Vai al contenuto
Autopareri news
  • Buon 2019 da Autopareri e Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

V6 Busso

Utente Registrato
  • Numero contenuti pubblicati

    1946
  • Iscritto il

  • Ultima visita

Reputazione Forum

271 Excellent

Su V6 Busso

  • Rank
    World Championship Winner
  • Compleanno 18/10/1981

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Lancia Delta
  • Città
    Provincia di Treviso
  • Interessi
    Auto moderne e storiche, cinema, paesaggi e antichi borghi italiani
  • Professione
    Progettista HVAC
  • Genere
    Maschio

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Siamo OT. Un tentativo pregevole di recuperare la tradizione "barocca" fu la Thesis del 2002, molto classica e retrò ma priva del dinamismo che caratterizzava le Lancia di successo degli anni 80: fu un flop, complice il discredito in cui il marchio versava da una decina d'anni e una gamma non ben articolata. I miti Lancia sono molteplici e un piano di rilancio può prendere molti spunti da essi, tuttavia credo che la Delta Integrale possa avere maggiori chance di farcela. Ma, come detto, siamo OT.
  2. È il punto più alto raggiunto da Lancia negli ultimi 30 anni, assieme alla Thema, dunque è il punto di partenza più plausibile per un ipotetico rilancio su vari segmenti di mercato, comprese le versioni normali della Delta. Le linee barocche degli ultimi 15-20 anni non funzionano più da tempo. Ma state sereni (tu e chi ti ha messo il like): FCA ha decretato la morte di Lancia, dunque né Delta Integrale né qualsiasi altro prodotto. Al massimo, se vi va male, una nuova Ypsilon. Qui ci sono solo proposte di design, nulla di pericoloso.
  3. Da amante del marchio e della Delta non posso non ammirare chiunque si cimenta con qualche tentativo, sopratutto considerando che FCA ha decretato la morte del marchio da almeno 7-8 anni. Dopo 8 anni decisamente neri ed avvilenti secondo me occorre un nuovo corso stilistico che cestini quasi tutto e riparta dal mito Delta Integrale. Come? Io ripartirei proprio dal logo e dalla calandra: via l'orrido logo "cinese" e le calandre a sviluppo verticale. Opterei per un nuovo logo 100% cromato (tipo Audi e Mercedes) a sviluppo 3D incastonato a tutta altezza al centro di una calandra orizzontale anch'essa 3D. Posto uno schizzo (perdonate la realizzazione): Per i fanali opterei per gruppi ottici rigorosamente orizzontali allineati orizzontalmente rispetto alla calandra ma infossati e con 2 elementi circolari all'interno.
  4. V6 Busso

    Il dramma delle luci diurne

    Io ho una Delta del 2011 con luci diurne a led solo anteriori: avrei preferito si accendessero anche le posteriori, a led pure loro. Il quadro strumenti e le luci abitacolo invece restano spenti con le luci diurne e questo aiuta molto a non dimenticare di accendere gli anabbaglianti di notte. Semmai ho notato che quasi nessuno sfanala o suona per segnalare le luci spente di notte: pare non freghi nulla a nessuno.
  5. V6 Busso

    Station Wagon arrabbiate

    Onestamente fatico ad associare i marchi Audi e Volvo alla sportività, quantomeno non negli anni 80. Non basta un motore potente per fare un'auto sportiva o sportiveggiante, anche perché quasi tutti i modelli nella storia dell'automobile hanno avuto versioni pepate, persino le proletarie Fiat 500 e Citroen Dyane. La station wagon nasce come veicolo da lavoro o da famiglia senza alcuna velleità sportiva. Prima dell'Alfa Romeo 33 Giardinetta (poi Sportwagon) ci fu l'Alfasud Giardinetta (e prima ancora una versione speciale della Giulia): forse non sono state le primissime SW sportiveggianti, di sicuro la 33 fu tra le prime SW a rompere il tabù che voleva le SW pratiche e magari comode ma certamente non sportive.
  6. Quando ho scritto "aura di sacralità" di SM intendevo proprio questo: pur di giustificarlo si definiscono "sportive" le station Volvo e Audi, anche quelle degli anni 80, sminuendo la novità 33 SW. Direi che è abbastanza.
  7. 1) gli 8 modelli cancellati li ha cancellati FCA, non Paperino. 2) il marketing dell'epoca parlava di integrazione dei due marchi: se fatta bene poteva dare frutti, invece hanno cestinato tutto anche quando potevano rimarchiare un modello valido come la 200. Hanno navigato a vista senza una visione chiara dei marchi e dei prodotti. Ho l'impressione che Giulia resterà sul mercato per almeno 10/12 anni e non sarà sostituta.
  8. Intendevo dire che la SW sportiva l'ha praticamente inventata Alfa Romeo., dunque è eccome nel suo DNA.
  9. Non ho dubbi che queste scelte siano esaminate e discusse approfonditamente. Ma visti gli esiti qualche dubbio sulle ipotesi formulate, sui PP e sui numeri preventivati viene: - 400.000 Alfa Romeo previste per il 2018 - Giulia SW inutile - Alfa C-suv partito tardissimo - Punto, Giulietta e Mito tenute in produzione per troppi anni senza adeguati aggiornamenti e vendute a peso - i rebadge Lancia di orride Chrysler invendibili ma non della nuova 200 o di un SUV. Ps: 159 sportwagon era una ciofeca? Infatti la 33 sportwagon era Audi.
  10. Non è questo il topic adatto per riesaminare 14 anni di governance. Nella fattispecie però l'errore è evidente e presumibilmente basato sulla convinzione che il rilancio del marchio Alfa Romeo nel mondo sarebbe stato rapido e capillare malgrado anni di vuoti ed errori e che la SW avrebbe portato a poche vendite in più in ottica globale. Convinzione decisamente irrealistica, e i risultati inferiori alle attese hanno contribuito ad un ennesimo ripensamento. Con tutto il rispetto per SM e tenendo conto che siamo su un forum di appassionati senza alcun potere, mi permetto di muovere delle critiche, soprattutto di fronte a scelte incomprensibili come questa e altre che hanno spesso portato a risultati commerciali ed economici tutt'altro che positivi e mentre la concorrenza più agguerrita faceva e fa l'opposto.
  11. La triade guarda al mercato globale e infatti propone un sacco di modelli e di varianti di carrozzeria per coprire tutte le nicchie pur essendo ben radicata in gran parte del mondo. Alfa Romeo è radicata solo in EU e trascura il suo mercato principale dove comunque piazza ben oltre il 50% delle Giulia prodotte. Alfa Romeo si avvia ad essere globale, ma è ben lontana dall'esserlo.
  12. https://www.passioneautoitaliane.com/2018/12/clamoroso-annuncio-in-arrivo-per-la.html?spref=fb&m=1 Secondo PAI si vocifera di una nuova Punto derivata da Argo prodotta in Polonia.
  13. Io penso che il culto della personalità sia roba da Nordcorea o da Vaticano e inadatto a qualsiasi ambito dello scibile umano. Frequentando questo forum da 9 anni ho notato spesso grosse difficoltà ad accettare le critiche rivolte ai vertici FCA, anche di fronte ad obiezioni ovvie quali la necessità di una versione SW per un modello la cui quota europea non è il 20% ma 3 o 4 volte superiore.
  14. 92 minuti di applausi!!! Sono considerazioni razionali che però si dissolvono di fronte all'aura di sacralità di cui SM godeva in vita e ancor di più da trapassato.
  15. Mi sembra di capire che ogni modello FCA debba restare in produzione per 10/15 anni e poi lasciare il vuoto per qualche anno. Euroncap e concorrenza gongolano.
×

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.