Jump to content

Mansell82

Members
  • Posts

    3,673
  • Joined

  • Last visited

About Mansell82

  • Birthday 05/09/1982

Profile Information

  • Car's model
    Audi A4 Avant 2.0 TDI 143 CV (2011)
  • City
    isole
  • Professione
    impiegato
  • Interessi
    cinema,sport,motori

Recent Profile Visitors

5,999 profile views

Mansell82's Achievements

World Championship Winner

World Championship Winner (7/8)

495

Reputation

  1. Confermata la vittoria per Perez. 5 secondi di penalità e reprimenda. Leclerc paga il fatto di aver rovinato gli pneumatici, negli ultimi giri perdeva tantissimo. ☏ CPH1951 ☏ Cerchiobottismo, ma di gran classe stavolta. Il verdetto secondo me rispetta però i valori espressi in pista. ☏ CPH1951 ☏
  2. Gara secondo me decisa in partenza, se Charles avesse tenuto la prima posizione credo che l'avrebbe portata a casa. Perez è stato bravo a sfruttare l'occasione e a restare lucido quando Charles gli stava a 6 decimi, anche se un paio di bloccaggi ci son stati, per sua fortuna senza conseguenze. Non è stato così per Leclerc che negli ultimi giri non aveva più gomma. Il francese non è stato lucidissimo durante il pit stop arrivando un po' lungo, errore che è costato 3 secondi. Al netto di ciò che decideranno, Perez ha meritato. Sainz invece non è mai stato in partita, nel finale si addirittura dovuto difendere da un ottimo Norris. McLaren approfitta dell'inaffidabilità di Alpine, prende 22 punti e si porta al quarto posto nei costruttori. Peccato per Alonso che era ottimo sesto . Ricciardo finalmente a punti, pesanti pure, più per casualità e defaillance altrui che per meriti propri, ma in certi gran premi non fare errori è più importante che essere veloci. Infatti Hamilton e Verstappen che veloci lo erano, finiscono nelle retrovie per eccessiva foga. ☏ CPH1951 ☏
  3. È sinonimo di fame e voglia di vincere, sempre e comunque, a mio avviso. Non lo vedo come comportamento immaturo, anche perché stava facendo un gran giro. ☏ CPH1951 ☏
  4. Comunque bravissimo DeVries all'esordio su Williams. Partirà ottavo, 2 posizioni più avanti del compagno di squadra Latifi, che avrà l'autostima sotto zero. ☏ CPH1951 ☏
  5. Bravo anche Sainz, la RedBull ha più carico aerodinamico, probabilmente avrà meno problemi di pneumatici. Distanti le Mercedes. ☏ CPH1951 ☏
  6. Avete scritto tutto voi, manca peso politico, tutto qua. Mentre MB e Red Bull partecipano ai giochi di potere, Ferrari sta a guardare. ☏ CPH1951 ☏
  7. Non penso sarà un problema. È ormai un personaggio pubblico e sfrutta la sua immagine, Hamilton in questi anni ha pubblicizzato ogni cosa. ☏ CPH1951 ☏
  8. Grande divulgatore, nel limite del possibile ha portato un po' di conoscenza in più agli italiani. Rip. ☏ CPH1951 ☏
  9. Mah onestamente son in disaccordo. Leclerc è un pilota che va sempre al limite, che non si accontenta, non è un ragioniere, punta sempre alla posta più alta. Se consideriamo questi aspetti è un pilota che sbaglia poco, lo stesso Verstappen domenica ha fatto un 360 gradi che poteva costare caro, nonostante sia maturato tanto. Sainz che ha un approccio più cauto, che sa accontentarsi, ha commesso più errori. Inoltre è un pilota che ha un'inventiva nei sorpassi credo unica. Alesi è stato amato, ma premesso che la F1 di oggi è una sport diverso rispetto ad allora, in comune a Leclerc ha solo la generosità, per il resto era un onesto mestierante.
  10. Concordo sull'ultima parte, credo che Alonso in Aston Martin possa togliersi ben poche soddisfazioni, mentre Alpine tutto sommato è in crescita tanto da essere quarta nei costruttori. Strana comunque anche la modalità dell'addio, evidentemente qualcosa si è rotta tra lui e il team, probabilmente si è sentito scaricato dopo il difficile inizio di stagione; l'avvicendamento di Fernando con Piastri sembrava allora cosa certa. Il cerchio come di chiude? Con Ricciardo in Alpine e Piastri in McLaren? Anche stavolta il sedile peggiore lo prende Nando. Ma attualmente sta sui 17.5 milioni annui. In Aston Martin si parla di 20 milioni ma con una possibile durata triennale del contratto.
  11. Considerando la proverbiale fortuna e capacità di Fernando di accasarsi nelle squadre sbagliate al momento sbagliato prevedo il prossimo anno l'Alpine competitiva per il titolo, con l'Aston Martin che confermerà la pochezza attuale. Son comunque contento che rimanga nel circus, è ancora un gran pilota.
  12. In quel mondiale fece harakiri McLaren per la lotta intestina tra Alonso e Hamilton, condita dallo scandalo spygate.
  13. Leclerc ha fatto 2 errori fin'ora, per il resto ci ha messo tanto del suo, per esempio il sorpasso su Russell di ieri con una staccata quasi motociclistica è stato un piccolo capolavoro, uno dei tanti di questa stagione.
  14. https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/f1-team/wolff-spiega-la-strategia-ferrari-oggi-non-avevano-alternative-lerrore-e-stato-venerdi-628268.html Per la seconda volta in due settimane la Mercedes può festeggiare un doppio podio. Quella che era la normalità fino allo scorso anno sta tornando ad essere una piacevole abitudine per le frecce d’argento, dopo una prima parte di stagione estremamente complicata. Manca ancora la vittoria, ma come ha sottolineato Lewis Hamilton è indubbio che le due W13 siano – gara dopo gara – più vicine alla prestazione di Red Bull e Ferrari. Certo, nonostante la pole position raccolta ieri a sorpresa da George Russell, oggi sia lui che Lewis Hamilton hanno comunque avuto bisogno di un aiuto per entrare entrambi in top-3. Questo è puntualmente arrivato sotto forma dell’ennesima gestione delle strategia errata da parte della Ferrari. Il muretto box rosso infatti ha fermato Charles Leclerc mentre era al comando per montare sulla sua F1-75 delle gomme hard che, stanti le temperature presenti sul tracciato, non avrebbero mai potuto essere performanti. Leclerc così è precipitato sempre più indietro, fino ad essere costretto addirittura ad una terza sosta che lo ha fatto transitare sotto la bandiera a scacchi in sesta posizione. Parlando a Sky Sports F1 però Toto Wolff, team principal della Mercedes, ha provato a fornire una chiave di lettura diversa di quanto accaduto in pista oggi all’Hungaroring. Secondo il boss austriaco infatti il vero errore in Ferrari è stato commesso venerdì, nella scelta delle gomme da smarcare. “Credo che [la Ferrari] non avesse alternative. Non avevano più le medie – ha spiegato Wolff, in riferimento alla strategia adottata con Leclerc – e per le morbide era troppo presto. Quindi, [restavano] solo le dure. L’errore è stato fatto venerdì ed è stato quello di non portare una nuova media”. Analizzando la gara del suo team, invece, Wolff ha mostrato una soddisfazione moderata, sottolineato come esista ancora un gap da Ferrari e Red Bull. “Almeno abbiamo un risultato su cui possiamo lavorare – ha concluso il dirigente viennese – abbiamo avuto un pessimo venerdì, quindi sappiamo cosa non fare. Spa però è una pista molto diversa. Non festeggiamo ancora, perché siamo ancora indietro. Bisogna riconoscere che Max con la RedBull e Charles con la Ferrari sono davanti a tutti“.
  15. Al netto degli errori Ferrari, preoccupa la crescita Mercedes, una conferma che LeCastellet non è stato un episodio isolato. La strategia ha premiato Lewis, bravo a far durare le medie per poi attaccare con le rosse. Russell avrebbe meritato di più, almeno la seconda piazza, non ha sbagliato nulla, si è difeso bene su Leclerc ed è stato pronto a riprendere le posizioni su Charles e Perez appena ha avuto l'occasione. Verstappen ha compiuto un'impresa, ma anche un brutto errore che poteva costargli caro, il secondo titolo lo ha comunque già in tasca. Sainz per sua stessa ammissione non aveva il giusto feeling con l'auto, ha portato comunque punti. Nelle retrovie ancora lotta equilibrata nei costruttori per il quarto posto tra Alpine e McLaren, negli inglesi però praticamente gareggia un solo pilota, Norris, mentre a Ricciardo onestamente non so cosa sia successo, ma ribadisco che è sicuramente il pilota più sottotono della stagione. In Alpine credo che ci saranno alcune cose da chiarire, Ocon per difendersi da Alonso ha lasciato pista libera a Hamilton rischiando la collisione con Fernando, sia nel primo giro che nel rientro dal pit stop dove a giovarne è stato Ricciardo. I francesi hanno montato le hard ad entrambi i piloti, che son finiti a punti facendo un'unica sosta. Forse diversificare la strategia poteva portare una macchina ad insidiare Norris. Vettel ottimo decimo con una gara d'attacco.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.