Jump to content

Memphis85

Members
  • Posts

    458
  • Joined

  • Last visited

About Memphis85

  • Birthday 09/13/1985

Profile Information

  • City
    Patavium
  • Professione
    Addetto stampa Aprilia Racing

Contact Methods

Memphis85's Achievements

Giovane Promessa

Giovane Promessa (4/8)

111

Reputation

  1. Portimao WSBK Test – Unofficial times (no transponder) 1- E.Laverty (Aprilia) 1'42.8 2- J.Rea (Honda) 1'42.9 3- J.Lascorz (Kawasaki) 1'42.9 4- L.Haslam (BMW) 1'43.2 5- M.Berger (Ducati) 1'43.3 6- T.Sykes (Kawasaki) 1'43.3 7- A.Badovini (BMW) 1'43.4 8- M.Melandri (BMW) 1'43.7 9- B.McCormick (Ducati) 1'44.2 10- M.Fabrizio (BMW) 1'44.4
  2. Si è trattato di un matrimonio combinato, dopotutto. Rossi NON aveva una moto per il 2011 alle sue condizioni economico/tecniche. Ducati sta impostando da qualche anno una attività di marketing in stile BMW che va ben oltre il valore del mezzo, diciamo che sta cercando (riuscendoci, sembra) la premiumness. Dorna ha forte interesse a trovare una sella, possibilmente non Suzuki o Suter, al vero diamante della sua collezione. Come ha già detto qualcuno, i risultati erano prevedibilissimi a chiunque avesse un minimo di competenza.
  3. Concordo. Oltretutto soluzioni che in ambito stradale possono essere considerate efficaci (bicilindrico, traliccio, monobraccio) in ambito MotoGP devono per forza essere modificate in favore di tecnologia più spiccatamente racing. Non mi sembra che Honda abbia mai commercializzato un V5, e nemmeno un V4 per la sportiva di punta. Non si tratta di copiare i jap, semplicemente di optare per scelte indubbiamente favorevoli. Quanto allo sviluppo di un perimetrale, non sono così certo che una struttura in carbonio con motore portante sia stata meno impegnativa, anzi!
  4. Ok, ma si sarebbe potuto virare verso una soluzione in alluminio tradizionale, ovvero un telaio che quantomeno collegasse asse sterzo e zona forcellone, anche se poi (eventualmente) il forcellone stesso poteva essere infulcrato direttamente sul basamento. Quello che non condivido, così a naso, è la scelta di demandare al motore la quasi totale funzione portante. Secondo me una soluzione con motore stressato ma telaio vero avrebbe portato meno problemi di sviluppo/setup. A dire il vero avrei preferito un classico doppio trave in alluminio, pur da estimatore stradale del traliccio, ma tant'è...
  5. Attenzione, perchè quando si parla di motore portante non si deve cadere nell'assioma automobilistico nel "rigido è meglio". In una moto, al contrario, la gestione delle flessibilità, sia di telaio che di forcella (attraverso le piastre) che di forcellone, è essenziale per rendere il mezzo guidabile. Una soluzione con motore portante ha indubbiamente del potenziale teorico, solo che a me quel "blocco" insostitutibile tra cannotto di sterzo e perno forcellone lascia più di qualche dubbio. La scelta poi di realizzare il semi-telaio in carbonio porta anch'essa altre rogne, quali i tempi necessari a sviluppare e realizzare una struttura con caratteristiche diverse. Secondo me, in questo caso, si è fatto il passo più lungo della gamba. Ducati sta scoprendo di avere delle ottime idee ma, come sempre, servono tempo-teste-soldi in quantità industriale per renderle davvero efficaci.
  6. Ok, questo è quello che (giustamente) viene detto. Però, siccome mi sembra di capire che sei uno attento, avrai notato che il cosiddetto nuovo telaio non è nulla di rivoluzionario, lo confermano i distacchi e la potenziale posizione al netto del Sic-gate. Un telaio nuovo, veramente modificato, totalmente diverso come reazioni e rigidità con l'obiettivo di migliorare un certo problema (in questo caso feeling davanti) non è roba da 3 settimane, checchè ne dicano Meda o Guareschi. Oltretutto nessun pilota, Rossi compreso, ti dice che devi lavorare sul telaio piuttosto che sulla forcella. Sono favole. Il pilota segnala il problema, gli ingeGNieri decidono come operare per assecondare il pilota e gli fanno provare: se il responso è ok il cerchio si chiude, sennò riparte il loop. Ma se non ho tempo/soldi/voglia di farti un nuovo telaio, ti faccio provare la nuova piastra di sterzo e "vadaviaelcùl"
  7. In periodo di caccia alle streghe ci sta che tornino in auge argomenti come Laguna. Sorpasso fuori dalla pista=sorpasso irregolare, ma si fece finta di niente. Questo conferma che la legge non è uguale per tutti, il che è pure logico, ma non mi vengano a fare il piagnisteo da finti tutori della legge... Il discorso è diverso. Non giocano certo a perdere, è ovvio. Ma non hanno mai avuto la possibilità di proporre e realizzare velocemente modifiche sostanziali (es. telaio pesantemente rivisto) perchè Ducati non è Honda, ma nemmeno Yamaha. La bolla sta in piedi adesso per l'effetto-46. Purtroppo lo so bene! I dati di vendita però non dicono nulla, perchè bisogna considerare da dove provengono i clienti. Perchè il cliente fidelizzato ed amante del marchio rimane con te per x anni comprando x moto, il cliente da "Monster col 46" è legato semplicemente al personaggio. Se poi vuoi semplicemente alzare il valore del brand in ottica vendita di tutta la baracca, ok, basta dirlo
  8. Riguardo il pugno (che poi vabbè, RdP nemmeno si è mosso, comunque): ma se dePuniet non si è lamentato e si è assunto anzi le sue responsabilità, dimostrando tra l'altro di essere un signore, perchè dovete farlo voi? Ho visto scrivere cose che farebbero impallidire Obama, del tipo "Stoner non doveva neanche partire". Forse è vero, ci siamo tutti infighettiti un pò troppo. Poi ci lamentiamo se qualcuno più sveglio ci fa le scarpe (piccolo OT, spero non crei problemi).
  9. Il "muro contro muro" nasce solo perchè dopo aver insultato per tre anni un pilota, dicendo che la Ducati nelle mani giuste sarebbe stata imbattibile, ora un pò di rivalsa mi sembra giustificabile. E i tifosi di Rossi, chi più chi meno, questo l'hanno sempre detto. A me pare che VR, conscio della situazione, stia andando veramente coi piedi di piombo. Cosa che Stoner, per indole, non riesce a fare. A questa storia non ho mai creduto, e mai crederò. Ma è una mia opinione, accetto la tua. Vedi due punti più su. Quindi a farla andare era il pilota. Altrimenti ci si contraddice quando si segnala che la moto non ha subito grosse modifiche. Fosse solo Mediaset non ci sarebbe da preoccuparsi. Il problema è un intero MONDO che pompa Rossi, facendo scomparire o ridimensionando imprese almeno altrettanto degne di discussione. Il pilota migliore ha sempre la moto migliore. Non lo dico io ma Agostini. A me sembra che MAI una squadra ha stavolto la propria moto, comunque competitiva, per assecondare le esigenze di un pilota. Tranne Yamaha 2004 e Ducati ora e 2012. Guardacaso. Mancanza di feeling all'anteriore, che CS lamenta da un paio d'anni. Solo che a lui hanno detto "t'attacchi". Ducati non ha mai preparato soluzioni pesantemente diverse durate la stagione: le indicazioni convergevano nel progetto dell'anno successivo. Quindi se una moto nasce male... amen. Io non sono un tifoso da "chi piscia più lontano". Però mi sono emozionato nel 2007, da ducatista. Ora invece non mi emoziono, anzi, mi mastico le unghie a vedere come una azienda conosciuta da sempre per una certa mitica parvenza di "celodurismo" sia ormai in preda al delirio commercial-marketing. Sarò nostalgico, sarò estremista, fate voi.
  10. Entrambi! E' un pò come dire se il rosso della GP11 di Valentino Rossi sia dovuto a Ducati o a Marlboro, idem per Ferrari. Il leone è sia un simbolo di Aprilia (San Marco, Venezia, ecc ecc) sia di MS.
  11. Usare Google per “violare” un sito militare
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.