Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Waterland

Members
  • Content Count

    1,934
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

189 Excellent

3 Followers

About Waterland

  • Rank
    World Championship Winner
  • Birthday 11/20/1986

Profile Information

  • Car's model
    Jazz
  • City
    Padova
  • Interessi
    Leggere, scrivere, tecnologie a livello non troppo elevato

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Buonasera a tutti! Come state? Vi scrivo per raccontarvi un po' della mia situazione lavorativa. Da 8 anni (quasi 9 ormai) sono impiegato (ufficio vendite) nella stessa azienda (produzione: settore gomma/plastica). Il lavoro sicuramente mi piace e grazie a una certa dose di impegno mi sono riuscito a ritagliare una professionalità riconosciuta ed un buon rapporto con la clientela. L'ambiente di lavoro, almeno fino agli ultimi tempi, è stato senza dubbio positivo e l'azienda "viaggia" bene: questo è il primo anno di flessione dopo 7-8 anni di crescita ininterrotta, tant'è che qualche anno fa siamo stati acquisiti da un grosso gruppo internazionale. Fortunatamente di lavoro ce n'è e di occasioni per imparare ce ne sono, ma sopratutto è stata rispettata la mia particolare esigenza (MOLTO in contrasto con la mia formazione, visto che sono laureato in lingue e lavoro nelle vendite) di rimanere interno (quindi lavoro in ufficio con limitatissimo numero di trasferte). Il vero problema è che nel mio ufficio non ci sono possibilità di crescere, da quando sono stato assunto zero adeguamenti. Lo stipendio in sè non è male ma ho 70km di strada al giorno da fare (usura dell'auto + relative spese) e mi aspettavo almeno uno scattino, invece zero. Ho avuto 3 proposte di cambio mansione internamente ma per vari motivi le ho respinte (pur felice di averle ricevute in quanto dimostrano senza dubbio fiducia nelle mie capacità). Premessa: Congiuntamente alla contrazione del mercato tedesco che ha impattato sul Ns. fatturato, abbiamo avuto un cambio nella direzione commerciale. La figura precedente, in oltre 15 anni presso la nostra azienda, si è distinta per spiccatissime doti di leader: dava l'esempio lavorando come un pazzo e ti toglieva tanto lavoro perchè voleva farlo lui in prima persona. Il rovescio della medaglia è che l'eccessivo accentramento toglieva spazio allo stile personale di ciascun dipendente e dovevi pertanto lavorare sempre e solo secondo protocollo. Ma gli volevamo bene e spesso, quando c'erano situazioni difficili, difendeva a spada tratta il suo team. Il nuovo direttore viene da una realtà estera molto più grande e, nella fase iniziale, ci ha sedotti tutti con un profilo umano assolutamente amichevole (intendiamoci: umanamente è una brava persona). Si è presentato dicendo che avrebbe lasciato molte più libertà individuali e fissando a cadenza regolare meeting individuali con ciascuno di noi al fine di monitorare il polso della situazione. Peccato che la molta libertà si sia tradotta in un interesse molto blando per il daily business cioè per il modo in cui ognuno di noi riempie la propria giornata lavorativa. Conseguentemente questa persona non ha e non può avere un'idea dei carichi lavorativi di ognuno. I meetings individuali si sono rivelati un riconfezionamento in separata sede delle stesse cose ed il riportare con modifiche convenienti (questo per me è gravissimo) le quali hanno causato, a volte, baruffe incredibili tra noi sottoposti. La ciliegina sulla torta è stata la promozione di una persona nel mio ufficio, indubbiamente esperta (per anzianità di servizio) ma da molti(ssimi) ritenuta totalmente non idonea alla posizione per mancanza di doti umane e tecniche. I più maligni dicono che la promozione derivi dal fatto che sia la "spia" del capo. Un mio collega, tra i più preparati sul prodotto, si è licenziato per andare in un'azienda concorrente, deluso e frustrato da questa situazione e altamente avvelenato dalla promozione ricevuta da chi (a detta di tutti) non fosse idoneo. A suo discapito in quanto, probabilmente, la sua figura era la più indicata per coprire tale ruolo. Per quanto mi riguarda io ho rifiutato nell'ordine di cambiare ufficio e di passare nei seguenti ambiti: Acquisti (3 anni fa): è l'unica posizione che accetterei se tornassi indietro, ma al momento in cui mi è stata fatta il nuovo capo era appena arrivato ed ero ancora sotto "incantesimo" per cui speravo che ci fosse la possibilità di crescere insieme. A mitigare il rimpianto è arrivata una collega (responsabile acquisti) a cui voglio un sacco di bene e sicuramente bravissima. Produzione: Qui, nonostante, l'idea di cambiare ufficio (il clima nel mentre si era già abbondantemente avvelenato) fosse sicuramente attrattiva e conoscessi già molti elementi che mi avrebbero aiutato nel mio nuovo lavoro, alla fine della fiera (con uno scatto di livello in più) si sarebbe trattato essenzialmente di data entry. E, rispetto ad un lavoro commerciale dove hai diversi elementi di "creatività" in più non ho visto un progresso nella qualità della mia vita lavorativa. Tanto è che è stata assunta una giovane diplomata (a cui auguro il meglio) nel ruolo. Tecnico/commerciale: In sostituzione del collega di cui sopra. Questo, in realtà, mi sarebbe piaciuto un sacco farlo perchè a me, tecnicamente, il Ns. prodotto piace un sacco. Il problema è che in questo momento io sono saturo e ho visto, sia nel ricevimento della proposta che nei presupposti una TOTALE mancanza di programmazione che sarebbe andata sicuramente a mio discapito. Sostanzialmente, dopo l'annuncio dell'addio del mio collega, nemmeno il tempo di tornare alla scrivania che il capo mi propone di prenderne un posto sostituendo le mie lacune di base (un umanista che dovrebbe sostituire un ingegnere dei materiali) con qualche lezioncina con i tecnici "canonici" perchè "tanto, oltre a quello che già sai, basta un lavoro spannometrico per decidere cosa passare in ufficio tecnico e cosa scazzare internamente". Peccato che il lavoro del collega non si riducesse a questo, ci sono numerosissimi altri aspetti che NON sono stati considerati. Senza contare il mio lavoro attuale. Chi lo fa? Ad inizio dell'anno mi è stata affiancata una collega affinchè mi sostituisse completamente in un settore di mercato. Dopo un anno il "passaggio" non arriva al 50% per mancanza di attitudine di questa persona. Situazione denunciata più volte da me e dalla mia responsabile in quanto, nel mentre, ci è arrivata una carrettata di clienti nuovi da seguire. In pratica mi sono visto tra due martelli: Il lavoro "vecchio vecchio" il lavoro "vecchio" e il lavoro "nuovo" più il lavoro "nuovo sommerso" a cui il capo sicuramente non aveva pensato. Il tutto senza una proposta di crescita nero su bianco. Ho rifiutato, diventando il signor no. Purtroppo, questa mancanza di opportunità che non siano buttate lì mi pesa. Molti colleghi mi hanno detto di accettare e poi "bucare" come sta facendo la collega affiancata a me ma non mi sembra da persone responsabili. In più il primo anno di flessione nei risultati e la globale sfiducia verso l'attuale capo rendono il clima pesante. Alla fine son finito per fare quello che TonyH consigliava di NON fare 4-5 anni fa: lavoro al 100% ma alle 18.00 scompaio. Sempre e sistematicamente lasciando tutto lì. Mi è fisicamente difficile trattenermi oltre. Parallelamente sto cercando di fare lo stesso lavoro più vicino a casa ma il paletto che metto (non voglio viaggiare - poca flessibilità di orario) mi rendono le cose difficili. Senza contare che nell'azienda in cui sono ci avevo investito parecchio. Mi spiace davvero uscire. Ma il clima ormai è velenosissimo e tutte le persone capaci che non hanno vincoli di famiglia, figli, vicinanza a casa, mutui... vogliono scappare...
  2. Verissmo ma, lasciatelo dire, lo trovo un po' irrispettoso verso quelle persone che hanno comunque voluto seguire le proprie inclinazioni e magari hanno comunque portato a casa con impegno una laurea, anche se poco spendibile. Da laureato in materia umanistica (fortunatamente con un lavoro) sono consapevole che avrei potuto iscrivermi a una facoltà più spendibile nel mercato del lavoro. Ma non mi sarebbe piaciuto, trovo che per studiare con profitto un minimo di interesse e di INCLINAZIONE verso quello su cui investirai degli anni di vita lo devi avere. Altrimenti che ripercussioni potrà avere questa cosa sulla tua vita, se non ripercussioni negative?
  3. E sticazzi? O meglio "e i cazzi tuoi?" (rivolto all'immaginario commentatore ovviamente). Io cerco sempre di stare sotto le 20 ore di straordinario mensili. Se son fortunato sotto le 15. Se qualcuno mi fa commenti di quel tenore me ne frego altissimamente.
  4. Rispondo a tutti, in particolare a Sandro che credo abbia centrato il punto: E quindi? Io, di fare il Braveheart della situazione non ho intenzione. Mi secca moltissimo vedere alcuni colleghi con più anzianità di servizio avere mano libera e fare orari standard, mentre io mi becco il caricone "perchè sono bravo" senza che questa bravura si traduca in qualcosa di più di complimenti verbali. Io, se devo rimetterci io con orari e salute mentale, me ne frego dei clienti e sono pronto a bucare tutte le scadenze (anche se mi spiace un po') se questo può servire a fare quel "botto" che magari spinge le più alte sfere (più alte del mio responsabile) ad esaminare la situazione. Solo che non so quanto possa convenire arrivare al muro contro muro... Io non ho questa disponibilità. Anche perchè ho altri impegni oltre al lavoro e, per quanto mi riguarda, non esiste che li trascuri. Può essere che 1-2 giorni definiti faccia straordinario per uscire prima il giorno dopo, ma farlo regolarmente assolutamente no, piuttosto buco la scadenza. Il problema è che molto spesso i clienti si incazzano e quindi la baruffa si sposta internamente.
  5. Riesumo questa discussione per chiedere la vostra opinione circa una situazione un po' spiacevole che è in essere già da un po' ma si sta esacerbando al rientro dalle ferie (con i relativi arretrati). Fondamentalmente mi sono ritrovato una mole di lavoro immensa con scadenze sostanzialmente fantascientifiche. Considerando il volume del daily business (le pratiche che arrivano normalmente ogni giorno) non riesco nemmeno a fare una stima di quando sarà possibile recuperare il vecchio ed allinearsi al nuovo. Credendo di agire responsabilmente ho fatto presente la cosa al mio responsabile ma mi sono preso di maniavantista e che i clienti non possono accettare i nostri tempi. Alcuni miei colleghi (di altri reparti) ne fanno un punto di orgoglio e fanno notte per recuperare. Io non ho nessuna intenzione di farlo. Inoltre, chiedere aiuto ad altri colleghi di pari mansione ma che seguono altre aree di mercato è fuori discussione perché "non possiamo farci vedere in difficoltà/inefficienti/deboli ecc". Io, sinceramente mi sono abbastanza rotto le scatole. Mi sto beffando un carico di lavoro pesantissimo perché normalmente sono abbastanza rapido ed efficiente, ma credo che ormai si stia andando OLTRE. Qualche volta ho fatto anche io i miei straordinari pesanti, ora non contemplo la possibilità specialmente per ammortizzare i colleghi molto più lento e comodi all'uscita (è il responsabile che assegna i compiti e me ne becco molti perché non sono così). Sarei tentato di fare le cose in modo più cadenzato in maniera tale da bucare tutte le scadenze e far sì che FORSE l'azienda prenda il toro per le corna di fronte al problema. Non è detto. È detto però che io non reggo più il carico e le scadenze che ho. Non sono male organizzato, è troppo ed è affidato solo a me. Assodato anche che le maratone di straordinario non ho intenzione di farle. Piuttosto il cliente si prende il ritardo...
  6. Pappataci, confermo. Capita anche a me quando vado in campagna da parenti. Dubito siano tafani in quanto non hanno problemi di volo e sono di dimensioni tali che è impossibile non vederli
  7. Se il tetto fosse più alto (ma in realtà degli spazi interni più ariosi nella loro totalità) la prenderei immediatamente.
  8. Plasticaccia a vagonate. Ma per il target di prezzo cui punta non poteva essere diversamente, è sempre stata la filosofia Ford di avere un po' di tutto a un livello medio/accettabile abbinate ad una meccanica che fa il suo e soddisfa chi ricerca il puro utilitarismo. Migliora rispetto all'abominio precedente ma le auto belle sono altre.
  9. Esteticamente molto riuscita, TRANNE, le lacrime a LED che non ci stanno proprio. Il posteriore è la parte che più mi piace, forse il più riuscito che vedo su un nuovo modello dal 2016. Chissà se la meccanica sarà all'altezza o se si porta dietro le magagne della serie precedente.
  10. La trovo bellissima... Ed il family feeling che stanno creando intorno alla lettera J forse è l'operazione di marketing più riuscita del decennio.
  11. Un buon compromesso qualità prezzo è il P8 lite 2017. Se no vai di one plus.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.