Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

il FUSI

Members
  • Content Count

    9,652
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

il FUSI last won the day on February 22 2007

il FUSI had the most liked content!

Community Reputation

120 Excellent

7 Followers

About il FUSI

  • Rank
    HALL OF FAME
  • Birthday 10/24/1973

Profile Information

  • City
    La Spezia
  • Interessi
    Alfa Romeo
  • Professione
    impiegato - collezionista

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non ho percezione diretta ed approfondità della realtà "politica ed economica" della zona per spingermi a identificare i motivi della caduta della giunta, come potrei avere in zona. Fatto sta che destinare quella zona a quel che, prima (se non sbaglio), pareva andar bene a tutti non è andato bene. Ed è caduto un consiglio comunale, che non è cosa proprio "serena come l'acqua fresca". Altre voci (e tali ve le giro, voci sentite così) parlavano di interessamento "personale" di qualche politico relativamente alle aree, aree che hanno un perchè e un valore se destinate a parcheggio, altro perchè ed altro valore se destinate a plessi industriali. Ora vediamo.... perchè il vincolo non è un punto di arrivo, ma semmai l'occasione di un punto di partenza.
  2. Nonostante di norma non abbia un carattere accomodante, lo scrivente si è già espresso (conoscendo personalmente entrambi i "contendenti" che reputo miei amici) in favore di uno smorzare dei toni di contrasto, che non sono utili a nessuno. Fra l'altro tutti dicono che "bisogna combattere per un fine comune" ma vedo che nella realtà dei fatti prevale l'idea molto italica del "mio giardino" ed enti che si son permessi di offendere altri dandogli nientemeno che degli affaristi (e da che pulpito poi!) son lì a dimostrarlo. Ognuno può avere una personale idea, la quale, magari sbagliata, non deve essere presa per "il verbo" quando non vera anche se la sembra. E men che meno, su questo argomento Museo che agita le passioni di tanti, che a parole tutti difendono o vogliono difendere, si deve a mio parere trascendere in malsopportazioni o mancanza di informazioni certe, di scambio di conoscenze reciproche. La buona fede, la fiducia o la sfiducia, non giustificano mai l'eventuale danno che viene patito dalla controparte. Di sicuro la realtà dimostra, al di là di quello che può essere il "romantico pensare di tutti gli Alfisti coalizzati per la salvaguardia e la salvezza di quel plesso", di come si possa essere provinciali (ergo "chiusi"), di come possa albergare la sfiducia, di come si possa essere tutti diversi l'uno dagli altri. Non ho visto superate certe diffidenze inerenti il "io penso che", non ho visto la canalizzazione di tutte le opinioni di tutti verso un canale unico e serio che potesse raggiungere la finalità da tutti propugnata. Non ho visto chissà che cooperazione e non credo neppure debba essere giustificata la diffidenza quando non si fa nulla per capire se è superflua o fondata. Vedo invece che, sicuramente ognuno in buona fede, vi è chi crede di avere "la verità in tasca" su un argomento complesso che non riguarda un solo soggetto, ne riguarda molti. E' tanto "bello" dire che ci si batte all'univoco per.... ma avrei sperato che ci si battesse tutti a fianco, e non su binari paralleli ma divisi. Peraltro è come giocare al poker: non scegli le carte, non scegli i players che hai di fronte, devi fare, e far bene, con le carte che hai e senza sottovalutare i giocatori al tuo tavolo. Non mi sono mai astenuto dal "fare casino" e fare mugugno, fosse anche nei confronti del Padreterno, ma mai ci si deve astenere dal domandarsi quale strada sia la migliore per il risultato che si deve avere. Fosse anche una strada non ideale, non "quella che vorrei". In questa ottica credo anche io che un can can mediatico, avendo a che fare con l'azienda Fiat, non sia producente per questo "progetto". Credo che si dia troppo per scontato che un'azienda possa soggiacere a quello che vedrebbe come una sorta di "ricatto", cui rispondere al limite anche con una "ripicca" al di là di quanto di buono possa aver deciso prima, sopratutto un'azienda oggi gestita come sappiamo e che ha già dimostrato quanto possa valere la sua insofferenza. Un'azienda che non ha brillato per "rispetto degli Alfisti" in passato, un'azienda che non ha brillato per "l'intoccabilità di un plesso". Il vincolo, da molti visto come un punto di partenza e una panacea, è in realtà solo che un punto di partenza, della serie, il bello viene adesso. Adesso perchè anche se il vincolo è presente, anche se contenesse poche "concessioni" alle osservazioni fatte dall'azienda, cosa risolve di fatto? Si certo un controllo dello status quo, le auto non possono essere vendute, il plesso non demolito. E con questo? Anche il capannone del centro stile non è stato demolito, ma mi pare che sia solamente che lì a ammuffire. Ed allora non si può aspettare il salvatore tedesco, che Iddio volesse arrivasse domani (e ci sarebbe poi da capire come vuol comportarsi), perchè il giocatore attuale non è tedesco, nè credo che si possa ragionevolmente pensare che il giocatore proprietario, all'oggi, si smuova da un "torpore" di sua spontanea volontà sotto la spinta di cosa? Di un manipolo di colleghi appassionati che manifestano la loro insoddisfazione sacrosanta, condivisibile e condivisa? Ma dove mai abbiamo visto, negli ultimi anni, una presa di coscienza "spontanea e positiva" verso il mantenimento del Museo? Allora credo si debba essere "propositivi" e "alternativi" utilizzando l'arma del mugugno solo come extrema ratio allorchè si veda che non esiste alcuna alternativa. La qual cosa, al momento, non mi pare sia per questo specifico argomento. Onestamente mi interessa molto di più quel che vi è dopo il vincolo che non la rispettabilissima e encomiabile manifestazione di rispetto e attaccamento al Museo che sottintende il non volere che nulla venga cancellato. E questo lo dico come sereno e tranquillo scambio di opinioni, che come viene fatto quà può essere fatto in altre sedi forse più adatte.
  3. Direi che almeno su questo argomento non dovrebbero esserci nè polemiche, nè personalismi, nè null'altro che non sia archiviabile sotto un "comportamento positivo e costruttivo". Da parte di chiunque.
  4. Al di là di quel che si dice, nè il 140cv (provato su 147 CupSport del 2004), nè il 115 che avevo (2005, euro 3) nè il 150cv euro 3 nè il 120 euro 4 (ne ho avuti due, uno pure adesso) hanno mai smesso di spingere sotto i 4000. I miei, che slegavo subito, han sempre spinto sino ai 4300 (115) ed oltre (i 120 smettono di spingere a 4500 di contagiri). L'unico che trovai un po' smunto era un 115 non certo slegato che si piantava a 4000. Di sicuro non si ha il picco di coppia, ma il range fra i 3000 citati e i 4000 non è nè inutile nè sta lì per figura. Tanto è che se non fosse che arriva proprio il "muro" si cercherebbe ancora un briciolo di spinta (e se fosse 1000 giri che non spinge, ti verrebbe da cambiare marcia prima, no?).
  5. Ma di che motori parlate? I miei JTD han sempre spinto sin ai 4000, "murano" a 4200/4500.
  6. Non son così deficiente da proporre lavori rischiosi, ma semmai lavori che ho già fatto, sì come li fanno nelle officine. Io sulle macchine le mani ce le metto da sempre, credo di potermelo permettere senza sentirmi dire che do consigli leggeri. Una volta staccata la batteria e usata la minima grazia nel trattare le cose, con l'airbag non succede nulla, nulla deve succedere, ed è la semplice procedura indicata nei manuali di officina. Se uno non si fida di farlo, è un conto. C'è pure chi le lampadine le fa cambiare all'assistenza, è un "problema" suo. Ma che non possa farlo perchè è una procedura che viene da Marte o serve una laurea, no. L'ho fatto credo 5 o 6 volte senza alcun problema, e non sono "uno del mestiere con attrezzatura spaziale". Un cacciavite a taglio di piccola dimensione, e una chiave a brugola. Ecco l'attrezzatura necessaria.
  7. Mah...... non mi stupisco del trattamento assistenziale, perchè conosco l'andazzo e l'ambiente. Con l'ispettore, poi, col piffero che ti ci faranno parlare. Il consiglio che posso darti è di andare non tanto contro la Casa, che è nota per essere sorda alle denunce (che poi perde, ma col tempo, e fra ammettere un errore e perdere una causa per loro c'è differenza....) quando contro l'Ente di Vendita, ovvero il concessionario. Se infatti Fiat se ne frega di una causa, un concessionario ci pensa due volte e soprattutto gli brucia dover avere una causa in corso per questioni che NON SONO di sua squisita pertinenza. A quel punto fra di loro cercheranno un agreement. Il consumo di olio viene considerato "tollerabile" se è un kg ogni 1000 km (manco le Alfetta degli anni '70....), risposta data da assistenza Fiat al mio collega che su Panda 1100 base nuova riscontrava (anzi io ho riscontrato) l'olio sotto al minimo in 9000 km. Lui ha risolto mettendo un olio di qualità migliore, inizialmente avevamo pensato che di olio non ve ne fosse stato messo da nuova e il controllo in MAPO (preconsegna) fosse passato in cavalleria. La scelta della miglior soluzione è la tua. Onestamente non starei manco a considerare una "permuta" con esborso di denaro mio, ma la sistemazione finale e soddisfacente del prodotto. Nota: la mia ex Punto 16v, anche un po' spremuta (non sfondata, ma spremuta), consumava mezzo chilo ogni 8000 km, diventati di più quando perdeva un paraolio (a 60k km, però).
  8. E infatti son decisamente preoccupati e piangono miseria. Si aspettavano delle strategie commerciali diverse per il nuovo anno, invece nada, con grande scorno. E come Alfa si deve andare avanti a "novitine" o belinate per due anni, alla fine della fiera. Perchè se anche deliberano sto mese per davvero il progetto 944 almeno 18 mesi passano..... e poi conoscendoli..... Auguri.
  9. L'officina autorizzata ti dirà che "fan tutte così"...... Certe cose, su certe auto soprattutto, o te le fai da solo, o campa cavallo...... E' giusto un consiglio spassionato
  10. Fissando i cavi che ne escono. Per farlo devi rimuovere l'airbag, vedere quanto stanno in forza e quanto no, e trovare il modo o di fascettarli o di fissarli (anche con biadesivo) di modo che la "rotella" da cui escono rimanga un po' forzata senza locciare lei e senza che i cavi stessi tocchino in giro. Se hai il volante in legno il problema di rumorosità nello sterzare potrebbe comunque essere anche altro.
  11. Quale delle tre? Mica cadevano a pezzi poi, io di pezzi per strada non he no mai persi. Fatte male, che si rompevano nonostante un uso + che oculato sì, quello sì... Se è per quello, anche adesso. Tuttavia sempre meglio quelle che quanto producon oggi. E via via questa ultima la sistemerò da solo. Sui problemi di Giulietta evito di pronunciarmi, posso solo che confermare che quanto dice Jgian non è "un caso" ma qualcosa è proprio endemico di quel tipo di vetture. E cesso quà altrimenti vengono fuori i soliti mugugni di chi dice che son "contro a priori" senza pensare che forse avendola seguita anche PRIMA la Giulietta so bene cosa possa o non possa "esprimere". 1. "normale" amministrazione. 2. anche con tutte le sue due viti e il perno laterale sinistro calzato consiglio di apporre feltrini 3. si può risolvere 4. è il contatto spiralato dei comandi radio/connessione airbag. Volendo si risolve pure quello.
  12. Comunque ci sarà il Mac Pherson e non ci sarà, per motivi di costi, il progetto di barra antirollio adattiva che già era pronto per 940. Che poi la 944 è una 940 + larga e più lunga, di linea bella (a detta di certuni inglesi che l'han vista) come concorrente di Insignia.
  13. il FUSI

    Emelba

    M'ero perso sto topic.... Un Emelba pick up su base ronda lo aveva il padre di un carissimo amico. Ci abbiamo fatto diversi demolition tour anche in Emilia. Ricordo la tendenza allucinante dei fari anteriori a perder i vetri (si scollavano). Tuttavia un mulo con un culo leggero e uno sterzo così demoltiplicato che la volta lo mettemmo di traverso ci volle un lavoro di braccia allucinante. Comperato chiaramente da un importatore "parallelo".
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.