Jump to content

shadow_line

Members
  • Posts

    6,351
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Everything posted by shadow_line

  1. e poi per me c'é anche un'altra cosa, mentre le auto ad es. stanno diventando sempre piú dei "furgoncini funzionalisti" costruiti in serie come qualsiasi altro elettrodomestico... le barche sono ancora realizzazioni artigianali che con i colori giusti, un po' di arredamento ben disposto, un po' di legno di teak sul ponte, riescono ad mantnere quel calore artigianale che é ormai impossibile trovare su qualsiasi altro mezzo sottoposto alle spietate regole della produzione di ultra-massa decise dal "contafagioli" di turno in quel momento le barche piú belle, piú curate e le one-off poi hanno tutte le caratteristiche di quell'artigianato artistico o vera arte costruttiva che sta per scomparire in qualsiasi altro ambito di prodotto e di oggetto la barca insomma ha ancora delle suggestioni che potremmo riferire ad ambiti letterari e artistici, quindi non soltanto schermi sensori e righe di codice che costituiscono ormai l'80% dell'esistenza di tutti i giorni ma qualcosa che ha ancora a che fare con la Vita Vera e vissuta al meglio, tra sogno e realtà ⛵ 🏝️ 🙂
  2. in effetti si dovrebbe dire qualcosa su questa "voglia di barca" che é ormai evidente in questi ultimi anni: intanto ovviamente le pandemie presenti e future che portano le persone a cercare l'isolamento o i piccoli gruppi controllabili e controllati (dal tampone 😄), quindi via dalla spiaggia stile "uno nessuno e/o centomila" e sí all'imbarcazione come nuovo fortilizio nella speranza di resistere agli assalti dei virus, dei pirati... e del fisco 😆 ma oltre a questo c'é il fatto che "Labarca" in termini generali resta tra tutti i mezzi di movimento l'unico che ancora ha in se la dimensione del sogno, del desiderio onirico di una vita differente, nuova, di mari e isole lontane di sole e tropici... messico & nuvole 🎶... maracaibo fuggire sí ma dove 🎶 e cosí via ⛵ 🙂 tutti gli altri mezzi sono stati ormai visti e stravisti, attraverso rate e leasing moltissimi hanno provato automobili da centinaia di cavalli e velocità (teorica) da gran premio, le aero-low cost hanno reso consueto e quasi ordinario il viaggio aereo su distanze planetarie anche per il semplice turista della settimana ai caraibi/vacanza premio... soltanto "Labarca" resta laggiú all'ancora nel suo marina (porto) che tantissimi hanno visto, quasi sfiorato nelle vacanze al mare, nelle immagini dei social, ma a frequentarla veramente, a conoscerla veramente sono ancora in pochissimi specie se si parla di vela quindi c'é ancora quel senso di mistero, quell'idea di promessa e forse di speranza, di emozioni solo immaginate o ancora vissute solo in minima parte... sí, di tutti gli altri mezzi di movimento ormai tutti sanno tutto per esperienza diretta o tramite le tante riviste, video, prove disponibili ma soltanto lei: La Barca ha ancora in se il mistero delle cose rare e poco conosciute, il fascino delle promesse che ancora devono diventare esperienze vissute ⛵ 🙂 🌅
  3. senza dubbio, l'italia é il primo produttore di yacht al mondo, l'industria nautica italiana ha registrato un +20% nel 2021 ed é ormai arrivata a 6 miliardi di fatturato complessivo, 23 mila addetti diretti e circa 180 mila considerato l'indotto sono numeri importanti anche se si deve considerare che le vendite sono concentrate in gran parte nel settore del lusso, nel 2021 quasi il 60% delle unità costruite sono oltre i 24 metri, in quello che si puó definire "artigianato di lusso" l'italia va bene in tutti i settori (fashion, ferrari...) ed é quasi tutto prodotto per l'esportazione per "visualizzare" meglio metto qui sotto 👇 alcune delle barche a motore, le piú importanti, varate o vendute (da costruire quindi) in italia nelle ultime settimane (sí, settimane 🙂)
  4. bene, con la Transatlantic Race appena conclusa e anche alla grande con i "line honours" per Giovanni Soldini/Maserati e Comanche tutto il circuito delle grandi regate internazionali si mette per un po' a riposo, il prossimo grande appuntamento é per la Caribbean 600 alla fine di febbraio le barche da regata e anche da crociera in questo periodo tra metà e fine inverno spesso come si dice "fanno cantiere" quindi vengono alate a terra, messe su un invaso e si procede a tutti i lavori di manutenzione, riparazione, aggiornamento e messa a punto a partire dalla carena che periodicamente deve essere pulita e riverniciata, in seguito poi si faranno le prove in mare ⛵ 👇 questo anno e 1/2 ormai ė stato un vero concentrato di regate e super-regate di alto livello, si é partiti con il giro del mondo a vela, la Vendee Globe e subito dopo Coppa America 🏆 poi il Fastnet (che si corre ogni due anni)... di tutto insomma tanto che quasi ogni giorno c'erano notizie da commentare e questo nonostante epidemie e quant'altro intanto il mondo e il mercato della nautica da diporto sta crescendo ottimamente, qualcuno ha calcolato che da qui al 2025/6 ci sono nel mondo ben 40 chilometri-40 mila metri lineari di yacht in progetto e/o costruzione 🙂 se fossero uno in fila all'altro, attualmente ad esempio le barche da diporto (yacht) con lunghezza superiore a 70 metri sono 370! 😮 e continuano ad aumentare, un settore nel suo insieme sicuramente in espansione insomma 👍 nei prossimi giorni quindi e parlando di vela, direi che proprio a partire da quello che si ė visto nelle regate piú importanti di quest'anno si potranno fare delle considerazioni su dove sta andando il mercato e lo sport della vela e cosa potrebbe servire per fare il salto di qualità in termini di audience, business, spettacolo e qualsiasi altra cosa possa servire a confermare in futuro la vela come parte importante della come é stata chiamata blue economy e dello sport in generale ⛵ ⛵ ⛵
  5. citazione di cronaca per il botto "oceanico" del vulcano di Tonga 🌋 😬 💥 interessante notare che secondo le rilevazioni strumentali del centro meteo lombardo e altri, in italia circa 15 ore dopo l'esplosione é stata rilevata un'onda di pressione atmosferica intorno ai 2 millibar! 🌋 😐
  6. ora: é vero che i foil a L hanno portanza quindi barca in planata-minor-resistenza-piú velocità ma non é tutto cosí semplice come sembra... perché in mare ci sono le onde e in oceano anche super-onde, mentre i foil per rendere al meglio avrebbero bisogno di vento e mare piatto, quindi... 🌊 ⛵ dopo la partenza della Transatlantic Rorc le condizioni sono state molto vento ma anche molta onda, questo ha favorito inizialmente i Mod70 standard che non hanno il problema di dover mantenere in assetto i foil, ma verso fine della gara invece si sono presentate le condizioni ideali ai foil: vento e mare liscio 👌 ed ecco che Soldini é andato davanti e c'é rimasto fino al traguardo 🙂 altra cosa la scelta della rotta, come si vede 👇 sulla carta (freccia e traiettoria in rosso) Soldini e la squadra hanno scelto una rotta a nord dell'isola di Barbados, prima di puntare all'arrivo a Grenada e a nord... c'era piú vento 😉 😃
  7. come si vede sopra nel disegno della vista frontale di base (progetto) questi Multi 70 hanno una "pinna" su ognuno dei 2 scafi esterni ad arco di cerchio (detta a C) che serve come lama antideriva e per una piccola parte come sostentamento alare idrodinamico dall'immagine sotto si vede invece su Maserati un foil a L che garantisce una maggiore portanza alare idrodinamica e due alette portanti anche sotto i timoni di direzione 👇
  8. vediamo qualche situazione della regata che ha permesso a Soldini e Maserati di vincere 🤔 erano 3 i trimarani del gruppo di testa, si tratta di Mod70 di circa 21 metri realizzati nel 2009 in 7 esemplari tutti uguali (monotipo) barche molto veloci: 40 nodi e che avrebbero dovuto per 10 anni essere l'avanguardia della tecnica per quanto riguarda i multiscafi oceanici di medie dimensioni (la Classe Ultim sono i "tri" da corsa piú grandi con 30 metri) e in effetti dopo 10 anni i Mod70 sono ancora vincenti 👍 ma nel tempo hanno cambiato vari proprietari, armatori, skipper e tutti chi piú chi meno sono stati rielaborati tecnicamente, uno di questi é appunto Maserati che fin dall'inizio ha avuto Giovanni Soldini come responsabile della gestione del programma e conduzione in gara "general manager" e skipper potremmo dire una caratteristica di Maserati é di avere elaborato un sistema di foil alari portanti sotto gli scafi, i foil permettono alla barca di planare sull'acqua oltre le caratteristiche di progetto dello scafo considerato da solo, questo permette di ridurre moltissimo la resistenza idrodinamica e quindi di aumentare la velocità a parità di spinta propulsiva 👇(👉) disegno delle viste generali di un Mod70:
  9. video riassuntivo della Transatlantic Race, il RORC sarebbe il royal ocean racing club che lo organizza 👇 Comanche come previsto é primo sulla linea d'arrivo (line honours) per i monoscafi e stabilisce anche il nuovo record del percorso in 7 giorni 22 ore e 11 minuti, il precedente era di My Song in 10 giorni 5 ore e 47 minuti, praticamente quasi 3 giorni in meno! 👍 🥇 🍾 👏 Comanche in navigazione, il piú veloce monoscafo esistente 👇
  10. Giovanni Soldini sul trimarano Maserati ė primo sulla linea d'arrivo della Transatlantic Race a Grenada-caraibi "honours of the line"😃 🍾 🥇 👏 quasi 3500 miglia marine alla media di 21,4 nodi! complimenti davvero a Giovanni Soldini all'equipaggio e a tutta la squadra! 👍
  11. la saab aveva tutta la parte migliore dello spirito nordeuropeo e senza l'arroganza dei tedeschi la saab era TOP 🙂
  12. ed ecco infatti il primo impianto per la produzione di metanolo navale annunciato in costruzione in Svezia, dovrebbe essere pronto nel 2024, utilizza elettricità da eolico e potrebbe produrre 50 mila tonnellate di metanolo/anno le aziende interessate sono la danese Ørstend Investiment e Liquid Wind 👇
  13. visto che si parla molto di sistemi di propulsione alternativi, ecco la proposta del cantiere Southern Wind che ha sede in sudafrica ma é di proprietà italiana, c'é una comunità italiana infatti da quelle parti che ha parecchie attività e Southern Wind si é specializzata in grandi barche a vela, anche oltre 30 metri da crociera ⛵ e infatti il prossimo 108 ft in costruzione avrà un sistema propulsivo ibrido realizzato dall'inglese Bae System e già utilizzato es. su autobus e altri mezzi di trasporto, si tratta di 2 gruppi elettrogeni con motore diesel e alternatore che ricaricano le batterie di bordo, con le quali si puó poi azionare un motore elettrico collegato con linea d'asse all'elica dello scafo la particolarità del sistema ė che quando la barca va a vela l'elica immersa continua a girare ma carica le batterie come generatore per tutti gli utilizzi soliti di navigazione: servocomandi, strumenti, luci, nel momento poi in cui si arriva in porto o non si va a vela si utilizzeranno le batterie per l'elica in funzione questa volta propulsiva, e questo é l'unico momento in cui si "consuma" effettivamente mentre in navigazione é la forza del vento ad essere trasformata in elettricità due gruppi elettrogeni garantiscono inoltre ridondanza per la sicurezza, con qst sistema é quindi anche possibile muoversi solo in elettrico senza il rumore e gli scarichi dei motori in zone che lo richiedono es parchi marini, se poi in futuro dovesse diffondersi il metanolo come carburante nautico, ancora meglio 👍 quando il costo di sistemi come questo o con simile principio di funzionamento sarà piú accessibile, diventeranno lo standard di equipaggiamento per tutte le barche a vela di nuova costruzione o anche restaurate, anche barche realizzate es. ai primi del 900 sbarcheranno i vecchi motori diesel per sostituirli con questi sistemi ibridi possibilmente alimentati a metanolo d'altra parte sulle barche a vela il motore vero sono le vele, quello a combustione é solo ausiliario e in barca a vela si tende a considerarlo certo utile ma quasi "estraneo" al vero sport della vela, questo comunque é il futuro certo serviranno ancora miglioramenti in tutti gli aspetti funzionali: metanolo come si é detto, poi pesi da ridurre specie per le batterie, rendimenti complessivi piú elevati ma di base il futuro della propulsione ausiliaria per le barche a vela é questo ⛵
  14. attualmente le maggiori probabiltà vanno alla propulsione elettrica con batterie per aerei fino a 10/12 passeggeri si passa alla propulsione sempre con motori elettrici a elica ma celle a combustibile alimentate a idrogeno per gli aerei di media capacità come es. la serie Atr gli aerei da trasporto piú grandi dovrebbero invece funzionare sempre con motori a getto, quindi resterebbe la tipica configurazione bimotore usata oggi ma alimentati ad idrogeno se in futuro l'idrogeno sarà effettivamente producibile e disponibile in grande quantità tutto quanto potrebbe essere fattibile entro 20/25 anni, il problema forse é piú l'idrogeno come reperibilità che gli aerei 😄 ci vorrebbe la fusione nucleare... che comunque sono almeno 20 anni o piú ancora... 🤔 vedremo ZeroAvia, ditta inglese adesso anche con sede in Us propone per le versioni medie da trasporto appunto celle a combustibile a idrogeno e motori elettrici a elica come si vede 👇 al momento solo nel trasporto navale si sta programmando il passaggio ad un altro combustibile liquido, il metanolo, questo perché da sempre si cerca di mantenere il trasporto tramite nave il piú economico di tutti, e le società armatrici hanno sempre sempre rifiutato qualsiasi argomento o nuova tecnica che potesse portare complicazioni e maggior costi, quindi lí l'unica potrebbe essere appunto usare il metanolo modificando i motori diesel attuali
  15. ok, la finisco qui 😄 volevo solo dire che in generale gli americani di oggi come i russi di oggi e tutte le loro varie attività fanno venire molti sospetti... anzi di base fanno proprio paura... 🤔 😬 😄
  16. giorni fa é girata la notizia di una parte di parete in roccia caduta su delle barche in brasile, ci sono dei video in cui si spiega abbastanza la situazione: nel primo si vede che si tratta di piccole barche per turisti che vanno a visitare una cascata del posto, si vede che dalle loro parti é conosciuta 🏞️ ma ecco che improvvisamente la portata d'acqua della cascata aumenta, mooolto 😬 prob. causa piogge in zona, da qui inizia la scena da film come si vede anche nel secondo video l'acqua investe le barche dei turisti e poi dato che "potrebbe andare peggio, potrebbe piovere!" ecco che infatti piove un intero costone di roccia prob. a causa di infiltrazioni d'acqua sempre per via delle piogge morale, mai andare sotto una cascata quando ha piovuto molto nei giorni precedenti... 😬 🤔 💥
  17. creare la "mentalità nerd" nella gente serve anche a questo: comunicazioni solo wazzap... auto su cui devi aspettare sempre l'aggiornamento software, fabbriche nel deserto per lavoratori messicani a basso costo... fa parte dell'"esperienza siliconvalley-texas" 😄
  18. edonismo per il paesaggio sicuramente, sempre che attorno ci sia il paesaggio adatto peró... 🙂 anche la Corniche tra Nizza e Montecarlo... meno a Trecate di Sotto direi... 😉
  19. eppure sarebbe proprio la guida autonoma, ma veramente del tutto autonoma la vera caratteristica game-changer che cambierebbe la vita a tutti quando ci si deve mettere nel traffico svogliati/annoiati solo per dover andare qui o là... 😉 quella sí che sarebbe desiderabile in molte situazioni di ogni giorno, anche se chissà mai quando verrà raggiunta del tutto come funzionalità e affidabilità
  20. é un'opportunità per farsi conoscere e fanno bene a farlo, meglio ancora con i tedeschi che si stanno ritirando, almeno c'é piú spazio e visibilità
  21. il problema secondo me é che se é vero effettivamente che per l'uso comune di tutti i giorni l'ideale é un'auto elettrica con guida autonoma completa, che poi di fatto é un taxi o un'auto con autista automatizzato per divertirsi no, con i mezzi elettro-automatici il divertimento é zero, ammettiamo anche che l'auto-per-divertimento é un'esigenza di nicchia, forse solo il 3/5% degli automobilisti almeno oggi (una volta di piú) il fatto é che questa nicchia viene volutamente non considerata, i produttori di auto elettro-automatizzate puntano già a medio termine di imporre il loro "punto di vista" come l'unico esistente, l'unico possibile, l'unico realizzabile su strada... 🤔
  22. infatti avevo già proposto da tempo di dividere mezzi di trasporto per uso comune dalle automobili per divertimento e passione é come dire navi per uso commerciale rispetto agli yacht da diporto, oppure orologi smartwatch per uso funzionale contro orologi soltanto meccanici per passione/collezione per me ormai funzionalità e passione vanno divisi, sono due cose molto diverse e non riescono piú a stare assieme quasi da nessuna parte ci servono entrambe é vero, ma sono una l'opposto dell'altra, sono come il giorno e la notte ormai é evidente
  23. direi semmai visto che le barche sono in alta velocità sulle onde oceaniche, qui si sta verificando la stessa situazione che si era vista al giro del mondo vale a dire le barche sotto i 30/40 metri praticamente, ad alta velocità saltano e ricadono su onde anche di 2,5 metri e starci sopra sul ponte ok, ma starci dentro é come essere in una lavatrice 😄 l'immagine sotto di Soldini dice tutto... 😆 40 nodi=74-75 kmh a questo punto mi sembra evidente che per le barche da regata ad alta velocità si dovrà evolvere verso una navigazione "in volo" tramite foil con la carena completamente sollevata dal mare come per gli AC75, é l'unico sistema per rendere possibili navigazioni oceaniche veloci che vanno avanti per giorni e giorni in modo che restino accettabilmente "comode" ⛵ si tratta in effetti di un problema nuovo, gli stessi Mod70 oggi hanno dei foil parziali ma quando erano stati progettati anni fa i foil non c'erano, questi sono problemi progettuali nuovi che dovranno essere affrontati nei prox anni poi mi piace questo video della partenza perché é in spagnolo ma si capisce tutto quanto senza bisogno di traduzione 😀 👇
  24. 📯 ancora qualche notizia della Transatlantic: qui un video di Maserati in preparazione alla partenza, poi la partenza stessa vista da un altro Mod70 Powerplay, molto, molto veloci 👇
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.