Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Search the Community

Showing results for tags 'presentazioni auto ufficiali'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Autopareri Answers
    • Consigli e Pareri sul mondo dell'Auto
    • Autopareri On The Road - Emergency while driving
  • Il sito Autopareri
  • Mondo Auto
    • Scoop e News about cars
    • Prove Auto e Recensioni
    • Tecnica nell'Auto
    • Mercato, Finanza e Società nell'Automotive
    • Car Design e Automodifiche
    • Vintage Car​
  • Case Automobilistiche
    • Auto Italiane
    • Auto Tedesche
    • Auto Francesi
    • Auto Britanniche
    • Auto del resto d'Europa
    • Auto Orientali
    • Auto Americane
  • Mondo Motori
  • Mobility
  • Off Topic on Autopareri
  • Venditori Convenzionati

Product Groups

There are no results to display.

Blogs

  • Autopareri News

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Car's model


City


Interessi


Professione


Biografia


Quotes


Website URL


Facebook


Twitter


YouTube


Skype


AIM


ICQ

Found 182 results

  1. Dopo tante camuffature ecco svelata la Ypsilon 2018. Le modifiche? Nuova radio digitale che affianca l Uconnect 5 pollici gia disponibile, gamma in tre versioni (Elefantino Blu, Gold e Platinum), nuovi rivestimenti interni. Nulla di piu. Possiamo consacrarla come l’auto delle fashion blogger o meglio il marchio delle fashion blogger. Immagini prese dal sito in costruzione, configuratore disponibile. Motori 1,2 benzina 69 cv benzina e bifuel GPL 0.9 turbo Natural Power metano 1.3 Multijet da 95 cv, la versione 80cv per neopatentati non l ho trovata nel configuratore se notate bandelle o calandre verniciate inedite erano disponibili da anni nel catalogo Mopar Radio Connect DAB con presa USB, forse un po troppo in alto Dotazione base, ora sono 4 airbag ovvero frontali e per la testa (prima erano 2), a pagamento quelli laterali. Clima manuale, radio e comandi al volante. Direi sufficiente, gli optional sono molti ma non molto costosi. Topic Spy:
  2. Source: Mercedes-Benz Edition 1 Tecnica Interni Intanto la presentazione live: Foto LIVE "rubate" dalla presentazione Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/61406-mercedes-benz-classe-a-2018-prj-w177-spy
  3. THE FUTURE OF FREEDOM ON NOVEMBER 29, A NEW ERA OF ADVENTURE BEGINS. Da Jeep.com Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/55201-jeep-wrangler-iv-spy
  4. PRESS RELEASE pensavo ad una scimmiottata cinese...invece è tutto vero. Mai visto niente di più sgraziato, pasticciato, neanche il peggior sbarro.
  5. Facelift anche per l’ammiraglia di casa Land Rover, che porta in dote la nuova motorizzazione ibrida P400e, nuovi fari, nuove finiture esterne, strumentazione full touch all’interno. Già configurabile sul sito Land Rover. Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/60389-range-rover-facelift-spy
  6. La societa "New Stratos GbR" (di Strocek) e la MAT Manifattura Automobili Torino hanno fatto un accordo per la produzione di una serie limitata di 25 uniti della New Stratos https://www.auto-motor-und-sport.de/fahrberichte/new-stratos-2018-kleinserie-fahrbericht-daten-preis-vom-lacia-stratos-erben-3378893.html
  7. Messaggio Aggiornato Polestar 1 sarà una sorta di faro per il futuro brand Polestar. Polestar 1 è una Grand Tourer Coupé due porte, 2 posti più 2, spinta da un propulsore Electric Performance Hybrid. In pratica un’auto elettrica supportata da un motore a combustione interna capace di un’autonomia di 150 km in puro utilizzo elettrico – la più estesa autonomia in full electric rispetto a qualsiasi altro ibrido oggi sul mercato. La sua potenza di 600 CV e la coppia pari a 1000 Nm la collocano di diritto – e saldamente – nel segmento delle vetture ad alte prestazioni. Polestar 1 è basata sulla Scalable Platform Architecture (SPA) di Volvo, ma circa il 50% dell’auto è inedito e realizzato specificamente dagli ingegneri di Polestar. Per rendere ancora più efficaci le sue caratteristiche dinamiche, Polestar 1 trae beneficio da una serie di nuove tecnologie mirate a renderla una vera auto tutta da guidare. Polestar 1 è la prima auto al mondo a essere equipaggiata con la sofisticata tecnologia applicata al telaio resa possibile dalle nuovissime sospensioni elettroniche a controllo continuo della Öhlins – Continuously Controlled Electronic Suspension (CESi). Il telaio in fibra di carbonio riduce il peso e aumenta la rigidità torsionale del 45%, contribuendo nel frattempo ad abbassare il baricentro dell’auto. In aggiunta, Polestar 1 utilizza un doppio motore elettrico sull’asse posteriore che permette una distribuzione ottimale della coppia motrice a ciascuna ruota. Questo dà a chi guida un’accelerazione precisa ed efficiente che permette di mantenere aderenza e velocità di percorrenza in curva. Polestar 1 verrà prodotta nel Centro di Produzione specifico di Polestar in via di realizzazione a Chengdu, in Cina. Un impianto all’avanguardia tecnologica che verrà completato per la metà del 2018. Inoltre, Polestar si staccherà dal tradizionale modello di proprietà dell’auto che conosciamo oggi. Le auto verranno ordinate al 100% on line e offerte sulla base di abbonamenti di due o tre anni. La formula, che non prevede alcun apporto o deposito iniziale e sarà del tipo all-inclusive, prevede servizi quali ritiro e riconsegna dell’auto a casa in caso di manutenzione e la possibilità di utilizzare un altro modello della gamma Polestar, il tutto compreso nella rata mensile. L’abbonamento con rata fissa significa che avere una Polestar diventa un’esperienza priva di problemi per il cliente. Ulteriormente facilitata dalla tecnologia Phone-As-Key, che consente al proprietario dell’auto di condividere una chiave virtuale – e quindi l’utilizzo dell’auto – con altre persone di sua scelta e di accedere a una serie di servizi on-demand. Tali servizi di concierge semplificano l’esperienza di utilizzo del cliente, che si può concentrare esclusivamente sul piacere di guida. Tutte le future Polestar avranno motorizzazioni completamente elettriche. Polestar 2 inizierà a essere prodotta sempre nel 2019 e sarà la prima battery-electric vehicle (BEV) di Volvo Car Group. Sarà una BEV mid-size ed entrerà in competizione con prodotti come Tesla Model 3; di conseguenza, avrà volumi di produzione più elevati rispetto a Polestar 1. La fase iniziale della proposta di prodotti Polestar si completerà quindi con il successivo arrivo di Polestar 3, un ulteriore BEV in stile SUV di maggiori dimensioni, che definirà una moderna espressione di prestazioni elettriche e dinamica di guida. Gli ordini e la configurazione delle auto Polestar avverrà on line attraverso una app Polestar o un portale dedicato. Tuttavia, Polestar non è insensibile al fatto che i clienti vogliono ancora venire a contatto con un brand e con i suoi prodotti. Per questo, Polestar aprirà una rete di Spazi Polestar in tutto il mondo. Sono questi i luoghi nei quali i futuri clienti Polestar potranno interagire con il brand e con i suoi prodotti. I Polestar Spaces saranno strutture indipendenti e non collegate a concessionari Volvo. Gli ordini della nuova Polestar 1 si aprono nella giornata di oggi 17 ottobre 2017. Polestar sarà quindi in grado di valutare immediatamente il livello di interesse dei potenziali clienti. Volvo Cars ha creato una joint venture con due aziende all’interno dell’azienda madre, Zhejiang Geely Holding. Tale JV capitalizzata con 640 milioni di Euro di capitale sociale per supportare lo sviluppo di Polestar. Polestar rimane una sussidiaria di Volvo Car Group e sarà interamente consolidate all’interno di Volvo Car Group. Si prevede che oltre il 40% delle vendite globali di auto entro 20 anni sarà dato da veicoli elettrici. Via VolvoCars Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/63851-polestar-volvo-coupé-spy
  8. https://www.motor.es/noticias/bentley-continental-gt-2018-201739002.html Live Spy: http://www.autopareri.com/forums/topic/58368-bentley-continental-gt-iii-spy
  9. Ritorna in USA il Ford Ranger 2019. Spinto dal 4 cilindri 2.3 litri Turbo Ecoboost di cui non è stata dichiarata la potenza. È possibile immaginare che la potenza sia compresa tra 280 e 310 CV e sarà accoppiato al nuovo automatico a 10 rapporti. Nuovo frontale più "ovale" e con un diverso design delle ottiche dei fari. Il portellone posteriore riceve la scritta "Ranger" come accade per il fratellone F-150. Il Ranger è disponibile in tre livelli di allestimento: XL, XLT e Lariat nelle configurazioni SuperCab (estesa) e SuperCrew (quattro porte). Oltre al pacchetto FX4, i clienti possono optare per i pacchetti Aspetto Chrome e Sport. Particolare l'allestimento FX4 che aggiunge una serie di aggiornamenti alle performance. Pneumatici tassellati, bandelle in acciaio di rinforzo al sottoscocca, nuove pedane in acciaio ed ammortizzatori aggiornati. Il Ranger FX4 è inoltre dotato di assali Dana sia anteriori che posteriori, con differenziale posteriore a bloccaggio elettronico e scatola di trasmissione a due velocità. C'è anche un sistema di gestione del terreno che ha quattro modalità: normale; erba, ghiaia e neve; fango e solchi; sabbia. C'è anche un sistema Trail Control. Pensa a questo come un cruise control fuoristrada che funziona da 1 a 20 mph. È disponibile un display da 8 pollici per il sistema di infotainment Ford Sync 3. Sync 3 include l'integrazione di Apple CarPlay, Android Auto e Amazon Alexa. FordPass Connect offre ai clienti l'accesso Wi-Fi per un massimo di 10 dispositivi tramite un modem LTE 4G. Le funzioni di sicurezza attiva includono il monitoraggio del punto cieco con copertura del rimorchio, assistenza pre-collisione, mantenimento della corsia e assistenza alla partenza della corsia e controllo automatico della velocità di crociera.
  10. ecco la Sport: motore 1,4 da 138 CV e 220 Nm (quello già montato su Vitara), cambio a sei marce ed un peso di soli 870 kg, per un ottimo rapporto peso potenza di 159 CV per tonnellata http://www.carscoops.com/2017/08/suzuki-reveals-more-of-new-swift-sport.html
  11. Portofino: ecco il nome dell’attesissima “piccola” Ferrari destinata a prendere il posto della California. Certo, siamo sempre a casa Maranello, quindi il concetto di “entry level” nella gamma è sempre relativo: 600 cavalli (40 in più del precedente modello) e un prezzo stimato inferiore ai 200 mila euro. Troppi forse per essere affiancati all’aggettivo “piccolo”, pochi considerando la portata delle novità rispetto alla California e il fatto che la nuova costa esattamente come la vecchia.Alla Ferrari infatti parlano di modello “completamente nuovo” grazie ad una scocca inedita molto più leggera che fa largo uso di moderne tecnologie di produzione e componenti ridisegnati per tenere a bada la lancetta della bilancia pur aumentando la rigidezza torsionale.Ma una Ferrari non è solo tecnologia, ma anche poesia: così se va in pensione uno dei nomi più suggestivi di sempre, California, arriva un omaggio, come spiegano alla stessa Ferrari – a “uno dei borghi più belli d’Italia, noto per il suo porto turistico e diventato negli anni in tutto il mondo sinonimo di eleganza, sportività, lusso discreto. A questa meravigliosa località è stato dedicato anche il colore con cui viene lanciata la nuova Ferrari: il rosso Portofino”.Certo anche “California” non era male visto che era il nome di una delle Ferrari più belle, sicuramente la spider più bella di tutte le vetture aperte mai uscite dalla casa di Maranello, grazie al cofano lunghissimo, un abitacolo piccolo, il classico scalino sulla fiancata fra la porta e il baule e le prese d’aria laterali. Un capolavoro nato quasi per caso, e per le pressioni dell’importatore americano delle Ferrari Luigi Chinetti. Il Fiduciario per la West Coast, John Von Neumann, riteneva infatti di aver terreno fertile per una Spider adatta al sole della California, una specie di 250 GT berlinetta aperta. Chinetti raccolse la proposta e convinse Enzo Ferrari della bontà dell’idea. Scaglietti ebbe così modo di creare nel 1957 questa vettura ormai quasi leggendaria, costruendone 106 esemplari di cui nove con carrozzeria in lega leggera. Il motore era il 12V di 3000 cc da 240 Cv. Il resto è leggenda.Ma per segnare una svolta profonda con il precedente modello nato nel 2008 alla Ferrari hanno deciso di abbandonare il classico nome puntando su Portofino, anche se la macchina conserva ovviamente la stessa impostazione di base: motore V8 anteriore, carrozzeria coupé spider e un abitacolo 2+2 comodo anche per i lunghi viaggi (per due persone) come si addice ad una vera gran turismo. Certo, i record non mancano: con i suoi 600 cv e accelerazioni da 0 a 100 km/h in soli 3,5 secondi, la Ferrari Portofino è, infatti, la più potente convertibile a offrire contemporaneamente il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, arricchita da due posti posteriori utilizzabili per brevi percorrenze.Il cuore della Portofino è sempre il famoso V8 biturbo appartenente alla famiglia di motori vincitrice dell’International Engine of the Year per due anni consecutivi nel 2016 e 2017, ma come dicevamo ora è stato riveduto e corretto per avere più cavalli (40) e soprattutto un “sound” molto più coivolgente.“Abbiamo lavorato – ci hanno spiegato alla Ferrari - su vari aspetti dell’efficienza dell’8 cilindri, adottando nuovi pistoni e bielle, rinnovando il disegno dell’impianto di aspirazione e rivoluzionando la geometria di tutta la linea di scarico. Il nuovo collettore di scarico monofuso riduce le perdite di carico, elemento fondamentale nel dare al motore Ferrari la caratteristica prontezza di risposta con zero turbo lag. Tutto questo, abbinato al Variable Boost Management, che eroga la coppia in funzione del rapporto della marcia innestata, permette alla Ferrari Portofino di aumentare le accelerazioni in tutte le marce ottimizzando allo stesso tempo i consumi”.Certo, parlare di consumi su un missile del genere è sempre ridicolo ma – a puro titolo indicativo – va detto che sui rulli in fase di omologazione la Portofino ha fatto registrare 10,5 l/100 km e 245g CO2/km di emissioni. Profonde in ogni caso le modifiche volte a migliorare la dinamica: con 600 Cv non si scherza ed ecco quindi - per la prima volta su questa tipologia di Ferrari “tranquille” - il differenziale posteriore elettronico di terza generazione (E-Diff3) integrato con il F1-Trac, che migliora sia il grip meccanico che il controllo della vettura al limite. “Grazie all’introduzione dell’EPS (Electric Power Steering) – continuano poi gli ingengeri - per la prima volta su una Ferrari GT, è stato possibile ridurre il rapporto dello sterzo del 7% per una risposta più diretta senza perdere in stabilità grazie all’integrazione con l’E-Diff3. Le sospensioni magnetoreologiche (SCM-E) dotate della tecnologia “dual-coil” riducono il rollio e, al contempo, migliorano l’assorbimento delle asperità stradali. Tutti questi contenuti contribuiscono a rendere la vettura ancora più dinamica e reattiva, garantendo contemporaneamente un elevato comfort di guida”.Stessa mano pesante anche per il Design realizzato in casa dal Design Centre di Maranello che grazie ad alcuni trucchi pur conservando l’impostazione di coupé-convertible con tetto rigido retrattile ha regalato alla macchina lo stile di una due volumi “fast-back”, quindi molto più vicino a quello di una vera coupé rispetto alle classiche coupé-convertible che hanno tutte quell’aspetto da berlinetta poco slanciata.Il design di una Ferrari – si sa – non si giudica mai: macchine così passionali sfuggono a qualsiasi categoria e regola, ma una cosa possiamo dirla: bella l’idea di nascondere un’inedita presa d’aria all’esterno del proiettore che soffia all’interno del passaruota per scaricare i flussi direttamente sulla fiancata, riducendo così la resistenza all’avanzamento. E, soprattutto, evitando di “sporcare” il design con ulteriori spoiler.Visto poi che la Portofino finirà in mano a clienti spesso attenti ad argomenti marginali su vere supercar qui ora c’è la capote che si apre anche in movimento, uno schermo touch screen da 10,2”, un nuovo climatizzatore studiato anche per funzionare meglio con capote aperta, sedili a regolazione elettrica fino a 18 vie e un “wind deflector” che riduce del 30% il flusso d’aria all’interno dell’abitacolo e previene la rumorosità aerodinamica interna. Sempre che si esageri con l’acceleratore ovviamente: la Portofino in pista è in grado di superare i 320 orari... Scheda Tecnica MOTORE Tipo V8 – 90° Cilindrata totale 3855 cm3 Potenza massima * 441 kW (600 cv) a 7500 giri/min Coppia massima * 760 Nm da 3000 a 5250 giri/min DIMENSIONI E PESI Lunghezza 4586 mm Larghezza 1938 mm Altezza 1318 mm Distribuzione dei pesi 46-54% ant./post. PRESTAZIONI Velocità massima >320 Km/h 0-100 km/h 3,5 sec CONSUMO ED EMISSIONI CO2 ** Consumo 10,5 l/100km Emissioni 245g CO2/km Rumors: http://www.autopareri.com/forums/topic/59097-ferrari-california-ii-notizie
  12. Presentata la sorella minore della 003 https://facebook.com/ScuderiaCameronGlickenhaus/ Interni Telaio e carrozzeria in CF V8 TT da 650 cv e 720Nm Cambio manuale 6 rapporti (robotizzato optional) Abitacolo con strumentazione e comandi retrò. 3 posti a sedere con i sedili passeggero arretrati (come la McLaren F1) Prezzo 400k $ per la base, le 25 "Founder Edition" sono già state vendute tutte. Per ora è omologata solo per gli US (dove è stata progettata e verrà costruita), ma prevedono di adeguarla anche alle normative Europee. Riprende molti elementi della Ferrari Dino Competizione Prototipo (di cui è proprietario) con qualche elemento della Ford GT (2016) ed il posteriore della sorella maggiore. http://www.roadandtrack.com/new-cars/a13795442/2019-scg-004s-photos-info/
  13. reckoner00

    Cupra Ateca 2018

    Press Release http://www.seat-mediacenter.com/newspage/press-kits-cupra/CUPRA/introduction.html Via SEAT Topic Spy: Seat Ateca Cupra (Spy) -> http://www.autopareri.com/forums/topic/62123-seat-ateca-cupra-spy
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.