Jump to content

AleMcGir

Reporter
  • Posts

    14,040
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    285

Posts posted by AleMcGir

  1. Si speriamo in un meteo clemente (sabato) ... per domenica ... vedi in fondo :mrgreen:

    La presenza di Loeb è una sorpresa dell'ultima ora, dopo il forfait di Ken Block, ...

    cut

    Non parteciperà al Monza Rally Show il pilota americano Ken Block. Infatti, contrariamente a quanto comunicato dal pilota stesso già dal mese di febbraio (attraverso la diffusione da parte del Monster World Rally Team di un video contenente la presentazione dei programmi 2011 del pilota stesso e del suo team MWRT) ed agli accordi intercorsi con gli organizzatori, l'agenzia che rappresenta il pilota ha annullato nei giorni scorsi l’impegno disattendendo in modo imprevisto quanto pianificato.

    cut

    Nel pomeriggio di domenica 27 novembre verrà disputato il “Master Show”, prova spettacolo a eliminazione diretta che si svolgerà su un percorso di circa 1.500 metri allestito lungo il rettifilo centrale dell’Autodromo e che vedrà impegnati i migliori equipaggi del“Monza Rally Show”. Il “Master Show” verrà trasmesso in diretta da Rai Sport, che manderà in onda servizi sulla manifestazione anche nelle giornate di venerdì e di sabato.

  2. Dopo la firma di Loeb, per continuare in Citroen (a fine 2010 dichiarava che il 2011 era il suo ultimo anno nel wrc per poi andare a correre in pista), sembra che Ogier passi a Ford. Oppure in seconda battuta volkswagen, ma con il problema che il suo ingresso in pianta stabile nel wrc è per il 2013, e perdere un anno non conviene.

  3. Data/Luogo: 24-27/11/2011 - Monza

    24 SHAKEDOWN

    25 2 prove speciali: Ore 17.01: SS 1 Autodromo 1 Km. 9,000; Ore 19.14: SS 2 Camping 1: Km. 9,500

    26 5 prove speciali: Ore 09.00: PS 3 Monza1 Km. 10,100; Ore 11.13: PS 4 Grand Prix 1 Km. 32,500; Ore 13.43: PS 5 Autodromo 2 Km. 9,000; Ore 15.56: PS 6 Grand Prix 2 Km. 32,500; Ore 18.26: PS 7 Camping 2 Km. 9,500

    27 2 prove speciali: Ore 08.46: PS 8 Monza 2 Km. 10,100; Ore 10.49: PS 9 Grand Prix 3 Km. 32,500

    Nel primo pomeriggio di domenica 27 il MASTERS’ SHOW che si svolge lungo il rettifilo centrale dell’Autodromo.

    Alcuni nomi da comunicato stampa: UFFICIO STAMPA - Monza Rally Show

    Sébastien Loeb e Dani Sordo al Monza Rally Show

    Il sette volte campione del mondo rally parteciperà per la prima volta alla manifestazione rallystica monzese. Tra gli iscritti, anche Dani Sordo, vincitore dell’edizione 2010.

    In gara a Monza il campione del mondo, il campione europeo e il campione italiano della specialità Sébastien Loeb parteciperà al Monza Rally Show, che si svolgerà da giovedì 24 a domenica 27 all’Autodromo di Monza. Il pilota francese, per sette volte consecutive vincitore del titolo di campione del mondo rally, sarà in gara con la Citroen DS3 Wrc con cui partecipa al Mondiale Rally 2011.

    Ha confermato la sua presenza anche il pilota spagnolo Dani Sordo, vincitore dell’edizione 2011 del Monza Rally Show, che sarà alla guida della Mini Countryman Wrc.

    Tra gli iscritti, Valentino Rossi, al rientro dopo l'assenza dell'anno scorso, e Andrea Dovizioso, oltre a Dindo Capello, che con cinque successi è il recordman di vittorie al Monza Rally Show. Tra i protagonisti, specialisti di rally e di corse in pista con la tradizionale partecipazione di campioni di altre discipline sportive e di personaggi dello spettacolo.

    Da sottolineare, la presenza al Monza Rally Show del campione del mondo Sébastien Loeb, del campione d’Europa Luca Rossetti e del campione italiano Paolo Andreucci.

    Da segnalare, infine, la partecipazione di Max Papis con la Toyota Camry con cui gareggia nel campionato NASCAR. Papis farà da apripista in tutte le prove speciali e, nel pomeriggio di domenica, si esibirà durante il Master Show.

  4. Riporto su questo topic, dato che siamo giunti all'appuntamento finale il Wales Rally del WRC 2011, dopo 12 gare, sono rimasti a giocarsi il titolo LOEB 222 pt e HIRVONEN 214 pt. La stagione è stata contraddistinta dalla lotta tra i due Seb ( S. LOEB - S. OGIER) all'interno del team Citroen, che si sono portati a casa 5 successi a testa, frutto di una superiorità netta del mezzo rispetto alla Ford, permettendo alla Citroen di conquistare il Titolo Marche 2011. Da Domani fino a domenica si corre vediamo alla fine se Loeb si porta a casa l'ottavo titolo consecutivo o se Hirvonen si aggiudica il suo primo titolo mondiale.

    Link: World Rally Championship - Calendar & Rallies - Wales Rally GB

    Foto: Wales Rally GB 2011

    Una simpatica vignetta che sintetizza la stagione 2011

    315964_10150455708023083_52634073082_10739974_21117633_n.jpg

  5. La fine ingloriosa di test drive di un Aston - Motori Corriere.it

    La fine ingloriosa di test drive di un Aston

    L’italiano Roberto Ricci distrugge una costosissima Rapide, la quattro porte della casa inglese

    MILANO - Probabilmente solo l’assicurazione può rallegrarsi di questo test su strada: l’italiano Roberto Ricci, noto designer di tavole da surf, prova la sua nuova Aston Martin Rapide, un bolide da 200 mila euro. Durante il test drive della lussuosa vettura Ricci si fa filmare mentre sfreccia su un’autostrada a tutta velocità. La corsa finisce però contro un guard rail.

    LA CORSA - Il video, pubblicato ora, è tra i più commentati sui portali specializzati americani e non solo. Roberto Ricci, riferisce il sito «Jalopnik», vuole portare la sua Aston Martin Rapide al limite; disinserisce (forse accidentalmente) il controllo elettronico di stabilità, e spinge sul pedale del gas. Entrato troppo veloce in una curva, finisce fuori strada. Nemmeno la frenata all’ultimo momento evita lo schianto. La macchina, come si vede dalle immagini, è completamente distrutta. L’intera sequenza della prova su strada, svoltasi a luglio, è stata catturata dalla telecamera del passeggero, un giornalista del portale di sport estremi «Mpora». Sebbene gli airbag non si siano attivati, nessuno dei due ha riportato ferite nell’incidente. Tuttavia, cerca di sdrammatizzare il pilota a fine prova, sarebbe meglio che nella mia prossima auto Aston Martin non installasse più questo pulsante che consente di disinserire l'ESP. In realtà su quasi tutte le auto di un certo livello è possibile neutralizzarne l'intervento per avere una maggiore resa nell'utilizzo in pista, ma di solito è un'opzione consigliata ai guidatori più esperti. Ricci spiega infatti di aver voluto premere il pulsante «Sport», per aumentare le prestazioni della vettura, ma di aver disinserito per sbaglio il controllo elettronico della stabilità.

    Elmar Burchia

    http://www.youtube.com/watch?v=-rTVNZpFETs&feature=player_embedded#!

    :pz

  6. Sito ufficiale: Giro d'Italia Automobilistico 2011 | Trofeo Tecno Piemonte

    Storia: Giro d'Italia Automobilistico 2011 | Trofeo Tecno Piemonte

    Nel lontano 1901 si svolse la prima edizione del "Giro d'Italia in automobile".

    Un'impresa,che aveva principalmente lo scopo di propagandare l'automobile ed invogliare gli italiani ad acquistarla e a servirsene.

    Quando nel 1973, l'Automobile Club Torino, scelse di ricollegarsi a questa manifestazione, nacque il "Giro d'Italia Automobilistico".

    Con questa gara, l'A.C.TO. intese lanciare un nuovo tipo di competizione, che senza staccarsi dal rally di tipo tradizionale, ponesse anche l'accento sul fattore velocità.

    Il Giro d'Italia Automobilistico coniugò così la componente "regolaristica", con il trasferimento dei concorrenti per strade normali ed i controlli orari, con quella "velocistica", corse in circuito e prove stradali.

    Una competizione moderna che, per la lunghezza e la competitività del percorso, suscitò grande interesse tra i piloti e le case costruttrici, imponendosi negli ambienti sportivi internazionali.

    Dopo la partenza da Torino la carovana, in circa 5 giorni, si trasferiva via strada verso i più importanti circuiti dell'epoca, Monza, Varano, Imola, Misano, Mugello e Vallelunga.

    Lungo il percorso, i piloti affrontavano anche prove stradali cronometrate, Cesana-Sestriere, Parma-Berceto, Arezzo-Passo dello Spino e Rieti-Terminillo. All'arrivo i concorrenti avevano percorso oltre 2.000 Km.

    Il Giro d'Italia Automobilistico, insieme al Tour de France Auto, si impose così come un test completo di guida sportiva, richiedendo ai piloti capacità velocistiche e di improvvisazione, in pista e nelle prove stradali, sull'asciutto e sul bagnato, di giorno e di notte. Nelle edizioni che si svolsero dal 1973 al 1980 presero parte al Giro i più famosi piloti della pista: Villeneuve, Patrese, Alboreto, Regazzoni, Schekter, Merzario e dei rally: Munari, Alen, Biasion, Rohrl, Cerrato. Ma non solo loro, perchè il Giro ha sempre attirato tanti gentleman, che avevano così l'occasione di confrontarsi con i piloti professionisti.

    Gli equipaggi alla partenza del Giro, si sono alternati alla guida di vetture che hanno fatto la storia delle corse automobilistiche: Lancia Stratos e Beta MonteCarlo Turbo, Fiat Abarth 131e X1.9, Alfa Romeo 33, Porsche Carrera, De Tomaso Pantera, Ferrari Daytona e 308 GTB, Renault Alpine, Opel Kadett.

    Una corsa di alto livello agonistico, un grande spettacolo. Una carovana attraverso l'Italia, che offriva momenti di sport nei circuiti e nelle prove stradali, ma anche momenti di popolarità ed entusiasmo nei centri abitati e nelle piazze dove il grande pubblico aveva la possibilità di avvicinare i suoi beniamini.

    ...

    Nel 2011 torna un evento sportivo che ha fatto storia nell'automobilismo.

    A 110 anni di distanza dalla prima "epica" edizione e proprio nell'anno in cui si festeggeranno i 150 anni dell'Unità d'Italia, il Giro d'Italia Automobilistico del 2011, partirà a ottobre da Torino e raggiungerà Roma dopo 5 giornate di gara percorrendo oltre 1500 km.

    L'identità del percorso si ispira a quella che l'Automobile Club Torino seppe impostare e gestire, quando, dal 1973 al 1980, e ancora nel 1988 e 1989 ripropose la manifestazione, con un' alternanza di prove in circuito e di prove stradali.

    I circuiti identificati per l'edizione 2011 sono: MONZA, FRANCIACORTA, MODENA, IMOLA, MUGELLO, MAGIONE e VALLELUNGA. Completeranno la parte competitiva del percorso un numero significativo di prove stradali di velocità in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio.

    Lo spettacolo sarà offerto, come nelle precedenti edizioni, dai piloti provenienti dalle varie specialità: pista, rally, gare endurance e velocità in salita. Gli equipaggi potranno includere fino a due piloti ed un navigatore per consentire agli specialisti della pista e della strada di alternarsi alla guida.

    La partecipazione al GIRO sarà aperta a vetture moderne sia "pistaiole" che "rallystiche".

    Il pubblico potrà così vedere in azione le GT quali Ferrari 430, Porsche GT3, Aston Martin, Audi R8, Lamborghini Gallardo, Maserati Trofeo, Lotus Exige, Chevrolet Corvette, oltre ai i modelli dei campionati monomarca come Seat Copa, 500 Abarth, Renault e delle gare internazionali: WTCC, DTM, V8 Superstars, 24h del Nurburgring, assieme alle S2000 Peugeot 207, Punto Abarth, Skoda Fabia, Ford Fiesta, alle WRC Citroen C4, Xsara e Ford Focus, ai Gruppi N Subaru e Mitsubishi, ai Gruppi R Renault Clio, Fiat 500 Abarth ed ai Gruppi A.

    Sullo stesso percorso delle vetture moderne, avranno la possibilità di sfidarsi selezionate e prestigiose vetture storiche, che dovranno appartenere all'epoca delle ultime edizioni del Giro, dal 1973 al 1980: Lancia Stratos, Beta MonteCarlo Turbo, De Tomaso Pantera, Fiat Abarth 124 e 131, Porsche Carrera, Ferrari 308GTB, Opel Kadett.

    Ma la carovana del GIRO D'ITALIA AUTOMOBILISTICO non è solo un evento sportivo:

    per il pubblico oltre alle competizioni negli autodromi e sulle prove stradali, ci sarà l'occasione di veder sfilare le vetture nelle sedi di tappa, che avranno luogo nelle maggiori città lungo il percorso.

    Nella ricorrenza dei 150 anni dell'Unità d'Italia da Torino a Roma, per un'esperienza di sport, passione, cultura e stile italiano.

  7. Se avete lo stomaco forte, andando da Torino a San Remo si può fare:

    Col di Nava ----->Carpasio---->Montalto Ligure---->Taggia

    Possibilmente col bel tempo....perchè col brutto....brrrr........

    Alternativa: Col di Nava - Pieve di Teco - Rezzo - Passo teglia - Molini di Triora (a sx Montalto Ligure) - a dx Pigna - Isolabona - Apricale - Perinaldo - San Romolo - San Remo :§:§

  8. Fonte: Vw-Porsche, slitta fusione - Motori - ANSA.it

    Vw-Porsche, slitta fusione

    Se ne parla dopo 2011, ma in vista altre forme integrazione

    BERLINO - La fusione tra la Volkswagen e la casa automobilistica Porsche slittera' a dopo il 2011, ma non e' escluso che, a causa dei rischi legali legati a inchieste giudiziarie in corso, l'operazione salti del tutto, almeno cosi' come era stata pensata nel 2009.

    L'annuncio, dato oggi dal gruppo Volkswagen, indica di fatto che - per il momento - la fusione e' congelata, in attesa che i procedimenti legali seguano il loro corso. I nodi, infatti, continuano a essere le inchiesta contro la Porsche in Germania e negli Stati Uniti.

    Le indagini, avviate nel 2009, riguardano l'ex amministratore delegato della casa di Stoccarda, Wendelin Wiedeking, e l'ex direttore finanziario della societa', Holger Haerter. In particolare, su di loro, dall'inizio dell'anno, non pesa piu' l'accusa di aggiotaggio e divulgazione di informazioni riservate, ma si e' aggiunto il sospetto di malversazione.

    I vertici delle due societa', comunque, non perdono la speranza e sottolineato che studieranno altri modi per creare un ''gruppo automobilistico integrato'' con la Porsche.

    Originariamente, l'operazione era prevista entro la fine di quest'anno, ma gia' lo scorso febbraio la stessa Porsche aveva reso noto che - a causa dell'inchiesta giudiziaria - le probabilita' che la fusione venisse chiusa nel 2011erano scese dal 70% al 50%.

    Una probabilita', questa, che nel corso dei mesi si e' ridotta ulteriormente, fino a scendere a zero. ''A causa dei continui ostacoli legali, e' attualmente impossibile quantificare il rischio economico di una fusione e quindi di eseguire la valutazione della Porsche'', ha infatti spiegato oggi la Vw in un comunicato.

    L'obiettivo era di integrare la Porsche prima della fine del 201, e farla diventare cosi' il suo 10.mo marchio, in modo da superare il primo costruttore mondiale di auto - la Toyota - entro il 2018, quando il colosso di Wolfsburg si propone di produrre 10 milioni di autovetture all'anno.

    Ma i piani si sono incagliati tra gli scogli delle azioni legali avviate dagli azionisti della Porsche, che avrebbero subito miliardi di dollari di perdite a causa delle informazioni - giudicate ingannevoli - sui piani della Porsche di acquisire gruppo Volkswagen.

    Nell'ottobre del 2008, infatti, la Porsche aveva annunciato l'acquisto del 75% della Vw. Tuttavia, la prevista operazione non solo non e' mai stata realizzata, ma ha fatto lievitare l'indebitamento della societa' a 10 miliardi di euro e l'ha costretta ad accettare l'offerta della Vw.

    L'accordo sulla fusione e' arrivato l'anno successivo, ma le famiglie Piech e Porsche dovranno attendere ancora per poter portare a termine i loro piani.

  9. thumb.output.php?src=2011%2FALFA_ROMEO%2FCONCEPT_CAR%2F4C%2F110830_AR_4CConcept_01.jpg&wmax=1280&hmax=1280&quality=80&bgcol=FFFFFF&type=2&sid=9955b1e8a85184469f5e5fa64196484f

    thumb.output.php?src=2011%2FALFA_ROMEO%2FCONCEPT_CAR%2F4C%2F110830_AR_4CConcept_02.jpg&wmax=1280&hmax=1280&quality=80&bgcol=FFFFFF&type=2&sid=1ccccc9a5c57c27bf57488aa987c3789

    thumb.output.php?src=2011%2FALFA_ROMEO%2FCONCEPT_CAR%2F4C%2F110830_AR_4CConcept_03.jpg&wmax=1280&hmax=1280&quality=80&bgcol=FFFFFF&type=2&sid=5d6fc92448535438db34a83e98e739e9

    thumb.output.php?src=2011%2FALFA_ROMEO%2FCONCEPT_CAR%2F4C%2F110830_AR_4CConcept_04.jpg&wmax=1280&hmax=1280&quality=80&bgcol=FFFFFF&type=2&sid=e494143e3ad85fa4d67d0b6029a0c936

    Presentata in anteprima mondiale lo scorso aprile a Ginevra ed eletta "Concept Car più bella dell'anno" dai lettori della rivista tedesca Auto Bild, l'Alfa Romeo 4C Concept esposta a Francoforte si contraddistingue per un nuovo ed esclusivo colore esterno "Fluid Metal". Questa nuova livrea, come una lastra di metallo forgiata, si calza perfettamente sulle forme di 4C Concept con un pigmento fluido e liquido che unito alla base crea un effetto riflettente argenteo e, scorrendo dinamicamente sulla "pelle" sinuosa della vettura, ne esalta la forza e la tecnicità.

    Destinata ad essere commercializzata nel corso del 2013, andando così a rafforzare il piano di crescita globale di Alfa Romeo, da oggi questa "supercar" compatta è "Ambassador DNA Technology", ovvero ambasciatrice del patrimonio tecnologico che contraddistingue le vetture Alfa Romeo, di oggi e di domani, rappresentandone la punta più avanzata.

    Su 4C Concept, infatti, performance e dinamica del veicolo vengono esaltate trasferendo nell'esperienza di guida quotidiana il perfetto equilibro fra piacere ed emozione delle prestazioni con la consapevolezza dell'efficienza e della sicurezza attiva e passiva.

    Il concept presenta la formula dei coupé trazione posteriore a "2 posti secchi" con motore in posizione centrale, una lunghezza di circa 4 metri e un passo inferiore a 2,4 metri: dimensioni che, da una parte, mettono in risalto le doti di compattezza della vettura, dall'altra parte ne accentuano le caratteristiche di agilità. Contraddistinto da una linea sinuosa ed essenziale, con lo stesso principio è stato definito un allestimento di bordo specifico, mantenendo dotazioni e dispositivi più direttamente correlati all'impiego sportivo della vettura.

    Sull'Alfa Romeo 4C Concept trovano posto tecnologie e materiali derivati dalla 8C Competizione - carbonio, alluminio, trazione posteriore - e tecnologie derivate dai modelli Alfa Romeo attualmente in commercio: il 1750 turbo benzina con iniezione diretta, il cambio a doppia frizione a secco "Alfa TCT" e il selettore Alfa D.N.A. per il controllo dinamico del veicolo, insomma tutto il meglio della DNA Technology Alfa Romeo.

    Questa vettura dichiara dunque di "essere Alfa" fino in fondo confermando quell'anima sportiva che sul percorso misto, o meglio ancora sulla pista dove la velocità e le accelerazioni trasversali diventano più impegnative, restituisce sensazioni uniche alla guida.

    Nata dalle esperienze acquisite con i modelli Alfa Romeo 8C Competizione e 8C Spider, la nuova concept car condivide con le esclusive "supercar" la trazione posteriore e la filosofia fondata sul raggiungimento del massimo piacere di guida unito alla proverbiale tenuta di strada Alfa Romeo. Obiettivo che 8C Competizione e 8C Spider perseguono principalmente attraverso l'incremento della potenza mentre l'Alfa Romeo 4C Concept segue la strada del contenimento del peso attraverso l'utilizzo esteso del carbonio, che svolge qui funzione anche strutturale, per garantire un'eccezionale agilità con un rapporto peso/potenza inferiore a 4 Kg/CV. In dettaglio, lo chassis prevede una vasca realizzata completamente in carbonio all'interno del quale viene ricavato lo spazio per pilota e passeggero, mentre la struttura posteriore del telaio e le "crash box" sono ottenute con esteso utilizzo di alluminio. Il risultato finale è una sensibile riduzione dei pesi, contenuti nell'intorno degli 850 Kg, oltre all'ottimizzazione del baricentro della vettura a tutto vantaggio dell'agilità e della guidabilità nei percorsi più impegnativi. La sigla "4C Concept" preannuncia il piacere di guida sportiva che solo il brillante "4 cilindri" 1750 Turbo Benzina da oltre 200 CV può regalare. Già in dotazione di alcuni modelli di attuale produzione, come ad esempio la Giulietta Quadrifoglio Verde, il propulsore vanta soluzioni tecniche all'avanguardia quali l'iniezione diretta di benzina, il doppio variatore di fase continuo, il turbocompressore ed un rivoluzionario sistema di controllo definito "scavenging" che elimina il cosiddetto "turbolag".

    Posto in posizione centrale posteriore, il motore dell'Alfa Romeo 4C Concept assicura prestazioni comparabili o superiori a quelle di un "3 litri" mentre i consumi si mantengono su livelli moderati e propri di un "4 cilindri" compatto. Abbinato al nuovo cambio automatico "Alfa TCT" con doppia frizione a secco, ora disponibile anche su MiTo e su Giulietta, il brillante Turbo benzina 1750 consente alla 4C Concept di superare i 250 km/h di velocità massima e di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 5 secondi.

    La vettura nasce per rappresentare la punta più avanzata della "D.N.A. Technology", integrando perfettamente tutte le tecnologie Alfa Romeo disponibili a bordo e rendendole fruibili e personalizzabili dal conducente, anche mediante il selettore Alfa D.N.A. per il controllo dinamico del veicolo, che ne è l'espressione fisica all'interno dell'abitacolo. Tutto ciò per accentuare, in maniera ancora più estrema rispetto alle vetture attualmente in commercio, il carattere "competitivo" del Concept.

    L'Alfa Romeo 4C Concept adotta schemi di sospensioni estremamente sofisticati ("a quadrilatero alto" per l'anteriore, McPherson per quelle posteriori) per assicurare massima agilità e tenuta di strada. Questa soluzione, unita alla trazione posteriore e allo straordinario rapporto peso/potenza, è la garanzia del piacere di guida Alfa Romeo favorito anche dalla distribuzione dei pesi (40% sull'asse anteriore e 60% sull'asse posteriore). Dunque, il Concept rinnova la tradizione sportiva del Marchio riportandolo alle sue origini, quando l'agilità e il rapporto peso/potenza erano la chiave del successo delle vetture in pista, combinandolo con le Alfa Romeo che percorrono le strade di tutti i giorni.

  10. Sampei è quello che ha a che fare con il vecchio sopracciglioso...l'altro mica ho capito chi è...:pen:

    tornando a bomba sulla faiga anni '80... ale mc gir abbiamo gli stessi gusti :mrgreen:

    ho smesso di tirar giù un computo metrico per andare a recuperare i nomi... allora:

    Sledgehammer

    anne marie martin. Non bellissima, ma mi piaceva

    Professione pericolo

    Heater thomas :oddio::ammic::pippa:

    che dire... io aspettavo tutto il giorno che aprisse le porte da saloon... grazie a lei ho perso qualche diottria.. per me lei sono gli anni '80..

    ralph... :pen:

    Connie selecca :agree:

    S p l e n d i d a :oops:

    Tra l'altro mi pare sia l'ex moglie di buck rogers.. :mrgreen:

    dove compariva quest'altra turbatrice di sogni..Erin Gray :mrgreen:

    (Iddio benedica lo spandex :mrgreen:)

    Dell'ultima serie non ricordo il nome, mi pare fosse un mix tra magnum p.i. (hawahii) e simon &simon ('na cagata..) ma lo cerco :mrgreen:

    Lei è tracy scoggins, faccia un po' mascolina e fisico da lottatrice di wrestling :mrgreen:, gran patata comunque.. compare anche in babiloon5 (mai piaciuto un granchè) e in quella zozzeria di superman ann '90 (dove c'era teri archer ancora per fortuna in carne..)

    ecchila:

    (per gli estimatori di sci-fi) ve la ricordate in una serie di star trek? ;)

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.