Jump to content

Dodicicilindri

Redattore
  • Posts

    12,184
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    7

Everything posted by Dodicicilindri

  1. Quoto in toto quello che hai detto: la paura che l'investimento non venga recuperato frena lo sviluppo di modelli grossi e costosi. Il bagno di sangue della Thesis ha purtroppo lasciato il segno. Voglio poi commentare ciò che ha detto F. Piech, cioè che dei modelli "giusti" potrebbero essere venduti anche a un prezzo elevato e il mercato li apprezzerebbe. Il problema è anzitutto capire cosa si intende per giusti: che abbiano finiture eccellenti, la trazione posteriore, una linea mozzafiato. Si dovrebbero individuare le vere aspettative della clientela. Un altro problema viene dal fatto che per un motivo o per un altro ai 3 modelli che hanno tentato di puntare verso l'alto (thesis, 159 e brera) ha sempre fatto difetto qulacosa: quando non era la linea era il peso, oppure i motori, ecc. La sfida sarebbe provarci con un modello che risulti almeno pari se non superiore in qualsiasi settore alla concorrenza. Purtoppo però gli investimenti sarebbero altissimi; inolte il gap da recuperare per porsi al top in certi segmenti è comunque notevole. Penso dunque che, almeno per il momento, Marchionne approvi solo gli investimenti sicuri e appoggi una filosofia di sviluppo dal basso, che non è sbagliata di per sè, ma deve essere il punto di partenza per qualcosa di più ambizioso.
  2. Sono d'accordo con te. Anch'io penso che una sana concorrenza tra Alfa e Lancia porterebbe giovamento ad entrambe e consentirebbe migliori economie di scala, ma in Fiat non ci sentono da quell'orecchio. Altro brutto vizio è quello di abbandonare i modelli dopo averli presentati; leggevo nel topic sulla M5 twin turbo che qualcuno si meravigliava del fatto che BMW stia sviluppando questo motore per un modello già ad oltre metà del suo ciclo di vita, ma questo è uno dei segreti del successo dei marchi tedeschi; se per GT e 147, ad es., si decidesse di montare i nuovi T-jet o il 2.4 MJt potrebbero tirare avanti molto meglio. Infine, come hai detto c'è questa tendenza in Fiat a sostituire alcuni modelli con altri di fascia più bassa; forse la paura di scontrarsi a pari prezzo con la trimurti è tanta, non dimentichiamo che anche 159 vende meno di 156 a causa del suo diverso posizionamento.
  3. Chiedo scusa se ho sbagliato sezione in cui postare. Per quanto riguarda la Brera, mediamente il prototipo era piaciuto moltissimo e ha ricevuto vari riconoscimenti per il suo design. Il suo problema è che è nata come un'auto che avrebbe dovuto essere posizionata appena sotto la 8C ed è stata poi normalizzata per essere venduta a 35-40 K€. Se avessero potuto venderla a 85-90 K€ senza snaturarla avrebbe venduto, in termini relativi ovviamente, proporzionalmente molto meglio. Il problema è sempre che per le case italiane che non siano Ferrari e Maserati è difficile allargare la base di vendita nella fascia di prezzo intermedia (quella di A5-SR3 coupè). Una Fulvia fatta come si deve per me avrebbe raggiunto e superato i 30 K€: a quel punto chi ti dice che la linea splendida, soprattutto fuori dal'Italia, sarebbe stata sufficiente a farla vendere in quantità tale da remunerare l'investimento? Io credo che purtroppo in questo momento si debbano impiegare le poche risorse disponibili su modelli più importanti in termini di volumi: la Delta sarà un primo passo, poi ci vorrebbe una seg. D derivata dalla 159 ed un suv intermedio fra x3 e x5. Solo dopo aver recuperato credibilità e notorietà anche in Europa si potranno attaccare con successo le nicchie di mercato.
  4. Come ha detto Francois, il pianale premium è troppo grande, mente per quello di Gpunto mi sembra ci fossero dei vincoli nella zona del frontale e dei montanti del parabrezza che impedirebbero di rispettare il design del prototipo della Fulvia. Penso poi che un altro problema, accennato anche da Francois, sia stabilire la redditività dell'operazione; purtroppo si è visto anche con Brera che non sempre auto derivate da prototipi acclamati ottengono il successo commerciale sperato. Alla fine c'è sempre lo scoglio dell'immagine da superare, e la mancanza di continuità nel proporre prodotti di un certo tipo.
  5. Navigando su internet ho trovato questa intervista a Olivier Francois. Lancia, intervista a Olivier François Sulle rive del Po non si specchiano solo le ambizioni del marchio Fiat. Ci sono anche gli eredi di Vincenzo Lancia, l’inventore dell’automobile moderna. Guidati oggi da Olivier François, che arriva dalla Francia ed è un uomo di Marchionne, si vede. Deciso, ma soprattutto chiaro. Nato a Parigi nel 1961, laureato in economia e commercio, Olivier François è alla direzione del marchio Lancia dal 2005 dopo aver fatto esperienza in Citroën, dove ha diretto le filiali danese e italiana, e quindi in Fiat. La Lancia si fa forte soprattutto dei solidi risultati della sua “piccola ammiraglia”, la Ypsilon: un fenomeno senza precedenti non solo in Italia, ma anche in Europa dove è cresciuta nell’ultimo anno del 16%. Risultati inevitabilmente minacciati dalla prepotente vitalità della sfiziosa cuginetta di casa Fiat, che per dimensioni e prezzo si pone in diretta concorrenza. Dottor François, come reagirà la Ypsilon all’arrivo della 500? “Ypsilon e 500 sono in effetti simili per misure e appeal: ma un po’ di sana competizione, anche in famiglia, ci sta. Dalla nostra abbiamo qualche atout: una gamma motori più completa, soprattutto Diesel, e un’abitabilità maggiore: 5 posti e un buon baule di volume variabile da 290 a 900 litri, che rende la Ypsilon non esclusivamente cittadina,a differenza delle altre vetture del segmento A. E poi puntiamo sul servizio: tutte le versioni hanno di serie il VYP Service, un assistente personale 24 ore su 24 per ogni circostanza: dalla foratura al prelievo dell’auto per il tagliando.” Non è strano aver presentato proprio ora la Ypsilon Sport, quando la 500 viene proposta come una fun-car? “Il restyling del 2006 andava infatti nel senso dell’eleganza, una caratteristica delle Lancia. Volevamo però coprire lo sport, che avevamo un po’ trascurato. Ora vedremo come reagirà il mercato all’arrivo della 500: devo ammettere che è un po’ un salto nel buio. Da una parte perderemo qualche cliente, non i clienti Lancia, ma gli indecisi; dall’altra avremo anche un effetto di traino nelle concessionarie che espongono i due marchi. Difficile fare previsioni, ma nel complesso rimango fiducioso che la Ypsilon terrà.” Si potrebbe puntare sull’estero, dove però il marchio Lancia, nonostante la storia lunga e gloriosa, è un po’ caduto in oblio… “Sì: già ora un terzo delle Ypsilon sono vendute fuori dall’Italia. Le azioni commerciali e di comunicazione che abbiamo intrapreso funzionano bene, ma so benissimo che l’azione principale resta quella di completare la gamma. Al momento, Lancia è presente in segmenti che in Europa pesano appena il 23%: è chiaro che non si possono fare miracoli. Ma c’è grande attesa per la Delta HPE, che l’anno prossimo chiuderà un buco proprio nel baricentro della gamma.” Può già dirci su cosa punterà? “Abbiamo tre punti vincenti. Prima di tutto lo stile, tipicamente Lancia senza essere un banale remake della vecchia Delta. Secondo, i contenuti: meccanica di pregio, cambi tutti a 6 marce, motori benzina e Diesel solo turbo, molto brillanti. Per finire, un’architettura particolarissima: non mi piace la parola crossover, ma è di certo una vettura poliedrica, che assomma in sé tratti dei segmenti C, D, berlina e station wagon.” Come già la Thesis, la Delta è piuttosto diversa dal prototipo Stilnovo. Come mai? “Perché cerchiamo di sviluppare azioni coerenti con la nostra identità, che descriviamo come ‘eleganza e temperamento’. Quindi abbiamo preso la Stilnovo e la abbiamo resa ancora più grande, più abitabile, e con più stilemi sportivi. La Delta HPE è la migliore interpretazione del DNA Lancia.” E cos’è mancato invece alla Thesis per essere un’interpretazione di successo? “Fondamentalmente, una base di vendite che sostenesse adeguati investimenti in comunicazione, generando un circolo virtuoso: ‘auto più venduta – auto più promossa’, soprattutto sui mercati esteri. Questo è il vero limite di questi tentativi, anche di altre Case: fuori dal mercato domestico sono poco sostenuti. C’è un problema strutturale di sostenibilità, quando si va a sfidare i marchi tedeschi sul loro territorio.” Contro i tedeschi è persa la battaglia o è persa la guerra? “È persa la battaglia del prodotto direttamente confrontabile, la grande berlina tre volumi. Ma ci sono altri modi di puntare all’alto di gamma senza fare vetture così classiche, e li stiamo esplorando con successo. Nell’alto di gamma Lancia ha di certo ancora molto da dire: abbiamo motori al vertice dei rispettivi segmenti, eleganza, dotazioni e carattere, che sono esattamente gli ingredienti di un alto di gamma di successo. E se togliamo l’equazione ‘alto di gamma = grandi dimensioni’, la guerra la stiamo vincendo tutti i giorni: nel segmento B 3 porte, Ypsilon è leader assoluta; e Musa è la monovolume più venduta in Italia.” Se la Thesis non dovesse essere confermata, come la Lybra, Lancia diverrebbe un marchio con una gamma di quasi- monovolume: veri e propri, o due volumi poco accentuati, come Ypsilon e Delta HPE. È una scelta precisa, quella di declinare lusso e confort solo in veicoli di questo tipo? “È più legato a una situazione momentanea. Non puntiamo solo su queste architetture: Lancia significa soprattutto confort della vita a bordo, silenzio, materiali, spazio. Nella ricerca dello spazio si può andare in larghezza, in lunghezza o in altezza; al momento siamo andati in altezza, ma già la Delta è decisamente bassa. Per quanto riguarda le tre volumi, non escludo nulla, ma per il momento nel segmento C interessano poco, almeno in Italia.” E una vettura di immagine, come la Fulvia Coupé…? “Ah, quella al valore del marchio avrebbe fatto bene: benissimo. Abbiamo una mezza idea per una vettura di questo tipo, ma occorre pensare alla giusta formula di stile, caratteristiche, investimenti. È facile fare un’auto che piaccia, ma è molto meno facile capire quanto costa produrla, e quanto è vendibile. Il pianale Barchetta era perfetto per le proporzioni della Fulvia, ma troppo datato; quello Brera è troppo grande. Magari si può usare il pianale Punto, e viene fuori una cosa diversa: a quel punto si chiama anche in un altro modo… Detto questo, personalmente avrei fatto la Fulvia, e non la Barchetta. Ma all’epoca in azienda non c’ero io.” Oggi lo stile è centrale nel valore di un marchio. Lei ha visto i progetti per le prossime vetture: come le sembrano? “In tutta onestà, i ragazzi guidati da Marco Tencone sono bravissimi. Di tutti i progetti in corso, non ce n’è uno nato male: sono tutte belle auto, e inequivocabilmente Lancia. Se poi arriveranno alla produzione è un altro discorso, che dipende da mille variabili. Se all’estero avessimo la stessa notorietà che abbiamo in Italia, con le risorse in più potremmo permetterci subito il doppio di modelli in gamma.” In effetti, all’interno del Gruppo, per ritmo di introduzione di nuovi modelli Lancia è il marchio più statico… “…o il più dinamico, a seconda dei punti di vista. Come prodotto, è vero: oggi il nostro modello più recente risale al 2004. Questo è dovuto ai bassi investimenti fatti anni fa, nel periodo della crisi. Ma da fuori non potete vedere quello che si sta preparando! Inoltre proprio per compensare il lento rinnovamento della gamma, siamo i più attivi dal punto di vista delle iniziative mediatiche e dei servizi: dalle campagne pubblicitarie, alle serie speciali, al lavoro sulla rete, all’offerta VYP Service. Abbiamo quasi un’iniziativa al mese. Il risultato è che nonostante la concorrenza abbia prodotti più freschi, le nostre vendite sono in costante crescita.” E quando avrete questi nuovi prodotti tornerà magari anche la trazione integrale? “Può darsi. Abbiamo una lunga tradizione nel 4x4, e nell’alto di gamma c’è sempre più spazio per la trazione integrale a prescindere dal fatto che la si usi per Suv o per vetture più classiche. E se c’è spazio nell’alto di gamma, c’è spazio anche per noi.” Fonte: automobilismo.it Alcune delle cose che dice mi sembrano condivisibili: ad esempio credo anch'io che sfidare le berline seg. E tedesche sia un'impresa persa in partenza. Inoltre anche lui riteneva importante produrre la Fulvia; peccato per il pianale che manca. Voi che ne pensate?
  6. Guardate cosa ho trovato su ebay http://cgi.ebay.it/ALFA-ROMEO-GT-8C_W0QQitemZ250122108720QQihZ015QQcategoryZ9834QQssPageNameZWDVWQQrdZ1QQcmdZViewItem La base d'asta mi sembra altina, anche se promettono consegna garantita. C'è scritto che la macchina è usata ed è stata immatricolata nel luglio 2007: era già prodotta tre mesi fa? Io pensavo che finora fossero stati prodotti solo pochi esemplari per i test della casa e per farla provare alle riviste.
  7. Da quello che so la X-Type non avrà una sostituta; infatti l'attuale non ha avuto molto successo ed ha contribuito ad abbassare il prestigio e la percezione del marchio; sembra quindi sicuro che non se ne farà una nuova serie, almeno per il momento; poi se Jaguar verrà venduta le cose potrebbero cambiare
  8. No, qualche mese fa avevano affrontato il problema del filtro antiparticolato della Mazda 5 (ed anche di altri modelli della stessa casa) che non si rigenerava, costringendo i proprietari a percorrere circa 30 km oltre gli 80km/h ogni 500/1000 km.
  9. La giornalista inglese è stata fortunata che il fratello si sia sentito male in Umbria. Se fosse successo a Napoli ed avesse visitato uno degli ospedali di questa provincia, non credo che sarebbe rimasta così favorevolmente colpita. Io abito in un paese in provincia di Napoli; qualche tempo fa sono andato a trovare una parente ricoverata nell'ospedale della mia città: una delle cose che mi hanno sconvolto è che ho visto un medico togliersi i guanti di lattice dopo aver visitato le degenti in camera e gettarli per terra nel corridoio! Già la cosa è incredibile, ma mi ha lasciato ancora più sconvolto perchè pochi metri più in là c'era un cestino per i rifiuti.
  10. Ecco i dati rilevati: http://img509.imageshack.us/img509/355/scansione0001jd5.jpg
  11. Riporto una nuova scansione in cui la forma dei fari si dovrebbe vedere meglio. http://img526.imageshack.us/img526/4632/scansione0001xs6.jpg
  12. In provincia di Napoli dove abito è uscito oggi in edicola.
  13. Su quattroruote di agosto hanno pubblicato le foto della delta così come dovrebbe essere: rispetto al concept cambiano solo i fari anteriori.
  14. Spero di farvi cosa gradita. Ho riportato solo le pagine principali. http://img74.imageshack.us/img74/7183/scansione0001cb2.jpg http://img402.imageshack.us/img402/9775/scansione0004xp0.jpg http://img74.imageshack.us/img74/8118/scansione0003jd3.jpg http://img341.imageshack.us/img341/4250/scansione0002at9.jpg
  15. Ieri sono andato a vedere la 500 a piazza Plebiscito a Napoli. La macchina è esteticamente molto bella, così come i teli col disegno della vecchia 500 che le copriva. Non sono salito dentro, perchè ne hanno aperte solo due e c'era troppa folla, ho solo toccato i pannelli delle porte, che erano di plastica dura, ed ho guardato l'interno, che mi è sembrato abbastanza ben fatto. L'unica cosa che mi ha veramente lasciato deluso è stata la qualità della verniciatura: su tutte (la maggior parte nere, rosse e bianche) c'era un'evidentissima buccia d'arancia che rendeva la vericiatura non perfettamente lucida come ci si aspetterebbe da un'auto nuova. Voi avete notato la stessa cosa? Mi è dispiaciuto, anche perchè questo era un difetto delle vecchie Fiat che era stato corretto negli ultimi modelli (le Gpunto, le Bravo e le ultime Idea che ho visto avevano infatti un'ottima verniciatura).
  16. Quello che ci si aspetterebbe non è che si progettino dei motori fantascientifici e si montino sulle Alfa, ma soltanto che si riuscisse a produrre in completa autonomia qualcosa di decente e non di riciclato da vecchi progetti. Secondo me il problema fondamentale di Fiat è uno solo: ha sempre fatto utilitarie, mentre ora si trova in mano due marchi come Lancia ed Alfa che si dovrebbero rivolgere ai segmenti superiori, che richiedono investimenti ingentissimi, in quanto ci si sfida direttamente con i mostri sacri tedeschi. Ora io capisco che le casse del gruppo sono vuote, ma a questo punto credo che si sprechino inutilmente i soldi a riprogettare parzialmente dei motori stranieri: infatti chi li comprerà mai? Quando si spendono certe cifre per un'auto, si vuole pensare di aver comprato il meglio che c'è sul mercato, non si può vivere solo sulle glorie del passato, e i risultati commerciali delle ultime alfa lo dimostrano. Mi chiedo allora: ma, se il problema sono i bassi volumi di vendita che impediscono di creare ad hoc un 6 cilindri, perchè non si concentrano sulla progettazione del bicilindrico che dicono sia allo studio e fanno in modo che sia modulare: in questo modo ci potrebbero ricavare un 4 e un 6 cil. a seconda delle necessità senza dover scomodare i cinesi.
  17. Io non la penso affatto così: se l'Alfa deve essere un marchio premium, come si può giustificare una tale scelta? Già oggi tutti parlano male dei twin phaser, che alla fin fine derivano da motori di uno dei maggiori gruppi automobilistici e sono montati da marchi prestigiosi quali Cadillac e Saab, figuriamoci quale danno di immagine possa essere l'utilizzo di questi motori austro/cinesi. Purtroppo la Fiat sta perseguendo solo il risparmio: hanno messo un turbocompressore al Fire perchè non hanno più motori di cilindrata superiore al 1.6, hanno riprogettato il Pratola Serra per farne il 1.8 T-jet (se penso che l'Alfa usava l'alluminio per i basamenti gia 40 anni fa), per il Brasile stanno riprogettando il 1.8 Torque a 2 valvole per cilindro. Vorrei sapere quali sono i soldi da investire nel futuro.
  18. Su un altro forum ho trovato questa ferale notizia (data da un utente definito attendibile): "posso dirvi, da perfetto anonimo, che la notizia "ufficiosa" da per certa la firma dell'accordo, vale a dire che... ....Fiat ha subappaltato la progettazione e la costruzione dei nuovi V6 alla austriaca AVL, al progetto paretciperà in forma attiva anche la FPT , i basamenti sono comuni ai V6 che la stessa AVL ha progettato per la Chery (famiglia motori detta ACTECO), visto che Chery e Fiat sono in partnership, le testate sono però specifiche Alfa Romeo. Ovviamente non si parla di motori Cinesi, ma di motori misti Austro-Italiani con forte caratteristiche Italiane, date dalla presenza di FPT nel progetto. questo è quanto....ora, se volete, siete autorizzati a bestemmie e imprechi vari...." Non ricordo bene dove ho già sentito queste parole: basamenti comuni, testate riprogettate, ottima base!! Mi sa proprio che siamo caduti dalla padella alla brace: già sarebbe stato difficile digerire il fatto di produrre in Cina motori interamente progettati ex novo in Italia, ma questo è il colmo.
  19. Perchè nel configuratore sul sito della Fiat non compare più la 1.9 150 cv in versione sport?
  20. Sapete se anche la Bravo ha la panca posteriore scorrevole come la Stilo?
  21. Che io sappia il 180 cv non si dovrebbe fare: fu inizialmente pensato di ricavare una versione di quella potenza, ma poi non se ne è fatto più niente. Anzi mi sembra che si faticasse a raggiungere anche i 150 cv, ottenuti nel prototipo montato sull'alfa 147 solo perchè il motore era molto tirato e curato nei dettagli (ad es condotti lucidati, ecc)
  22. Credo che tu abbia ragione: i T-jet derivano dal 1.4 Starjet, solo che non hanno il variatore di fase; sono quindi entrambi ad iniezione indiretta.
  23. Su km 77.com hanno pubblicato la prova della Bravo 1.4 T-jet 150 cv; il link è: www.km77.com/marcas/fiat/2007/bravo/gama/t01.asp Anche qui non hanno particolarmente elogiato la macchina; riporto alcuni dei passaggi più significativi con le varie critiche: El equipamiento puede ser abundante, pero no tiene elementos particularmente modernos o novedosos. El funcionamiento de este motor recuerda más al de un motor turbo normal que al de otros con un sistema de sobrealimentación complejo, como el 1.4 TSI de 140 CV de Volkswagen. En el Bravo hay una diferencia apreciable entre la fuerza que el motor es capaz de dar cuando gira a un régimen bajo, que cuando lo hace a más de unas 2.500 rpm. No puedo dar datos de consumo distintos de los homologados, pero parece que —si se aprovecha la gran capacidad de aceleración— no cabe esperar un consumo de combustible bajo. Por lo tanto, desde este punto de vista no parece una alternativa interesante a las versiones Diesel. El Bravo con este motor no es un coche silencioso. En cierto modo, las reacciones del Bravo recuerdan al anterior Stilo. La carrocería del Bravo no es particularmente amplia o funcional, como lo era la del Stilo de cinco puertas. En estos dos aspectos, el Bravo es un coche normal; en las plazas traseras tiene menos sitio que un Volkswagen Golf y más que un Renault Mégane. Mi chiedo: ma come è possibile che ogni giornale o sito riporti giudizi diversi sulla stessa macchina? Si vede che in Spagna non apprezzano molto le Fiat.
×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.