Vai al contenuto
Autopareri news
  • Buon 2019 da Autopareri e Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

mariola

Utente Registrato
  • Numero contenuti pubblicati

    1427
  • Iscritto il

  • Ultima visita

Reputazione Forum

710 Excellent

Su mariola

  • Rank
    Pilota Ufficiale
  • Compleanno 31/07/1961

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Honda civic tourer 2016

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. mariola

    Gita A Genova

    Eccomi qua a raccontare e ringraziare ancora. Ieri focaccia da Mario in via San Vincenzo senza saperlo, capitando lì per caso (splendida!), poi cinque ore buone all'acquario, compreso un boccone al self service. Spettacolare! Dopo passeggiate per i carrugi, e verso le sei col bimbo stremato ci siamo fermati alla caffetteria del palazzo rosso, via Garibaldi. Posto accoglientissimo, seduti comodi un'ora con una consumazione a testa soltanto, ci siamo riposati. Una cosa ho notato: tanti negozi di alimentari almeno apparentemente di alta qualità, tanti bei caffè, ma pochissimi caffè con tavolini all'interno, quasi tutti piccoli locali con solo servizio banco. Andiamo a cena al Cavour 21 consigliato da Stev: quasi un'ora di attesa, ma ne valeva la pena, abbiamo mangiato molto e bene pagando pochissimo. È difatti adesso sto scrivendo dal cellulare mentre aspetto di pranzarci. Prima siamo andati sino a via del campo (Faber), abbiamo girato i carrugi scendendo da piazza De Ferrari. Dopo pranzo prima di tornare si va a Boccadasse. Grazie ancora a tutti per le segnalazioni, Genova è molto più bella di quanto mi aspettassi, un centro storico straordinario, una posizione stupenda aperta sul mare, vorrò tornare quando fa più caldo e fare il giro in battello perché "Chi guarda Genova sappia che Genova si vede solo dal mare..."
  2. mariola

    Gita A Genova

    Grazie a tutti! Arrivato alle 20,30, sono a 100 metri dalla stazione Brignole. Siamo andati a piedi fino al centro storico e abbiamo cenato da Strakkino (a metà strada tra la stazione e la casa di Colombo). Focacce allo Stracchino con altri ingredienti sopra. Davvero buono, gentili, ed economico, 35 euri in tre. Poi passeggiata giù per i carrugi sino a Cavour21 e ritorno. Domattina colazione con focaccia e via all'acquario. Domani credo cena a Cavour, o pranzo se si esce presto dall'acquario. Indicazioni ulteriori sono, sempre gradite.
  3. mariola

    Gita A Genova

    Abbiamo deciso al volo di andare a visitare l'acquario di Genova. Trovato alloggio con parcheggio su airbnb a pochissimi soldi dalle parti di San Fruttuoso, via Tolemaide. Chiedo a chi conosce la città se per favore: 1) possono indicarmi posti per mangiare decentemente a pochisssssimi soldi (anche pizzerie, ecc...) senza mangiare schifezze. trattoria con tovaglia di carta ottima mc donald pessimo per intenderci 2) un buon forno per una focaccia speciale. 3) altre cose da vedere, amiamo arte, centri storici, ecc..., ma abbiamo anche un bambino di 9 anni. 4) varie ed eventuali. Stasera siamo a Genova, torniamo il 4. Insomma giusto due notti. Grazie.
  4. mariola

    Hyundai Santa Fe ed impronte digitali

    Vuol anche dire che non puoi più prestare l'auto a un amico. (e mille altri inconvenienti simili)
  5. mariola

    Naviglio combattente maggiore - thread unico

    (so che è vecchio ma non lo avevo mai visto) A Midway i giapponesi hanno subito il disastro per una serie incredibile di congiunzioni astrali negative, dopo quella battaglia non avevano più alcuna chance di vittoria, l'industria americana aveva capacità produttive immensamente superiori, e una volta perso il vantaggio iniziale non c'era modo di riguadagnare la superiorità di uomini e mezzi. A mente fredda direi che l'unica reale chance per i giapponesi era quella di occupare, o almeno rendere militarmente inservibili, le Hawaii, così da costringere le navi statunitensi a partire dalla west coast senza basi in mezzo al pacifico. E probabilmente non sarebbe bastato, gli yankee erano così incazzati che in quel caso avrebbero sconfitto la Germania e poi attaccato le forze giapponesi in Asia partendo dall'India (colonia inglese) per arrivare sulla costa cinese, e da lì attaccare il Giappone.
  6. Ci sono moltissimi modelli tra 161 e 165, penso che da qui a marzo spariranno tutti, una gomma un filo più piccola, una piccola modifica alla centralina, nuova omologazione e rientrano tutte entro i 160.
  7. Battuta a parte () intendo un'auto con sedili "tipo sdraio" della panda (a me piacevano tantissimo), finiture interne con metallo a vista, diciamo un livello di finitura da Twingo prima serie (l'ho avuta e adorata), pochi strumenti, pochi pulsanti, tutto spartano ed economico al massimo. Secondo me l'italiano medio vuole l'elettrico per spendere meno (o almeno per illudersi di...), per sfondare ci vuole una macchina essenziale, che costi il meno possibile. Quanto alla rinuncia all'auto privata per me è lontanissima, specie in un paese fatto di cittadine, frazioni in cui trovare l'auto non privata è inverosimile.
  8. Che non a caso a Roma vendono tantissimo. Resto della mia idea, il boom dell'elettrico arriverà quando sarà messa in vendita un'auto grande come la panda, anche con finiture (sicurezza esclusa) da panda 30 (o da 500 originale), 4 posti, 100 km di autonomia REALE (nelle peggiori condizioni) e prezzo da segmento b. Perfetta seconda auto, perfetta per chi ha percorsi certi e non usa fare vacanze in auto. Di fronte al prezzo da utilitaria e consumo (di carburante) zero il cliente medio se ne frega delle finiture
  9. mariola

    Tesla Model 3 2017

    Per me paradossalmente la citycar elettrica con prezzi di acquisto competitivi può arrivare anche prima di una media perchè: - gli acquirenti di citycar sono molto più portati a ritenere adeguate dotazioni barbon e soluzioni al risparmio - molti acquirenti di macchine piccole sono sicuri che non faranno MAI più di 100 km al giorno - gli acquirenti di citycar sono spesso disposti a rinunciare alle prestazioni in cambio di risparmi In sostanza secondo me un'autovettura solo elettrica con dotazioni finiture e prestazioni pari alla prima Panda 30 (sicurezza esclusa ovviamente), autonomia di 100 km reali nelle condizioni peggiori (di notte d'inverno), venduta al prezzo finale entro i 12/15k euro sbancherebbe. Il vero problema secondo me è che il cliente-tipo di una simile vettura non ha il garage sotto casa per ricaricarla la sera.
  10. mariola

    [USA] Chevrolet Silverado Heavy Duty 2019

    Come no! hanno per l'appunto normative anti-pedone! (leggi la mia firma...)
  11. mariola

    Offerta di lavoro a Dubai, che faccio?

    Non credo che sarò mai in grado di darti un parere competente, sono del tutto ignorante del settore. Ma anche per curiosità (comunque sono parametri utili a decidere) ti chiedo: Posto che ho visto su internet che il cambio grossomodo è 4 AED = 1 euro a) quanto costa la vita laggiù? puoi risparmiare 2000 euro al mese o non metti via una lira? b) quanto costa una casa in affitto e cosa si intende là per una casa decente c) hai esempi di posizioni simili? quanto prendono? d) sono trattabili le cifre che ti hanno offerto? e) al ritorno in Italia hai difficoltà a trovare un nuovo lavoro? pagato come? e la casa?
  12. Sei posti su due file, come la multipla. Una Multiplunga.
  13. In un mercato in cui c'è abbondante offerta di lavoro in linea teorica potresti avere quasi ragione. Ma nelle condizioni attuali, in cui salvo pochi settori, numericamente non importanti, ci si deve tenere stretto il lavoro che si ha perchè non si sa se sia possibile trovarne un altro, le persone non godono del lusso di poter lasciare un lavoro solo perchè metà del reddito va via in benzina. Si limitano a ringraziare che resti l'altra metà. E se dalla metà si sale al 60% magari non riescono più a pagare il riscaldamento di casa... E comunque quasi, perchè esistono mille fattori non legati al lavoro che incidono: il costo spropositato di cambiare casa (fiscale, ma non solo), il costo morale di rescindere una rete di relazioni e di affetti, i legami non economici con la casa, il luogo, le abitudini. Cambiare casa è cambiare vita, molto di più che un conto economico.
  14. E non dimenticate la semplificazione, un adempimento burocratico in meno (per auto posseduta per anno) ha un valore, anche in termini di comodità e serenità. Non si rischia più di dimenticare il bollo, non ci si deve preoccupare di conservare per anni le ricevute, non si deve controllare il bollo acquistando un usato...
×

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.