Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

fastfreddy

Members
  • Posts

    685
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

fastfreddy last won the day on April 19 2020

fastfreddy had the most liked content!

Profile Information

  • Car's model
    BMW 630i SMG & Kawasaki Z1000SX

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

fastfreddy's Achievements

Pilota Ufficiale

Pilota Ufficiale (5/8)

1.1k

Reputation

  1. Ho fatto un regalo alla mia vecchietta: ho montato le Pirelli Pzero Winter, runflat ...ho speso un occhio della testa ma sono fantastiche su asfalto ...sembra quasi di montare delle estive (non ancora provate sulla neve, e non ci tengo molto, ma temo non facciano miracoli). A tutte le andature regalano un feeling impensabile fino a pochi anni fa con gomme invernali. Inoltre mi sembra molto migliorata anche la tecnologia runflat (le spalle non sono più di marmo come un tempo). Incredibili i passi in avanti che si continuano a fare sugli pneumatici. ☏ motorola razr 5G ☏
  2. Oggi ho girato per qualche ora sui percorsi più disparati (urbano, extra e autostrada), in pianura e in montagna, percorrendo circa 150 km. La macchina, come già detto, offre il suo meglio nella guida turistica ma si comporta bene anche con una guida più spigliata, sempre restando nel limite di quello che viene considerato dal sistema "guida eco", che corrisponde al primo 50% di potenza disponibile (area verde dello strumento che simula un contagiri virtuale). Le strategie di funzionamento sono più elaborate di quanto avevo intuito sulle prime e consentono di utilizzare l'auto senza troppe remore di finire in quell'area di utilizzo che rende un po' controproducente e poco piacevole il sistema ibrido (ovvero quando si comincia a camminare veloci) ...per esempio, in autostrada, dovendo recuperare 30 km/h rispetto alla velocità impostata (da 100 a 130), il sistema (con cruise attivo in funzione) ha fatto ricorso solamente a una bella botta di motore elettrico, senza modificare nulla lato termico (ripresa quindi istantanea). Se non si chiede troppa potenza, anche in salita il motore termico non viene mai utilizzato a fondo potendo sempre disporre di almeno un paio di marce da giocarsi (4 totali lato termico). Tutto ciò all'orecchio fino dell'appassionato (un'utenza media non si accorgerebbe di nulla) è abbastanza comprensibile una volta capito cosa ascoltare ...si percepiscono molto in sottofondo il lavorio del cambio, le variazioni del motore termico, l'intervento secco dell'elettrico secondario che innesta le marce, la frizione che mette in presa il termico ecc Insomma, una volta capito qual'e' il range di utilizzo ideale, che è abbastanza ampio per un uso soddisfacente della Arkana, ne viene una guida piacevolmente briosa, anche se non sportiva, e sempre molto confortevole. In definitiva si ha la bella sensazione di essere a bordo di un'auto piuttosto sofisticata e piacevole da utilizzare, fatta di una tecnologia intelligente che ha riscontri precisi e positivi nell'utilizzo di tutti i giorni. Da un'analisi più precisa dei consumi confermo i 20 km al litro che avevo indicato in precedenza (anche qualcosina in più), nonostante stia girando con le termiche che probabilmente sono meno scorrevoli. ☏ motorola razr 5G ☏
  3. Con batteria al 100% credo si possano fare pochissimi km in piano anche perché quando scendi al 50% entra il termico Devo aver fatto max 5 km con batteria full ma con un po' di dislivello favorevole, quindi aiutato dalla rigenerazione in rilascio ☏ motorola razr 5G ☏
  4. Primi riscontri sui consumi, circa 20 al litro nel ciclo urbano/extra urbano (no autostrada) ...credo aiuti il fatto che, come dicevo, è una tecnologia che ti invita alla guida turistica ☏ motorola razr 5G ☏
  5. È un motorino talmente piccolo che credo deluderà chi lo compra per questi motivi .... Secondo me ha molto più senso vederla come auto ibrida tout court ☏ motorola razr 5G ☏
  6. Credo proprio di sì ...sospensione un po' ridicola nel 2021 ma probabilmente è uno dei modi per contenere il prezzo finale ...va detto che è un'auto tutt'altro che sportiva e che invita alla guida turistica, però insomma ☏ motorola razr 5G ☏
  7. Per la prima volta nella vita, dopo aver sognato tanti anni fa una R21 turbo che non potevo permettermi, ho acquistato una Renault e, come da tradizione, si tratta di un'automobile piuttosto innovativa anche se non rivoluzionaria. Innanzitutto dirò perché siamo arrivati a quest'auto. I motivi sono tanti ma fondamentalmente l'abbiamo acquistata dopo aver scartato, per vari motivi, alcune altre automobili; non siamo andati dritti sul bersaglio insomma ma è stato piuttosto uno slalom tra tante cose che ci sono piaciute da poco a molto poco. Personalmente sono abbastanza allergico alla piega che ha preso il mercato (ormai dominato da vetture che fatico a comprendere) e anche la mia compagna, che l'Arkana dovrà usarla, era abbastanza confusa tra auto brutte, strane, in generale troppo costose per quello che offrono. Impresa non facile dunque, anche perché lo scopo era quello di non fare troppe rinunce in termini di spazio e comfort rispetto alla Volvo XC70 che abbiamo rottamato. Non so se dipenda dalle norme anti inquinamento o cos'altro ma sta di fatto che ormai, anche nei segmenti bassi e medi, ci sono quasi solo auto enormi con motorini che faticano a tirarsele in giro: risultato, consumano come vetture ben più grandi e non si muovono; quindi pensare ad un’auto full hybrid è venuto quasi naturale (il motore elettrico verrà in soccorso). In tutto ciò la Renault Arkana ci è sembrata la quadratura del cerchio (altre vetture considerate, Volvo XC40 per affinità di marchio con la V70 ma troppo costosa, Jeep Compass perché super scontata per via del restyling, Citroen C4 perché sfiziosa nello stile e teoricamente molto confortevole, Honda C-RV pure lei fine serie, Peugeot 3008 non male ma decisamente più costosa e dall'ergonomia del posto guida demenziale). Esternamente la Arkana, al netto dell'inutile altezza da terra che va tanto di moda, è un'auto piacevole, senza stranezze o colpi di testa, fondamentalmente grazie a volumi ben proporzionati e ad una linea laterale particolarmente riuscita (il marketing, sempre alla ricerca del colpo ad effetto, la definisce SUV-coupé ma in realtà è semplicemente una hatchback - ovvero una berlina 5 porte - rialzata). Nel complesso appare atletica anche se forse un pelo di troppo pompata nelle forme (come d’altronde molte auto odierne). I dettagli sono meno pasticciati che su altre Renault recenti e questo secondo me agevola la visione d'insieme (continuo a non sopportare i vetri oscurati ma pare non si possa farne a meno ...questa peraltro era in pronta consegna quindi non abbiamo potuto evitare). Degli interni, più che lo stile abbastanza convenzionale, colpisce l'ottimo sfruttamento degli spazi che la rendono una vettura di segmento superiore in fatto di abitabilità; ogni centimetro si trova al posto giusto (il know how di Renault con le multi spazio si vede tutto). Ecco il primo dei motivi che ci hanno spinto su questa vettura: non rimpiangeremo troppo i 471 cm della V70 (vettura dal bagagliaio immenso ma meno abitabile della Arkana). Facendo il classico test "sedile guidatore tutto indietro" rimangono ancora diversi centimetri a disposizione del passeggero che si accomoda alle spalle del guidatore. È una delle poche vetture dove il mio metro e 90 non mi costringe ad arretrare completamente il sedile …il ché è tutto dire. L’ergonomia del posto guida appare ben studiata; ci si sente ben accolti, tutto è al posto giusto, le regolazioni sono ampie e non è difficile mettersi comodi anche se alla fine, sarà per l’impostazione da pseudo-SUV, ti ritrovi giocoforza a guidare sempre un po ' impettito (forse sono abituato "male" io con la mia Serie 6 dove si guida sdraiati). Dietro non si vede quasi nulla per via del portellone veramente molto inclinato e della coda alta ma la telecamera e i gingilli elettronici sopperiscono in modo adeguato. Dalla macchina si sale e si scende bene, anche dietro. La capacità del bagagliaio è discreta (non super) ma il vano è abbastanza regolare e abbattendo gli schienali si ottiene veramente tanto spazio disponibile, il cui sfruttamento è agevolato dal portellone. C'è anche il doppio fondo (che può ospitare il ruotino) ma mancano i ganci ferma bagagli. Molti e capienti i vani utili in giro per l'abitacolo. In tema di qualità costruttiva diciamo che è un'auto furba, come d'altronde tutte le macchine odierne, anche premium: nei punti che contano (quelli dove si mette mano, come volante, cambio e pannelli porta) le rifiniture sono buone, ci sono i led che fanno figo e c'è la finta pelle mentre per il resto domina la plastica, buona sulla plancia, mediocre altrove. I tasti hanno un bel feedback ma alla vista sono un po "cheap". Finiture appena discrete in certi punti ma ci sta visto il prezzo della Arkana che, al netto degli sconti, è di circa 25.000 euro (ecco il secondo motivo che ci ha convinti …difficile trovare così tanto a così poco). Sedili abbastanza profilati anche nella versione d'ingresso e realizzati in misto pelle; hanno poche regolazioni ma sostengono molto bene (anche quello del passeggero può essere regolato in altezza); nei lunghi viaggi credo possano dire la loro. Fari a led fantastici: mettono letteralmente a giorno 50 metri di strada e si adattano alle condizioni del traffico con estrema precisione (rimango stupito tutte le volte delle continue innovazioni in questo campo). Il sistema multimediale, cuore di tutte le auto moderne, è piuttosto ben fatto: l'interfaccia è chiara, molto completa (vi dico solo che se n'è andata una buona mezz'ora per avere contezza di tutte le funzioni) e abbastanza rapida anche se non fulminea. Le principali indicazioni possono essere indifferentemente piazzate sullo schermo a centro plancia o in quello della strumentazione. La definizione degli schermi è più che adeguata. Molte prese e ingressi di ogni tipo, sia davanti che dietro. Non sapevo cosa aspettarmi da questo propulsore ibrido; sono tecnologie che avevo finora snobbato (per la mia malcelata antipatia verso tutto ciò che non ha tanti cilindri e non fa rumore) ma cercando di capirlo e provandolo mi ha sorpreso: funziona meglio di quanto mi aspettassi e soprattutto in modo diverso rispetto agli ibridi orientali. Dunque c'è una via europea all'ibrido e credo possa incontrare meglio i nostri gusti. Il fatto che l'E-Tech avesse un cambio vero e proprio lasciava ben sperare (odio i cambi CVT) ma qualche perplessità mi rimaneva, soprattutto in considerazione della strana scelta di farlo a innesti frontali e senza frizione (quì la curiosa genesi del sistema https://www.motori.it/news/1752857/renault-e-tech-come-nato-sistema-ibrido-senza-frizione.html ) : alla prova dei fatti il gruppo, che prevede 4 marce lato termico e 2 lato elettrico, restituisce sensazioni di guida piacevolmente più vicine a quelle di un'auto tradizionale che a quelle di un ibrido classico (di scuola orientale appunto). Il funzionamento è quasi inavvertibile e tutto l'insieme dimostra buona efficacia nella guida (per fortuna visto che non si può agire sul cambio se non con il kick-down). Evidentemente Renault ha fatto tesoro del know-how sviluppato in F1 (una cosa non scontata). Anzi, direi che questo cambio così rapido probabilmente potrebbe dare grandi soddisfazioni anche su vetture sportive (d’altronde la derivazione è quella). Intelligente l'idea di utilizzare un motore termico molto basico (di origine Nissan, è aspirato ed ha due valvole per cilindro, tanto per dire) che in teoria dovrebbe garantire sufficiente affidabilità anche se maltrattato dalle complesse logiche di funzionamento di un'auto ibrida. La vettura nel ciclo urbano, come promesso dal costruttore, funziona quasi solo in elettrico, mentre giostra in continuazione le due unità motrici (quella termica non sempre in presa) appena si esce da questa situazione di guida (d'altronde l'autonomia della batteria è irrisoria in questi sistemi). In ogni caso tutto funziona bene, senza dare brutte sensazioni, segno di un sistema ben ingegnerizzato. Dinamicamente la Arkana è una macchina senza infamia e senza lode: la notevole altezza da terra (ha una luce libera di ben 20 cm) e la sospensione posteriore molto basica (un ponte rigido se non ho visto male) hanno costretto a fare un assetto non troppo molle per non metterla in crisi (alzare una vettura stradale non è mai una grande idea ma la moda ormai imperante impone queste scelte). Nei fatti si dimostra un'auto abbastanza comoda anche se non soffice e dalle reazioni prevedibili (nelle prove di slalom di km77 si è comportata discretamente bene). Sterzo abbastanza leggero e sufficientemente preciso, direi piacevole, migliore di quanto mi potessi aspettare. I freni hanno un attacco fin troppo evidente nella primissima parte di corsa del pedale ma come sempre ci si abitua a tutto. Lo scatto da fermo è apprezzabile (anche se non portentoso) come su tutti i mezzi dove "attacca" l'elettrico che, per sua natura, offre massima coppia allo spunto ...subito dopo entra il motore termico ma senza che vengano “tirate” le marce, garantendo così comfort e fluidità anche quando si chiede qualche cavallo in più. Gomme di primo equipaggiamento sono insolitamente le Khumo Ecsta (cosa che in verità non deve stupire visto che la Arkana è prodotta in Corea), coperture che conosco bene avendole usate sulla mia vecchia serie 5 E60 …pneumatici buoni (anche qualcosa più di buoni) benché non al livello dei prodotti top di gamma. Molto confortevoli e silenziose, garantiscono buona tenuta ma mancano un po' di precisione alle alte velocità (che peraltro la Arkana non raggiunge). A proposito di velocità massima, Renault dichiara un sorprendente 200 km/h, secondo me poco veritiero (da verificare …). Ovviamente non è un'auto che si acquista per le sue qualità stradali, e quindi è anche inutile dilungarsi, ma è sempre bene che anche un prodotto costruito con altri obiettivi si comporti in modo adeguato; e la Arkana lo fa. La macchina è stata acquistata con la formula "tutto compreso" per 48 mesi (le batterie, fortunatamente della giapponese Hitachi, sono garantite 8 anni), cosa che fa lievitare un po' il prezzo ma che dovrebbe coprirci su ogni cosa ...e con tutta la tecnologia che sta sotto al cofano (e non solo) credo sia la cosa più intelligente da fare, visto che peraltro il prezzo a cui viene proposta sembra del tutto ragionevole. Comprare la versione mild- Hybrid (pure disponibile), che costa quasi la stessa cifra e consuma quasi il doppio, ovviamente non ha nessun senso e non capisco nemmeno cosa ci stia a fare a listino. Acquistare la più costosa versione RS è altrettanto inutile vista la ricchissima dotazione della Intense (c’è una lista di dotazioni lunga un chilometro che vi risparmio ….dirò che è già dotata dei sistemi di ausilio alla guida di secondo livello) …inoltre si evita quella leva del cambio dall'ergonomia idiota e dal feedback giocattoloso. Senza contare il fatto che dare un taglio più "sportivo" (o presunto tale) a un'auto di questo tipo è una cosa del tutto inutile, persino ridicola. In definitiva la Arkana è una vettura esteticamente piacevole, molto spaziosa, discretamente realizzata (da buona vettura generalista), con un powertrain molto moderno e ben congegnato, dal prezzo piuttosto competitivo anche considerando le dotazioni di serie. Credo che se si dimostrerà anche affidabile ci darà più di qualche soddisfazione. Insomma, come dicevo altrove, secondo me Renault ha tirato fuori un discreto coniglio dal cilindro in un periodo storico in cui non si riesce a comprare niente di veramente interessante sotto i 30k euro. Ovvero ha fatto quello che dovrebbero sempre fare i costruttori generalisti …come diceva Henry Ford, "non c'è vero progresso se l'innovazione non è per tutti" (o qualcosa del genere).
  8. Noto che anche Mercedes si è inserita nel filone delle code corte che obbligano e mettere appendici sul culo delle macchine ... Curioso da parte di chi è sempre stato maestro di aerodinamica ed ha sempre fatto auto lunghe che evitavano questo "problema" ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  9. Avete tutti ragione ma proprio per questo è difficile combattere ad armi pari con la GS ... è uno status simbol e quindi parti svantaggiato a prescindere dai contenuti ...i numeri parlano da soli ... è come cercare di vendere la Giulia a chi vede solo serie 3 e A4 ... Uguale ... Ducati si è ritagliata il suo spazio dopo molti anni e grandi investimenti e nonostante tutto non scalfisce più di tanto il successo BMW La V85TT secondo me funziona perché sta in un segmento più combattuto dove le logiche di acquisto sono un po' diverse e dove non ci sono prodotti che dominano la scena ... è una moto che tra l'altro mette a nudo tutte le fesserie che raccontano i pseudo appassionati visto che si tratta di una piccola Stelvio, moto della quale dicevano peste e corna fino a pochi anni or sono (la Stelvio in verità era una moto persino migliore secondo me ... aveva più carattere e dotazioni migliori a un prezzo ridicolo) Comunque ben venga ogni nuova Guzzi ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  10. Ci hanno già provato con Stelvio e Caponord a stare nel segmento della GS ma hanno fatto due buchi nell'acqua ... Guzzi e Aprilia non reggono il confronto con BMW o Ducati purtroppo benché abbiano proposto moto che al GS giravano intorno con la loro bella ciclistica e i loro motori nettamente più coinvolgenti e fascinosi ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  11. Da vedere dal vivo quel cupolino perché per il resto mi sembra una gran bella moto, classica ma moderna, com'è forse giusto sia considerando il filone vintage imboccato dal marchio (anche la novità non può essere troppo futuristica con la Guzzi di oggi) In ogni caso su strada sono certo andrà un gran bene potendo godere del know how Aprilia in tema di ciclistiche Ho sentito girare il motore e suona molto bene, corposo e non troppo metallico come il vecchio catenaccio 1200 (un ammasso di ferraglia che ho amato molto ma ormai antistorico) Sinceramente ci voleva ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  12. Michelin ci sono nelle mie misure ... Devo rifletterci bene, non voglio una gomma che d'estate mi castra troppo Dicevo delle Pirelli pzero Winter perché pur essendo invernali sembrano avere un taglio molto sportivo ... Forse non sarebbero molto diverse dalle crossclimate d'inverno e poi d'estate monterei le estive vere e proprie Boh, vediamo ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  13. Pirelli non c'è la misura, non mi ero accorto Però fanno il pzero Winter che sembra più stradale del sottozero e potrebbe fare al caso ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  14. Ciao a tutti, è venuto il momento di cambiare le gomme alla mia vecchietta e questa volta sono più indeciso del solito. Non mi porrei la questione (cioè andrei dritto sulle invernali visto il periodo) se non fosse che l'auto viene utilizzata per la più parte del tempo in condizioni di traffico estremo, code e quant'altro. Solo d'estate riesco un po' a "sfogarmi" perché vivo in una seconda casa che posso raggiungere facendo strade molto meno trafficate e divertenti, però insomma, alla fine riesco raramente a divertirmi alla guida ...per cui mi è balenata l'idea di prendere un'ottima all season che non imponga troppe rinunce e mi tolga la rottura del cambio di stagione Ho adocchiato le Pirelli cinturato all season sf2 e ovviamente ci sarebbero le Michelin crossclimate Qualche parere, sia in generale che su queste gomme? Ho avuto una buona esperienza con gomme 4 stagioni sulla nostra Volvo XC70 ma ovviamente quella non può regalare in ogni caso grandi esperienze di guida sportiva, quindi va bene un po' tutto (non so se ho scritto nella parte giusta del forum) ☏ ONEPLUS A6013 ☏
  15. Visto che mi sono stancato di aggiustare la nostra vecchia XC70, abbiamo deciso di acquistare questa vettura, ovviamente full Hybrid e ovviamente nella versione base visto che ha una dotazione già ricca. Vi sembrerà strano ma l'abbiamo scelta prima di tutto perché non dovrebbe farci troppo rimpiangere confort e dimensioni della Volvo, senza spendere una fortuna, oltre al fatto che è una delle poche auto rialzate guardabili (i gusti sono gusti ma a me sembra notevolmente più piacevole delle premium a cui si ispira, soprattutto nella vista laterale) ...poi studiandola e provandola ho scoperto una vettura piuttosto interessante, discretamente realizzata e con un propulsore che sembra molto ben ingegnerizzato ...guidandola l'impressione è che motore termico ed elettrici lavorino molto bene in simbiosi ...una cosa che non mi aspettavo considerando le scelte tecniche piuttosto curiose fatte da Renault (soprattutto riguardo il cambio a innesti frontali comandato dal motore elettrico dedicato). Dopo aver provato anche una Honda CR-V (super scontata in questo momento causa aggiornamento del modello) mi sono convinto che i francesi abbiano tirato fuori un discreto coniglio dal cilindro. A giorni arriverà e vi saprò dire di più ☏ ONEPLUS A6013 ☏
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.