Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Lagarith

Members
  • Posts

    2,523
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Posts posted by Lagarith

  1. In relazione all'operazione Alfa Romeo Racing, l'obiettivo del maglionato era creare un team B come Alpha Tauri, in modo da avere un supporto ulteriore sia per lo sviluppo che per la politica che per dinamiche di gara. 

     

    L'anomalia stava però nel fatto che la Haas era già una sorta di Team B, per cui a rigor di logica sarebbero stati i candidati perfetti. 

     

    Ad ogni modo, credo che non abbia funzionato per una serie di motivi, non solo la morte di Marchionne ma anche la totale incompetenza dei vari elkann, Camilleri, Binotto, Manley e Vasseur. 

     

    Peraltro solo nel 2020 l'Alfa Romeo è riuscita ad arrivare ai livelli della Ferrari, mi ricordo diversi duelli entusiasmanti tra Vettel e Giovinazzi per la sedicesima posizione, a molti appassionati hanno ricordato le battaglie tra fangio e Ascari negli anni 50

    • Haha! 2
  2. Scusate ma se la sponsorizzazione Alfa Romeo è un morto che cammima e ci sono molte divergenze con Ferrari, nonché programmi di divorzio a breve e perdita di due driver relativamente interessanti a livello promozionale (kimi e giovinazzi), perché non interrompere la partnership subito? 

     

    Bottas che pubblicizza la Tonale negli spot durante il gran premio potrebbe essere la Bottas definitiva che farà chiudere il marchio... 

    • Haha! 3
  3. 13 ore fa, ItalianBrands scrive:

    Allora, due cosette:

     

    -non ho mai capito perché su Autoscout, gli ultimissimi annunci comportano prezzi stratosferici. 

     

    -in uno dei video che uscì quest'estate, non ricordo di quale recensore o proprio di Alfa Romeo, uno dei responsabili del progetto ha dichiarato di voler proteggere i due modelli da eventuali speculazioni, quindi non penso che l'annuncio sia vero. 

    Io ho la sensazione che AutoScout24 stia diventando un portale in disgrazia, vedo oramai più annunci su subito o fb che su quel portale, che invece sembra il terreno fertile per speculatori e tizi che propongono spesso cassoni inchiavabili a prezzi invendibili, falsando i valori di mercato, specialmente nel caso delle youngtimer. 

     

    Poi mi chiedo: ma come vogliono proteggere i modelli dalla speculazioni? E poi sicuri che ad alfa romeo non convengano comunque queste speculazioni? 

  4. 52 minuti fa, Cosimo scrive:

    quell'insider come nickname aveva Walterdes

     

    Si esatto proprio lui! Fu quello che una volta ci mostro' i bozzetti dell'ipotetica gamma alfa romeo su base audi... Però a quei tempi non era più un insider di FCA ma diceva di lavorare per un altro gruppo automobilistico di cui non poteva fare il nome

    • Haha! 1
  5. Io sono del parere che questa Alfa Nuvola non l'abbiano prodotta perché, se da un lato sarebbe stata una temibilissima concorrente per la BMW z8, la Mercedes SL e la Porsche 911, dall'altro avrebbe cannibalizzato altre vetture del gruppozzo che stavano per produrre in quel periodo, come la già citata Maserati 3200 Gt ma soprattutto la Ferrari 360 Modena.

     

    Ai tempi su "ilpistone.com" alcuni insider raccontarono che il responsabile del team di progetto della 360 Modena, appena visto il concept nuvola, si avventò subito da Montezemolo, Cantarella e Testore per bloccarne la messa in produzione, perché erano letteralmente terrorizzati dal capolavoro di De'Silva

     

     

    • Haha! 2
  6. 21 ore fa, __P scrive:


    L’ispirazione alla Buran è evidente…

     

    D716F1A4-9E59-4A05-B759-E025B0E42D9C.jpeg.2ddac083ec9fde02c5c6e8e3da80a383.jpeg

    4F34452A-B21D-4F3F-AF6F-1AB645C7BAD7.thumb.jpeg.678094ff789beb2fee6c8fa8dc99e6f2.jpeg
     

    Se non erro fu proprio Gianni Agnelli che quando vide la concept di Giugiaro con il marchio del tridente volle che fossero sviluppate due antesignane degli attuali crossover come ammiraglia per Fiat e Lancia.

     

    Io in Tesla Model X c’ho sempre visto molto di Buran come gestione dei volumi (non design ovvio).

    ancora oggi mi chiedo il motivo per cui non abbiano messo in produzione questi due capolavori che avrebbero sicuramente da un lato rilanciato lancia, dall'altro avrebbe indubbiamente permesso a Maserati di imporsi nel difficilissimo mercato delle berline di lusso

    • Confused... 1
    • Haha! 3
  7. 2 ore fa, iDrive scrive:

    Su base Maserati 3200 magari si poteva fare qualcosa...

     

    Comunque, si un bel gioco di stile, ma di serie, sarebbe stata troppo "strana" secondo me. Avrebbe fatto l'effetto Dialogos/Thesis.

    le proporzioni tra 3200 e questo cassone sono completamente diverse benché entrambe TP, senza considerare che 3200 esce se non ricordo male esce a fine 98 e con il suo design avrebbe fatto invecchiare di colpo la nuvola. Farla dopo non aveva senso perché il design era già vecchio dopo 156. Infine, è vero che c'era questa ipotesi di busso biturbo ma probabilmente questa versione a doppia turbina non avrebbe retto le normative anti-inquinamento, considerate che il 2.0 v6 turbo uscii di produzione all'inizio del 2000 proprio per questo motivo, mentre il fratello maggiore fu condannato qualche anno dopo

  8. 10 ore fa, desmogabri scrive:

    Una follia non produrla.

    mah guarda vista dal vivo al museo non solo non è questo fomentato capolavoro di design, ma a mio parere è anche abbastanza sgraziata. inoltre credo che mancava il powertrain per realizzarla

     

    storicamente le viene attribuito un merito dal suo creatore, quello di essere stata il punto di partenza per il design di 156, ma in realtà non credo sia vero perché è coeva e inoltre 156 fu disegnata da Maurer

    • I Like! 3
  9. Bottas castrato partirà 17esimo per ostacolare verstappen. 

     

    Pare che qualcuno voglia interpellare il tribunale dei diritti umani de l'Aja, questa è tortura, umiliazione e abuso psicologico nei confronti del povero finlandese, oltre che razzismo contro un ariano #blondelivesmatter

    • Haha! 4
  10. 6 ore fa, Redbull scrive:

    Il progetto large prevedeva la versione Fiat 194 (Pininfarina) e Lancia 8xx (Giugiaro). Ad un certo punto, la versione Pininfarina venne cassata e la variante lancia pesantemente modificata in Fiat (quella che uscì sul mercato)

    Se non sbaglio da qualche parte qui nel forum si è vista la variante lancia, fotografata di profilo. 

    • I Like! 1
  11. 13 minuti fa, Tony ramirez scrive:

    Il punto era che se Fiat voleva entrare (di nuovo) nel segmento delle ammiraglie, doveva entrarci con un'ammiraglia, non con un ibrido goffo esteticamente (e si era brutta).

    Volevano per forza riproporre un prodotto originale e inconsueto nel segmento (la Croma mk1 era una novità per avere il portellone) e l'hanno fatto con una station non station, monovolume non monovolume, ammiraglia non ammiraglia. Non era nulla, non potevi tirarla fuori per fare il giro con l'ammiraglia di domenica, non potevi acquistarla come station di fatica perché comunque costava, insomma era non-sense.

    Non discuto il fatto che fosse sicuramente comoda e ottima per i viaggi, ma esteticamente non reggeva con le varie Passat della situazione.

    ciononostante devo dire il prototipo che fu presentato (Croma 8v) mi piaceva non poco.

     

    spacer.png

    spacer.png

     

    spacer.png

     

     

    si risolveva molti problemi estetici, anche perchè le carreggiate erano più larghe

    • I Like! 1
  12. 2 ore fa, 3volumi3 scrive:

    Ma infatti io mi chiedo come mai fu un flop la Croma II.

    Era uscita in un periodo in cui le SW grandi avevano ancora un loro perché (prima della mania di suv e crossover), aveva un design gradevole e rassicurante, (immagino) discretamente motorizzata per il periodo, (in teoria) solida perché condivideva molto con Saab, e infine 15 anni fa Fiat aveva ancora un nocciolo duro di clientela nazionale affezionata a prescindere 🤔

     

    (scusate l'OT)

    Fiat_Croma_(II,_Facelift)_%E2%80%93_Fron

    Fu un flop perché era brutta,stretta,tozza e sproporzionata.

    • I Like! 5
    • Thanks! 2
  13. 14 minuti fa, j scrive:

    Ecco la prima bozza del calendario F1 2022

    DATA GRAN PREMIO
    20 marzo Bahrain
    27 marzo Arabia Saudita
    10 aprile Australia
    17 aprile Cina
    08 maggio Miami
    21 maggio Spagna
    28 maggio Monaco
    12 giugno Canada
    19 giugno Baku
    03 luglio Gran Bretagna
    17 luglio Francia
    24 luglio Austria
    31 luglio Ungheria
    28 agosto Belgio
    04 settembre Olanda
    11 settembre Italia
    25 settembre Russia
    09 ottobre Singapore
    16 ottobre Giappone
    30 ottobre Messico
    06 novembre Austin
    27 novembre Brasile
    4 dicembre Abu Dhabi

     

    Imola però dovrebbe ritornare come sostituita (sembrerebbe in bilico la Francia per motivi economici), entro 2 settimane la FIA dovrebbe consegnare a Imola il contratto per il GP del 2022

     

    https://it.motorsport.com/f1/news/calendario-f1-2022-ecco-perche-non-ce-ancora-imola-/6669868/

     

    Speriamo che rimanga il paul ricard, pista bellissima che ci ha regalato gare spettacolari e mozzafiato in questi anni!!! 

    • Haha! 5
  14. Che imbecilli... 

    Una volta che riescono a creare una vettura che vende, non riescono a produrne più di 500... 

    Un mio conoscente era ad Hinwil, voleva prenotarla ma dopo il sold out è andato subito in conce vw ed ha ordinato una fiammante passat 2.0 tdi bluemotion, per giunta con i full led

    • Alfa Romeo Hug [Trolling Mode] 1
    • Confused... 1
    • Haha! 8
  15. 2 ore fa, Aymaro scrive:

     ricordiamoci che Alfa Romeo è solo un title sponsor, il team è Sauber. Se va via Ferrari non cedo rimarrà la sponsorizzazione, se Alfa e Ferrari sono legate storicamente ed hanno in comune il presidente, che senso avrebbe correre con motori mercedes a metterci gli adesivi Alfa Romeo?

    credo che sia opzionale, cioè rinnovabile di anno in anno, quindi potrebbe benissimo interrompersi a fine 2022

    Si ma nel 2022 non sarà legato a RB contrattualmente, Stessa cosa che si potrebbe chiedere di fare a De Vries nel caso

    Stavo coglionando, però è abbastanza verosimile che Sauber potrebbe rinunciare alla sponsorizzazione e imbraccare un motore decisamente più competitivo. 

     

    Infatti anche se hanno ufficialmente rinnovato la sponsorizzazione, non è da escludere che possano cambiare idea verso fine stagione 

    • I Like! 1
  16. 1 ora fa, jameson scrive:

    Pratici e concreti? La "laurea breve" in ingegneria ha fatto più danni della peronospora. Per prendere un diploma intermedio che non serve a un ca%%o si taglia sulla formazione di base. A ingegneria, quanto meno, devono insegnare le basi, non come si usano i software o le macchine. Devono insegnare cosa sta sotto a quello che costruisci perché è l'unico modo a) di creare quacosa di nuovo invece che copiare quello che hanno fatto quelli più bravi e b) di avere qualche possibilità di capire perché non funzionerà un cazzo (perché è così che andrà). Dovrebbero riportarla ai 7-8 anni reali che erano quando mi sono laureato io, perché la maggior parte di quelli che escono adesso non sanno un cazzo.

    Sono d'accordo con te, anzi penso che la riforma moratti abbia devastato l'università, non è solo un discorso di laurea breve in ingegneria 

    La mia proposta:

     

    Tornare a bocciare a scuola media e superiore, in modo da "accompagnare" nel mondo del lavoro gia da subito chi non è portato a studiare 

    Accorciare di un anno tutti i corsi universitari di 5 o 6 anni

    Promulgare una legge che autorizza a bastonare sugli stinchi i baroni universitari, che spesso bloccano inspiegabilmente la carriera degli studenti per loro incomprensibili tornaconti. Anche perché il problema dei fuori corso è gravissimo, incide notevolmente sulle casse dello stato e del mondo del lavoro. Non vorrei sbagliarmi, ma non mi pare che nei college americani ci siano le stesse dinamiche... 

    • I Like! 2
  17. 4 minuti fa, TonyH scrive:

     

    su questo punto, mi trasformo un attimo 

     

    Il Grillo parlante”, si inizia - Pergine - Trentino

     

    Perchè è un terreno scivoloso dove una parte (quella datoriale) se non si sta attenti infila un cetriolo di dimensioni cosmiche nella controparte (i dipendenti).

     

    Nella differenza tra quanto pagato dal datore e quanto finisce in busta ci sono essenzialmente le seguenti voci

     

    - contributi inps (33%)

    - TFR (6.91%)

    - inail

    - maternità

    - IRPEF

     

    Le prime 4, ma soprattutto le prime 2 che pesano per il 40%....e sono istituti in favore del dipendente. Il datore li vede come costi, ma sono in realtà una retribuzione differita (pensione o tfr).

     

    Quando confindustria parla di riduzione del costo del lavoro anela a tenere i netti uguali, ma ad abbassarsi i lordi.

    Peccato così facendo il dipendente verrebbe danneggiato. Non sarebbe più ricco ora, e sarebbe molto molto più povero domani (con meno contributi, meno pensione). A chi pensano di vendere le produzioni con un popolo di straccioni è una domanda che rimarrà sempre irrisolta.

     

    Mentre la questione equa dovrebbe essere il contrario. Lordo uguale, ma la riduzione dei costi dentro la busta paga. In modo che il lavoratore possa decidere come impiegare soldi che alla fine della fiera sono suoi (i contributi sono sua spettanza, è giusto che decida lui se impiegarseli in forme di previdenza migliori - visto che quelli inps rivalutano in base al PIL, cioè zero da un bel pezzo - oppure sputtanarseli in mignotte&champagne).

     

    Tutto questo pippone per mettervi sull'attenti. Chiunque non specifica che la riduzione del costo del lavoro vi deve finire in tasca sta tentando di fottervi.

    Ciao, per costo intendevo proprio la sua tassazione, nel senso che come giustamente hai sottolineato un lavoratore ha costi mostruosi per il datore, così come l'autonomo viene dilaniato da tasse e adempimenti 

     

    Anche se penso che uma tassazione più equa si potrà raggiungere soltanto se si riuscirà ad eliminare in maniera significativa il nero

  18. 14 ore fa, Gabri Magnussen scrive:


     

     


    Hai centrato in pieno il punto, lo dico da diplomato e mi fa sorridere vedere nella mia azienda o amici laureati fare lavori base come data entry, apertura ticket ,registrazioni fatture ecc.
    La cosa buffa è che un cliente mi ha proposto di passare a lavorare da loro dando per scontato che fossi laureato salvo poi dirmi che da policy del loro HR non potevo essere preso in considerazione in quando non laureato, vabbè gli ho detto che se avevano bisogno il mio numero l'avevano.

     

    Anche io concordo e aggiungo che, soprattutto in italia, si sta creando un collo di bottiglia mostruoso tra scuola e università da un lato e possibilità lavorative dall'altro, che ritarda l'ingresso nel mondo del lavoro con tutto quello che ne consegue. 

     

    Abbasserei la scuola dell'obbligo a 16 anni, darei più risalto agli istituti professionali, accorcerei la durata dei corsi di laurea, rendendoli più pratici e concreti. Abolirei assolutamente tutti gli esami abilitanti alla professione. E ridimensionerei tutti questi cazzo di master succhia-soldi

     

    È assurdo oggi molte persone riescono ad inserirsi nel mondo del lavoro, con uno stipendio pseudodecente e spesso un incarico sottodimensiomato, solo intorno a 30 anni (tra scuola, università, abilitazione, master e tutte le minchiate collegate) e poi si lamentano che non si fanno figli in italia... 

     

    Se il "sistema" permettesse ai giovani di inserirsi nel mondo del lavoro in maniera decente tra 16 e 25 anni, e contestualmente si avviasse una riforma del costo del lavoro ovvero della sua tassazione, risolveremmo un bel po' di problemi economici del belpaese

    • I Like! 4
    • Thanks! 1
  19. 5 ore fa, PanDemonio scrive:

    Mah... se veramente non vogliamo prenderci in giro, allora ricordiamoci che l'automobilista medio di norma scopre che l'auto ha gli attacchi isofix quando (se) lo legge sul manuale o sulla brochure, e anche allora poco gliene cale, perché il seggiolino per il pupo glielo passa il cognato coi figli già grandi, di norma praticamente intonso perché lo hanno usato sì e no 2 volte in croce all'inizio, e ovviamente senza attacchi isofix. E nemmeno lui lo userà un granché, figuriamoci andare a spendere le cifre abnormi che chiedono per i seggiolini isofix...

     

    Se invece ci tenesse davvero, allora saprebbe che davanti non è consigliato trasportare bambini nel seggiolino, nemmeno girati e con l'airbag disattivato, che la posizione più sicura sarebbe dietro al centro del sedile, ma è scomoda per mettere e togliere il bambino e allora un buon compromesso sono proprio i due estremi dove sono posizionati gli attacchi, e scoprirebbe presto che due attacchi dietro bastano e avanzano, perché tre seggiolini isofix contemporaneamente forse si possono montare sul sedile posteriore di una segmento D, sempre se è abbastanza larga e se compatibile con le rispettive esigenze di montaggio (no, gli isofix non sono tutti e sempre "plug & play").

    Per cui no, non credo che la prima cosa che l'utente medio interessato all'acquisto di una sw "low cost" andrà a controllare sarà il numero degli attacchi isofix. E no, non credo che trovarne "solo" due sarà la molla che lo convincerà a guardare un'altra auto. No. Decisamente.

     

    Piuttosto lo farà quando scoprirà che i fari posteriori non sono a LED, ma questa è un'altra storia. 😉

     

    Anche tu coi postumi? Ammazza... Troppo rollio? Sto Duster dev'essere proprio una ciofeca: chissà come hanno fatto a venderne così tanti... 🤔

    Forse non ti è chiara una cosa... 

    Le 7 posti o comunque auto come questa sono molto ricercate in genere da chi ha più di 2 figli. In questa condizione, si guardano sempre gli isofix non perché devi necessariamente montare 3 isofix dietro, semmai perché se ci sono 3 isofix significa sicuramente che:

    1. Puoi montare 3 seggiolini a prescindere dal loro attacco

    2. Puoi montare due seggiolini e far sedere un altro bambino o un adulto 

     

    Per tua informazione, nessuna seg. D (a parte forse Octavia, ma non ne sono sicuro) permette l'installazione di tre seggiolini dietro, sia per questioni di omologazione che di spazio. Infatti, il tanto da te apprezzato posto centrale è quasi sempre talmente stretto da non permettere di installare in maniera stabile il seggiolino (la distanza tra cintura e attacco è troppo stretta e non si riesce a fissare la base) , oppure ci riesci ma non riesci ad installarne un altro di lato (a parte rare eccezioni di seggiolini slim che stanno proliferando recentemente per il problema di cui sopra). 

     

    Attualmente sono pochissime le auto che permettono di installare tre seggiolini dietro a norma di legge: 5008, C4 Picasso, i vari Berlingo, qualche suv seg. E e qualche monovolume seg. D (se ancora ne esistono, come ford s-max). Negli altri casi, o è impossibile o ti devi arrangiare, spesso scendendo a compromessi con la sicurezza. 

     

    Ecco perché nel mio caso, come nel caso di tanti altri che hanno 3 figli (ma anche solo 2 e necessitano di avere un terzo posto sfruttabile) questo cassone Dacia poteva risultare interessante, ma la mancanza dei tre isofix dietro e gli inevitabili compromessi che questa condizione richiede (oltre ai limiti tecnici e meccanici derivanti dalla piattaforma d'origine) ha fatto scemare l'interesse

    • I Like! 1
    • Thanks! 1
  20. 2 ore fa, 1750GTVeloce scrive:

    Devo viaggiare, anche per lavoro, qualche bagaglio, uno/due figli, amo star comodo, ma non vivere nel rollio? Mi prendo una Tipo SW o una Focus SW.

     

    Ho due/tre figli o due figli e un cane, non troppi soldi da investire, ogni tanto vado coi suoceri e la famiglia a fare 10 km? Bella questa Jogger.

     

    Oltre? Il Rifter finalmente è un po' rifinito e guarda che bel tetto panoramico!

     

    Non ci prendiamo in giro, chi guarda al Jogger apprezzerà anche il design, ma punterà subito il dito sulla mancanza dei 3 Isofix non gliene importerà nulla dello scalino sul tetto.

     

    PS io 80 km di superstrada sul retro di un Duster me li ricordo ancora oggi dopo 5 anni.

     

    Infatti hai ragione, la mancanza dei tre isofix è una gran cazzata, per di più in un auto a 7 posti... 

    • I Like! 2
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.