Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

tomhagen

Members
  • Content Count

    400
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

110 Excellent

About tomhagen

  • Rank
    Giovane Promessa
  • Birthday 03/20/1983

Profile Information

  • City
    Torino
  • Interessi
    auto, musica
  • Professione
    Giornalista quasi pubblicista
  1. Comunque adesso basta, le ultime frasi sul fatto che se se ne va via Taurus Autopareri diventa un covo di antifiattari mi sono cascate le braccia (per non dire altro). Senza contare poi l'epuratore Viva l'Italia che ad ogni suo topic diceva di chiudere. Ringrazio Albizzie per aver capito (anche se non era d'accordo, è quella la differenza tra lui e alcuni di voi) il problema che volevo porre. Ma ora, se non vi dispiace, me ne vado definitivamente per la gioia di alcuni di voi. Gli stessi che mi hanno rotto i c..........i in questi giorni. Cordiali saluti Tomhagen P.S. Ci ho provato.
  2. Se avessi letto veramente il topic avresti capito due cose: 1) il mio primo sfogo riguardava il fatto che me ne voglio andare perchè non ce la faccio più delle cazzate di Taurus, non ho mai voluto che lui se ne andasse 2) nel secondo sfogo si parlava del fatto che i mod spesso usano due pesi e due misure nei confronti degli utenti, e quando parlavo di bannare qualcuno lo dicevo solo come alternativa al chiudere completamente una discussione.
  3. Mi sbaglierò ma nelle parole del Fusi non c'era uno sfogo contro determinati forumisti ma contro i privilegi con cui alcuni vengono trattati. Il succo del discorso di Leo era "C'è un regolamento nel forum, perchè per alcuni c'è maggiore libertà di opinione mentre per altri si viene bannati ad ogni minima cosa?". Questo è l'argomento del discorso e se il forum diventerà un processo ad un forumista non è necessario chiudere l'intero topic (come tu invece speri e attendi) ma basta impedire a colui che ha iniziato il processo di parlare, e proseguendo così nei confronti di tutti gli altri che non rispetteranno l'argomento prefissato.
  4. Mi è parso strano vedere che dopo l'intervento de Il Fusi il mod Stev66 abbia subito chiuso il topic dicendo che era sufficiente. Siccome a mio parere (e non solo mio) la discussione stava toccando argomenti importantissimi senza scendere nelle offese e negli insulti ritengo che la cosa migliore sia ripartire da dove ci si era fermati e da dove nessuno ha potuto più replicare, dal messaggio de Il Fusi. Ora si parla di questo, per cui non è più OT. Cordiali saluti P.S. Nel caso qualcuno alzi (o cambi) volontariamente i toni della discussione per far sì che venga chiusa chiedo espressamente ai mod di bannare questo qualcuno invece che chiudere. Il topic precedente in una giornata ha fatto intervenire 19 persone diverse ed è stato chiuso, ci sono topic pieni di litigate personali di Taurus che girano senza sosta. P.P.S. Risposta a Leo: lascio per via del sangue marcio, quantità aumentata oggi vedendo i vostri commenti sui "due pesi e due misure" dei mod. Io capisco bene lo sfogo di chi ha messo su il topic......... ricorderanno tutti che per "fastidio" di un altro frequentatore del forum (che poi guardacaso le corna se le è rotte lui e via c'è andato lui) dissi "me ne vado, sono gonfio"........ e ricordo anche lo sfottò di Betha23 che quando rientrai perchè di carattere a leggere le cavolate senza poter dire "sono cavolate" non ci posso stare, mi disse "ma non dovevi essere via? Che fai dici una cosa e ne fai un'altra?" E non posso che dar torto, dal mio punto di vista di persona sicuramente incazzevole, che si tiene a freno per creanza con sforzo e volutamente, ma che scema non è e che cerca la massima coerenza possibile, a chi dice che "parlare di uno o dell'altro è OT". La persona nel topic ha detto "quel tipo è infastidente, io me ne vado per quello". Mi pare quindi che le cose siano correlate....... e come qualcuno ha detto "i forum sono vari" e "nei forum non usare la ignore list che è praticamente una contraddizione in termini" allora si deve parlare, a mio parere, di tutto quello che viene in mente. Un topic è una traccia, che spesso abbiamo visto "trascendere", perchè il bello dei forum, per chi ha la testa di starci e di frequentarli, è quello di abbattere le barriere geografiche e farci sentire tutti come se fossimo dentro una stessa sala conferenze. Certo, vi è il mod. che riporta all'argomento della discussione, se è importante e se le digressioni portano via chiarezza alla discussione di cui al topic e che di base sta andando avanti. Ed in quel caso, come io chiesi + volte e venni accontentato (e ringrazio nuovamente), si tirano via gli interventi e si fa un nuovo topic. Vedo criticato anche l'operato dei moderatori........ ed anche questo non è OT, perchè i moderatori necessari nei forum, ovviamente, hanno parte delle responsabilità. Non mi va di accusare nessuno, vivaddio.... ho troppo rispetto per il lavoro altrui, sia esso concludente o meno ma se dietro ha dell'impegno, per farlo, non esprimo sentenze o giudizi. Ma mi sa che quà dentro la visione di moderatori è finalizzata e ferma alla "decisione salomonica", della serie "fusi e taurus piantatela". Questo lo può dire e fare anche un utente normale. Il moderatore, che taglia, cuce e banna, è nella possibilità di esprimere giudizi ed operare censure......... chiaramente se di fronte a una persona che parla, scrive ventimila messaggi, di cui alcune info di un certo genere, che di se ha dato una immagine professionale non aderente al vero, che forse manco lavora in azienda, cioè uno che si trova spesso nelle chat (dico chi voglio essere ma non dico chi sono), offende, quando poi di base non sai chi è, come si permette e via dicendo...... ebbene se dianzi a questo il moderatore non agisce..... bhè in questo caso il messaggio che esprime è che da parte di ragione o meglio che "gli sta bene" che questo avvenga. Ad ogni causa, un effetto. Non si prendono provvedimenti? Bene...... si prendono i pro e i contro come ogni cosa. Un moderatore non + mica il padreterno che ha la verità in tasca, eh........ è umano, può sbagliare, e gli va detto. Altrimenti se non vuol che si dica, bhè mi pare che si ritorni ad un clima che questo paese ha avuto per vent'anni e che cozza contro l'idea stessa di forum, che è di una liberalità greca decisamente + datata ma + moderna ed ampia.......... Comunque, il fatto che ci siano degli schieramenti è verissimo. Analogamente ci sono diverse ottusità. Chi rinfaccia che si stia dietro a dissertazioni (delle quali francamente e con licenza mi fotto altamente) riguardanti il passo dovrebbe forse vedere quanto il suo mentore l'ha menata ed ha scocciato sul passo........e dovrebbe anche capire che si fa troppo presto a dire "eh lasciatelo perdere". Perchè alla lunga, quanto uno stuzzica, è giustissimo che trovi il giusto "muro" contro cui sbattere la faccia. Il miglior disprezzo è la noncuranza......... vero....... ma anche se così facendo si da importanza, è anche vero che spesso un "vaff." glielo devi dare, altrimenti a suon d passare sotto silenzio e di "non curarsi", si fa sì la figura dei signori.....ma anche quella dei coglioni agli occhi di chi tale signorilità non la merita e forse manco arriva a vederla. Comunque Tom, evita di lasciare............. non perchè "ci perdi tu", ma perchè sicuramente fai un favore a qualcuno che tenta, senza che altri se ne accorgano, di omologare menti ed opinioni...... e questo oltre a non essere utile, non è GIUSTO. E questo già basta a motivare, per favore, la tua permanenza. Se dianzi a certe uscite e certi atteggiamenti (che io poi, come albizzie ti ho già detto in privato, non segnalo proprio niente, a me sta bene tutto, ma quando a un vaff io rispondo merda non è che devo essere "censurato" o warnato solo io, chiaro? O tutti o nessuno, ecchecazzo, mica duepesi duemisure!) chi controlla non si avvede o tace, da semplice utente pensante ed infastidito è tuo diritto non chinare la testa ed andartene, ma opporti senza altro che non il gusto di dire la tua....... perchè tanto di teste dure ce ne sono, nel mondo, e quindi anche nei forum, e ce ne saranno sempre. Abbandona, semmai, solamente se non hai tempo o se il sangue marcio che ingiustamente ti fai ti rovina troppo le giornate. Un saluto amichevolissimo. Leo
  5. Ricordo ancora il momento in cui me ne andai da Autopareri. Avevo saputo che Artemis e gli altri avevano lasciato definitivamente ed avevano creato un forum tutto loro. Li seguii più per affetto che per altro: non avevo litigato con nessuno e Fulvio non mi aveva (e non mi ha) fatto mai nulla di male. Cominciammo la nuova avventura con uno spirito libero, in un forum senza litigate e in cui non c'era bisogno della patente a punti per stabilire le regole. Ho dovuto temporaneamente abbandonare questo forum perchè un gruppo di hacker turchi ce lo ha sabotato e sono tornato qui per tornare a parlare di auto, mi mancava troppo. Ho provato a rimanere finchè ho potuto ma è difficile restare quando ci si trova a dover "combattere" tutti i giorni con gente come Taurus, o a dover leggere topic pieni di litigate e di gente che è convinta di avere la verità in tasca. Non riesco a parlare con chi è convinto di avere sempre ragione, preferisco farlo con chi ha delle opinioni e le esprime, senza per questo arrivare agli insulti. Ho passato questi giorni a sfogliare i topic precedenti e mi fa piacere sapere che comunque nel forum esiste un forte gruppo anti-Taurus. Ne farei volentieri parte ma sono dell'idea che continuando ad opporsi a lui gli sia dia solo più importanza di quella che merita. Ho letto delle frasi scritte da lui che col senno di poi si sono rivelate delle bestialità immonde, delle previsioni mai azzeccate e dei discorsi fatti con tale competenza da rasentare il ridicolo. Ho visto difendere un'Alfa che fa il WTCC e subito dopo un'Alfa che lascia il WTCC perchè il DTM è meglio. Ho visto una Fiat Sedici diminuire di quaranta centimetri nel corso di un mese e dei motori JTS che esistevano solo nel suo cervello. Purtroppo non riesco ad ignorare le sue cazzate come fanno molti altri sul forum, la mia "boccaccia" non riesce a stare zitta e, piuttosto che rendere questo forum ancora più conflittuale preferisco andarmene nell'attesa che i ragazzi di dazeroacento facciano ripartire al più presto il nuovo forum. Nei confronti di Taurus provo una profonda pena e gli insulti che mi passano per la testa non usciranno mai da lì, a differenza di quelli che usa lui per criticare le opinioni degli altri. Quando dice le sue previsioni mi sembra quel personaggio dei Simpson che faceva i pronostici sulle partite di football: Mister 52%. La differenza è che questo personaggio quando sbagliava il pronostico diceva "Quando sei Mister 52% vuol dire che per il 48% delle volte puoi sbagliare". Taurus non ha il coraggio di ammettere queste cose invece. E mi secca veramente passare le giornate a cercare di tirargli fuori qualche ammissione di colpa o a far capire agli altri che lui è solo un frequentatore del forum come tanti altri e la sua autorevolezza è la stessa di tutti noi, la sua maleducazione e la sua supponenza superano invece i confini del genere umano. Vi saluto, sperando che un giorno Taurus non trovi più nessuno che replichi ai suoi topic. Solo così capirà che le sue parole hanno lo stesso valore di una folata di vento e dopo un po' si stuferà di sparare cazzate. Cordiali saluti Tomhagen un semplice giornalista
  6. Ammetto il mio errore, a differenza di quello che fai tu di solito (te lo ricordi di quando dicevi che la Sedici si basava sul pianale della Gran Vitara e successivamente cambiasti di colpo opinione quando uscirono le foto che era lunga poco più di 4 metri?). Fatto sta che hai risposto solo a quello che ti faceva comodo, forse sei sordo perciò te lo ripeto 1) Come si chiama il responsabile ufficio stampa Fiat e qual è il suo soprannome? 2) Che vantaggio c'è in un accordo che permette a GM di utilizzare il Multijet solo in Europa quando negli altri continenti c'è un mercato ridotto?
  7. Scusarsi per cosa? Per aver affermato che la Fiat se voleva poteva benissimo gareggiare quest'anno ma ha preferito farlo nel 2007 quando le concorrenti del segmento B saranno di meno?
  8. Bè, due cagate in tre righe non è roba da tutti, specialmente da parte di uno che si spaccia come addetto ai lavori (a proposito, se sei nell'ufficio stampa Fiat saprai certamente il nome del responsabile (puoi trovarlo su Google), e il suo soprannome (quello no:-))...). 1° cagata - L'accordo Fiat - GM è del 2000, l'accordo Suzuki-GM del 2001, come mai la Suzuki usa il Multijet? Te lo spiego io: l'unica clausola dell'accordo riguardava il fatto che la Fiat aveva vietato espressamente di fornirli alla Daewoo. 2° cagata (stavolta non tua ma dell'azienda che rappresenti) - Il mercato Diesel ha il suo fulcro in Europa, per tutti gli altri continenti sono sottigliezze.
  9. Veramente su questo topic ha iniziato a postare prima Stefano che te e sei stato tu a criticare le sue affermazioni sull'alto di gamma segmento C.
  10. Da quando in qua i giudizi sono errati e fasulli? mah...
  11. Dati oggettivi 1) la 3 Coupè ha un baule più grande di quello della Gt Opinione personale 1) nonostante questo sulla 3 sto più comodo dietro Dati oggettivi 1) il 320 Cd è superiore al 1.9 MJ 150 come prestazioni, accelerazione e (soprattutto) consumi 2) il 330 è superiore al 3.2 come prestazioni, accelerazione e (soprattutto) consumi 3) La Gt però costa meno 4) la Gt 1.9 MJ fino a poche settimane fa era ancora Euro 3 Opinione personale 2) Io mi prenderei il 3 Coupè 3) Come linea la Gt mi piace meno, il frontale non mi fa impazzire così come il resto (a differenza delle altre Alfa)
  12. (notare la parola "oggettivamente") (Quattro aveva solo detto che a lui la Z4 Coupè piaceva moltissimo) (il fatto che abbiano fatto la plancia della 147 non significa nulla, nelle intenzioni alfa la GT doveva competere con la 3 coupè)
  13. 11 ottobre 2004 – LIBRI DI TESTO FAZIOSI Nei giorni scorsi ha girato per la rete una frase tratta da un libro di storia in cui vengono spiegate le differenze tra i governi di sinistra e quelli di destra. Questa citazione era assolutamente di parte (per la precisione dalla parte di destra) e perciò si sono scatenate polemiche e indignazioni in tutta Italia. In pochi però hanno replicato: ad esempio si sarebbe potuto dire che dagli anni Settanta ad oggi gli studenti italiani hanno convissuto con libri di testo scritti prevalentemente da uomini di sinistra in cui le frasi di parte erano molteplici, faziose e soprattutto false. “L’8 settembre 1943, nel vuoto di potere determinato dallo sfacelo dello Stato Italiano, furono uccise, soprattutto in Istria 500/700 persone. Per quanto gravi, quei fatti non corrispondevano però a un disegno politico preordinato: essi furono piuttosto la conseguenza di uno sfogo dell’ira popolare sloveno-croata contro gli italo-fascisti, paragonabile alla strage di fascisti perpetrata nel Nord Italia dopo il 25 aprile, nella quale certo non intervennero motivazioni etniche di nessun genere." […] (Elementi di storia – XX secolo – A.Camera e R.Fabietti). Leggera dimenticanza: i soldati di Tito nel periodo delle foibe uccidevano gli italiani perchè tali, se questa non è pulizia etnica… “ Noi non abbozzeremo un bilancio degli "infoibati" e dei soppressi in vario modo e in varie circostanze, in primo luogo e soprattutto perché le cifre fornite dalle varie fonti sono disparate e malcerte; in secondo luogo perché l’abitudine invalsa di usare come argomento politico il cumulo dei cadaveri gravante sulla coscienza di questo o quel partito ci sembra disgustosa." (id.) Ovvero, come nascondersi dietro ad un dito… " I partigiani esercitarono le rappresaglie sempre e soltanto sui nemici nazisti e fascisti fatti prigionieri, non mai sulla popolazione civile, neppure quando questa si dimostrava attesista e opportunista.” (id.) Andatelo a dire al fratello di Pierpaolo Pasolini, membro della brigata partigiana cattolica “Osoppo”, trucidata dalla brigata partigiana comunista “Garibaldi” a Malga – Porzus il 7 febbraio 1945 solo perché non voleva annettere territori italiani alla Jugoslavia di Tito. " Al terrorismo nero si salda presto il terrorismo che si dichiara rosso e proletario, ma che in realtà matura in ambienti universitari e piccolo borghesi e consegue, oggettivamente, gli stessi risultati del terrorismo nero, cioè genera tensione e disordini, dai quali può nascere solo un’involuzione reazionaria di ispirazione fascistoide." (id.) Ricapitoliamo: dato che il terrorismo rosso era nato negli ambienti borghesi e perciò è anch’esso fascista. Secondo questo ragionamento anche il pacifismo è fascista in quanto la maggior parte dei suoi componenti proviene dalla borghesia. " La volontà di cambiamento e la protesta contro la partitocrazia e contro il consociativismo si espressero anche nei consensi relativamente numerosi ottenuti dal Movimento Sociale Italiano (5%) […] Notevole fu invece il successo ottenuto da Rifondazione Comunista (6%), da interpretare però non come protesta contro il sistema dei partiti, ma come rifiuto della società esistente e come espressione di fedeltà ai vecchi ideali della lotta proletaria." (id.) No comment. “Proprio una maggiore capacità di aggregazione e una maggiore credibilità dei candidati aveva consentito allo schieramento di centro-sinistra di riconquistare nelle elezioni amministrative della primavera-autunno 1997 la guida di molti altri centri come Torino, Roma” (Manuale di storia 3 – L’età contemporanea – A. Giardina, G.Sabbatucci e V.Vidotto Ed. Laterza) Una campagna elettorale pubblicata su un libro di testo come un dato di fatto. "La politica staliniana in tema di nazionalità comunque non fu solo di carattere repressivo. Bisogna tener conto che, nella lista dei popoli perseguitati dal regime, compaiono solo etnie nettamente minoritarie, spesso isolate nella loro zona di insediamento." (L’età contemporanea – Il Novecento e il mondo attuale – P.Ortoleva, M.Revelli, Ed. Bruno Mondadori) Ecco a voi il migliore di tutti i testi faziosi, il capolavoro: morale della favola, ammazziamo tutte le etnie isolate, tanto sono solo minoritarie. "L’avvento di una dittatura in Germania non costituiva per l’Europa una novità assoluta, visto che analoghi movimenti totalitari o dittatoriali si erano venuti nel frattempo insediando e consolidando anche in altri Paesi come in Italia con Mussolini, in Spagna con Primo de Rivera, in Portogallo con Antonio Salazar, in Grecia con Joannis Metaxas, in Austria con Engelbert Dollfuss, in Romania con Jon Antonescu e in Turchia con Mustafà Kemal Atatürk, fondatore della repubblica turca da lui retta con poteri dittatoriali sino alla morte.[…]" (Popoli e civiltà 3 – A. Brancati) E Stalin? “Nel corso degli anni settanta l’attacco allo Stato fu però sferrato anche da un estremismo di segno opposto. Al terrorismo nero, già operante, si aggiunse il terrorismo praticato da organizzazioni clandestine che si proclamavano "comuniste" (Nuclei Armati Proletari, Prima Linea e soprattutto, Le Brigate Rosse)". (id.) Si proclamavano? Anche i nazisti al processo di Norimberga si proclamavano innocenti…
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.