Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

angeloben

Members
  • Content Count

    188
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

335 Excellent

About angeloben

  • Rank
    Collaudatore
  • Birthday 10/02/1975

Profile Information

  • Car's model
    n

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Le riaperture ci hanno giustamente staccato un po' dai computer e dal forum, e così, con calma, riprendo un po' la discussione con qualche altra idea. Oggi si parla di volanti... Partirei da una soluzione tecnica piuttosto rara ed ergonomicamente interessante, che è la regolazione del volante solidale con il cruscotto portastrumenti. L'idea era garantire una visibilità ottimale degli strumenti in ogni posizione del volante. Io la ricordo solo in due modelli piuttosto diversi fra loro, ma certamente appartenenti ad un periodo e a marchi che non hanno lesinato idee innovative o comunque originali. Porsche 928 (1978) guardare il punto 16 dello schema del manuale d'uso Ma pochi anni dopo anche la più popolare Alfa 33, nella prima serie del 1983, propose la stessa soluzione, che qui nella foto potete apprezzare con l'insieme volante-cruscotto regolato alla massima altezza. Si vede anche la levetta di sblocco a destra del piantone, dettaglio che aiuta a ricordare un'altra particolarità di questo modello, cioè la chiave di avviamento a sinistra (il portachiavi ciondola di là...). Fatto curioso - e qualcuno l'ha già citato spiegando anche una possibile ragione - anche Porsche ha storicamente utilizzato questo schema, ma non su 928... Passando alle forme del volante, già erano venute fuori le menzioni dei monorazza Citroen e del mitico volante a corona squadrata di Austin Allegro Aggiungo adesso un trio di volanti, tutti degli anni Ottanta, che potremmo definire a razze asimmetriche. Al di là dell'impatto estetico, onestamente mi sfugge la motivazione tecnica... Si inizia nel 1980 dalla vecchia Europa, con la Renault 5 Turbo, quella a motore centrale pensata per i rally Dall'Australia, Ford Fairmont (XE, 1983) Infine dal Giappone, si ripropone la Subaru XT del 1985, uno di quei modelli che paiono un concentrato di soluzioni particolari, già citata da me in altro post per le maniglie porta "carenate" ad esempio, ma questa immagine degli interni rivela altri aspetti interessanti, dai satelliti a lato del voltante, alla strumentazione digitale, dal cambio a joystick fino al vicino cursore - stile Citroen - per la regolazione delle sospensioni elettroniche... E si parlava di una coupé compatta di metà anni '80! N.B. L'immagine potrebbe ingannare, ma il volante ha solo due razze...
  2. Decisamente vero, la plancia di Ascona C 1981 ispirò la concorrenza negli anni a venire, in particolare Volkswagen, ma non solo. Erano i modelli VW di fine anni Ottanta e inizi anni Novanta che ne ricalcavano il disegno con la palpebra arcuata e le bocchette che ne seguono la linea, a partire dalla citata Corrado... poi con Passat B3 del 1988, solo apparentemente simile alla coupé, ma in realtà la condivisione di componenti credo fosse più nascosta di quanto sembri. E poi Golf 3 (e Vento) del 1991. Certamente le bocchette non erano gli stessi componenti di Opel (ma neppure tra le varie VW), e anche i cassetti portaoggetti che menziona Gabri erano certamente differenti tra Opel e VW, anche nei periodi precedenti. Invece, proprio in questa zona della plancia (quella davanti al passeggero), è impressionante la somiglianza con Ascona C di un modello francese sempre di fine anni Ottanta, la Renault 19 del 1988. In effetti l'ispirazione "tedesca" di R19 era qualcosa di conclamato, a partire dall'esterno che si distaccava da ogni tipicità francese per avvicinarsi alle linee solide e aerodinamiche in voga tra i tedeschi. Anche all'interno, abbandonarono l'originale impostazione con grande palpebra "a tettoia" di tutte le Renault anni '80 per passare ad un disegno che mi è sempre parso un mix (abbastanza riuscito) di Ascona C e Golf II. Ma sempre in Francia, anche prima di VW, Peugeot aveva cominciato ad adottare plance dal disegno simil-Opel (qui forse più vicina a Senator '82) con la versione 1985 di 505: Poi evoluta nella più originale interpretazione fatta da Paul Bracq con 405 nel 1987, dove anche le bocchette seguono l'arco della plancia. Si potrebbero poi avvicinare a questa impostazione anche le plance di molte altre vetture del periodo, come le italiane Lancia Thema o Fiat Croma, ma numerosi aspetti come ad esempio la palpebra superiore meno (o per niente) arcuata o la bocchetta lato guida non inglobata, rendono la relazione con Ascona C assai distante per non dire assente. Basta, mi sono dilungato anche troppo su questo argomento decisamente OT. Magari i moderatori vorranno creare una discussione apposita, se la storia continua.
  3. Premetto che tutto il messaggio è OT, e me ne scuso in anticipo, perché non ha niente a che fare con le [MAI NATE], si tratta bensì di una divagazione sullo stile Opel di modelli effettivamente prodotti innescata dalle dichiarazioni di gusto di Pavel72 su Kadett E. ...e poi con le luci posteriori di Vectra A e le loro mille versioni siamo entrati in un giro alquanto pericoloso, quello dell'impallinamento da dettaglio estremo. E così esprimo la mia posizione (peraltro non richiesta, ma tant'è...) su questo inutile argomento. Il prospetto di coda - e in particolare i gruppi ottici posteriori - sono stati per me uno dei punti deboli del design Opel nel decennio esatto che va dalla presentazione di Kadett D (1979) a quella di Calibra (1989). Con Kadett D inizia infatti quella fase di code tronche e faretti verticali alquanto anonimi e monotoni che Opel ha riproposto quasi senza tregua con Corsa A, Kadett E, Omega A, Vectra A. Escludendo i restyling 1982 di Rekord e Senator che seguivano vincoli dettati dai precedenti modelli, tra i modelli totalmente nuovi si distaccarono solamente - Ascona C, i cui fari dietro, pur senza originalità particolari, avevano una loro presenza, riprendendo tra l'altro lo stile proprio di Senator A - e poi ancora Senator B del 1988, che voleva rimanere nel solco dei fari "importanti" a sviluppo orizzontale, ma nel tentativo di adattare l'impostazione di coda di Omega, risultò un plasticume di banalità, pesantezza e approssimazione piuttosto deprimente. Con Calibra tutto cambiò, e da quel momento i nuovi modelli mostrarono code e fari ben più curati e interessanti dal punto di vista estetico. Solo con Astra F (e un po' anche G...) non riuscirono forse a esprimere un granché. In questo senso esprimo quindi il mio personale apprezzamento per lo sforzo del face lifting 1992 per rendere un po' meno banali la coda e i fari di Vectra A. Non tanto per l'applicazione della lunetta in plastica nera, allungamento del maniglione portatarga, anzi. Quanto per l'aggiunta di quel piccolo trapezio che ingrandiva e movimentava il gruppo ottico ispirandosi appunto a Calibra. Confermo che era puramente estetico, solo catarifrangente, ed era parte del fascione plastico aggiuntivo (nero o nel colore della carrozzeria) che adornava solo gli allestimenti più ricchi. Sia mai che il tradizionale spirito spartano dei marchi teutonici venisse meno... Dovessi dare la mia preferenza, andrebbe alla combinazione fari/fasciaportatarga della Turbo, quella cioè con trapezio catarifrangente, frecce e retro brunite, fascia portatarga in colore carrozzeria (apparentemente poco sensata, ovvio, ma era semplicemente il supporto di quel trapezio catarifrangente...). Ma senza lo spoiler, che per quanto discreto, mi ha sempre dato un'aria un po' posticcia. Una Vectra A totalmente personalizzata a mio gusto sarebbe una CD prima versione, cerchi in lega originali a quattro razze, paraurti prima versione con gli spoiler inferiori neri. Poi i profili sottoporta neri (come la GT prima versione) per continuità con li spoiler dei paraurti. Abbinando invece le varianti face lifting per i fari anteriori, la calandra, i fari dietro trapezoidali con frecce e retro brunite, fascione portatarga in tinta, stemma Opel anche sul baule bagagli. E poi le maniglie porta in tinta, anche se queste ultime non sembrano essere mai state disponibili su Vectra A... Mi rimane il dubbio sugli specchi retrovisori: grigi o in tinta? I retrovisori esterni, ecco un'altro dei punti critici Opel di quel periodo. Gli specchi massicci e fissi delle Opel anni Ottanta, montati a partire da metà '81 su Senator A e Rekord E, poi su Ascona C, Corsa A, Kadett E, Omega A, Vectra A... Tutti retrovisori dal disegno finalizzato al miglior rendimento aerodinamico, ben levigati e coerenti con lo stile della carrozzeria, ma dal profilo molto pesante, con attacco alla portiera effetto "collo taurino", e il difetto di non essere ripiegabili (solo si sganciavano per piegarsi in caso di colpo violento). Spesso inoltre erano disponibili solo in plastica grigia, colorati in tinta carrozzeria solo per gli allestimenti sportivi. Di nuovo è Calibra che interrompe la catena, con degli specchi finalmente più sagomati, ancora più aerodinamici e dall'aspetto comunque più "leggero" e integrato nello stile della linea. Forse erano anche ripiegabili a mano (?). Sembra però un'eccezione, perché Astra F di nuovo torna agli stessi identici specchi di Kadett E. Poi Corsa B segna una nuova evoluzione verso integrazione estetica e aerodinamicità, ma rimane l'impostazione con attacco massiccio e non ripiegabile. Ancora più estrema e spettacolare la soluzione di Vectra B, ma con limiti pratici ancor più evidenti (non ripiegabili e pure con visibilità ridotta). Finalmente è col face lifting 1994 di Astra F che appaiono nuovi specchi dalla forma più modellata, con attacco più sottile e snodo ripiegabile. E qui la sorpresa... notate qualcosa di particolare in queste immagini? (sono riprese da cataloghi ufficiali Opel) Immagino abbiate trovato "l'anomalia"... ? Non so se si tratti sempre dello stesso identico componente per tutti i modelli, né se sia parente di quello di Calibra, o se sia ripiegabile o meno... ...ma è certo che Opel aveva già usato questo tipo di specchi ben prima di Astra-F '94 ! Se siete curiosi di capire, si tratta di immagini riprese dai cataloghi Opel per il paese del Sol Levante ?? e per quanto possano dare adito a sospetti di photshop più che fondati (notare il posto guida a sinistra...), mi sono accertato che le Opel di quel periodo in Giappone hanno effettivamente quel modello di retrovisore. Esistono foto in rete, tipo questa, e non è l'unica (anche se si contano sulle dita di una mano) La domanda nasce spontanea: perché in quegli anni Opel ha usato di quel tipo di retrovisori in Giappone? Onestamente non ho una risposta certa, solo un paio di congetture: a. necessità di specchi ripiegabili per gli angusti spazi del Giappone? b. vantaggi assicurativi? (per la stessa ragione...) c. diverse regole di omologazione per visibilità? Continuando con i punti deboli che erano un po' una costante di Opel di quel periodo, io vedevo anche gli interni. A cavallo del 1980 i designer Opel avevano adottato la serie delle grandi plance con cruscotto e console comandi integrati, con una iperrazionale e ripetuta impostazione ergonomica fissa, nelle interpretazioni più basiche, squadrate e robustissime di Kadett D e Corsa A, e quelle più raffinate ed evolute di Senator A2 e Ascona C. Una serie che tuttora mi pare riuscita, con stile certo non originale ma adeguato ai tempi, con un risultato efficace ed estremamente ben realizzate. A partire da Kadett E, Opel cercò un giustificabile rinnovamento anche all'interno, ma i risultati a mio avviso non furono adeguati, anche sugli altri modelli lanciati negli anni successivi. Linee poco armoniche, talvolta troppo pesanti, o superate, aspetto più dimesso, materiali più scadenti, componentistica antiquata... Ad esempio, nei modelli a trazione anteriore (Kadett E, Vectra A e Calibra), il mobiletto del tunnel rimaneva sempre troppo basso, quasi assente, e di conseguenza la console centrale di quelle plance appariva decisamente troppo allungata e verticale, con un effetto "stretto e lungo" poco piacevole. Anche Vectra, che certamente appariva più moderna e piacevole, tuttavia scontava una scarsa attenzione nella realizzazione (troppe superfici diverse che la componevano, nessuna o scarsa continuità con i pannelli porta o il tunnel centrale), o ancora comandi di impostazione antiquata come le levette per la climatizzazione. Mentre i grandi modelli a trazione posteriore (Omega e Senator), avevano sì un tunnel centrale più alto, ma soffrivano di una pesantezza estrema nello stile dell'intera plancia e in particolare della console centrale, troppo larga e massiccia, così come di un aspetto dimesso, un po' antiquato e a volte troppo dozzinale per la classe di quelle vetture. Astra F segnò la ripresa di una attenzione particolare allo stile degli interni, con un risultato finalmente riuscito, equilbrato e moderno. Tuttavia, pur nel palese miglioramento generale, il confronto con la concorrente diretta che Opel si era chiaramente prefissata di sfidare ad armi pari, a mio avviso veniva perso non tanto nello stile, quanto nella varia componentistica di aspetto meno curato e solido rispetto a una Golf III che aveva alzato di molto l'asticella. Fine del super OT.
  4. Be', sì. Quei fari posteriori delle proposte a due volumi per Vectra B, sembrano avere una parentela con Calibra B. Doveva esser piaciuta l'idea dei fari posteriori inclinati di Calibra A e avevano cercato di riproporla in qualche modo. Poi, per un motivo o per un altro, non ne han fatto di nulla... E le fotine sopra mi danno l'occasione per notare che i fari "stile Calibra", in entrambe le proposte, erano staccati dal paraurti. Comprensibile per la 2 volumi "levigata", un po' meno per la 3 volumi simil-VectraB finale, dove il labbro nero del paraurti perde la continuità con i fari, realizzata invece nell'altra proposta sempre 3 volumi, e poi mantenuta anche in quella finale, pur con fari diversi e più riusciti a mio gusto. E ora una confessione... è solo da pochissimi giorni che mi sono reso conto coscientemente della differenza sempre esistita nei fari posteriori di Vectra A tra le versioni a 2 e a 3 volumi. Direi siano lo stesso identico faro a livello componentistica, ma mentre nella 3 volumi i fari toccano il paraurti, la 2 volumi li ha più in alto, con un profilo di carrozzeria che li separa dal paraurti. Ma ora passo all'obiettivo reale di questo messaggio, perché spuntano cose sempre nuove per me nella rete... Si parlava per Calibra B - e Vectra B - del lavoro di integrazione dei retrovisori nella linea carrozzeria. Be'... ho scoperto che si trattava di una vera fissa del Design Studio di Opel già da tempo: guardatevi Wayne Cherry al lavoro su questa maquette di Corsa B! Dalle tempistiche del progetto S-4200 e dal cartellone del progetto 2670 coupé - cioè Calibra A, dovremmo essere agli sgoccioli degli anni '80. Il trattamento dello specchio di questa maquette ricorda davvero da vicino quello del prototipo di Calibra B. Per fortuna su Corsa B risolsero poi diversamente, con una soluzione meno bulbacea e assai più fluida. Seguiamo adesso il sempre più potente capo del design Opel... ...e così mi riallaccio ad un post di Paolo (e chi sennò?) di qualche mese fa sulle maquette di Omega B: Ed ecco che tolti gli occhiali e rimessa la giacca, il gran capo Wayne Cherry (per chi non lo riconoscesse, è lo spilungone...) sorseggia caffè con vari senior tutti ingiacchettati ad ammirare la maquette del progetto V2800 La cosa curiosa però, è che sicuramente non si tratta della stessa identica maquette postata in alto da Paolo, quella vista da dietro con la targa D e il simbolino falso. Qualcosa è cambiato... i fari posteriori qui sono chiaramente sporgenti tipo Omega B finale, e la fiancata è percorsa da una ulteriore linea che unisce i paraurti e forse indica la presenza di fascioni paracolpi dal profilo piuttosto sottile. E forse non è identica neppure all'altra foto, quella frontale: qui la calandra sembra usare i classici riquadri delle Opel "di lusso" (poi riproposti su Cadillac Catera...) mentre quella sopra di Paolo sembra già un'evoluzione verso la calandra finale. Ma in generale, questa foto di lato ci aiuta però a notare , più delle altre, quella che sembra una diversa impostazione a livello dell'assale posteriore di queste maquette rispetto all'Omega B finale. A me sembra che il passo sia decisamente più lungo e - allo stesso tempo - lo sbalzo posteriore forse più corto. Ed è certamente diverso il trattamento della portiera posteriore, che non va sovrapporsi al passaruota, ma ne resta distaccata. Devo dire che nel complesso questa maquette mi piace, appariva più importante, raffinata e allo stesso tempo dinamica della versione prodotta. Solo il paraurti anteriore mi pare troppo stondato e quelle due prese d'aria troppo "sportive". Ma in realtà, la cosa che più mi incuriosisce di questa foto non è la bella maquettona di profilo, bensì ciò che spunta nell'angolo in basso a destra... Un frontale basso e rastremato, privo di calandra... la targa sembra dire "V2800" come le altre, ma cos'è ?!?!?!?!
  5. Riprendo da alcuni suggerimenti che avete dato su modelli non citati in qualche elenco di curiosità: Per i fari centrali Giusto! ...e allora sempre in Fiat c'era la coeva 1400 B del 1953 E non sarà un caso, sempre in quegli anni il faro centrale viene proposto anche in un modello estremamente raro e di nicchia, la Allemano Panhard Dyna 750 coupé, presentata nel 1952 dal carrozziere (termine riduttivo...) Allemano per l'importatore Panhard di Milano, Crepardi La foto sopra è il modello presentato in veste "civile", mai realmente prodotto/venduto secondo le fonti, visto che le pochissime unità realizzate furono tutte allestimenti per le corse, come questo finito in Giappone (uno dei 2 arrivati ai giorni nostri) Ancora stessi anni, e giriamo sempre negli stessi ambienti, Italia-Francia, ancora Panhard... la Dyna Z del 1953 Per i bauletti Renault, grazie "j" per aver ricordato anche la Scenic: E infine, per le maniglie porta curiose voglio aggiungere quella "aerodinamica" di Subaru XT del 1985, in cui per renderle totalmente a filo carrozzeria avevano pensato anche ad un flap inferiore da spingere per poter tirare quello superiore... Maniglia poi usata pari pari dalla Vector W8... E poi quella "inversa" della prima serie di Renault 30 (e 20) del 1975, soluzione forse non proprio intuitiva e prontamente abbandonata alla prima occasione...
  6. Avendo trovato qualche foto qua e là, condivido per gli appassionati del genere. Niente di nuovo, solo immagini diverse da cui magari si possono apprezzare meglio certi dettagli. Coda di Calibra B, foto dalla quale si capisce meglio (vedere stacco alla base del lunotto) che non avrebbe avuto il portellone come Calibra A, ma un normale cofano bagagli. 3/4 frontale destro, dove si apprezza un particolare che non si notava altrove, cioè la lavorazione della piega sul passaruota che parte dall'attacco del cofano motore sul faro anteriore. E la proposta alternativa dall'altra parte: Posso dire una cosa? Il rosso Opel (brilliant o come diavolo si chiama) mi ha sempre dato fastidio. E non è colpa delle foto! E' così da chissà quando (fine '70-primi '80?), con quel non so che di sbiadito, troppo aranciato... e tra l'altro mi pare davvero che non abbia una buona durata nel tempo. Passo all'altra coupé "B" abortita di quel periodo, la Tigra. In assenza di foto migliori della coda, questo è quanto passa il convento, giusto per cercare di farsi un'idea appena più chiara (si fa per dire...) E ora, qui riunite tutte assieme nell'angolo "design masterpieces"... , rifatevi gli occhi col "tapiro" e le sue più degne figlie, le G90 definitive, gemelline adatte al gioco "trova le differenze" ? Questa foto ravvicinata però, oltre a farvi apprezzare la bellezza senza tempo di questo esemplare , mi aiuta finalmente a vedere meglio un particolare che già mi aveva incuriositro nelle precedenti immagini, ma che non riuscivo a capire. Guardate il complesso del deflettore anteriore e dello "specchio retrovisore". Curioso, no? Dal lato guidatore si intuisce vagamente anche l'effetto "dall'interno"... Nell'esasperata ricerca aerodinamica devono aver pensato qualche soluzione genere reflex/periscopio. Qualcuno più ferrato in ottica magari può chiarire! Infine, dettaglio laterale della semi-sconosciuta Opel Parabolica E con questo è tutto!
  7. Tra le numerosissime curiosità esistenti nel design automobilistico, ce n'è una che mi attrae per i suoi controversi successi di pubblico, a volte fallimentari, e che in un particolare periodo storico è stata la caratteristica distintiva dell'estetica di un marchio. E di nuovo si parla di una casa francese, e di nuovo è Renault. Ma non è stata sola... A cavallo del 2000, numerosi modelli due volumi della Regie sfoggiano code dal design estremamemnte caratterizzato e originale, con uno stile che io definisco "a bauletto". Qualcosa di diverso dal classico due volumi e mezzo, che normalmente si associa a linee più tradizionali e soprattutto dal lunotto molto inclinato tipo fastback. Qui invece si tratta invece di code dall'andamento nettamente più verticale, in particolare il lunotto, e un accenno di terzo volume integrato nel portellone. Nella produzione di serie, la Clio del 1998 inizia in modo piuttosto dolce questa tendenza, con una coda dal profilo con doppia bombatura, di ispirazione vagamente "Mini", ma con la curva del bauletto molto accentuata. Nel 2001 è l'avveniristica Avantime a rompere gli schemi: tutta l'impostazione è assolutamente originale e la coda in particolare sfoggia una forma del tutto unica, con lunotto verticale ma avvolgente e bauletto sporgente dalle forme molto geometriche. E tutti conosciamo i risultati commerciali di questo coraggioso esperimento. L'anno seguente è il turno dell'ammiraglia Vel Satis: Renault prova la carta anche nel tradizionale segmento delle grandes routières. Meno di rottura rispetto a Avantime, non riscuote comunque i consensi sperati. 1/5 delle vendite della già deludente Safrane, meno di un decimo della fortunata R25. Ovviamente non fu solo colpa della coda... Sempre nel 2002 si torna ad osare: ecco la Mégane II e la sua coda chiaramente ispirata ad Avantime. Non sembra il massimo della praticità per il bagagliaio di una berlina da famiglia, ed è una scommessa coraggiosa dal punto di vista estetico in un segmento così popolare. Le vendite però reggono. Si tratta dell'ultima proposta Renault dal design di coda così estremo, dato che le successive Modus (2004), Clio III (2005), Twingo II (2007) adottano sempre portelloni dalla forma complessa, ma con effetti assai più moderati. Dicevo più su che Renault non è stata sola in quel periodo... Ecco, mentre in Francia la moda sfumava, nel 2004 SEAT presenta la Toledo di terza generazione, tentativo di allargare verso il segmento superiore le potenzialità della monovolume Altea. Il mercato non apprezza e la proposta viene riformulata con successo con la più normale Altea XL. E' interessante inoltre ricostruire gli studi e i concepts sviluppati sul tema proprio in Renault nel corso del decennio precedente, a partire dal concept Mégane del 1988 con la particolare soluzione del lunotto scorrevole, a creare a turno un ben definito terzo volume oppure una coda "a bauletto". Poi il concept Ludo del 1994, che anticipava proprio le linee di coda di Clio II e poi Modus. Nel 1995 la Initiale proponeva un volume con coda a sbalzo dalle forme davvero originali e complesse. Nel 1998 è la volta della Vel Satis, con alcuni dei concetti - estremizzati - del modello del 2002. Poi è il concept di Avantime del 1999, che invece anticipa in tutta concretezza il modello omonimo che sarebbe uscito dopo due anni.
  8. Buondì, torno un po' sui progetti di piccole Opel che non hanno visto la luce. Si va indietro nel tempo di una cinquantina d'anni (mezzo secolo, mi fa abbastanza impressione...), quando a fine anni Sessanta Opel aveva iniziato a pensare allo sviluppo di un'auto piccola, sotto la Kadett. Tra le idee connesse a questo progetto, c'erano la trazione anteriore e l'impostazione due volumi, entrambe novità sostanziali per il design Opel (e GM...) di quei tempi. Per chiarezza, si parla di una fase precedente al vero progetto S-car (Small car?) che portò alla Corsa A. Risale a quel periodo "esplorativo" (non saprei dirvi l'anno esatto, ma direi dal 1969 ai primi anni Settanta) questo prototipo sviluppato come dimostratore di un'idea strutturale particolare, legata in specifico all'architettura a trazione anteriore. L'intera porzione frontale era connessa al resto della vettura mediante due strutture a travi incrociate sganciabili. Una soluzione che non ha avuto seguito, come sappiamo, ma certamente interessante. Il modello tra l'altro è tuttora esistente, sebbene nella configurazione giunta ai nostri giorni si notino alcune differenze rispetto all'immagine storica riportata qui sopra. Tra le differenze più evidenti, si notano i fari anteriori di foggia completamente diversa, i paraurti di colore scuro uniforme e dalla forma forse meno sfuggente, sedili e cerchi più ordinari. Direi che il modello possa aver subito nel tempo modifiche per avvicinarlo a soluzioni più realizzabili/utilizzabili, anche se dubito sia mai sceso in strade pubbliche, perché non ha specchio retrovisore esterno, né soprattutto tergicristalli! Per quanto credo che questo modello sia stato creato senza prospettive di produzione e quindi non avesse specifiche velleità estetiche, si può dire che l'impostazione generale della linea sia certamente nei binari del design globale di quel periodo, e abbastanza riconoscibile come Opel-GM. Vedi la linea generale - e il portellone in particolare - che ricorda Kadett C City o i fari anteriori simil-Manta. Ma alcune soluzioni specifiche sono certamente degne di nota: - la prima riguarda il "cofango" - legato a questo, mi viene da pensare che questo componente non sia in acciaio... ma non è che forse sperimentavano anche una carrozzeria interamente con pannelli in vetroresina o simili? - poi sempre sul cofano: l'assenza di calandra "aperta". Le prese d'aria nel paraurti ci sono, è vero, ma non sembrano onestamente molto ampie... il motore era tradizionale? - le portiere hanno il telaio avvolgente sul tetto, senza gocciolatoi a vista: una soluzione andata in produzione diversi anni dopo con le Fiat giugiaresche e che Opel usò per la prima volta con Vectra solo nel 1988! - le maniglie delle portiere incassate, stile Renault 5 - la netta divisione della linea tra la porzione inferiore paracolpi in materiale plastico e quella superiore colorata; è un tema stilistico certo visto da più parti, ma che Opel ha proposto spesso nel tempo, soprattutto nei suoi concept. La somiglianza più evidente è in quella che pare un'erede diretta di questo prototipo, vale a dire la Opel Junior del 1983. - e a proposito di Junior, un'altra soluzione degna di nota: i fari posteriori incassati nel paraurti in materiale plastico. Prima di Fiat Ritmo... In ultimo il dettaglio più piccolo e insignificante a livello di progetto e design, ma che sono sicuro tutti hanno notato: cos'è quel simbolo sulla calandra e sul portellone???? Perché quel triangolo inscritto in un cerchio???
  9. Urca!!! Confermo, non si era mai vista su queste pagine. E io non l'avevo proprio mai vista! E visto che queste cose mi incuriosiscono tremendamente, non potevo restare (e lasciarvi) nell'ignoranza... e quindi vi propongo anche due viste della coda! foto che tra l'altro consentono un raffronto diretto con la Calibra A, anche se in versione cabrio... Analizzando adesso con più completezza la proposta, ci sono alcuni temi interessanti da discutere. Anche io sono perplesso su questo prototipo e credo sia stata una decisione giusta quella di non mandarlo in produzione in questa forma. Al di là di qualche spunto interessante, dà l'impressione di essere un passo indietro rispetto a Calibra A. Tra i punti critici, vedo soprattutto una minore "presenza", forse dovuta al diverso rapporto lunghezza/altezza, alle linee meno tese e filanti e sicuramente anche alla impostazione cab forward menzionata da Paolo. Anche altri aspetti mi convicono poco: - la soluzione degli specchi integrati, per quanto interessante per l'epoca, non mi pare riuscitissima. Su Vectra B vennero decisamente meglio (e io mi sono sempre detto che sarebbero stati meglio su una eventuale Calibra B...) - i paraurti meno pronunciati e senza modanatura in qualche modo mi sembra riducano il dinamismo della linea (quella modanatura della Calibra, per quanto sia un dettaglio secondario, a me è sempre piaciuta moltissimo!) - i fari posteriori erano chiaramente un'evoluzione di quelli originali, ma troppo grandi, soprattutto arrivano troppo vicino al bordo del baule. E se le luci interne circolari possono essere interessanti, tutto il trasparente scuro intorno mi risulta pesante - la zona portatarga tra i fari post è un po' piatta, così come il bordo del baule, che mostra anche uno strano profilo/cornice - anche davanti, lo spoiler inferiore tagliato al centro lascia un vuoto che fa sembrare il frontale un po' sollevato - il vetro laterale posteriore non che sia mal riuscito, anzi, ma è piuttosto piccolo facendo sembrare l'abitacolo e tutta la vettura più piccola, meno importante. E in effetti dà un senso di già visto: a qualcuno ricordava la Toyota Celica anni '90, a me ricorda anche Hyundai Coupé e persino una delle proposte per Fiat Coupé... Il montante posteriore comunque è ben tornito e raccordato davvero bene alla fiancata. Una realizzazione certamente più raffinata di quella di Calibra A, che aveva il montante "appoggiato", anche se in maniera riuscitissima. Il prototipo comunque è interessante anche perché mostra alcune piccole varianti sulle due fiancate. I fari anteriori sono la differenza più evidente, in particolare l'indicatore di direzione: - quello della fiancata lato passeggero, con andamento "all'insù", è una validissima evoluzione dei fari Calibra A e mi ricorda moltissimo quello del disegno che girò come preview della Omega B! - l'altro, "all'ingiù", è più banalotto. Altra variante mi pare la lavorazione della zona bassa della fiancata: - lato guida mi sembra che lo scavo/scalino sia più arretrato e arrivi fino al passaruota con una leggera piega che forse intravedo persino proseguire sul paraurti posteriore. - dalla parte opposta, lo scavo mi sembra più avanzato sulla fiancata, forse toccando - all'opposto - il passaruota anteriore (ma non so se sia gioco di riflessi della foto...) Altri dettagli che hanno attirato la mia attenzione, ad esempio quelli che si rifanno ad altre proposte Opel di quel periodo: - la calandra nello stile del concept Maxx e poi vista su Astra G - la maniglia di Omega B, in tinta e dal disegno un minimo più ricercato delle precedenti. In ultimo, un plauso per l'idea di abbassare la soglia del cofano bagagli a filo paraurti, con un taglio inclinato dall'interno dei fari posteriori. Ma un dubbio: avrebbe mantenuto il portellone?
  10. Sicuro, gli spoiler anteriori sono l'altra faccia della medaglia! ? Meno appariscenti di spoiler e alettoni sulla coda, e quindi meno chiacchierate, le appendici aerodinamiche anteriori hanno però un ruolo altrettanto importante dal punto di vista tecnico. E in effetti per quelli a movimento automatico anche stavolta il primato è dell'Italia! E ancora una volta di una berlina di classe superiore, e sempre negli anni Ottanta, ma addirittura ancor prima della Thema 8.32! L'Alfa 90 infatti portava questa innovazione due anni prima, già nel 1984. E dal Giappone poco dopo risposero a modo loro: con l'elettronica. A partire dalla (per noi) assai esotica Nissan Skyline serie R31 del 1985, che per le versioni GTS proponeva l'AutoSpoiler, uno spoiler normalmente nascosto, che fuoriusciva con movimento "a ribalta" da sotto il paraurti oltre i 60 km/h, controllabile anche dai pulsanti in plancia. Le successive serie R32 e R33 videro evolvere questa soluzione verso il movimento "a scivolamento". Sempre dal Giappone, nel 1990 la ipertecnologica Mitsubishi GTO (o 3000GT da noi) propose una soluzione similare, con un labbro inferiore che si estendeva automaticamente scivolando verso il basso. A questa era abbinato l'alettone posteriore a variazione automatica di incidenza. Tornando in Europa, nel 1992 appare la Ford Escort RS Cosworth, il cui spoiler anteriore prevedeva l'estensione automatica per mezzo di una lama che fuoriusciva scivolando in avanti. Un anno dopo, ancora dal Giappone, sulla Toyota Supra IV appariva uno splitter anteriore di foggia e funzionamento similare, offerto in opzione. Le supercar nipponiche del periodo combattevano a colpi di tecnologia, anche nell'aerodinamica....
  11. Si è già parlato qua e là di vari alettoni e spoiler particolari, ma io vorrei dedicare un messaggio a un genere specifico, quello delle appendici aerodinamiche con movimento automatico. Non parlo di aerodinamica attiva in senso lato, ultimamente sempre più "di moda", ma che ad esempio include paratie mobili totalmente nascoste. Intendo piuttosto quelle appendici visibili ma integrate nella linea della vettura e che certamente portano con sé anche un'idea estetica significativa per designers e... clienti! Sebbene confinati ancora al mondo dei modelli sportivi d'alta gamma, da una quindicina d'anni i modelli dotati di questo tipo di spoiler automatici si sono moltiplicati, per cui nel post mi concentrerò sugli esordi commerciali di questo fenomeno del design automobilistico. E si parte dall'Italia! ?? Il primo esempio di alettone posteriore a fuoriuscita automatica risale al 1986 e fu introdotto dalla "Thema Ferrari" citata tempo fa da slego: un dettaglio esclusivo ed unico come lo era l'idea stessa di questo modello. Da ricordare come in posizione di riposo l'alettone scomparisse totalmente sotto la sua copertura, a filo del baule, senza modificare la linea originale della vettura. Se il primato della 8.32 è certo e riconosciuto, per le successive apparizioni sul mercato devo andare a memoria, che riconosco essere alquanto limitata e molto legata al mercato europeo di quei tempi. Potrei quindi ignorare esempi coevi di produzione americana o giapponese, ma chi ne sa di più è benvenuto! Quindi... è nel 1988 che la nuova Volkswagen Corrado riapre il mercato delle coupé in Europa, e trova un elemento di distinzione proprio nel suo spoiler integrato alla base del lunotto, che si solleva automaticamente alle velocità più elevate. Lo scopo è ovviamente aumentare il carico aerodinamico e questo è il suo meccanismo: L'automatismo scatta a 120 km/h, ma non in USA... là, causa limiti di velocità normalmente molto più bassi, si alzava già a 45 mph (circa 72 km/h...): e questo rende chiaro quanto fosse significativa, soprattutto sul mercato americano, l' "apparenza" di questo elemento. Forse il mercato europeo (e in particolare quello più ricco del nord) è generalmente più sensibile ai temi tecnici, anche se magari non immediatamente visibili. Aveva comunque anche il suo pulsante per il comando a richiesta. Un anno dopo, nel 1989, i cugini di Zuffenhausen fecero debuttare la 911 Carrera 4, primo modello della serie 964, che introduceva anche la trazione integrale nella produzione Porsche di serie (dopo la produzione limitata della 959). Ma l'altra particolarità di questa serie fu lo spoiler in coda a sollevamento automatico (oltre gli 80-90 km/h, oppure anche manuale), che abbinava la funzione di puramente aerodinamica a quella di un aumento della portata d'aria per il raffreddamento del motore (sempre ad aria...). Ancora negli anni Novanta, le applicazioni sono sempre rare e una di questa viene ancora da Porsche con la prima Boxster del 1996. Come detto, questi sopra sono gli albori (europei...) di questa tecnologia, in seguito sempre più diffusa, come testimonia anche l'applicazione (invero abbastanza rara) su una vettura piuttosto lontana dal concetto di sportività come la Citroen C6, già citata anche lei. Il resto è storia recente...
  12. Be', questa non è molto diversa dalla Uno con la figurina dell'auto e la spia temperatura acqua... Semplicemente qui manca la spia dell'acqua, perché si tratta della Visa con il bicilindrico 650 con raffreddamento ad ARIA! ? Anzi, qui c'è pure il contachilometri parziale! ?
  13. Certo che si può! Ma in casi di oggetti del genere, vale solo se si posta un'immagine adeguata... In effetti mi era sfuggita completamente quando pensavo ai modelli con paraurti/paracolpi rigati...
  14. Sì, ammetto che il livello di impallinamento è divenuto patologico ...ma essendo una dipendenza non ce la faccio a smettere e proseguo nell'argomento... Dicevamo... le fasce paracolpi zigrinate o rigate. Sembrano una banalità (e lo sono, ovvio), eppure non è che siano poi così diffuse nelle automobili normali (escludendo quindi fuoristrada o veicoli commerciali). A memoria penso che ancora una volta sia stata una francese ad averle introdotte, e non una qualunque. Nel 1972 la Renault 5 utilizzò per la prima volta i paraurti in plastica ed avevano le loro rigature Riportate anche nelle fasce paracolpi laterali introdotte in seguito (nel 1976 con la versione GTL) Due anni più tardi, delle protezioni laterali chiaramente ispirate a quelle di R5 furono applicate anche sulla versione GTL della R4. Per colorare il post, qui vi riporto però la versione in azzurro della versione speciale Jogging del 1981. E prima della Panda, le fasce paracolpi zigrinate (solo lateralmente) arrivarono nel 1979 persino sulla nobile Mercedes-Benz serie S (sia W126 berlina che C126 coupé), prima Mercedes ad utilizzare paraurti in materiale sintetico. Questa finitura rigata fu poi modificata rendendola liscia con il leggerissimo aggiornamento del settembre 1985. E finisce qui. Promesso.
  15. La discussione piace, si fa sempre più corposa, e così è fisiologico che comincino a moltiplicarsi le ripetizioni. Chissene, siamo qui per svagarci . Solo l'occasione per invitare a leggere anche i post precedenti, per non perdersi nulla e godersela di più. Riparto dal tema introdotto da slego, le fasce in plastica zigrinata: Non credo di aver mai saputo di questa iniziale assenza, in effetti fa strano! Avessi mai visto una E21 così, fino ad oggi avrei creduto che avesse perso la fascia... ora posso complimentarmi con il proprietario per l'introvabilissima rarità (salvo poi sentirsi rispondere "ma quale rarità, la fascia me l'hanno catubata una settimana fa e mi fumano ancora i chitarrini ) Comunque sì, la fascia zigrinata come completamento dei fari posteriori ha avuto alcuni emuli, a partire dalla concorrente diretta Alfa Romeo Giulietta, che nella versione "84" di fine carriera applicò una fascia zigrinata grigia a tutta larghezza, sotto i fari principali, con inseriti però i retronebbia. La coeva Peugeot 205 iniziò una stagione in Peugeot, che proseguì con 309 e poi 405 berlina prima serie. Barando un po', ecco la fascia di 205... nella interpretazione rally! Dai, però bravi in Peugeot, mantenere continuità stilistica trasformando una fascia zigrinata in griglia di ventilazione! Allargando il campo dai soli fari posteriori alle fiancate, le fasce zigrinate furono anche un'originale caratteristica di un'altra francese, la Renault Fuego (1980) Un po' come altre auto "latine" del periodo, Ritmo su tutte (ma non solo), la Fuego aveva una quantità di temi di design particolari, dal portellone bombato alle maniglie incassate, ai cerchioni "piatti" con tagli verniciati. Ma soprattutto, il disegnatore (Michel Jardin) sviluppò qui in modo completo un tema "spoilerato" un paio d'anni prima in maniera molto "sfumata" dalla R14 TS proposta da 3volumi3, inclusi gli specchi con disegno aerodinamico e in continuità con la fascia nera. E qui ci si potrebbe estendere ulteriormente alla successiva reinterpretazione di nuovo italiana, di nuovo Alfa Romeo, di nuovo già citata anteriormente in questa discussione: la fascia in plastica grigia (questa volta liscia) sulla linea di cintura di Alfa 75 (1985) Gli anni '90 videro poi svanire completamente anche queste che mi paiono le ultime e più evolute vestigia di quel particolare fenomeno che fu il "plasticume" anni '70-'80, più volte trattato in altre discussioni di questo forum. Finirei il post con un ulteriore sconfinamento fino ai paraurti, per ricordare le fasce paracolpi zigrinate delle Opel prima metà anni ottanta, iniziate dalla Ascona C del 1981, Proseguirono con Corsa A, Rekord E2, Kadett E. Fu Omega a mettere la parola fine a questo dettaglio in casa Opel, in nome dell'aerodinamica che "levigò" ogni superficie...
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.