Jump to content

Unperdedor

Members
  • Posts

    3,110
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    45

Posts posted by Unperdedor

  1. È appena uscito il video di Metcalfe che prova la Artura. Ne parla come la diretta concorrente della 296, e anzi fa capire che dato che fra le due che ha provato ci sono 150.000 sterline (!) di differenza, la McLaren potrebbe essere persino preferibile. Ovviamente è una test parziale, avendole provate entrambe solo sulle B roads inglesi, dove la Artura mostra a suo dire uno sterzo migliore. Immagino però che nel complesso la 296 sia un animale del tutto differente. 

    Oltretutto ho appena visto un video di TheCarGuys in cui fanno una classifica del deprezzamento delle supercar. Le Ferrari mantengono un buon valore, mentre in cima alla classifica ci sono le McLaren, che sprofondano di valore in modo catastrofico (insieme alle Aston) anche a causa della loro discutibile affidabilità. Penso che @poliziottesco possa confermare. 
     

     

  2. 9 minuti fa, poliziottesco scrive:


    Assolutamente, capolavoro

    tecnico assoluto. Non solo giornalisti e tester, tutte le persone con cui ho parlato che l’hanno provata in vista di un acquisto, hanno detto semplicemente che la sportiva migliore che abbiano mai guidato (sono già possessori di supercar, Porsche GT etc…). 
     

    Peccato che abbia quella faccia un po’ così 😅


    Io la adoro anche esteticamente, proprio per la sua estrema pulizia delle linee. 
    E comunque considerando che è praticamente la prima della sua specie, tecnicamente fa veramente paura. Se questo è il punto di partenza dove possono arrivare?

    • I Like! 3
  3. Un altro parere autorevole si unisce al coro. Raramente ho visto una tale uniformità di giudizio su una macchina. La Ferrari ha fatto veramente un capolavoro stavolta. Eclissa non solo qualunque tipo di concorrenza, ammesso che ne abbia, ma anche il suo stesso intero listino. Harris dice che praticamente se la gioca con la AMG One 😂

    • I Like! 1
  4. 4 minuti fa, falconero79 scrive:

     

     

    andava cacciato prima, non adesso. Prima del cambio di regolamento.

    Adesso è andato il 2023.. e forse pure il 2024.

     

    Se dopo i fatti del 97 avessero cacciato Todt, la Ferrari non toccherebbe palla da 40 anni


    Todt non fu cacciato proprio perché la Ferrari cresceva di anno in anno, dal grado zero del 93 al mondiale perso all’ultima gara nel 97. La crescita era evidente, e in più l’anno prima era anche arrivato al volante il fenomeno. Qua in 4 anni non si è vista crescita in nessuna area della squadra, tolta l’ottima macchina imbroccata quest’anno grazie al cambio regolamentare. Questo ha condannato Binotto secondo me. Paradossalmente il 2015 o il 2017 di Arrivabene sono stati migliori di qualunque annata binottiana. 

    • I Like! 1
  5. 4 minuti fa, Aymaro scrive:

    io invece no, sarà perché per me il vero problema rimane la dirigenza e lì cambiamenti non ce ne sono e non ce ne saranno, sarà perché non vedo figure in grado di svolgere bene il compito di TP della Ferrari, soprattutto a livello politico, per me è un' ulteriore anno perso. Se con Binotto le possibilità erano 30%-60% tra vincere e perdere, ora sono del 10%-90%...

    credo che la chiusa dell'articolo di Italiaracing (articolo non di certo tenero con Binotto) renda bene:

     


    È vero che la Ferrari cambia TP come le mutande, ma è un dato storico, è sempre stato così. In questo momento però secondo me non aveva senso insistere con una persona evidentemente inadeguata al ruolo. Immagina di disegnare un grafico con il rendimento della Ferrari nei quattro anni di Binotto, un grafico non dipendente soltanto dai risultati in pista, ma dalla crescita generale della squadra. Tu vedresti una curva verso l’alto? Io sinceramente no. Durante la sua gestione la squadra semplicemente non è mai cresciuta, e anzi nell’unico anno in cui hanno avuto a disposizione una macchina potenzialmente vincente hanno fatto dei disastri inenarrabili, nella strategia, nella gestione dei piloti, a livello politico, come affidabilità. E lui dopo quattro anni stava ancora a raccontarci che dovevano analizzare i dati e che era una squadra giovane che aveva bisogno di crescere. Se avessero perso il mondiale lottando fino all’ultimo sarebbe stato un altro discorso, ma un’annata così a questo punto secondo me è semplicemente inaccettabile. 

  6. 7 minuti fa, Aymaro scrive:

    Non si riparte da zero, ma chi verrà, (soprattutto se sarà un Mattiacci 2.0) avrà bisogno del suo tempo per mettere mano e inserire nuovi innesti nel resto del team (muretto ci Charles e strategia su tutti), ed anche la direzione tecnica, se torna Resta (che mal si prendeva con Binotto) come si porrà nei confronti di Cardile ecc che invece erano i pupilli dello svizzero-reggiano? La macchina è fatta, ma lo sviluppo è da fare, ed abbiamo visto quanto è importante... il 2023 è bello che  andato.

     

    Con ciò non voglio dire che doveva rimanere Binotto, ma che la sua uscita di scena doveva essere preparata per tempo, invece come al solito la dirigenza ha dormito... vediamo...


    Non so, il 2023 potrebbe a questo punto rivelarsi un disastro con una squadra nel caos, oppure potrebbe girare tutto molto meglio senza una figura che da quanto si dice stava sul cazzo un po’ a tutti. Io stranamente riesco essere un po’ ottimista, e propendo per la seconda ipotesi. 

    • I Like! 1
  7. 4 minuti fa, falconero79 scrive:

    scordiamoci il titolo nel 2023 e nel 2024...

     

    PS. io nel 2014 avevo commentato l'arrivo di Marchionne paragonandolo ai casini di fine anni 80 e inizio 90.. a quanto pare non mi sbagliavo

     

    Oh dai commenti sembra che stiano azzerando la squadra corse. Va via Binotto, ma l'intera struttura resta in piedi, la macchina 2023 è praticamente pronta. Non è che si riparte da zero. E magari torna anche Resta, che è sicuramente un ottimo innesto.

  8. Secondo me non sarebbe una gran perdita nemmeno dal punto di vista tecnico. Binotto è un motorista, non sa nulla di aerodinamica. Il punto forte della macchina di quest'anno è l'aerodinamica. I motori Ferrari degli ultimi anni sono stati disastrosi, per ragioni diverse, e i risultati del motore di quest'anno li abbiamo visti tutti. Francamente non vedo in lui nessuna delle qualità che servono alla Ferrari per arrivare al titolo. Vorrà dire che ricominceremo daccapo con qualcun altro, tanto con Binotto non saremmo arrivati da nessuna parte. Sperando però che chi arriva faccia anche cambiamenti alla struttura interna, perché i fallimenti non sono colpa di una sola persona.

    • I Like! 4
  9. Queste operazioni nostalgiche sono noiosissime. Oltretutto non sono mai nemmeno lontanamente belle o affascinanti come le antenate. Però capisco che economicamente siano un affarone per chi le vende. 

  10. 10 minuti fa, Aymaro scrive:

    semplicemente Sainz ha ereditato il muretto di Vettel, ex prima guida

     

    Dai i cambiamenti si possono tranquillamente fare. Spero che durante l'inverno Leclerc tiri fuori le palle. Vorrei non vedere più Marcos al suo muretto l'anno prossimo.

    • I Like! 1
  11. 3 minuti fa, AlexMi scrive:

    Binotto ha detto più volte che non è daccordo nel mettere gerarchie fra i piloti, ed è lui che ha fatto firmare il contratto a Sainz.

    Quindi nessuna dimenticanza, è scientificamente voluto.

     

    Andrebbe cacciato solo per questo. Tutte le squadre vincenti sono sempre state costruite intorno al fuoriclasse. Fra l'altro hanno già dichiarato che la macchina 2023 sarà il più neutra possibile, per andare incontro a entrambi i piloti.

     

    tafazzi.png.6568a332200e9240393f6e0a7a47fde0.png

    • I Like! 1
    • Absurd! 1
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.