Jump to content

johnpollame

Members
  • Posts

    1,790
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Everything posted by johnpollame

  1. Credo però che col solo Torino-Parigi saremmo d'accordo in molti...
  2. La mia religione mi impone di non rifiutare mai alcool offerto... 😁 Io ho il "vecchio" 1.6 sviluppato dal JTD, con 136 CV e 320 Nm di coppia, il 1.5 attuale credo sia di derivazione PSA: ha un cilindro, qualche CV, e Nm in meno (3 cil, 122HP, 300Nm ). Penso che probabilmente se la caverà comunque, ma per la serie attuale il motore "giusto" per godersi la macchina è il 2 litri, anche solo per i 4 cililndri...
  3. Elone ha avuto l'intuizione di fare la sua Lotus a batteria, dimostrando per primo che le auto elettriche potevano essere anche ludiche, sdoganandole dallo stereotipo di vetture buone solo a muoversi con la coscienza leggera.
  4. Voi ridete, ma il mio inconscio sta incamerando ciascuna delle ipotesi come del tutto verosimile, e mi sta salendo un'angoscia pre-patibolare... 🥶
  5. Credo che la -magrissima- soddisfazione stia nel fatto che pare abbiano trovato un problema ben specifico (assemblaggio, errata gestione elettronica del componente, o comunque un fattore esterno ben identificato), il sollievo è che problema non risulterebbe relativo ad una possibile debolezza strutturale "di progetto" del componente, che in caso sarebbe stato da ridisegnare in regime di budget cap...
  6. La mia impressione sull'assemblaggio è stata diametralmente opposta: l'ho trovato invece sorprendentemente curato (magari negli esemplari di pre-serie ci possono essere state differenze nella cura di montaggio...). I materiali non sono chissà cosa ma assolutamente allineati con la migliore Concorrenza (con demerito di quest'ultima più che per merito di Alfa), ma credo che schermi&lucineTM compensino ampiamente per soddisfare tutte le aspettative percettive che il cliente di questo tipo di vetture possa crearsi.
  7. Credo dipenda anche dal fatto che il medioamericano, non leggendo per principio il manuale, porta l'auto dal meccanico anche quando non capisce come regolare il volume della radio... Ciò detto, questa versione pimpata, nel suo voler essere eccessiva a partire dai colori, mi fa aborrire di meno il doppio rene ipertrofico: in questo contesto è meno stridente.
  8. Personalmente lo seguo da quando l'ha consigliato Leo Turrini. Leo lo seguono in tanti...
  9. Una volta tirati giù i santi A-L, registro il fatto che sarei stato molto più devastato se Leclerc avesse finito secondo "di prestazione": almeno gli aggiornamenti hanno funzionato bene, cosa che a mia memoria non era mai capitata per Ferrari al rientro in Europa. Ora vado con gli M-Z.
  10. Yep, non eccelle in nulla ma è davvero buona in tutto, i soli veri difetti che ci ho trovato: - è lunga cinque metri -specchietti piccoli con un certo angolo cieco che mi ha messo in difficoltà specie all'inizio - taratura poco affinata e piuttosto conservativa degli aiuti alla guida (praticamente i sensori di parcheggio sono quasi inutili nello stretto... ) - è lunga cinque metri. Devo poi dire che, specie nella vista laterale è davvero molto filante. La trovo davvero bella: bassa e lunga com'è, nei parcheggi di oggigiorno invasi da fintifuoristrada potrebbe tranquillamente passare per una coupé. Io ho il millessei che nonostante le basse aspettative se la cava tranquillamente anche in Autobahn e consuma davvero poco, specie in relazione al corpo vettura. Ovvio che non gli si può /deve chiedere sportività e grandi sensazioni, ma il suo lavoro lo fa ben più che onestamente. Credo però molto lo faccia l'accoppiata con l'automatico, che si prodiga ad estrarre ogni stilla di coppia dal frullino a nafta, l'ottima insonorizzazione cela poi l'effettivo impegno del propulsore, che però rimane sempre sorprendentemente parco. Comunque è perfetto per l'autostrada: a velocità codice sonnecchia e la riserva di potenza e più che sufficiente per trarsi d'impaccio in ogni situazione, e si beve le tratte alemanne a centottanta di media senza batter ciglio. Come guida assai meno peggio del previsto data la stazza, anzi sicuramente in Opel i collaudatori hanno inteso dare un certo buon piglio: a confronto con la guida sicura ma piuttosto asettica della scuola VAG qui abbiamo una vetturona discretamente più reattiva, ancorché composta. Il contrappasso è una certa rigidezza delle sospensioni: confort adeguato alla classe della macchina, ma non morbidamente Sontuoso come immaginavo. Ovviamente il peso è le dimensioni ci sono: facendo allegro la Futa deserta le gomme (almeno le invernali) fischiettano allegre ad ogni curva, anche se la sensazione è di totale controllo. Francamente non trovo un vero motivo per non consigliarla, a parte ovviamente il fatto che è lunga cinque metri. Cinque.
  11. Oddio, benissimo che l'Europa voglia ridurre anche gli altri inquinanti, ma la cosa non inficia di una virgola il mio ragionamento. Anzi, se l'impatto socioeconomico in questi altri ambiti fosse similare a quello per l'automotive, le criticità che evidenzio si moltiplicherebbero... Il problema non è apprezzare o meno il beneficio ambientale, anche il più piccolo, ma valutarne con attenzione il costo economico e sociale, e la cosa per l'automobile è molto, molto delicata da gestire, con complicazioni fino al lungo termine in moltissimi settori industriali, a fronte di un vantaggio ambientale tutto sommato molto limitato fuori dalle grandi aree metropolitane congestionate (su cui magari sarebbe più efficace ed efficente agire in modo mirato, in primis controllando e normando il riscaldamento degli edifici e gestendo il trasposto pubbilco)...
  12. Leggevo che a livello mondiale l'inquinamento dovuto alle sole autovetture è stimato in circa il 12% del totale globale. Intese tutte le vetture del mondo, anche quelle euro sottozzero dei paesi poco o nulla toccati dallo sviluppo. Azzerare per incanto l'inquinamento delle autovetture circolanti in Europa porterebbe quindi a spanne un miglioramento globale di un 2,5%. Per carità, buttalo via, ma è ovviamente un numero preso per estremo eccesso (le vetture circolanti ora in europa sono tra le meno inquinanti al mondo, le sostitute elettriche per quanto più efficienti ambientalmente non sono a impatto zero, etc. etc.). Immagino che qui qualcuno potrà avere numeri più esatti, ma se l'ordine di grandezza fosse più o meno questo... beh pur auspicando una transizione verso la miglior sostenibilità... sostenibile, non ritengo peregrino chiedersi se i tempi e i mondi in cui verosimilmente noi Europei saremo costretti a compierla valgano effettivamente i sacrifici richiestici. Credo in tutta franchezza che una economia incentrata esclusivamente sul trasporto individuale elettrico sia effettivamente sostenibile solo cambiando totalmente i paradigmi della mobilità individuale, incluse le necessità stesse di mobilità quotidiana, e possa dare un reale beneficio effettivo esclusivamente se adottato a livello globale. Fermo restando il ruolo di battistrada, bastone, e carota, che deve dare la politica, credo che buona parte degli sforzi si debba rivolgere a favorire attivamente le condizioni perchè il passaggio sia il più spontaneo e fisiologico possibile, di modo che il cambio di paradigma sia naturale e avvenga all' effettivo incontro tra la maturità tecnologica e quella socio-economica, e francamente mi pare che l'UE stia cercando di farlo in modo troppo forzato. Ma, soprattutto, perchè lo sforzo valga la candela deve essere promosso a livello globale, altrimenti sarà davvero solo un lavarsi di verde la coscienza, e solo per chi potrà permetterselo... Ciò detto, basta che qualcuno mi continui a fare un po'di broda per i Solex del Bialbero, e io sarò comunque contento.
  13. Magari stanno facendo comparative tra questa e la W13
  14. Era un numero dal valore euristico, ad ogni modo nelle tasche dei più non conta la proporzione: conta l'ammontare assoluto...
  15. johnpollame

    Orologi

    Manifesto estrema gratitudine per la segnalazione: un sito d'eccellenza, non solo per la meccanica dei segnatempo!
  16. Però se un casco omologato costasse mediamente tremila euro, la faccenda si complicherebbe...
  17. Indice che chi ha scritto l'articolo non sa di cosa parla...
  18. A scanso di equivoci, non ne faccio una questione di funzionalità, anche se come qualcuno fa notare qualche minima criticità ci può anche essere, ho (forse troppo poco timidamente) affermato che a me, poiché considero il cambio elemento essenziale del godersi una vettura, e in generale amando i comandi fisici, massicci, ben definiti, quei tasti anonimi mimetizzati nello schermone dedicati in teoria ad una delle funzioni chiave del mezzo, non li vorrei in una vettura dal chiaro aspetto edonistico. Ma, appunto, trattasi di feticismo eventualmente da approfondire ove d'uopo...
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.