Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

alettone75

Members
  • Content Count

    1,865
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

117 Excellent

1 Follower

About alettone75

  • Rank
    World Championship Winner
  • Birthday 12/02/1975

Profile Information

  • Car's model
    Punto 2008
  • City
    Romagna

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Esatto, se Magneti Marelli viene scorporata da FCA e quotata in borsa può rimanere controllata dallo stesso azionista di controllo (Exor) come già avvenuto per CNH e Ferrari. A quel punto è vero che le due aziende sarebbero a tutti gli effetti due entità distinte ma, avendo lo stesso azionista di controllo, manterrebbero comunque canali privilegiati a livello di sinergie.
  2. direi che ormai è praticamente certo che FCA, in un modo o nell'altro, cambierà assetto a breve... Se l'intenzione non fosse questa ci sarebbe ben più fermento di muletti e modelli in dirittura di arrivo, soprattutto considerata la gamma gruviera e l'andamento piuttosto positivo di alcuni mercati chiave. Onestamente, dal punto di vista finanziario la strategia non fa una piega, certo che i tempi non devono dilatarsi troppo altrimenti c'è il rischio che la posizione finanziaria inizi a degradare a causa del calo delle vendite. Gli scenari possibili, a parte lo scorporo della componentistica che però non porterebbe risorse così rilevanti, dovrebbero essere 2: 1) Fusione con un altro gruppo automobilistico 2) Scorporo di Alfa e Maserati Entrambi gli scenari necessitano di un basso indebitamento, il primo per garantire una posizione migliore agli azionisti FCA all'interno del nuovo gruppo, il secondo per permettere al gruppo nascituro di poter realizzare il massimo dalla quotazione. Nel caso della fusione, un altro vantaggio di aver posticipato alcuni modelli/tecnologie, è quello di poter realizzare sinergie più velocemente e limitando costose sovrapposizioni. Inoltre, parafrasando le parole di Marchionne, probabilmente Alfa e Maserati non sono pronte per poter stare in piedi da sole.
  3. Guarda che Ford vende tutto in US, dalla Fiesta in su, e cio' non gli impedisce di vendere bene anche la Mustang. Il lineup Chrysler con cosa lo fanno? che faticano gia' a tenere al passo le gamme dei marchi piu' in forma.
  4. La gestione prodotti di FCA mette in evidenza parecchi problemi nascosti dalle buone performance finanziarie. Troppi marchi, troppi buchi nelle gamme, troppi ritardi tecnologici, troppi modelli vecchi. Marchionne & C hanno fatto miracoli ma l'assetto attuale non e' sostenibile, e per questo si preparano grandi manovre... vedasi fermento azionario. Servono soldi, tanti, per fare tutto quello che servirebbe, chi c'è li mette? L'unica alternativa potrebbe essere una sanguinosa ristrutturazione interna, con il taglio di almeno 2 marchi, Lancia e Chrysler... i piu' deboli. Poi a Dodge fai fare la generalista americana rimarchiando le Fiat rational, tanto le Fiat li non vanno, in piu' usi Giorgio per l'alto di gamma, le muscle. Integrazione totale tra RAM e Fiat professional. Anche cosi' pero' servono una valanga di soldi nell'immediato, mentre la ristrutturazione porterebbe risparmi solo nel medio. My two cents, ci sara' una fusione e o lo scorporo di Alfa e Maserati, ma in ogni caso ci sara' anche la ristrutturazione di cui sopra. Per i prossimi modelli Fiat in Europa boh, dipendera' da chi saranno i futuri partner....nel breve l'unica possibilita' potrebbe essere la Argo, e un SUV su base Toro, ma la vedo dura perche' il mercato brasiliano mi sembra ancora troppo distante da quello europeo.
  5. Lancia non ha alcuna possibilita' di essere rilanciata a medio breve termine. Primo perche' FCA e' gia' in affanno nella gestione degli altri marchi, che spesso non hanno modelli up-to-date nonostante l'esiguo numero rispetto alla concorrenza. Secondo perche' negli ultimi 20 anni Lancia ha perso qualsiasi tipo di appeal, a causa di scelte stilistiche scellerate, soprattutto all'estero.
  6. alettone75

    Jeep Compass 2017

    posteriore in generale piuttosto pesante... e poi quel montante per il momento non riesco proprio a digerirlo. Bello il frontale, discreta la fiancata (poteva essere meglio se non fosse per il montante posteriore), un po' tristi gli interni... quella leva del cambio non si può vedere. In definitiva un'auto nella media, si poteva (e IMHO si doveva) fare di più, comunque ha un aspetto discretamente cool quindi dovrebbe vendere bene
  7. per il momento non mi fa impazzire... soprattutto per i troppi particolari barocchi. Però attendo foto migliori.
  8. forse è un po' presto per esprimersi, però da quel poco che si vede ho paura che avrà un posteriore troppo abbondante per i miei gusti, stesso problema di Giulia e Levante. A me piacciono i posteriori snelli e purtroppo vedo che le premium italiane vanno tutte nella direzione opposta, a discapito dell'eleganza e dell'equilibrio delle forme.
  9. mah secondo me questo face lift, men che meno quello di Mito, non ha molto senso se vuoi rilanciare il marchio in ottica premium. Stiamo parlando di un'auto di 6 anni (8 nel caso di Mito), sono auto da pensionare non da rilanciare, non mi sembra che esistano marchi premium con prodotti che restano in vita così tanto. Vuoi rilanciare il marchio? allora fai in modo di uscire con 2/3 prodotti chiave a raffica, diciamo nel giro di un anno, e quelli vecchi li togli dal mercato. Il discorso sarebbe diverso se avessi dei prodotti con meno di 5 anni di vita, allora in quel caso potrebbe starci un face lift, magari anche un po' pesante di quelli che vanno a toccare i lamierati per conformare lo stile il più possibile al nuovo corso. Insomma non è dando una spolveratina a dei dinosauri che risolvi i problemi, rischi invece di disorientare i nuovi potenziali clienti con prodotti troppo differenti nell'estetica e nella sostanza. Secondo me avrebbero dovuto realizzare la nuova Giulietta parallelamente alla Giulia e al Crossover e metterli fuori nel giro di un anno, uno ogni 6 mesi. Così in un breve lasso di tempo si sarebbero trovati con una gamma decente, sebbene limitata ai segmenti C/D, poi per i segmenti superiori potevano anche rallentare un pò. Se questo non era possibile, visti tutti i problemi per il lancio di Giulia, allora cassavi Mito, tenevi Giulietta un altro anno così com'era e poi la sostituivi, ma nel 2017 non nel 2020.
  10. Interessante l'indiscrezione sulla possibile produzione a Melfi, però cercando in rete ho trovato questo articolo di Dicembre 2015 che parla di un calo di produzione della Punto in attesa dell'arrivo del diesel Euro 6. http://www.direttanews.it/2015/12/30/melfi-370-nuove-assunzioni-alla-fiat/
  11. In generale come esterni mi sembra abbastanza riuscita ma il frontale non mi entusiasma e trovo la nervatura che scende nella parte posteriore un inutile barocchismo che mi ricorda un po' il peggio dell'ultima Delta. Per il resto direi che è ricca di contenuti, vediamo se riesce a risollevare una tipologia di auto un po' in declino.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.