km/h di velocità in più rispetto a Leclerc. Hamilton prepara il sorpasso a Brooklands mentre Leclerc si difende e si incrociano le traiettorie. Hamilton si affianca e passa all’esterno alla Luffield, ma Leclerc non molla e nel rettilineo che porta alla Copse ha la scia dell’inglese, che gli dà un vantaggio di 8 km/h.

Alla Copse Leclerc si affianca all’esterno e transita 16 km/h più veloce di Hamilton, che tiene una linea molto più stretta. Dai dati di acceleratore e freno si vede che Hamilton alza di meno il pedale del gas (il 59% contro il 90% di Leclerc) ma lo fa per più tempo e frenando più a lungo, mentre Leclerc alza tutto per pochi istanti e frena per circa 0.7 secondi in meno prendendo la posizione.

In ingresso a Maggots Hamilton deve alzare il piede perché troppo vicino a Leclerc, ma dopo la sequenza veloce, nel successivo Hangar Straight Hamilton ha di nuovo DRS e compie l’ennesimo controsorpasso con una velocità massima di 22 km/h superiore a quella di Leclerc e con una staccata molto profonda nella difficile curva Stowe. Leclerc è qui costretto ad arrendersi: è talmente vicino ad Hamilton da non avere carico sulla vettura, oltre ad un grip minore per via della differenza di mescola e per non perdere il controllo della F1-75 deve alzare il piede e lasciar andare il sette volte iridato e con esso il terzo gradino del podio del Gran Premio di Gran Bretagna.

 

image.png.c8044816d9ed9bd0687b7ea9f2fa2e48.png

 

https://www.formulapassion.it/opinioni/federico-albano/f1-leclerc-hamilton-gilles-villeneuve-arnoux-copse-sorpasso-dati-telemetria-624785.html

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

57 minuti fa, Yakamoz scrive:

Binotto ha l'innegabile pregio della sincerità.

Quando aveva detto che la sua squadra non è ancora in grado di vincere un mondiale, aveva detto semplicemente la verità.

Io invece speravo che lo dicesse per abbassare la pressione sulla squadra, non perchè lo credesse davvero.

 

Anche perchè se dopo 3 anni che guida la squadra la stessa non è in grado di vincere un mondiale, forse andrebbe messo in discussione chi la ha guidata in questi 3 anni.

 

E dire che nel 2017 e nel 2018 la squadra lottava per il mondiale, e al 90% le persone sono rimaste le stesse.

 

A meno che non intendesse dire che lui non è ancora in grado di far vincere un mondiale alla squadra che guida.

 

So che non è facile, che da fuori siamo tutti bravi, che in Italia guidare è comandare è complicatissimo soprattutto se sei italiano, ecc ecc., ma anche con tutte le attenuanti del caso, sono realmente perplesso.

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

18 ore fa, Alain scrive:

Se va avanti così leclerc se ne va in Mercedes 

me lo auguro e tiferò per lui e Totroll.

 

Rueda chissà che santi ha in paradiso per essere ancora lì dopo anni di cappelle.....

 

Poco da fare, servono inglesi fdp a fare le strategie al muretto, gente che da secoli è abituato agli azzardi.

"post fata resurgam." (cit.)

Link to comment
Share on other sites

15 minuti fa, boygrunge scrive:

me lo auguro e tiferò per lui e Totroll.

 

Rueda chissà che santi ha in paradiso per essere ancora lì dopo anni di cappelle.....

 

Poco da fare, servono inglesi fdp a fare le strategie al muretto, gente che da secoli è abituato agli azzardi.

 

Il problema è proprio il contrario. Ieri l'azzardo l'hanno fatto, male e nel momento meno opportuno che paradossalmente non è quello della sc ma quello nel corso del quale si sono girati i pollici per più di 10 giri prima di far passare Leclerc in prima posizione. Dilettanti..

Sia ieri che a Montecarlo hanno mandato la logica a farsi benedire.

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

14 minuti fa, boygrunge scrive:

me lo auguro e tiferò per lui e Totroll.

 

Rueda chissà che santi ha in paradiso per essere ancora lì dopo anni di cappelle.....

 

Poco da fare, servono inglesi fdp a fare le strategie al muretto, gente che da secoli è abituato agli azzardi.

 

La nostra fortuna è che non c'è posto né in RB né in Mercedes (anche se penso che Wolff rimpiazzerebbe Russell con lui anche domani mattina).

La cosa migliore che può fare Leclerc in questa fase è imporre alla squadra quei miglioramenti di cui ha bisogno ed esigere termini più favorevoli a lui nella gestione delle gare.

 

Quanto alle strategie, mi sembra più un problema di catena di comando. Credo non ci sia troppa chiarezza di ruoli nelle fasi concitate, quelle dove si può decidere una vittoria. Mi piace pensare che qualcuno al muretto volesse fortissimamente far rientrare Leclerc a costo di massacrare la gara di Sainz (che con le gomme - pare - malmesse, alla ripartenza si sarebbe fatto infilare più o meno da chiunque), ma poi una vocina - o una vociona - abbia fatto decidere diversamente.

 

Sicuramente il team ha massimizzato i punti nei costruttori e "preservato" il morale di Sainz (non vi aspettate che diventi improvvisamente un drago nelle prossime gare), ma così facendo ha buttato nel water la possibilità di accorciare un bel po' le distanze nel campionato piloti.

Se quest'anno dobbiamo perdere, spero sia con un grosso deficit di punti. Perché, se facendo i calcoli, viene fuori che mancavano proprio i punti di questa gara, è la volta buona che cambio sport.

  • Thanks! 2

Senza_titolo_3.jpg

Link to comment
Share on other sites

Ferrari: c’era tutto il tempo per il doppio pit stop Leclerc-Sainz

Dall'esame dei dati e dei team radio emerge come in realtà il muretto Ferrari si sia concentrato sul dato "sbagliato" al momento della scelta

L’episodio più controverso dello splendido Gran Premio di Gran Bretagna è stato senza dubbio il mancato pit stop a Charles Leclerc una volta entrata la gara in regime di Safety Car. In quel momento Leclerc guidava il Gran Premio, seguito a distanza dal compagno di squadra Carlos Sainz il quale a sua volta, stava cercando di contenere il rientro di un arrembante Lewis Hamilton. Al giro 39 però Esteban Ocon parcheggia la sua Alpine poco prima di curva Copse e, precisamente alle 15:57:11 ora di Greenwich, il sistema elettronico della direzione gara lancia il messaggio di “SAFETY CAR DEPLOYED”, cioè l’ingresso in pista della vettura di sicurezza. Leclerc sembrerebbe inizialmente fortunato: è alla fine dell’Hangar Straight, in approccio di curva Stowe. Farebbe ancora in tempo ad entrare ai box, ma non rientra. Diversamente dietro di lui si fermano Carlos Sainz e Lewis Hamilton (e tutti gli altri) montando gomma soft, che garantirà loro un vantaggio schiacciante di performance sul monegasco negli ultimi 10 giri della gara. La domanda che ovviamente è sorta a tutti è perché Leclerc non sia stato fermato dal muretto.

Binotto smentito dai dati – Nell’intervista del dopo gara il Team Principal della Ferrari ha dichiarato che la scelta di non fermare Leclerc è stata dettata dal fatto che non vi era il tempo necessario ad effettuare un doppio pit stop senza che Sainz dovesse aspettare in pit lane e quindi perdere tempo prezioso nel duello con Hamilton, e che a quel punto è stato fermato lo spagnolo visto che aveva una gomma montata 5 giri prima del monegasco. Abbiamo però verificato nel dettaglio e la ricostruzione del Team Principal, che generalmente è molto accurato nelle dichiarazioni post gara, questa volta non trova riscontro coi dati a nostra disposizione.

image.png.56a30227170d32fc1cb5c6fd44d79e09.png

Nel momento in cui la corsa entra in regime di Safety Car Leclerc è all’ingresso di curva Stowe. Si nota come sulla mappa appaiano le coordinate della Safety Car (242) in uscita dalla pit lane. Sainz in quel momento ha un gap da Leclerc di ben 4.7 secondi, e dai nostri calcoli basati sui dati di posizione risulta che fosse 385.1 metri più indietro del monegasco. Già i 4.7 secondi in regime di bandiera verde sarebbero sufficienti per effettuare il doppio pit stop, seppur sicuramente molto sfidanti per i meccanici e non senza qualche rischio. Ma rallentando per il regime di sicurezza tutti i distacchi cronometrici si dilatano ampiamente. Vediamo che infatti, 12 secondi dopo, alle 15:57:23 ora di Greenwich il distacco in metri tra Leclerc e Sainz diminuisce ma quello cronometrico praticamente raddoppia.

image.png.63ff8d60983639e09a2e8f71be5ac06b.png

Al momento in cui Leclerc si trova davanti all’entrata del box Sainz ha infatti un gap diventato 9.328 secondi, con una distanza in metri di 251.9. Se Leclerc avesse quindi imboccato la corsia dei box anzitutto non avrebbe più avuto il delta time da rispettare e avrebbe potuto addirittura guadagnare ancora qualcosa su Carlos Sainz. Ma, anche qualora le distanze fossero rimaste esattamente queste, il tempo per percorrere 252 metri a 80 km/h è di oltre 11 secondi per cui ci sarebbe stato tempo addirittura abbondante per fare il doppio pit stop e mettere entrambi i ferraristi su gomma soft. Ciò senza nemmeno che Sainz dovesse rallentare particolarmente (come spesso accade in questi casi, talvolta al limite del regolamento) per tenere dietro Hamilton mentre attendeva il pit del compagno di squadra. Per cui non solo il pit sarebbe stato possibile, ma con ampio margine anche in caso di errore dei meccanici.

Dai team radio la realtà – Ascoltando le comunicazioni radio tra Leclerc e il box ci si accorge però di come il team di Maranello fosse in qualche modo concentrato sulla variabile sbagliata. Nel momento in cui Ocon si ferma la comunicazione che viene data a Leclerc, in previsione di una Safety Car imminente, è che “La finestra di Safety Car è chiusa”. Leclerc intravede il pericolo e chiede conferma se anche in caso di Virtual Safety Car non avrebbe potuto fermarsi, e dal box rispondono di nuovo “Negativo, la finestra è chiusa, stai fuori”. Il messaggio del muretto significa che, in caso di neutralizzazione della gara, Leclerc non aveva il tempo di effettuare la sosta ai box rientrando davanti ai suoi inseguitori. E questo è senza dubbio vero, ma a quanto pare non è stato minimamente tenuto in considerazione che in quel caso si sarebbero fermati tutti, e che uno stint finale su gomma soft (o anche media) nuova avrebbe garantito un vantaggio di performance sufficiente a recuperare le eventuali posizioni perse. Infatti, gli unici due a fine gara a non effettuare la sosta in regime di Safety Car sono stati proprio Leclerc e Kevin Magnussen. Chiaramente in questi casi il primo è quello su cui cade la scelta più difficile, non sapendo cosa faranno piloti e team dietro di lui. L’abbiamo visto con Hamilton in Ungheria la scorsa stagione, e in questo caso avendo una non più di una quindicina di secondi per prendere una decisione, la situazione era sicuramente complicata e concitata, ma alla fine la scelta presa ha penalizzato fortemente il monegasco.

Dall’onboard i tentativi disperati di Leclerc – Guardando l’onboard poi si nota come Leclerc dopo curva Stowe proceda pianissimo prima dell’ingresso della corsia box, seppur in silenzio, evidentemente a sperare in una chiamata dell’ultimo secondo, che però non arriva. Si nota anche un ultimo aspetto, una volta “persa” l’entrata dei box, Leclerc spinge molto di più nelle ultime curve e nel rettilineo principale, rimanendo proprio al limite del delta time imposto per sicurezza. Arrivato all’uscita della pit lane il monegasco ingaggia praticamente un duello con Bernd Maylander che stava uscendo dai box con la Safety Car nel tentativo di rimanere davanti alla vettura di sicurezza al momento dell’attraversamento della seconda linea di Safety Car tracciata sulla pista in uscita dalla pit lane. Questo avrebbe consentito a Leclerc di non accodarsi alla vettura di sicurezza e di fare tutto un altro giro a ritmo più sostenuto per poter comunque effettuare la sosta ai box. Leclerc si apre nuovamente in radio e chiede “Credo di aver passato la linea davanti alla Safety Car, dovrebbe farmi passare” ma dal box rispondono “Negativo, abbiamo controllato e sei passato dietro di poco”. Leclerc allora riprova a chiedere “Possiamo ancora fermarci o è troppo tardi ormai?” e ancora dal muretto “Troppo tardi”.

La realtà quindi è che il tempo per fare il doppio pit stop c’era, ma dal muretto box è stata considerata solamente la cosiddetta “finestra di Safety Car” invece che la situazione nel suo complesso. Non solo: la valutazione è stata errata anche per quanto riguarda il degrado gomme. Durante la Safety Car infatti Leclerc via radio ha chiesto “Per quanti giri le soft saranno più veloci?” e dal box la risposta di Xavier Marcos è stata “Riteniamo che saranno più veloci di noi per 2 giri”. Quest’ultima frase chiarisce quale sia stata la valutazione di base errata fatta dal comparto strategico della Ferrari, ovvero utilizzare i modelli dell’alto degrado visti il venerdì nelle libere, senza percepire che nella corsa di domenica la situazione era radicalmente cambiata con un degrado estremamente minore. Questo ha lasciato poi Leclerc al suo destino in pista.

 

https://www.formulapassion.it/opinioni/federico-albano/f1-formula1-ferrari-tutto-tempo-doppio-pit-stop-leclerc-sainz-telemetria-624803.html

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, AleMcGir scrive:

Ferrari: c’era tutto il tempo per il doppio pit stop Leclerc-Sainz

Dall'esame dei dati e dei team radio emerge come in realtà il muretto Ferrari si sia concentrato sul dato "sbagliato" al momento della scelta

L’episodio più controverso dello splendido Gran Premio di Gran Bretagna è stato senza dubbio il mancato pit stop a Charles Leclerc una volta entrata la gara in regime di Safety Car. In quel momento Leclerc guidava il Gran Premio, seguito a distanza dal compagno di squadra Carlos Sainz il quale a sua volta, stava cercando di contenere il rientro di un arrembante Lewis Hamilton. Al giro 39 però Esteban Ocon parcheggia la sua Alpine poco prima di curva Copse e, precisamente alle 15:57:11 ora di Greenwich, il sistema elettronico della direzione gara lancia il messaggio di “SAFETY CAR DEPLOYED”, cioè l’ingresso in pista della vettura di sicurezza. Leclerc sembrerebbe inizialmente fortunato: è alla fine dell’Hangar Straight, in approccio di curva Stowe. Farebbe ancora in tempo ad entrare ai box, ma non rientra. Diversamente dietro di lui si fermano Carlos Sainz e Lewis Hamilton (e tutti gli altri) montando gomma soft, che garantirà loro un vantaggio schiacciante di performance sul monegasco negli ultimi 10 giri della gara. La domanda che ovviamente è sorta a tutti è perché Leclerc non sia stato fermato dal muretto.

Binotto smentito dai dati – Nell’intervista del dopo gara il Team Principal della Ferrari ha dichiarato che la scelta di non fermare Leclerc è stata dettata dal fatto che non vi era il tempo necessario ad effettuare un doppio pit stop senza che Sainz dovesse aspettare in pit lane e quindi perdere tempo prezioso nel duello con Hamilton, e che a quel punto è stato fermato lo spagnolo visto che aveva una gomma montata 5 giri prima del monegasco. Abbiamo però verificato nel dettaglio e la ricostruzione del Team Principal, che generalmente è molto accurato nelle dichiarazioni post gara, questa volta non trova riscontro coi dati a nostra disposizione.

 

Nel momento in cui la corsa entra in regime di Safety Car Leclerc è all’ingresso di curva Stowe. Si nota come sulla mappa appaiano le coordinate della Safety Car (242) in uscita dalla pit lane. Sainz in quel momento ha un gap da Leclerc di ben 4.7 secondi, e dai nostri calcoli basati sui dati di posizione risulta che fosse 385.1 metri più indietro del monegasco. Già i 4.7 secondi in regime di bandiera verde sarebbero sufficienti per effettuare il doppio pit stop, seppur sicuramente molto sfidanti per i meccanici e non senza qualche rischio. Ma rallentando per il regime di sicurezza tutti i distacchi cronometrici si dilatano ampiamente. Vediamo che infatti, 12 secondi dopo, alle 15:57:23 ora di Greenwich il distacco in metri tra Leclerc e Sainz diminuisce ma quello cronometrico praticamente raddoppia.

 

Al momento in cui Leclerc si trova davanti all’entrata del box Sainz ha infatti un gap diventato 9.328 secondi, con una distanza in metri di 251.9. Se Leclerc avesse quindi imboccato la corsia dei box anzitutto non avrebbe più avuto il delta time da rispettare e avrebbe potuto addirittura guadagnare ancora qualcosa su Carlos Sainz. Ma, anche qualora le distanze fossero rimaste esattamente queste, il tempo per percorrere 252 metri a 80 km/h è di oltre 11 secondi per cui ci sarebbe stato tempo addirittura abbondante per fare il doppio pit stop e mettere entrambi i ferraristi su gomma soft. Ciò senza nemmeno che Sainz dovesse rallentare particolarmente (come spesso accade in questi casi, talvolta al limite del regolamento) per tenere dietro Hamilton mentre attendeva il pit del compagno di squadra. Per cui non solo il pit sarebbe stato possibile, ma con ampio margine anche in caso di errore dei meccanici.

Dai team radio la realtà – Ascoltando le comunicazioni radio tra Leclerc e il box ci si accorge però di come il team di Maranello fosse in qualche modo concentrato sulla variabile sbagliata. Nel momento in cui Ocon si ferma la comunicazione che viene data a Leclerc, in previsione di una Safety Car imminente, è che “La finestra di Safety Car è chiusa”. Leclerc intravede il pericolo e chiede conferma se anche in caso di Virtual Safety Car non avrebbe potuto fermarsi, e dal box rispondono di nuovo “Negativo, la finestra è chiusa, stai fuori”. Il messaggio del muretto significa che, in caso di neutralizzazione della gara, Leclerc non aveva il tempo di effettuare la sosta ai box rientrando davanti ai suoi inseguitori. E questo è senza dubbio vero, ma a quanto pare non è stato minimamente tenuto in considerazione che in quel caso si sarebbero fermati tutti, e che uno stint finale su gomma soft (o anche media) nuova avrebbe garantito un vantaggio di performance sufficiente a recuperare le eventuali posizioni perse. Infatti, gli unici due a fine gara a non effettuare la sosta in regime di Safety Car sono stati proprio Leclerc e Kevin Magnussen. Chiaramente in questi casi il primo è quello su cui cade la scelta più difficile, non sapendo cosa faranno piloti e team dietro di lui. L’abbiamo visto con Hamilton in Ungheria la scorsa stagione, e in questo caso avendo una non più di una quindicina di secondi per prendere una decisione, la situazione era sicuramente complicata e concitata, ma alla fine la scelta presa ha penalizzato fortemente il monegasco.

Dall’onboard i tentativi disperati di Leclerc – Guardando l’onboard poi si nota come Leclerc dopo curva Stowe proceda pianissimo prima dell’ingresso della corsia box, seppur in silenzio, evidentemente a sperare in una chiamata dell’ultimo secondo, che però non arriva. Si nota anche un ultimo aspetto, una volta “persa” l’entrata dei box, Leclerc spinge molto di più nelle ultime curve e nel rettilineo principale, rimanendo proprio al limite del delta time imposto per sicurezza. Arrivato all’uscita della pit lane il monegasco ingaggia praticamente un duello con Bernd Maylander che stava uscendo dai box con la Safety Car nel tentativo di rimanere davanti alla vettura di sicurezza al momento dell’attraversamento della seconda linea di Safety Car tracciata sulla pista in uscita dalla pit lane. Questo avrebbe consentito a Leclerc di non accodarsi alla vettura di sicurezza e di fare tutto un altro giro a ritmo più sostenuto per poter comunque effettuare la sosta ai box. Leclerc si apre nuovamente in radio e chiede “Credo di aver passato la linea davanti alla Safety Car, dovrebbe farmi passare” ma dal box rispondono “Negativo, abbiamo controllato e sei passato dietro di poco”. Leclerc allora riprova a chiedere “Possiamo ancora fermarci o è troppo tardi ormai?” e ancora dal muretto “Troppo tardi”.

La realtà quindi è che il tempo per fare il doppio pit stop c’era, ma dal muretto box è stata considerata solamente la cosiddetta “finestra di Safety Car” invece che la situazione nel suo complesso. Non solo: la valutazione è stata errata anche per quanto riguarda il degrado gomme. Durante la Safety Car infatti Leclerc via radio ha chiesto “Per quanti giri le soft saranno più veloci?” e dal box la risposta di Xavier Marcos è stata “Riteniamo che saranno più veloci di noi per 2 giri”. Quest’ultima frase chiarisce quale sia stata la valutazione di base errata fatta dal comparto strategico della Ferrari, ovvero utilizzare i modelli dell’alto degrado visti il venerdì nelle libere, senza percepire che nella corsa di domenica la situazione era radicalmente cambiata con un degrado estremamente minore. Questo ha lasciato poi Leclerc al suo destino in pista.

 

https://www.formulapassion.it/opinioni/federico-albano/f1-formula1-ferrari-tutto-tempo-doppio-pit-stop-leclerc-sainz-telemetria-624803.html

 

Come si fa a parlare di alto degrado con 13 giri da fare, su un asfalto a 30° C e una 60 di kg abbondanti di benzina evaporata nell'atmosfera. Geni....

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, AleMcGir scrive:

Ferrari: c’era tutto il tempo per il doppio pit stop Leclerc-Sainz

[...]Guardando l’onboard poi si nota come Leclerc dopo curva Stowe proceda pianissimo prima dell’ingresso della corsia box, seppur in silenzio, evidentemente a sperare in una chiamata dell’ultimo secondo, che però non arriva. Si nota anche un ultimo aspetto, una volta “persa” l’entrata dei box, Leclerc spinge molto di più nelle ultime curve e nel rettilineo principale, rimanendo proprio al limite del delta time imposto per sicurezza. Arrivato all’uscita della pit lane il monegasco ingaggia praticamente un duello con Bernd Maylander che stava uscendo dai box con la Safety Car nel tentativo di rimanere davanti alla vettura di sicurezza al momento dell’attraversamento della seconda linea di Safety Car tracciata sulla pista in uscita dalla pit lane. Questo avrebbe consentito a Leclerc di non accodarsi alla vettura di sicurezza e di fare tutto un altro giro a ritmo più sostenuto per poter comunque effettuare la sosta ai box. Leclerc si apre nuovamente in radio e chiede “Credo di aver passato la linea davanti alla Safety Car, dovrebbe farmi passare” ma dal box rispondono “Negativo, abbiamo controllato e sei passato dietro di poco”. Leclerc allora riprova a chiedere “Possiamo ancora fermarci o è troppo tardi ormai?” e ancora dal muretto “Troppo tardi”.

hanno proprio sbagliato tutto... ed il pilota aveva ben chiara la visione di gara al contrario del muretto (il disperato tentativo di stare davanti alla safety ne è la riprova) solo che ha rispettato quello che gli ha detto il team (al contrario di Sainz...) forse perché si fida del team, ma d'ora in poi la vedo difficile continuare a fidarsi del muretto, 2 su 2 sbagliate alla grandissima

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.