Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Ciparisso

Members
  • Content Count

    69
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Ciparisso last won the day on January 6

Ciparisso had the most liked content!

Community Reputation

132 Excellent

About Ciparisso

  • Rank
    Guidatore esperto

Profile Information

  • Car's model
    Fiat Panda mk2 1.2 8v FIRE - Anno 2011
  • City
    Delfi (GR)
  • Interessi
    Automobili, Fiat, Storia antica, Geografia
  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. FCA Heritage partecipa alla 31esima edizione di Techno Classica, il salone dedicato alle auto storiche più visitato d'Europa. Ecco il video pubblicato qualche minuto fa su YouTube. Mi fa piacere vedere come per adesso stiano supportando questo programma Heritage con notizie e filmati frequenti: dal 2015, anno della fondazione di Officine Abarth Classiche, ad oggi l'impegno è stato sempre costante, direi moderato e continuo. Bene così.
  2. Sono concorde con te. Nonostante siano passati alcuni giorni dalla presentazione ancora non riesco a metabolizzare il "lutto" e non riesco a non guardare questa bellissima esposizione come la "Fiera del Rimpianto e dell'occasione perduta". Naturalmente, come già ricordato in qualche post sopra, queste sensazioni di incompiutezza e di amarezza sono del tutto personali, in quanto per predisposizione d'animo sono sensibile alla nostalgia e all'irrequietezza di quello che si sarebbe potuto realizzare. Al momento ancora non riesco a vedere in tutto quel ben di Dio lo slancio per un futuro di altri 120 anni, come se oramai a Torino fosse tutto in stallo, nessun fermento di idee e voglia di buttarsi a precipizio al domani. Forse avrebbero dovuto esporre la concept Centoventi per creare questo ponte tra passato e prossimo futuro. A proposito di occasioni perse: voi eravate a conoscenza della Fiat Multipla Hybrid? Ho trovato queste interessanti immagini su FiatPress...che non fanno altro che farmi sbuffare alla luce della notizia dei crediti Tesla. Magari è pure esposta e non si capisce dalle immagini a disposizione.
  3. Sì, giusto, ricordo ora la presentazione allo stand ufficiale Fiat al Motorshow di Bologna nel Dicembre 2006 con DeMeo e rappresentanti di Abarth. Riporto un paio di notizie, senza inquinare troppo il topic: Il team FIAT-Abarth PanDAKAR costruisce nell’autunno 2006 due auto per disputare la Dakar 2007. Dall’ottobre 2007 Orobica Raid si occupa di seguire e sviluppare il futuro di questo team, che presenta, oltre alle due vetture da cui prende il nome, una FIAT 16 4×4, due camion di appoggio in gara, e due camion per logistica-ricambi fuori gara. La Panda che nel 2017 ha concluso la "Dakar" dovrebbe comunque essere un modello 169 camuffato nell'estetica per farla sembrare la terza serie e stando al sito ufficiale è ancora a tutti gli effetti sotto la gestione di Orobica Raid.
  4. NCC: Noleggio Con Conducente Si tratta di una categoria legalmente e burocraticamente distinta dai taxi, ma perennemente in lotta con essi. A Roma il territorio è conteso fra i Bianchi e i Blu Notte (quasi nero) e non mancano situazioni di tensione fra i due per riecheggiare le lotte fra Orazi e Curiazi o Roma contro Cartagine. Ad ogni modo io la prenderei bianca, ma si tratta di una semplicissima opinione personale. Concordo con te Zampi nel pensare che i colori scuri ne spengano e mortifichino le linee.
  5. Che occhio Mi fa piacere vedere anche la Pandakar rossa che nel 2007 ha affrontato l'ultimo raid in terra africana con Biasion. Questo conferma che almeno all'inizio la Fiat aveva dato il supporto ufficiale alla squadra, giusto? Oppure è una deduzione sbagliata? Che bestia, comunque, signori miei. Peccato che nel 2007 il web e i social soprattutto ancora non erano così diffusi da dare risalto alla partecipazione al rally. Spero esca un video dettagliato su di essa, magari pure una monografia.
  6. Hai ragione, ho fatto un'osservazione troppo di istinto e poco di cervello. Il mio ragionamento poggiava sul fatto che in quella grande esposizione il mio occhio cade troppo sul passato "incompiuto" che unito a questo 2019 in versione "poverello d'Assisi" mi fa essere poco lucido nelle considerazioni. Voglio comunque spiegare meglio il mio punto di vista partendo da questo esempio: il fatto di osservare le maquette ed i prototipi della Barchetta e della Coupè mi dà l'idea di un progetto che ha avuto un inizio, varie proposte di stile, una ricerca e poi un approdo sul mercato dove nel bene e nel male si è ricavata la sua nicchia (con dei modelli che al momento attuale hanno la tendenza all'aumento di valore). In questo caso riesco a ripercorrere la storia di una vettura dalla sua concezione alla sua commercializzazione, e lo percepisco come una "vittoria". Stessa cosa per 3+1 ad esempio. Nella 500 vedo la concretizzazione di quel percorso. Viceversa vedere una Fulvietta 2003, una quadrifoglio 4C, mi spezza il cuore, perché vedo qualcosa che si è deciso di abortire, un binario morto, un qualcosa con un estremo potenziale e poi soffocato, un'ennesima occasione persa. Ovviamente il problema è mio che guardo la cosa con animo troppo emozionale e non riesco a entrare nell'ottica della filosofia dell'HUB. Probabilmente mi sentirei più a mio agio nell'analogo della VAG, per cui riuscirei a controllare la parte emotiva e non proverei pena per un modello abortito, sentendomi come fra gli scaffali di un qualsiasi euronics.
  7. Caspita! Almeno nell'incidente tra il Transporter e la Panda si intuisce come siano andate le cose. In quello dell'Audi la macchina sembra essere stata appoggiata sul tetto del Ducato. All'avanguardia della tecnica?
  8. Quindi questo fatto del sistema di diagnosi solo online si aggiunge alla cospicua lista dei motivi per non acquistare un'Alfa Romeo Giulia, giusto? Ora bisogna solo attendere che passi qualcuno di AutoBild e AMuS per ufficializzare la cosa.
  9. In risposta a nucarote. Questo è vero e lo condivido, come purtroppo è vero che gran parte dell'esposizione e divisa fra "Questo è quello che potevamo fare ma non abbiamo fatto perché eravamo impegnati a mettere il filetto giallo sulla Giulietta" e "Questo è quello che eravamo nelle competizioni e non lo siamo più". Ovviamente lo dico in chiave amara e addolorata. - Mito + 4C
  10. Cioè mai, giusto? Chiedo ai più "esperienziati" del forum: quale sarebbe stata la "croce" della Duna: l'estetica, l'affidabilità o entrambe? Si può paragonare il trattamento dell'opinione pubblica e della stampa nei confronti della Duna a quello riservato alla Multipla di Giolito? A proposito di Heritage Hub, cosa ne pensate voi di esporre in un ambiente del genere anche prodotti non riusciti? Io credo che con il giusto "atteggiamento" autoironico e sottilmente nostalgico di tempi più alla "pane e salame" si possa esporre anche un modello che che è stato un vero e proprio colpo a vuoto commerciale come exemplum di ciò che deve essere evitato nell'esecuzione e commercializzazione di un'automobile.Teoricamente un eventuale pubblico potrebbe trarre insegnamento da anche dagli insuccessi, senza ricorrere all'oscurantismo "medievale" e al negazionismo. Parlando di pancia, fa molto più male vedere esposte in maniera sfacciata le due 4C quadrifoglio, ancora fresche di fabbrica e chissà per quanti anni protagoniste su autopareri e Co. di discorsi del tipo: "Ahh se l'avessero fatta, vergogna!" (ed a ragione, aggiungo). Idem per Lancia Fulvia 2003 di Manzoni e Fiat 500 2011 Zagato, che creano (a me personalmente) bruciori di stomaco di ciò è stato pensato ma non realizzato. A proposito di bruttezze condivido un vecchio manifesto pubblicitario della Multipla, che con ironia si prendeva gioco della valanga di critiche ricevute e le "rispediva" al mittente.
  11. Io ci vedrei bene anche un esemplare di Fiat Duna, giusto per redimerla da una Damnatio Memoriae ingenerosa e non del tutto giustificata.
  12. Spero che la sezione sia giusta per parlare e discutere di questa notizia e soprattutto delle relative immagini. Mi riferisco all'incidente occorso alla sciatrice italiana Sofia Goggia domenica scorsa, 7 aprile "La sciatrice azzurra, nel tentativo di evitare un'autovettura che ha improvvisamente frenato davanti a lei, è uscita di strada e le immagini raccontano il grande rischio per la campionessa olimpica: la sua macchina è infatti finita completamente sopra un furgone, ma per fortuna nessuno ha riportato alcuna conseguenza fisica." La domanda è molto semplice: quale può essere stata la dinamica dell'incidente secondo voi? L'auto è praticamente (almeno apparentemente) senza danni gravi e sembra essere semplicemente appoggiata sul tetto del Ducato. Ho pensato che fosse scivolata dalla scarpata alla sua destra, ma non ci sono segni di scivolamenti sulla neve. Sicuramente la cosa è più semplice di quel che sembra, però davvero non me lo riesco a spiegare e credo sia interessante condividere la cosa assieme a voi del forum. P.S. ricordo che in un topic si parlava dell'effetto trampolino in alcuni tipi di incidenti che riguardano certi tipi di vetture. Se si ritiene utile, si potrebbe spostare il topic lì.
  13. Commento di pancia: certo che essere "fan" prima di Fiat e poi di FCA e seguire con interesse e passione la sua storia è come tifare per la Roma: MAI UNA GIOIA, ogni giorno una goccia di sofferenza e un peso sullo stomaco Detto questo sono stato sempre un estimatore di questo progetto fin dal suo esordio nel luglio 2010 sul cinquino. Confidavo nella versione aspirata da 964cc - 65cv in sostituzione del mitico FIRE (anche per il mercato italiano) e almeno in una versione ibrida come da filmato istituzionale, invece sono rimasto con l'amaro in bocca per una storia rimasta a metà e messa ai margini. Non escludo che più avanti possa ricevere una riconsiderazione per il coraggio e l'iniziativa profusi in questo progetto. P.S: Il piccolo turbo da 875cc non avrà mantenuto le promesse in termini di consumi, ma sicuramente è alquanto godurioso da guidare.
  14. Caspita, relegata nei sotterranei, come il bambino deforme del film Phenomena di Dario Argento. Speriamo che affianco alla Kamal non ci mettano pure la Tonál. Comunque questo posto è come aver scoperchiato il vaso di Pandora...esce fuori di tutto. Nel mito greco l'unica cosa che rimase nel vaso è stata l'Elpis, cioè la Speranza. Ecco, speriamo bene.
  15. Il "coso" verde limone sembra essere un Qubo, ma allo stesso tempo mi sembra troppo lunga la coda e diverso il montante del parabrezza, troppo curvo. Lo conosco abbastanza bene dato che ce l'ha mia madre e non riesco a rivederlo. Capitolo Alfa: la Kamal non si vede in queste immagini, giuato? Che voi sappiate sta ad Arese?
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.